Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Classifica il tuo blog con questo metodo di ricerca per parole chiave

Classifica il tuo blog con questo metodo di ricerca per parole chiave

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Tutti vogliono avere successo con il proprio blog, ma poche persone conoscono la “ricetta segreta”. Scrittura un bel blog è una di quelle cose che una volta trovato il tuo ritmo, semplicemente non vuoi smettere di scrivere. Tuttavia, tutte quelle fantastiche recensioni non valgono molto se la loro visibilità è scarsa. E questo è uno dei motivi per cui la maggior parte dei blog fallisce; pensano che la SEO non sia più importante e la “ricerca di parole chiave” sia una perdita di tempo.

A causa dei frequenti perfezionamenti di Google per l’aggiornamento dell’algoritmo, la maggior parte dei blogger è incazzata. Le persone devono rendersi conto che c’è una cosa che è rimasta praticamente invariata per quanto riguarda l’ottimizzazione del sito web per una maggiore visibilità: “ricerca di parole chiave”. Per dirla in modo più accurato, la necessità di ricerca per parole chiave non è cambiata, piuttosto come lo fai.

Segui questi passaggi di ricerca per parole chiave e restringi il tuo elenco per includere i termini che devi scegliere come target. Attraverso questo approccio, puoi stabilire ed eseguire una strategia di parole chiave diretta che aiuterà il tuo pubblico a trovarti per i termini di ricerca che si applicano e sono pertinenti, a seconda della tua nicchia o area di competenza.

Passaggio 1: in base alla tua nicchia, crea un elenco di argomenti pertinenti

Pensa agli argomenti per i quali vuoi essere classificato: chiamiamolo “bucket generici”. Trova da cinque a dieci gruppi di argomenti che ritieni pertinenti per il tuo blog. Quindi, utilizza i bucket di argomenti per trovare parole chiave specifiche in un secondo momento.

Se ti capita di essere un blogger regolare, gli argomenti che hai scelto sono quelli attorno al tuo blog. Immagina questo dal punto di vista del tuo lettore: che tipo di argomenti cercherebbe il tuo pubblico di nicchia per i quali vorresti che fosse trovato il tuo blog? Ad esempio, se il tuo blog è interamente dedicato ai regimi di fitness, probabilmente avrai categorie di argomenti generali come “perdita di grasso”, “costruzione muscolare”, “cardio”, “yoga”, “dieta” o “HIIT”.

Passaggio 2: riempire i bucket degli argomenti con le parole chiave

Hai i bucket di argomenti su cui devi concentrarti, ora devi identificare alcune parole chiave pertinenti a tali bucket. Queste dovrebbero essere frasi di parole chiave che ritieni sia necessario classificare nelle SERP (pagine dei risultati dei motori di ricerca), poiché il tuo pubblico di destinazione potrebbe condurre ricerche utilizzando tali frasi o termini di parole chiave.

Prendiamo l’ultimo secchio di argomenti per i regimi di fitness attorno ai quali il nostro blog è su misura: abbiamo bisogno di fare un brainstorming con frasi di parole chiave che le persone potrebbero digitare per quanto riguarda il blog. Ciò potrebbe includere:

  • La migliore dieta per la perdita di grasso
  • Integratori per la costruzione muscolare
  • Il cardio allo stato stazionario o in stile HIIT è migliore per la perdita di grasso e il guadagno muscolare?
  • I migliori esercizi per combattere la perdita di peso

E così via. L’idea generale qui non è quella di preparare un elenco finale di frasi di parole chiave, ma piuttosto di fare un brainstorming su un gruppo di frasi che pensi che le persone potrebbero inserire per cercare contenuti correlati al bucket dell’argomento, in questo caso, il tuo blog di fitness. Più avanti nel processo, restringeremo questi elenchi.

Google crittografa una quantità crescente di parole chiave ogni giorno, anche se un altro modo intelligente per scoprire idee per le parole chiave è scoprire per quali parole chiave il tuo sito web è già classificato, ovvero essere trovato dagli utenti che digitano determinati termini e frasi. Grazie a “Non fornito”, non saremmo più stati in grado di ottenere quel tesoro, ma ci sono modi per diventare un Jack Sparrow.

Questo ti aiuterà a identificare le parole chiave che le persone utilizzano per trovare il tuo sito web. Puoi ripetere questo esercizio per tutti i bucket di argomenti che desideri.

Passaggio 3: cerca i termini di ricerca correlati

Ecco un altro modo per riempire questi elenchi di argomenti:

Vai su Google e controlla i termini di ricerca correlati trovati nella parte inferiore della pagina, che ottieni dopo aver inserito una parola chiave. Questi sono suggerimenti per le ricerche correlate alla parola chiave originale inserita. Queste parole chiave correlate possono davvero aiutarti a trovare ancora più idee per quanto riguarda la raccolta degli elenchi di parole chiave / argomenti.

Vuoi portarlo a un altro livello? Fare clic su un suggerimento di parole chiave correlate e controllare le relative parole chiave nella parte inferiore della pagina di ricerca! Possibilità infinite.

Dovresti anche controllare i suggerimenti di caratteri jolly di Google per comprendere meglio l’intento delle persone riguardo ai tuoi termini di ricerca.

Suggerimento bonus: Keywordtool.io e Uber Suggest sono gli strumenti che dovresti usare per questo. Forniscono dati molto utili che il più delle volte il pianificatore di parole chiave di Google non mostra.

Passaggio 4: individuare i termini head e le parole chiave a coda lunga in ogni bucket

Se non sei già a conoscenza, è importante capire in che modo i termini principali o le parole chiave differiscono dalle parole chiave a coda lunga.

I termini principali possono essere definiti come frasi di parole chiave generiche e generalmente non più lunghe di una o due parole, a seconda del tipo di frase inserita. Le parole chiave a coda lunga, invece, sono come hai indovinato, frasi di parole chiave più lunghe – tre o più parole – che in genere assumono la forma di una breve frase o domanda.

Devi avere un buon mix di termini principali e parole chiave a coda lunga nei tuoi elenchi di secchi. Perché? In questo modo avrai una strategia di parole chiave ben bilanciata che si traduce in guadagni a breve termine e obiettivi a lungo termine.

Vedi, i termini principali vengono solitamente cercati più dalle persone, come puoi immaginare, il che di solito li rende molto più competitivi e anche più difficili da classificare rispetto ai termini a coda lunga. Pensiamoci un attimo: secondo voi quale di questi termini sarebbe più difficile da classificare?

  1. Come perdere grasso in modo permanente nel modo giusto
  2. Grasso perso

Probabilmente sei andato con la “perdita di grasso” e hai perfettamente ragione. Tuttavia, è importante capire che anche se i termini principali generano più volume di ricerca (il che significa un maggiore potenziale per indirizzare il traffico al tuo blog o sito), il traffico che riceverai da “come perdere grasso in modo permanente nel modo giusto” è in realtà più desiderabile. Espandiamoci ulteriormente.

Una persona che sta cercando qualcosa Di Più specifico lo rende un ricercatore più qualificato per ciò che stai vendendo (il blog), rispetto a qualcuno che sta solo cercando qualcosa di generico. Poiché le parole chiave a coda lunga sono più specifiche, è più facile indovinare cosa cercano le persone che le utilizzano. Ora, d’altra parte, una persona che cerca solo “dimagrimento” potrebbe cercarlo per una serie di motivi che potrebbero essere quasi completamente estranei al tuo blog o sito web.

Pertanto, assicurati sempre che i tuoi elenchi di parole chiave contengano un buon mix di termini principali e parole chiave a coda lunga. Quindi, di regola: parole chiave a coda lunga per alcune vittorie rapide e termini principali più complessi per il lungo raggio.

Passaggio 5: in che modo i tuoi concorrenti classificano le parole chiave

Non è necessario seguire le orme dei tuoi concorrenti solo perché qualcosa sta funzionando per loro. Questo vale soprattutto per le parole chiave. Tuttavia, devi ancora capire per quali parole chiave si stanno posizionando i tuoi concorrenti.

Se i tuoi concorrenti si classificano per le stesse parole chiave del tuo elenco, devi lavorare per migliorare il tuo posizionamento per quelle. Tuttavia, questo non vuol dire che dovresti ignorare le parole chiave che i tuoi concorrenti non stanno utilizzando, poiché questa potrebbe essere un’eccellente opportunità per acquisire quote di mercato in base a tali termini di parole chiave.

Suggerimento bonus: Cyfe è uno degli strumenti in grado di darti tutte le informazioni del tuo concorrente tra cui analisi dei dati web, prestazioni SEO, classifiche, strategia dei contenuti, strategia di email marketing e strategia sui social media.

Quindi tieni presente che trovare il giusto equilibrio assicurerà sicuramente vittorie rapide ma, nel processo, ti aiuterà a muoverti verso obiettivi SEO più grandi e più impegnativi.

Uno dei modi migliori per determinare per quali parole chiave si stanno posizionando i tuoi concorrenti è SEMrush, che ti consente di eseguire rapporti illimitati e visualizzare le migliori parole chiave per un determinato dominio. In questo modo, avrai una buona idea del tipo di termini per cui i tuoi concorrenti si sforzano di classificarsi.

I punti di cui sopra guideranno sicuramente il tuo blog sulla strada del successo. Mi sono perso qualcosa di importante? Qual è il tuo approccio migliore nella ricerca di parole chiave in questi giorni? Parliamone nella sezione commenti!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *