Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come generare facilmente più contatti dal tuo blog

Come generare facilmente più contatti dal tuo blog

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Ci sono stato.

Crei il sito web perfetto per la tua attività e ti siedi ad aspettare che i lead appaiano magicamente, solo per essere deluso quando non lo fanno.

Poi, all’improvviso, stai ripensando alla tua strategia digitale e tutto inizia a sembrare più difficile di quanto avresti mai pensato possibile. La verità è: non deve essere così.

Ecco una serie di tattiche e strumenti che mi hanno aiutato a creare costantemente un elenco di e-mail di potenziali clienti coinvolti. Puoi utilizzare queste tattiche e strumenti per creare il tuo elenco per commercializzare i tuoi prodotti e servizi o promuovere i tuoi contenuti.

Generare più contatti dal tuo blog è più facile di quanto pensi

Molte aziende trovano difficile generare lead dal proprio blog, ma la verità è che non deve essere così difficile.

Rendi estremamente facile per i tuoi lettori consegnare i loro dettagli

  • Non aggiungere nulla che possa causare attrito o complicare il processo
  • Rendi la tua offerta chiara, concisa e l’intero processo semplice: presto inizierai a notare i risultati

Tutto inizia con il tuo contenuto

I tuoi contenuti saranno la tua più grande risorsa.

Sarà ciò che attira i tuoi lettori e li porta a leggere fino alla fine. Quindi assicurati che sia ottimizzato.

  • Un titolo che attira i tuoi lettori
  • Sottotitoli che attirano l’attenzione dei tuoi lettori
  • Immagini accattivanti
  • Un chiaro invito all’azione

Il tuo contenuto deve anche essere:

  • Sempreverde o tempestivo
  • Utile
  • Coinvolgente
  • Scritto per risolvere un problema

Utilizza la barra laterale del tuo blog in modo efficace

Devi rendere le cose facili. Poiché la tua barra laterale avrà molta visibilità, pur essendo il luogo in cui le persone di solito si aspettano di trovare un modulo di attivazione o un invito all’azione, è un ottimo punto di partenza. Ho incluso esempi di entrambi di seguito per te, ma vale la pena sceglierne uno che si adatti meglio ai tuoi obiettivi di business. Vale la pena provare per vedere quale funziona meglio per te.

Il tuo modulo di partecipazione

Ci sono molti esempi in tutto il web. In effetti, la maggior parte dei siti Web che vedo ha un modulo di attivazione nella barra laterale. È possibile che ciò contribuisca a un effetto simile alla “cecità da pubblicità” perché le persone sono così abituate a vedere un modulo di attivazione lì. Vale anche la pena considerare che a causa di ciò le persone potrebbero aspettarsi che sia lì, il che può essere una buona cosa.

L’esempio seguente è tratto dal sito Web di Brian Dean, Backlinko:

Un solido invito all’azione

Gli inviti all’azione sono un ottimo modo per promuovere il tuo prodotto o servizio, ma è importante che siano il più forti possibile. Considera il fatto che potresti essere in grado di generare più lead più facilmente offrendo alle persone qualcosa di valore in cambio del loro indirizzo email. Ma potrebbe non essere così: ciò che funziona in un settore potrebbe non funzionare in un altro. Ecco perché è importante testarlo.

Un ottimo esempio di questo è proprio qui sul blog di SEMrush, è un forte invito all’azione ed è anche interattivo:

Dì ai tuoi lettori cosa fare dopo

Quando qualcuno ha finito di leggere il tuo post sul blog, se lo trova prezioso potrebbe essere pronto per saperne di più. Non è necessario che sia complicato.

Di seguito sono riportate alcune opzioni da considerare:

Aggiungi un modulo di attivazione dopo il tuo post

È possibile utilizzare questo spazio per incoraggiare i lettori a condividere il proprio indirizzo e-mail in cambio di ulteriori informazioni, come nell’esempio seguente da Trigger sociali:

Lo svantaggio di questo è che hai solo un indirizzo e-mail, che non è molte informazioni da considerare quando controlli i tuoi contatti.

Aggiungi un forte invito all’azione per promuovere contenuti scaricabili

Un’alternativa sarebbe quella di visualizzare un invito all’azione che si collega a una pagina di destinazione che contiene campi modulo aggiuntivi come how KISSmetrics fa.

Ecco un esempio della pagina di destinazione:

È importante considerare il fatto che il numero di campi modulo è importante: più hai, più dati otterrai. Ma corri il rischio di abbassando i tassi di conversione.

Offri una prova gratuita per il tuo prodotto o servizio sotto i tuoi post

Un’altra valida alternativa è utilizzare un invito all’azione che offre una prova gratuita per il tuo prodotto o servizio. È importante che tu sia in grado di mettere insieme un invito all’azione molto forte qui che è iper rilevante per i lettori del tuo blog.

Un buon esempio è questo invito all’azione su Blog di PageWiz:

Mi piace particolarmente perché tutti i contenuti del blog sono iper-rilevanti per il prodotto che offrono.

Offri contenuti scaricabili

Alcuni li chiamano magneti al piombo, altri li chiamano tangenti. Una cosa è certa: possono funzionare molto bene se fatti bene. Puoi renderli iper specifici per il tuo pubblico di destinazione in modo da poter filtrare le persone che non sono interessate ad acquistare da te.

La maggior parte delle persone non effettuerà un acquisto la prima volta, il che è ciò che lo rende così importante. Prima di tutto, devi creare un file pagina di destinazione che converte.

Questo perché la tua offerta è l’unica cosa e l’unico obiettivo di quella pagina è convertire un visitatore in un abbonato. Non dovrebbero esserci distrazioni, solo una pagina con un obiettivo.

Non preoccuparti: ci sono strumenti per aiutarti

Sono finiti i giorni in cui dovevi pagare migliaia di dollari a un designer o sviluppatore per crearne uno per te. Strumenti come Unbounce e Pagewiz offrire una soluzione facile da usare a questo problema. Devi ottenere traffico sulla tua pagina di destinazione e assicurarti che rimanga lì una volta che arriva.

Devi indirizzare il traffico alla tua pagina di destinazione

Ecco alcuni modi per farlo:

  • Traffico a pagamento (ad esempio Google AdWords, Facebook Ads, Twitter Promoted Posts)
  • Inviti all’azione nella barra laterale o sotto i post del blog
  • Uso Hellobar per aggiungere barre di notifica mirate
  • Aggiornamenti di stato mirati tramite i profili dei social media

Usa un popover nel modo giusto

Molte persone trovano i popover fastidiosi e posso capire perché. Quando stai leggendo un post sul blog, l’ultima cosa che vuoi è un’altra distrazione. Ne abbiamo abbastanza così com’è. Ma c’è un modo migliore per usare i popover. Ciò ti consentirà di ottenere il massimo dai visitatori che rimbalzano dal tuo sito (e probabilmente non torneranno) e lascerà che quelli che stanno leggendo i tuoi contenuti facciano proprio questo.

Entra Esci Intento

L’intento di uscita è una funzionalità che un numero crescente di plug-in e strumenti popover utilizza oggi. Tiene traccia del movimento del mouse dei lettori e rileva quando stanno per uscire dal tuo sito. Esistono modi convenienti per implementare questo tipo di tecnologia, ad esempio, gli utenti di WordPress possono aggiungerlo con l’aiuto di un plug-in come OptinMonster. Per coloro che desiderano gestire tutti i propri popover da un unico dashboard (indipendentemente dal CMS), strumenti come Optin Architect può funzionare bene.

Devi sapere cosa funziona

Se non sai cosa funziona o da dove provengono i tuoi cavi, il tappeto può essere tirato da sotto di te molto rapidamente.

Ottieni i dati di cui hai bisogno dal monitoraggio degli obiettivi in ​​Google Analytics

Google Analytics è perfetto per questo e puoi iniziare a monitorare gli obiettivi gratuitamente. Questo tutorial ti mostrerà come tenere traccia delle iscrizioni e-mail e come iniziare subito.

Devi testare e continuare a testare

Se vuoi ottenere più contatti, devi fare un test per scoprire cosa funziona. Tutti i consigli sulle migliori pratiche nel mondo ti porteranno lontano solo perché il tuo pubblico è diverso. I test erano una sfida, ma grazie al livello di tecnologia e innovazione ce ne sono molti strumenti per aiutare migliori le tue conversioni.

A voi

Quali tattiche e strumenti utilizzi per generare lead per la tua attività?

Mi piacerebbe saperne di più nei commenti qui sotto.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *