Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come misurare le tue campagne di influencer marketing

Come misurare le tue campagne di influencer marketing

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Ultimamente un numero uguale di scettici e credenti ha criticato il termine “influencer marketing”.

Sebbene ci siano certamente esempi di flop di campagne di marketing di influencer come le storie di marchi che gettano un budget di $ 1 milione verso detti influencer e non hanno idea se l’investimento influenzi la loro attività, il marketing di influencer fatto correttamente può avere un effetto profondo e positivo sulla tua attività .

Adotta l’Influencer Marketing come parte della tua strategia di marketing

Se non stai sfruttando gli influencer come parte della tua strategia di marketing, stai perdendo un modo davvero efficace per costruire il tuo marchio! L’influencer marketing sfrutta l’elevata credibilità sociale e la rilevanza nel settore di prolifiche star dei social media per trasmettere il messaggio di un marchio.

L’influencer marketing sfrutta i canali media guadagnati come il passaparola per trasmettere un messaggio e secondo uno studio McKinsey, è la motivazione principale alla base del 20-50% di tutte le decisioni di acquisto. Quando il messaggio arriva da individui altamente credibili, il messaggio ha più peso nelle menti dei consumatori.

Infatti, secondo eMarketer, L’81% degli esperti di marketing che hanno utilizzato l’influencer marketing ha affermato che era efficace. Gli influencer producono anche tre volte più messaggi di passaparola rispetto ai non influenti e ogni messaggio inviato ha un impatto quattro volte maggiore sulla decisione di acquisto di un destinatario.

Dopo aver identificato gli influencer giusti per il tuo marchio, definito il tipo di contenuto che desideri che creino e fissato gli obiettivi, devi mettere in atto i parametri appropriati per misurare i risultati. Come misuri? Perché questa metrica è importante? quali strumenti usi? Ve lo diciamo qui.

Con oltre 30 milioni di aziende in America in competizione per l’attenzione dei consumatori, il marketing senza un ROI in mente non lo taglierà. Utilizza le metriche di traffico di riferimento, marchio, coinvolgimento e conversione per determinare il vero ROI dei contenuti degli influencer.

1. Traffico di riferimento

Google Analytics (GA) offre una straordinaria visibilità sulla provenienza del traffico del tuo sito web. Esistono tre categorie di sorgenti principali per il traffico dai referral su GA:

  1. Diretto – Coloro che visitano il tuo sito digitando un URL in un browser Internet.

  2. Ricerca – Coloro che accedono al tuo sito web tramite il motore di ricerca.

  3. Visitatori referral: persone che visitano il tuo sito web tramite un referral da un altro sito web.

Ogni fonte è importante da monitorare, ma la metrica dei visitatori di riferimento è un indicatore importante del successo della campagna di influencer marketing. Google Analytics offre un’incredibile quantità di dati sulle origini dei referral da analizzare.

Applicazione pratica: Crea un rapporto personalizzato per la tua campagna di influencer per confrontare i contenuti attribuiti direttamente a un influencer con gli altri tuoi contenuti. Segmenta i siti Web di riferimento degli influencer e misura l’attività da essi utilizzando i riferimenti diretti e di ricerca come riferimento. Guarda il numero di visitatori unici, il tempo sulla pagina, il percorso di navigazione e l’assistenza.

La maggior parte dei marchi tiene traccia acutamente dei visitatori del sito web come metrica di reporting chiave e non dovrebbe essere diverso per le campagne di influencer marketing.

2. Metriche di consapevolezza del marchio

Le metriche di consapevolezza del marchio sono meno critiche in termini di vendite, ma sono buoni identificatori di come un influencer ha influenzato la conversazione sul tuo marchio.

Esistono due indicatori chiave di prestazione (KPI) relativi alle metriche del marchio: sentiment e frequenza. Il sentiment misura le conversazioni positive, neutre e negative, mentre la frequenza misura il numero medio di volte in cui una persona è esposta al marchio in un determinato periodo di tempo.

Applicazione pratica: Usa strumenti come SocialMention o Trackur per monitorare e segnalare le metriche di consapevolezza del marchio, come:

  • Forza: la probabilità di cui si parla sul tuo marchio sui social media

  • Sentiment: rapporto tra le menzioni positive e negative del brand

  • Passione: misura la probabilità che i tuoi contenuti vengano condivisi ripetutamente sui social

  • Copertura: misura il raggio di influenza

Suggerimenti aggiuntivi: Imposta una linea di base per le metriche dei contenuti correnti. Confronta le stesse metriche per un periodo di tempo. (Mese su mese è un buon punto di partenza.) Successivamente, stabilisci obiettivi di crescita (in%) specifici per i tuoi contenuti di influencer. I KPI non significano nulla senza numeri reali dietro di loro; fortunatamente, con gli strumenti giusti, puoi quantificare metriche precedentemente non quantificabili come consapevolezza del marchio e sentiment.

3. Coinvolgimento

Il coinvolgimento estende la portata del tuo marchio a un pubblico nuovo e esistente tramite Mi piace, commenti sul blog, conversazioni sui social e condivisioni. È particolarmente critico per gli influencer che hanno il potenziale per lanciare e attivare un’ampia rete di conversazioni sociali.

Identifica il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti di un influencer. Sebbene questo tipo di attività non influisca direttamente sulle vendite, è efficace per creare consapevolezza e considerazione per far avanzare gli utenti lungo la canalizzazione di conversione.

Applicazione pratica: Calcola il tasso di coinvolgimento per post dell’influencer o aggrega il contenuto dell’influencer e confronta i numeri aggregati del tasso di influencer con i contenuti non influencer Esistono due modi per calcolare il tasso di coinvolgimento:

(Fonte: Misurato semplicemente)

4. Link tracciabili

Gli abbreviazioni di link personalizzati hanno il valore intrinseco di non richiedere al visitatore di digitare un URL lungo. C’è un ulteriore vantaggio offerto da molti abbreviazioni di link personalizzati: la possibilità di creare link personalizzati per campagna, che ti consente di raggruppare le attività in un report.

Applicazione pratica: Usa Bitly per creare campagne. Segmenta i contenuti degli influencer con un URL della campagna personalizzato e misurali rispetto ai contenuti non influencer.

5. Obiettivi di conversione

Puoi facilmente impostare obiettivi di conversione specifici per influencer con Google Analytics e monitorarli con trigger, come l’attività su una particolare campagna, pagina di destinazione o pagina web. È possibile visualizzare ulteriori informazioni su analisi avanzate per campagne di contenuto Qui.

Applicazione pratica: Per creare obiettivi, devi prima accedere a Google Analytics, quindi vai ad Amministrazione> Visualizza colonna> Obiettivi. Seleziona “Nuovo obiettivo” e identifica il tipo di obiettivo, la descrizione e i dettagli di ciò che desideri monitorare. Pianifica i tuoi obiettivi e i relativi trigger prima di iniziare. Ciò aiuterà l’utente a creare più facilmente l’obiettivo e la relativa logica richiesta per impostare i trigger, se necessario.

L’influencer marketing ha il potenziale per essere incredibilmente potente ma, come qualsiasi altra campagna di marketing ben eseguita, deve essere misurato. Queste metriche di definizione sopra ti consentono di determinare il vero potere degli influencer del tuo marchio e di informare le strategie future. Vai avanti e conquista!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *