Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Il monitoraggio del rango è ancora importante?

Il monitoraggio del rango è ancora importante?

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

C’è stato un bel dibattito in corso nel mondo online. È qualcosa che potresti aver notato se lavori o giochi nel settore online come imprenditore o operatore di marketing. Il dibattito è se le parole chiave (e come si classificano) valgono o meno il monitoraggio. Alcune persone dicono che è vitale, mentre altri pensano che non sia più necessario.

Credo che il monitoraggio del posizionamento delle tue parole chiave per fare soldi sia ancora importante come lo era prima. In secondo luogo, trovo che tra tutti i software di monitoraggio del grado che ho utilizzato in precedenza, questo sia meravigliosamente accurato e graficamente accattivante.

Fornirò una panoramica del monitoraggio del posizionamento e del motivo per cui penso che sia ancora vitale per te e la tua attività!

Un po ‘di retroscena

Questo dibattito è iniziato quando Google ha avuto l’idea di avere ricerche personalizzate basate sulla cronologia delle ricerche dell’utente. La posizione e la cronologia degli utenti hanno svolto un ruolo importante in ciò che gli utenti hanno trovato nella prima pagina dei risultati di Google. Ciò ha aiutato a personalizzare i risultati per gli utenti, mostrando loro le cose a cui avevano più probabilità di essere interessati. Ciò sembrava rendere obsoleto il rilevamento del posizionamento per molti nel mondo online.

La questione se si debba o meno tenere traccia delle classifiche è diventata mainstream quando Raven Tools ha aggiornato il suo programma, rimuovendo le classifiche e tutti gli altri dati raschiati. Le loro ragioni erano diverse, ma il caos continuava a verificarsi per altri strumenti di rilevamento del grado.

Dovresti Rank Track, allora? Ecco la mia risposta

Anche se non sono un leader del settore, ho le mie opinioni. (Non preoccuparti, puoi non essere d’accordo con me!)

Credo che ogni azienda, a prescindere dalla sua natura, debba tenere traccia del proprio posizionamento, soprattutto per quelle parole chiave “redditizie”. Ecco i cinque principali motivi per cui credo che il monitoraggio del ranking sia ancora vitale oggi.

  1. Questo programma tiene traccia dei tuoi progressi SEO

Non importa quale sia la tua attività o quale piattaforma utilizzi, il tuo obiettivo finale è ricevere entrate dal tuo sito per promuovere la tua attività. Affinché ciò avvenga, è necessario utilizzare più canali come social media, campagne e-mail e altri annunci pubblicitari. Tuttavia, credo pienamente che l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) sia un canale di lunga durata ed economico.

Non importa quanto la SEO sia cambiata nel corso degli anni, il gioco di base è sempre lo stesso: ti classifichi per un particolare insieme di parole chiave scelte. Ciò porterà più persone al tuo sito web e può trasformare una percentuale di quei visitatori in lead. In effetti, una volta che le persone arrivano sul tuo sito e le trasformi in clienti, hai una maggiore probabilità di trasformarle in clienti a lungo termine. Questo è qualcosa che ogni azienda desidera ed è un ottimo modo per promuovere la tua azienda.

Immagina: porti un visitatore che viene poi convertito in un cliente con una parola chiave. Quel cliente ha diversi amici sui social media e condivide il link del tuo sito web, discutendo del tuo prodotto o servizio. Da lì, puoi ottenere più visitatori e, eventualmente, più clienti. Sembra l’ideale, no? Puoi ottenere tutto questo con la SEO!

La domanda più grande che sento spesso, però, è Come fai a sapere se stai posizionando le parole chiave giuste? Dovrai fare una ricerca analitica di base per vedere quali parole chiave sono perfette per te. Puoi farlo semplicemente vedendo quali termini di ricerca portano le persone al tuo sito web.

Come monitori i dati analitici? Puoi utilizzare programmi fantastici come Google Analytics; questo può rendere le cose abbastanza semplici. Facendo ricerca, vedrai anche quanto lavoro è necessario per raggiungere gli obiettivi desiderati. Puoi anche vedere un’approssimazione del tempo necessario per raggiungere questi obiettivi.

  1. Il monitoraggio del rango ti aiuta a determinare il budget del tuo PPC

A The Workplace Depot, preferiamo monitorare ogni singola parola chiave, in particolare quelle a cui ci rivolgiamo nelle nostre campagne Pay-Per-Click (PPC). Il motivo principale alla base di questo è vedere lo stato di avanzamento delle parole chiave e sapere se stanno andando bene. Se qualche parola chiave mostra eccellenti classifiche organiche, puoi ridurre il budget PPC per evidenziare diverse parole chiave per ottenere i migliori risultati.

Investendo il tuo budget PPC su parole chiave con ottimi risultati organici, puoi rapidamente sprecare denaro e perdere altre parole chiave che dovresti invece pagare. Queste parole chiave ignorate possono generare vendite significative per la tua attività, motivo per cui è importante scegliere quelle giuste.

  1. Ti aiuta a scavare più a fondo in diversi dati “non forniti”

Google ha implementato molti cambiamenti negli ultimi anni. Una di queste modifiche nasconde i dati delle parole chiave da Google Analytics. L’utilizzo di un software di monitoraggio del posizionamento può aiutarti a ottenere questi dati “non forniti” per vedere facilmente cosa potresti perdere. Per noi, i dati “non forniti” raggiungevano circa il 10% delle query totali, ma ora, per il nostro sito web, la cifra ha raggiunto più dell’82,30%. Non avremmo mai saputo questo se non avessimo utilizzato un programma di monitoraggio del grado.

Quando monitori le parole chiave su base regolare, puoi vedere quali si trovano sull’ambita prima pagina della pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP). Puoi confrontarli con i dati di Google Analytics per capire quali parole chiave stanno portando più traffico e conversioni per il tuo sito web e quindi concentrarti su di esse di conseguenza.

  1. Rafforza la tua strategia sui contenuti

Nel mondo online di oggi, è quasi impossibile per un’azienda sopravvivere senza un blog. Per scrivere post di blog influenti che consentono alle persone di interagire con il tuo marchio, hai bisogno di una forte strategia per i contenuti.

Scrivere materiale di qualità richiede impegno e tempo. Per ottenere il massimo da esso, è necessario tenere traccia delle classifiche. Ad esempio, se stai classificando per parole chiave correlate a WordPress ma non classificando per il content marketing, dovresti, idealmente, cambiare la tua attenzione in modo da poter indirizzare il nuovo traffico organico.

  1. Assicurati di controllare la presenza di pinguino e panda

Google ha emesso molte sanzioni di recente e se stai violando le linee guida di Google, potresti affrontarne una! Consiglio sempre di essere creativi, ma assicurati che tutto ciò che stai pianificando rientri nelle linee guida fornite da Google. In caso contrario, le conseguenze possono essere gravi e possono impedire al tuo sito di posizionarsi, causandoti perdite, clic, visitatori e lead.

Come puoi sapere se hai una penalità?

Facciamo finta per un minuto che il tuo marchio sia stato penalizzato, ma non hai ricevuto una notifica email da Google. Come si conferma una penalità? Puoi controllare Google Analytics per vedere se i tuoi ranghi stanno diminuendo. Tuttavia, è meglio praticare ottime tattiche SEO e assicurarti di seguire tutte le modifiche di Google. Se non sei sicuro di come tenere il passo con questi cambiamenti, vai sul sito di Moz. Ha una risorsa straordinaria che lo farà ti tengo aggiornato su tutte le modifiche di Google.

Le classifiche sono importanti; e indipendentemente dalla nicchia o dallo stile aziendale del tuo marchio, dovresti monitorarli regolarmente. Questo ti aiuterà ad allineare la tua strategia SEO e garantire il successo per il tuo sito. Non trascurare quelle parole chiave e classifiche; usa un programma e monitorali per restare sempre aggiornato sul gioco

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *