Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Il tempo di caricamento del tuo sito web ti sta trascinando verso il basso?

Il tempo di caricamento del tuo sito web ti sta trascinando verso il basso?

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Ci siamo passati tutti. Fai clic su un collegamento e attendi con ansia il caricamento di un sito web.

Inizi a toccare con impazienza le dita sul desktop, quindi fai semplicemente clic di nuovo sui risultati della ricerca iniziale. Riducilo a tempi di attenzione brevi, ma quando le persone fanno clic su un risultato di ricerca, si aspettano una gratificazione immediata.

Più tempo impiega un sito a caricarsi, più è probabile che qualcuno prema il pulsante Indietro e scelga un altro collegamento dai risultati di ricerca. Tempi di caricamento lenti possono avere un effetto disastroso. Non solo sul traffico di un sito web, ma sul suo posizionamento complessivo nella maggior parte dei motori di ricerca. Quando si tratta di SEO e velocità del sito, abbiamo bisogno di velocità … circa 2 secondi è la velocità ottimale.

Velocità del sito e classifiche

Google e altri motori di ricerca utilizzano una vasta gamma di segnali per valutare e classificare un determinato sito Web e sappiamo che esistono oltre 200 segnali di posizionamento. Anche se non conosciamo con certezza tutti i segnali, possiamo avvicinarci molto sulla base di metodi collaudati in SEO.

Nel 2010, Matt Cutts lo ha annunciato velocità del sito sarebbe presto diventata una delle metriche utilizzate da Google per valutare il posizionamento della pagina di un sito. Chiaramente, l’esperienza dell’utente sarebbe diventata una parte importante del modo in cui i motori di ricerca assegnavano valore e ranking a un determinato sito web. Dopo tutto, l’esperienza dell’utente è direttamente legata alle prestazioni del sito.

Quattro anni dopo, sembra che alcuni webmaster non siano riusciti a ricevere il messaggio e stanno vedendo i loro siti Web a caricamento lento diminuire nelle SERP. Bene, ora è il momento perfetto per esaminare alcune semplici soluzioni per accelerare i tempi di caricamento del tuo sito web e dargli un po ‘di slancio nella ricerca.

Alleggerisci il tuo carico HTTP

Quando qualcuno visita il tuo sito web, è naturale che il browser impieghi un certo tempo a caricare tutte le risorse del tuo sito. Qualsiasi pagina Web specifica richiederà il caricamento completo dei file CSS e JavaScript prima che diventi interattiva. Sebbene i browser siano diventati più veloci ed efficienti, ciò limita ancora la velocità del sito. Guarda quanti file devono essere caricati per ogni pagina del tuo sito web e considera come potresti ridurre il carico.

Ad esempio, una determinata pagina web potrebbe avere un file CSS separato per il framework, il testo, i moduli e gli stili principali del tuo sito. Se stai usando un framework come Bootstrap, e lo incoraggio caldamente, puoi eliminare alcuni stili che non vengono utilizzati, come le barre di avanzamento? Hai un file di “ripristino” e “testo” separato? Cerca di ottimizzare e combinare quanti più file CSS possibile.

Questo vale anche per i file JS. Prova a vedere dove puoi combinare o chiamare solo ciò che è necessario per quella pagina. Hai un carosello sulla homepage? Non c’è bisogno di chiamare questo stesso JS nelle pagine interne.

Se stai utilizzando plugin di WordPress, potrebbe essere difficile combinare alcune di queste risorse di file. Non preoccuparti o complicare eccessivamente questo processo. Fai il meglio che puoi. La combinazione dei tuoi file darà al browser meno round trip al server e aumenterà notevolmente la velocità del tuo sito.

Dimensioni e numero dell’immagine

Le immagini sono un ottimo modo per interagire con i visitatori del tuo sito, ma possono anche influire sul tempo di caricamento di un sito. Più grande è il file immagine, più tempo impiegherà il browser per l’elaborazione. Puoi ottimizzare le immagini in diversi modi. Il primo è aprire definitivamente l’immagine in Photoshop e salvarla come JPG “progressivo”, oppure utilizzare PNG8 invece di PNG24. Queste opzioni ridurranno le dimensioni dell’immagine.

Assicurati di utilizzare le dimensioni del file corrette e di non ridimensionare o ridimensionare il file per adattarlo allo spazio di destinazione. E, se possibile, usa sprite di immagini. Mi piace usare gli sprite per le immagini principali, come icone social, logo e icone a piè di pagina, ecc.

Usa un CDN

Usare una CDN, o una rete di distribuzione dei contenuti, è davvero fantastico. Se non hai familiarità, prende le tue risorse di file statiche (CSS, JS, immagini) e le fornisce dalla posizione più vicina ai tuoi visitatori. I CDN hanno server in tutto il mondo che sincronizzano i tuoi file. Se qualcuno a Londra sta visualizzando il tuo sito, ha più senso fornire loro un file vicino al Regno Unito piuttosto che negli Stati Uniti. Uso Amazon Web Services per questo, ma altre società potrebbero funzionare meglio per le tue esigenze specifiche.

Compressione e memorizzazione nella cache

Le altre parti menzionate aumenteranno la velocità del tuo sito, ma questi due componenti lo faranno volare.

Conosciamo tutti il ​​modo in cui i file Zip combinano più file per ridurre la dimensione complessiva di ogni file. Sui server web, è lo stesso concetto ma in genere viene invece utilizzato Gzip. Un file da 10K potrebbe diventare un file da 5K dopo la compressione. Puoi facilmente vedere come una riduzione del 50% delle dimensioni del file può avere un enorme impatto.

La memorizzazione nella cache è fondamentale anche per ridurre la velocità di caricamento della pagina. Esistono due tipi di memorizzazione nella cache più utilizzati: memorizzazione nella cache del browser e memorizzazione nella cache della pagina. Con la memorizzazione nella cache del browser, il tuo sito dice al browser per quanto tempo conservare il file sul computer del visitatore prima di cercare una nuova versione. Con la maggior parte dei contenuti statici, questo può essere un numero elevato di un anno o molto di più.

La compressione e la memorizzazione nella cache possono essere eseguite anche tramite un plug-in di WordPress, come W3TC. Questo rende tutto molto più semplice.

Quali strumenti aiutano con la velocità del sito?

Ci sono alcuni strumenti che possono aiutarti a valutare la velocità del tuo sito, di cui discuto più in dettaglio Qui. Tuttavia, il mio preferito è WebPageTest.org per un’ottima analisi tecnica. È importante che ti familiarizzi con alcuni strumenti diversi, poiché funzionano tutti in modo leggermente diverso.

La velocità del sito potrebbe non essere uno dei principali segnali che Google utilizza per valutare un sito Web, ma ha un impatto preciso sul posizionamento della pagina. Al di là di ciò che significa per i motori di ricerca, è l’inizio dell’esperienza dell’utente. Una pagina web a caricamento lento produrrà più rimbalzi e meno visite di ritorno, che è una metrica che ogni motore di ricerca prende in considerazione quando valuta un sito web.

Prenditi il ​​tempo per dare un’occhiata più da vicino al tuo sito web e valutarlo dal punto di vista di un utente online medio. Se il caricamento è lento, eseguire tutti i passaggi necessari per aumentarne la velocità.

Biografia dell’autore:

Dario Zadro è un appassionato di SEO, imprenditore e appassionato sviluppatore web. Sentiti libero di contattare Dario su Twitter o visita zadroweb.com per ulteriori informazioni e suggerimenti SEO. Il suo ultimo articolo per SEMrush era “Come utilizzare Google Tag Manager per una migliore esperienza SEO”.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *