Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 15 strumenti che hanno aiutato il team PPC di SEMrush a raddoppiare le sue entrate

15 strumenti che hanno aiutato il team PPC di SEMrush a raddoppiare le sue entrate

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

In 9 mesi, il team PPC di SEMrush ha aumentato del 94% le entrate derivanti dalle campagne PPC senza marchio.

SEMrush è stato in grado di generare questi risultati utilizzando più strumenti di automazione. Questi ci hanno dato la capacità di gestire le nostre attività e processi quotidiani a una velocità ottimale per migliorare la nostra gestione delle attività. In qualità di dipendenti di una piattaforma di automazione del marketing, comprendiamo come questi strumenti possano avere un tale impatto sui risultati di marketing e risparmiare i vostri sforzi e denaro, ma prima di tutto – il vostro tempo per attività più incentrate sulla strategia.

Abbiamo chiesto al team SEMrush PPC di condividere il suo kit di 15 strumenti che può essere utile per tutti gli specialisti del traffico a pagamento che lavorano in un cerchio infinito “pianifica – implementa – analizza”.

Tre di questi 15 strumenti sono di SEMrush. Non è il caso di un calzolaio senza scarpe: utilizziamo i nostri strumenti per la ricerca di parole chiave. Ma amiamo e utilizziamo attivamente anche altre soluzioni.

Ricerca per parole chiave

(Nota: l’ordine è importante. Abbiamo provato a mescolare diversi strumenti, e per noi la sequenza descritta di seguito si è rivelata la più efficiente).

1. Rapporto SEMrush sulla corrispondenza a frase [freemium; monthly plans start at $69.99/mo]

Il rapporto sulla corrispondenza a frase fornisce un elenco di termini di ricerca contenenti la parola chiave inserita. Anche una sola parola chiave seed è sufficiente per stimolare una reazione a catena:

Rapporto di corrispondenza frase SEMrush

230.798 parole chiave. Abbastanza per iniziare, giusto?

Ordina questo elenco per volume, CPC, livello di competizione o esportalo in un file CSV e gioca con esso in Excel.

Il nostro suggerimento: facendo clic su una qualsiasi parola chiave nell’elenco si accede a un altro rapporto sulla corrispondenza a frase, contenente la parola chiave su cui si è fatto clic. In questo modo avrai letteralmente infinite possibilità di esplorare le parole chiave per le tue campagne.

2. Rapporto sulle parole chiave correlate di SEMrush [freemium; monthly plans start at $69.99]

Questo rapporto mostra i termini di ricerca che, in base all’algoritmo proprietario di SEMrush, sono considerati correlati alla parola chiave originale.

Ci sono due suggerimenti che rendono prezioso questo strumento:

Suggerimento 1: Colonna% correlata (1). Questo è il tipo di ordinamento predefinito e molto probabilmente vedrai molti strani errori di ortografia qui. Non metterli da parte! Poiché il loro CPC è spesso molto basso, puoi fare offerte per queste parole chiave utilizzando il tipo di corrispondenza esatta e ottenere una certa quantità di clic a un prezzo irrisorio. La competizione (2) sarà anche inferiore a quello della parola chiave “originale”:

Rapporto sulle parole chiave correlate di SEMrush

Suggerimento 2: Filtri avanzati. Puoi giocare con loro fino alle prime luci dell’alba. Ad esempio, è così che trovi circa 370 parole chiave con un volume di ricerca ragionevolmente buono e un CPC inferiore a $ 1,50:

Rapporto sulle parole chiave correlate di SEMrush

Usiamo anche il “Com”. parametro perché ci dice quanti inserzionisti competono per questa parola chiave in AdWords. Pertanto, le possibilità di essere visti diminuiscono drasticamente se il Com. il livello è vicino a 1,00 (il suo massimo).

3. Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google [free]

Non possiamo fare a meno di menzionare questo strumento di ricerca per parole chiave. Ma, onestamente, non lo usiamo spesso. Abbiamo riscontrato che suggeriva troppi termini non pertinenti, quindi solo una parola chiave su dieci era valida. Tuttavia, a volte aiuta. Ed è enorme e gratuito: con questi due vantaggi puoi già ricavarne molto.

Il nostro suggerimento: utilizziamo la sua funzione “Previsioni sul rendimento” per elaborare rapidamente un piano media per una campagna. Quando lanciamo campagne in nuovi paesi, le usiamo per calcolare le spese potenziali e decidere dove andare prima.

Previsioni di Google Keyword Planner

4. Keywordtool.io [freemium; monthly plans start at $48]

Brian Dean l’ha chiamato uno strumento perfetto per generare idee per parole chiave a coda lungae siamo d’accordo con lui. Ti fornisce le parole chiave acquisite da Google Suggest e troverai sicuramente alcuni suggerimenti inestimabili nell’elenco generato. Ti consente di visualizzare fino a 750 corrispondenze di parole chiave a coda lunga.

Con la versione Pro riceverai anche dati sul volume di ricerca, sul CPC e sul livello di concorrenza per ogni parola chiave.

Il nostro suggerimento: questo strumento è prezioso per raccogliere parole chiave a coda lunga in altre lingue europee. In particolare, i dati in spagnolo e italiano sono fantastici.

5. Termini di ricerca AdWords [free]

Questo strumento è utile quando hai già creato una campagna. Nella scheda “Termini di ricerca” troverai alcune parole chiave che non hai incluso nella tua campagna, ma hai comunque avuto visitatori reali provenienti da annunci attivati ​​da queste parole chiave. Quindi puoi aggiungerli alla tua campagna con un clic.

Tieni presente che funziona solo quando utilizzi parole chiave a corrispondenza generica e a frase nella tua campagna.

Il nostro suggerimento: è anche conveniente aggiungere parole chiave a corrispondenza inversa: scegli termini di ricerca non pertinenti e fai clic sul pulsante “Aggiungi come parola chiave a corrispondenza inversa”:

Termini di ricerca di AdWords

6. Strumento per le parole chiave PPC di SEMrush [freemium; monthly plans start at $69.99/mo]

Uno dei più recenti strumenti di SEMrush aiuta a rimuovere le parole chiave a corrispondenza inversa da più campagne. Per quelli di voi che gestiscono molti gruppi di annunci con parole chiave intersecanti, la cannibalizzazione degli annunci è un problema. Per trovare e rimuovere tutti i termini di ricerca che fanno competere i tuoi annunci tra loro, gli specialisti PPC passavano ore. Lo strumento per le parole chiave PPC ora ti consente di farlo in un clic (non è uno scherzo):

Strumento per le parole chiave PPC di SEMrush

Il nostro suggerimento: utilizzando lo strumento per le parole chiave PPC abbiamo ridotto il nostro CPC del 15%. Leggi come siamo riusciti a farlo rimuovendo i negativi incrociati.

Creazione della pagina di destinazione

7. Unbounce [freemium; monthly plans start at $49/mo]

Abbiamo un team di designer che di solito costruiscono pagine di destinazione da zero. Ma per alcune pagine di destinazione ci affidiamo a Unbounce. Ha comodi moduli per la raccolta di lead PPC (adoriamo i loro modelli di lead generation). Se non avessimo persone dedicate, molto probabilmente useremmo i loro modelli predefiniti o ne costruiremmo uno nostro con la sua semplice interfaccia drag-and-drop.

Il nostro suggerimento: i dati possono quindi essere facilmente raccolti ed esportati in CSV. Sono disponibili anche alcune utili integrazioni (Salesforce, ad esempio).

Annunci di Facebook

8. Strumento di sovrapposizione del testo di Facebook [free]

Chiunque abbia familiarità con Facebook Ads lo sa la sua regola del testo del 20 percento. La spiegazione fornita dalla piattaforma dice che “… le immagini con molto testo possono creare un’esperienza di qualità inferiore per le persone su Facebook”. Per definire se l’immagine creata soddisfa i requisiti di Facebook, utilizza il suo strumento Sovrapposizione di testo. Suddividi l’immagine in 25 griglie, quindi non più di 5 di esse possono contenere testo:

Fonte immagine: http://www.bethkanter.org/

Ottimizzazione della pagina di destinazione

9. Esperimenti campagna AdWords -> Bozze ed esperimenti campagna [free]

Il nostro processo di ottimizzazione della pagina di destinazione si basa su split test. Abbiamo sempre diversi esperimenti in esecuzione contemporaneamente.

Campaign Experiments, che ora è stato sostituito da Esperimenti e bozze di campagna, è uno strumento utile per testare il rendimento di parole chiave, annunci, gruppi di annunci o pagine di destinazione.

Il nostro suggerimento: con una tabella panoramica puoi vedere rapidamente a colpo d’occhio tutte le metriche chiave: CTR, CPC, costo per conversione e altri.

Esperimenti campagna AdWords

10. Convertire [free; a part of a big CRO tool]

Un calcolatore semplice ma efficace per definire quanto tempo ci vorrà per eseguire uno split test. Inserisci il tasso di conversione corrente, il miglioramento previsto, il numero di variazioni e il traffico giornaliero. Nota che minore è il miglioramento che vuoi testare, più tempo avrai bisogno (per distinguere il cambiamento effettivo dal margine di errore).

11. Inspectlet [freemium; monthly plans start at $39]

Uno strumento incredibilmente intuitivo per monitorare le azioni degli utenti su una pagina di destinazione. Fornisce mappe di calore di ogni pagina e tracciamento registrato della sessione di ogni utente.

Inspectlet

Il nostro suggerimento: Inspectlet ci ha aiutato a trovare più volte errori UX critici, individuando i movimenti del mouse dei visitatori sulla pagina. Il solo guardare una dozzina di registrazioni di visite casuali può già farti capire se, ad esempio, un pulsante CTA non è visibile o se un modulo è troppo lungo.

Per approfondire l’arte degli split test, leggi la nostra esperienza che è stata distillata in 3 regole di test A / B sulla pagina di destinazione che seguiamo sempre.

Analytics

12. statistiche di Google [free; premium version available]

Puoi fare quasi tutto con Google Analytics. Lo usiamo principalmente per ottenere istantanee in tempo reale e stimare la situazione generale con traffico e conversioni. Tuttavia, poiché GA sta aggregando i dati e siamo d’accordo con Avinash Kaushik sul fatto che “tutti i dati aggregati fanno schifo”, ci affidiamo a strumenti diversi per un’analisi più dettagliata.

Il nostro suggerimento: utilizziamo GA per creare segmenti di pubblico per il remarketing. Puoi creare un pubblico con determinate caratteristiche di comportamento (impostando una serie di eventi) e quindi sceglierlo come target con una campagna di remarketing di AdWords.

13. BigQuery [free with paid options]

Questa piattaforma cloud di Google fornisce dati grezzi completi, esaustivi e non campionati (questo è vitale). Per trarne vantaggio, è necessario conoscere una o due cose sulla sintassi e le funzioni delle query, nonché essere in sintonia con SQL. Ma se riesci a impostare l’intero processo, sarai in grado di avere quasi tutti i dati di cui potresti aver bisogno a portata di mano.

14. AdWords [free]

AdWords fornisce informazioni sulle spese pubblicitarie che non possono essere prese da BigQuery o da qualsiasi altra fonte. Quindi questo è il nostro strumento definitivo per stimare le spese, il rendimento degli annunci e delle parole chiave e il costo di conversione.

La nostra sfida più grande è stata quella di abbinare i dati sui costi con i dati sul comportamento degli utenti sul sito. Questo è stato essenziale per rivelare importanti tendenze e modelli comportamentali che potrebbero non essere evidenti ma influenzare fortemente la decisione di acquisto.

Questo è il motivo per cui stavamo cercando uno strumento in cui tutti i nostri dati si incontrassero e si conformassero alla forma di grafici e diagrammi amichevoli.

E l’abbiamo trovato:

15. Tableau [starting at $999 per license]

“Solo uno strumento che crea bei grafici”, Tableau è diventato una risorsa importante per il nostro team di marketing. Puoi connettere fino a 44 fonti di dati, tra cui BigQuery, AdWords, Salesforce e dozzine di altri, e visualizzare questi dati sotto forma di grafici intuitivi. Tableau ha reso più facile condividere i nostri risultati con altri team. Con quattro occhi che vedono meglio di due, ora vengono generate informazioni più utili.

Abbiamo integrato Tableau con BigQuery e questo è stato probabilmente uno dei più grandi passi avanti nel nostro processo di analisi. Leggi come una combinazione di BigQuery e Tableau ci ha aiutato a implementare una modifica che ha aumentato del 98% il numero di utenti attivi di Site Audit.

I tuoi strumenti martech essenziali

Il numero di strumenti utilizzati dai professionisti del marketing è in aumento. Il 51% delle organizzazioni utilizza attualmente 21 o più soluzioni di marketing digitale – un aumento del 42% rispetto a soli tre anni fa. E siamo quasi sicuri che tu sia tra coloro che sono sempre alla ricerca di strumenti più efficaci per aumentare la propria produttività.

Quindi ti invitiamo a condividere i tuoi strumenti PPC indispensabili per la ricerca di parole chiave, la creazione di annunci, l’ottimizzazione della pagina di destinazione e l’analisi nei commenti!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *