Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 3 motivi per cui i dati sono privi di significato senza una storia

3 motivi per cui i dati sono privi di significato senza una storia

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Il content marketing è molto simile alla gestione di un ristorante. Non importa quanto sia buono e gustoso il tuo cibo, se sembra brutto, le persone non saranno interessate a mangiarlo. Lo stesso vale per la tua sala da pranzo. Se il tuo posto è una discarica, la maggior parte dei clienti che hanno bisogno di un pasto caldo non entrerà nemmeno nel tuo locale. Indipendentemente da quanto possa essere conveniente il tuo menu, questi ragazzi si gireranno proprio sulla soglia di casa, se ne andranno e non si guarderanno mai indietro.

Storytelling basato sui dati: come possedere un ristorante

Perché non darebbero una giusta possibilità alla tua cucina, chiedi? Non hanno fame? Non è come se li costringessi a fare il maiale a pancia piena, giusto? Gestire una struttura datata, visivamente sfidata e disordinata non è altro che un riflesso di cattivi affari. Nessuno vuole davvero mangiare in un posto economico dove il cibo sembra essere stato ucciso violentemente con un pipistrello pochi istanti fa.

Non so voi, ma non giudico un ristorante solo per la qualità del cibo e del menu. Quando vado da qualche parte a mangiare, voglio vedere che il proprietario di quel locale ha davvero investito un serio sforzo genuino per rendere il suo ristorante un luogo piacevole da visitare.

Per me, l’intero concetto di cenare fuori riguarda tanto l’esperienza quanto il cibo.

Se mi siedo a mangiare, non ho solo fame di cibo. Anch’io ho fame di divertimento.

Quando sto veramente morendo di fame e ho bisogno di digerire velocemente qualcosa per far smettere al mio stomaco di ringhiare come un leone pazzo, non vado mai in un posto dove devo aspettare 30 minuti o più perché arrivi il mio cibo. No. Visito il primo fast food nella mia zona e divoro l’hamburger più grande e succoso del menu.

Tuttavia, quando ho tempo e voglio davvero godermi il mio cibo, entra in azione un insieme di regole completamente diverso.

Incanta i tuoi clienti: proprio come possedere un ristorante

In questo business altamente competitivo, non puoi davvero cavartela solo possedendo un ristorante. Se vuoi far girare la testa e incoraggiare la tua gente a tornare e spargere buone parole sulla tua attività, devi affascinare i tuoi clienti in ogni modo possibile. Devi farli innamorare della tua band, non solo del tuo cibo. Solo allora daranno effettivamente a te e al tuo servizio una giusta possibilità.

Se ci pensi, la stessa cosa vale per il content marketing. Tutto quello che devi fare è immaginare i tuoi dati come il tuo cibo e la tua storia come tutto il resto. Una volta fatto ciò, vedrai, come nell’esempio sopra menzionato, che uno non può davvero funzionare senza l’altro.

Indipendentemente dal fatto che molti dei miei colleghi elogiano i dati, quando si tratta di personalizzare i contenuti per il giusto tipo di pubblico, credo fermamente che i tuoi numeri e le tue intuizioni siano inutili senza un approccio fresco e creativo, uno stile e una narrazione interessante.

Allora perché i dati sono privi di significato se non raccontano una storia?

Motivo 1: i numeri non significano nulla se non sai come venderli ai tuoi potenziali clienti

I dati sono la pietra angolare non solo del content marketing, ma anche di ogni altra strategia di marketing. È ciò che ci separa da quei fastidiosi venditori porta a porta che fanno affidamento sulla pura e semplice fortuna per vendere i loro prodotti e servizi. I dati ci hanno concesso il lusso di creare effettivamente messaggi ben istruiti che fanno appello direttamente ai punti deboli, ai bisogni e ai desideri del nostro potenziale cliente invece che a supposizioni guidate dall’istinto.

Ma, come ho detto sopra, i dati sono solo la pietra angolare di ogni strategia di marketing. Non può aiutarti a vincere se non sai come sfruttarlo nel modo giusto.

Chiunque guardi i dati esclusivamente nella speranza di trovare tutto ciò di cui ha bisogno per impostare una straordinaria strategia di marketing dei contenuti per la propria attività, andrà incontro a un fallimento.

Quando si tratta di dati, la maggior parte delle attività online tende a lasciarsi trasportare. Pensano che la risposta a ogni loro domanda possa essere trovata guardando varie statistiche e schede diverse.

Usare i tuoi numeri per capire come funziona il tuo pubblico e cosa devi fare per assicurarti di raggiungere tutti i tuoi obiettivi ti porterà solo lontano. Non importa quanto precisamente conosci il tuo pubblico mirato, devi comunque produrre qualcosa che ecciti i tuoi lettori e li induca a fare una sorta di conversione sul tuo sito.

A che servono i tuoi numeri se non sai come usarli per provocare un’emozione genuina dal tuo pubblico mirato? I numeri non entusiasmano davvero le persone, le storie sì. Se non sai come ottenere il massimo dai tuoi dati e metterli in un contesto che rafforzerà i tuoi messaggi e darà voce al tuo pubblico, allora non andrai molto lontano con la tua strategia di marketing.

Non puoi conquistare nuovi clienti semplicemente pubblicando fatti e intuizioni sul tuo blog.

Questo perché i tuoi contenuti vengono letti da esseri umani, non da robot. E come la ricerca ha dimostrato, le persone sono molto più influenzate dalle storie che dai numeri.

È scientificamente provato che è emotivamente coinvolgente le storie influenzano più aree del cervello che messaggi razionali e basati sui dati. Ecco perché in qualità di content marketer, lavoro sulla mia creatività tanto quanto sulle mie capacità analitiche.

Motivo 2: lascia che i dati controllino le tue decisioni

Anche se utilizzo i dati per il mio lavoro, non gli permetto di controllare ogni mia decisione. Vedo questi numeri come nient’altro che linee guida intelligenti che mi aiuteranno a raggiungere il mio obiettivo solo se produco un contenuto eccezionale.

Per me, il content marketing non consiste solo nel fornire informazioni ben personalizzate alle persone giuste. No. Si tratta di mettere in mostra la tua esperienza, elevare l’esperienza dei tuoi clienti a un livello completamente nuovo e convincere le persone ad acquistare realmente la tua storia, i tuoi prodotti e servizi.

Se riesci a stimolare le persone a sviluppare effettivamente alcune emozioni su di te, come scrittore di contenuti e sul tuo marchio, le avrai per la vita.

Molti marketer di contenuti commettono lo stesso errore qui: usano i loro contenuti esclusivamente per generare nuove vendite. Vanno bene per l’uccisione, anche se possono fare molto di più per rafforzare il legame tra il loro marchio ei loro clienti. Non perdono tempo a sedurre i loro contatti e ad attirarli nel loro ciclo di acquirenti.

Anche se dispongono di tutti i dati che aiutano i professionisti del marketing a capire quale tipo di framework devono implementare nel loro lavoro per aumentare il coinvolgimento del pubblico e offrire effettivamente al pubblico mirato ciò che stanno cercando, non riescono comunque a capitalizzare il loro numeri.

Anche se i dati aiuteranno a capire meglio i tuoi acquirenti e come portare le tue decisioni di content marketing al livello successivo, non ti aiuteranno comunque a convertire i tuoi contatti in clienti paganti effettivi. Solo la tua creatività può farlo. I dati sono qui per fornirti chiarezza e contesto su come raggiungere il pubblico desiderato, ma non hanno ancora il potere di trasformare il gioco a tuo favore, se non hai quello che serve per produrre messaggi intelligenti. Ecco perché è importante smettere di banalizzare il content marketing come professione e fare in modo che il nostro obiettivo principale sia lavorare di più sulle nostre capacità di scrittura.

Motivo 3: i dati sono un grande aiutante, ma un terribile leader

Nel content marketing, la creatività governa il territorio. È davvero importante non dimenticarlo mai. Se hai il buon senso di capire come modificare una narrazione esistente e riutilizzare alcune delle storie già esistenti all’interno della tua nicchia in modo nuovo e fresco, troverai facilmente i dati necessari per eseguire il backup della tua storia.

I dati non dovrebbero mai essere il tuo protagonista. È un compagno fantastico, ma mai un buon leader. Il cuore del tuo content marketing non è nei tuoi dati, è nella tua storia. I dati hanno il potere di completare perfettamente i tuoi sforzi di marketing dei contenuti, purché siano condotti con obiettivi e intenti chiari in mente.

I tuoi numeri possono istruirti molto sul tuo target demografico, ma non possono mai davvero insegnarti esattamente cosa scrivere e come rendere i tuoi lettori come te. Questo deriva dalla tua esperienza di scrittura e creatività come produttori di contenuti.

Grazie per aver dedicato del tempo per leggere questo post. Se hai qualcosa da aggiungere o chiedere su questo argomento, scrivi i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto e farò del mio meglio per risponderti al più presto.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *