Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 5 modi per adattare i tuoi contenuti per il 2016

5 modi per adattare i tuoi contenuti per il 2016

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Il mondo del marketing digitale cambia ed evolve costantemente. Nel tentativo di stare al passo con i concorrenti, ogni operatore di marketing cerca di prevedere il futuro del settore. Per questo motivo, mentre il 2015 volge al termine, abbiamo deciso di discutere del futuro della SEO e del content marketing, uno dei suoi problemi più spinosi.

Questa volta abbiamo invitato al nostro webinar un talentuoso web strategist – Andy Crestodina, che ha più di 15 anni di esperienza nel design e nel web marketing. Andy è il cofondatore di Orbit Media, nonché consulente, oratore, addetto al marketing di contenuti, autore e ambientalista.

Se vuoi sapere come adattare i tuoi contenuti per il prossimo anno, guarda questo webinar ora!

Le cinque tattiche seguenti ti aiuteranno a ottenere grandi risultati nel web marketing.

Ricerca semantica

La ricerca semantica non è una cosa nuova, ma ora è più importante che mai. Oggi, le parole chiave stesse stanno diventando meno importanti. Quindi, come si ottimizza un contenuto per un argomento più ampio, non solo una frase specifica?

Per adattarsi alla ricerca semantica, è necessario includere frasi più ampie, le dozzine di quelle correlate all’argomento.

Puoi utilizzare strumenti specifici per trovare una grande quantità di parole correlate al tuo argomento e che dovrebbero essere incluse nel tuo articolo.

Keywordtool.io mostra diversi tipi di frasi. Digita semplicemente la frase chiave di destinazione, premi Invio per cercarla, quindi scorri verso il basso fino alla fine della pagina per trovare un elenco di frasi relative al tuo argomento e scriverle. Inoltre, per la pagina in cima alla classifica per la tua frase di destinazione in Google, troverai frasi correlate semanticamente collegate al tuo argomento. Assicurati di annotarli tutti.

Anche Andy, utente abituale del rapporto SEMrush sulla ricerca organica, ha consigliato di utilizzare questo strumento. Inserisci un sito web che ha una posizione alta per la tua frase nella barra di ricerca, quindi fai clic su “Posizioni” e vedrai le classifiche di ricerca per quel dominio. Puoi filtrare questo rapporto per vedere solo le frasi correlate al tuo argomento. Quindi puoi scriverli.

Ora hai un intero elenco di parole e frasi che sono semanticamente collegate al tuo argomento. Puoi cancellare quelli che hai già usato nel tuo articolo. Questo ti darà più idee su cosa aggiungere al tuo post.

Asporto

Adattarsi alla ricerca semantica:

  1. Trova le parole e le frasi che sono semanticamente collegate alla frase che stai mirando.
  2. Usa queste frasi nei tuoi contenuti.

Assistenza digitale, linguaggio naturale

Questo argomento sta diventando sempre più importante poiché sempre più persone utilizzano sistemi digitali (ad esempio, Google Now e Siri di Apple).

Le query basate sulla voce hanno una natura diversa. Tendono ad essere frasi più lunghe, frasi complete e domande.

Per ottimizzare i tuoi contenuti per il futuro della SEO, devi prestare attenzione a come le persone cercano perché questo cambierà. Le persone ora “parlano” ai loro dispositivi.

Per adattare i tuoi contenuti al modo in cui le persone cercano ora, dovresti usare un linguaggio naturale e dovresti usare frasi che forniscano sia domande che risposte. Assicurati solo di includere frasi complete nei tuoi contenuti e assicurati di aver fatto lo stesso quando rispondi alle domande.

Asporto

Adattarsi alla ricerca in linguaggio naturale:

  1. Usa frasi che comunicano il significato completo.
  2. Includere domande e risposte complete.

Migliora i segnali di interazione dell’utente

C’è una grande tendenza in Google in questo momento: i suoi sviluppatori hanno aggiunto un sistema di intelligenza artificiale di apprendimento automatico all’algoritmo di posizionamento di ricerca di Google. Lo chiamano RankBrain. Si tratta di un programma per computer progettato per individuare da una grande quantità di pagine il contenuto più rilevante per un particolare insieme di query.

Secondo l’articolo Search Engine Land, RankBrain può essere considerato un nuovo segnale di ranking. Google non utilizza i segnali di interazione dell’utente come parte di RankBrain (ad esempio, il tempo trascorso sulla pagina), ma li utilizza come mezzo per testare RankBrain per sapere se funziona o meno.

La domanda è: come fa Google a sapere se qualcuno era felice quando ha trovato una determinata pagina? In realtà, non è dalla frequenza di rimbalzo, che non è correlata alla qualità. Tuttavia, il tempo trascorso sulla pagina sì. Il tempo sulla pagina è correlato ai segnali di interazione dell’utente.

Esistono i cosiddetti segnali di interazione dell’utente “clic breve” e “clic lungo”. La differenza tra loro è il “tempo di permanenza” *, che è il periodo di tempo che un visitatore trascorre su una pagina prima di tornare a una SERP. I motori di ricerca prestano attenzione a questo e lo usano come fattore di ranking.

Quindi, la prossima domanda è: come puoi migliorare i segnali di interazione dell’utente al fine di inviare un segnale di posizionamento di ricerca a Google che la tua pagina è pertinente all’argomento in questione?

Puoi usare le tattiche elencate di seguito.

  • Non creare mai un muro di testo: questo è un esempio di una brutta pagina. Suddividi il testo in paragrafi. Un buon paragrafo è lungo tre o quattro righe. Inoltre, includi intestazioni e sottotitoli.
  • Usa elenchi. Non dimenticare di includerli nel tuo testo.
  • Usa caratteri in grassetto e corsivo.
  • Includi collegamenti interni. Non pubblicare mai un post di blog senza collegarti a un altro. Includi anche una discussione approfondita sul tuo argomento: continua a lungo.
  • Usa più immagini. Recenti ricerche hanno dimostrato che, oggi, molti blogger utilizzano più di un’immagine per pagina. Inoltre, potresti voler aggiungere un video nella parte superiore della pagina. I brevi video possono comportare visite più lunghe.

Asporto

Mantieni i tuoi visitatori sulla tua pagina e lasciali fluttuare attraverso i tuoi contenuti.

Puoi utilizzare i seguenti tipi di formattazione:

  • Intestazione e sottotitoli
  • Elenchi puntati e numerati
  • Caratteri in grassetto e corsivo
  • Collegamenti interni
  • Immagini multiple

Crea una rete di creatori di contenuti

I collegamenti e le menzioni sono importanti, specialmente quelli provenienti da siti di autorità. I collegamenti da siti affidabili significano molta più credibilità.

Tutto nel marketing si basa sulle relazioni. Le relazioni sono la chiave per la creazione di link di successo.

Ma come puoi davvero costruire relazioni?

Esistono due tipi di utenti su Internet: 1) creatori e 2) contributori e lurker.

Puoi connetterti con chiunque. Ma ti stai connettendo specificamente con le persone che creeranno contenuti? È importante capire che, oggi, la maggior parte delle relazioni inizia sui social media. Dovresti usare molti social network diversi. Questo ti dà più modi per entrare in contatto con i produttori di contenuti.

Fai amicizia e crea una rete di blogger! Ti aiuterà a ottenere più link e ad ottenere il massimo dai tuoi sforzi di ricerca.

Asporto

Ci sono cinque modi per costruire la tua rete di creatori di contenuti:

  • Aggiungi persone alla tua lista. Ascoltali, presta attenzione a quello che dicono e salutali.
  • Quando diventi amico di qualcuno, contattalo settimanalmente con una chiamata. Hai solo bisogno di farlo una o due volte a settimana.
  • Fatti dei veri amici. Non sottovalutare gli incontri faccia a faccia (p. Es., Caffè, pranzo, birra).
  • Unisciti a gruppi di menti efficaci.
  • Entra in contatto con le persone durante l’orario d’ufficio.

Pubblica il miglior contenuto su un argomento

Questa è probabilmente la parte più difficile, ma anche la più importante. Il fatto è che Google è molto bravo in quello che fa. Se puoi rendere i tuoi contenuti veramente pertinenti, Google sarà dalla tua parte. E se crei un contenuto scadente, Google cercherà di impedirti di posizionarti.

Esistono tre modi per soddisfare le linee guida di Google:

  • Metti i tuoi contenuti in primo piano e al centro. Dovresti inserire informazioni importanti nella parte superiore della pagina, in modo che i visitatori possano leggere senza scorrere.

  • EAT Significa “competenza, autorevolezza e” affidabilità “. Dimostra di essere un esperto o “prendi in prestito” un’autorità citando fonti attendibili e altri esperti.

  • “Highly meet” vs. “Fails to meet”. Una pagina dovrebbe fornire risposte esaurienti che soddisfino veramente le esigenze dei visitatori. Crea contenuti lunghi e approfonditi che coprano ogni angolo del tuo argomento.

Asporto

Il consiglio più importante qui è creare i migliori contenuti per il tuo argomento su Internet.

Domande

Abbiamo ricevuto così tante domande dai nostri ascoltatori che era impossibile rispondere a tutte prima che finisse il tempo. Tuttavia, Andy ha gentilmente risposto a quelli che ci siamo persi dopo il webinar!

D: Come puoi ottenere il giusto equilibrio tra immagini e testo? Il testo è vitale da una prospettiva SEO?

Andy: assolutamente. Il testo è il modo in cui comunichiamo la pertinenza. Il testo è il modo in cui Google comprende di cosa tratta una pagina. A meno che tu non stia facendo specificamente video o immagini SEO, è fondamentale. Nessun testo, nessun grado!

Wikipedia appare nei risultati della prima pagina più di qualsiasi altro sito web. Ciò dovrebbe aiutare a sottolineare l’importanza del testo!

D: Sono solo curioso: leggo spesso i tuoi post, e poiché molti di loro sono come fare o “cose ​​da controllare”, a volte lascio la tua pagina aperta per un po ‘mentre ci lavoro. C’è un timeout per il “tempo di permanenza”?

Andy: Non è noto se un “timeout” sia importante per il tempo di permanenza o quanto sia importante il tempo di permanenza come fattore. Ma Google Analytics scade dopo 30 minuti. Quindi è probabile che se lasci una scheda aperta per molto tempo, Google smette di prestare attenzione e non presume più che tu stia leggendo la pagina.

Ma se sei arrivato da un risultato di ricerca, sei rimasto per un’ora, un giorno o una settimana, Google sa che non hai premuto il pulsante Indietro. Questa è la prova che la pagina è stata utile. Sono sicuro che il tempo di sosta non abbia importanza oltre un certo punto, ma non è certo un clic breve!

D: È importante se una home page contiene molto testo e immagini o è meglio suddividerla in molte pagine diverse sparse sul sito?

Andy: Idealmente, ogni pagina dovrebbe essere incentrata su un argomento e una frase principale. La questione se realizzare qualcosa di una o due pagine dipende dal fatto che uno o due argomenti vengano trattati. Nel mio esempio di a design del piè di pagina del sito web, che è diventata una pagina perché è incentrata su quell’argomento. Un articolo sulle intestazioni sarebbe un’altra pagina. Un articolo sulle Sitemap sarebbe un terzo.

Le home page a volte sono un po ‘diverse, perché hanno la massima autorità e le migliori possibilità di classificarsi per più di una frase. Tratta la tua home page un po ‘più come una pagina di destinazione.

  • Includere parole concise che descrivano il prodotto / servizio complessivo, rispondendo al “Dove mi trovo?” domanda.
  • Includere i vantaggi specifici del prodotto / servizio, rispondendo a “In che modo questo migliora la mia vita?” domanda.
  • Includere prove e prove sociali (come testimonianze), rispondendo al “Come faccio a sapere che è buono?” domanda.

Quando approfondisci il sito, diventa chiaro come ogni argomento dovrebbe diventare una pagina specifica. Non inserire tutte le tue pagine in una pagina “Servizi”. Nessuno cerca “servizi”. Crea una pagina per ogni servizio offerto e scegli come target quella frase in modo specifico. È buono per la ricerca, buono per i visitatori e buono per Analytics.

Di seguito abbiamo fornito un elenco di fonti utili menzionate durante il webinar con Andy Crestodina:

Ancora una volta, grazie mille ad Andy Crestodina per i suoi preziosi consigli!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *