Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 7 passaggi per una localizzazione SEO conveniente

7 passaggi per una localizzazione SEO conveniente

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Il modo vecchio stile di ottenere le giuste parole chiave nei contenuti tradotti era: 1) fare la traduzione del sito web; 2) fare ricerca per parole chiave; 3) inserisci le parole chiave nel contenuto tradotto. Ma c’è un problema: questo è il metodo più complicato e costoso per localizzare i “contenuti SEO”.

Oggi vi presento un modo completamente diverso, ma molto semplice, per inserire le giuste parole chiave nei vostri contenuti localizzati, semplicemente seguendo un semplice flusso di lavoro e utilizzando gli strumenti di dati di SEMrush!

E la cosa migliore è che, una volta che riesci a fare le basi, puoi facilmente applicare lo stesso flusso di lavoro a qualsiasi lingua o versione del paese rimanente.

Passaggio 1: prepara il testo sorgente per la localizzazione SEO

  • Assicurati che la densità delle parole chiave sia inferiore al 2,5%
  • Assicurati che la copia contenga un’ampia varietà di parole chiave: eseguire un’analisi WDF * IDF per garantire una distribuzione ottimale di parole chiave e argomenti
  • Assicurati che la copia contenga tutte le parole chiave del tuo prodotto e i termini correlati alla tua attività
  • Internazionalizzare il contenuto: assicurarsi che il testo non contenga informazioni rilevanti a livello locale o connotazioni culturali

Passaggio 2: creare una base di termini in lingua di origine

Scorri il testo di partenza (tipicamente inglese) ed estrai i termini chiave

  • Parole chiave del prodotto con tutti i loro equivalenti
  • Parole chiave del brand
  • Parole chiave informative, caratteristiche del prodotto (aggettivi, nomi), problemi (verbi, nomi), soluzioni (verbi, nomi), domande frequenti

  • Verbi che caratterizzano la tua attività o il tuo prodotto
  • Parole chiave transazionali (ad es. Acquista online, negozio online, sconto ecc.)

Elenca questi termini e crea un termbase.

Classifica le parole chiave che hai trovato (parti del discorso, contesto) in modo da poterle collegare in seguito agli equivalenti corretti.

Passaggio 3: eseguire la ricerca di parole chiave multidimensionali

Aggiungi argomenti pertinenti nella lingua di destinazione ai termini della lingua di origine:

Completa l’elenco dei suggerimenti.

Utilizza lo Strumento per le parole chiave o ClickStream (ecco una breve guida) per analizzare i volumi di ricerca. Ciò fungerà anche da strumento utile per ulteriori ricerche e per trovare più termini. Crea un elenco molto lungo di parole chiave e ordinale in base al volume di ricerca.

Passaggio 4: abbina parole chiave e frasi; Crea un glossario di traduzione bilingue

Chiedi a un madrelingua di trovare una corrispondenza tra il maggior numero di termini di origine e i termini appena trovati. Di ‘loro di scegliere il termine più cercato se ci sono più opzioni.

Se c’è una corrispondenza parziale (una cosiddetta “corrispondenza fuzzy”), chiedi loro di dividere la parola chiave di destinazione in più parole, quindi abbinare.

Se non c’è corrispondenza, lasciare vuota la cella della lingua di destinazione. È possibile utilizzarli in seguito per identificare ulteriori argomenti relativi alle parole chiave nella lingua di destinazione.

Non cercare di trovare una “misura perfetta”. Poiché due lingue rappresentano due ambienti culturali molto diversi, l’equivalente più vicino sarà una traduzione molto libera del termine originale. Va bene. Il traduttore può successivamente riscrivere l’intera frase in modo che il termine si adatti.

Passaggio 5: trova un traduttore con CAT Tools

Gli strumenti CAT (Computer Assisted Translation) consentono ai traduttori di utilizzare un termbase in tempo reale durante la traduzione. Offrono letteralmente il termine dal termbase ogni volta che si trova nel testo di partenza. Hanno anche una funzionalità di domande e risposte incorporata che controlla il corretto utilizzo del termine in base al termbase.

Dove puoi trovare un traduttore con uno strumento CAT?

Una delle più grandi directory di traduttori umani è proz.com. È possibile specificare i requisiti dello strumento CAT nella richiesta. Inoltre, ti consiglio di specificare il formato del file del termbase che hai, in modo che i traduttori possano valutare quanto sarà facile o difficile importare il file nello strumento CAT che stanno utilizzando.

Passaggio 6: creare un compito per il correttore di bozze

Dopo aver ricevuto la traduzione con i termini chiave, puoi creare un incarico per un correttore di bozze per assicurarti che lo stile sia buono, pur mantenendo tutti i termini chiave nella traduzione. Fornisci al correttore il testo originale, ma insisti a mantenere la terminologia invariata (ma aperta a suggerimenti).

Il compito potrebbe suonare come il seguente:

Nota importante: il lavoro del revisore non è quello di rivedere la traduzione per verificarne l’accuratezza. Il loro unico compito è assicurarsi che lo stile del testo di destinazione sia naturale e scorrevole, mantenendo invariati i termini chiave (parole chiave).

Passaggio 7: esegui un’ottimizzazione SEO finale

  1. Modificare il testo di destinazione e aggiungere alcune parole chiave non abbinate dal file, se del caso
  2. Localizza le informazioni del NAP
  3. Localizza il markup dello schema
  4. Localizza o internazionalizza il contenuto del marchio: consulta questo articolo per ulteriori informazioni: Strategia di localizzazione web: come localizzare i contenuti come un marketer

Risciacqua e ripeti. In bocca al lupo!

Hai provato un approccio diverso per rendere i tuoi contenuti localizzati SEO-friendly? Fatemi sapere nei commenti!

Martin Kůra è uno stratega SEO internazionale. Puoi visita il suo sito personale.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *