Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 8 segni che indicano che stai ottimizzando eccessivamente il tuo blog

8 segni che indicano che stai ottimizzando eccessivamente il tuo blog

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Potresti non aver previsto l’eccessiva ottimizzazione per mai essere un problema, ma troppi sforzi SEO possono effettivamente avere un impatto negativo sul tuo sito web. L’eccessiva ottimizzazione implica fondamentalmente fare troppi miglioramenti SEO (specialmente tutti in una volta), il che porta Google a chiedersi perché il tuo sito web ha così tante cose da fare contemporaneamente.

Non è naturale e creerà una bandiera rossa per i bot di Google e per coloro che visitano il tuo sito web. Pensare alla SEO è fantastico, ma devi assicurarti di mantenere il tuo sito web naturale e pertinente. Fortunatamente, è facile evitare un’eccessiva ottimizzazione se si conoscono alcuni dei segnali da cercare in un sito eccessivamente ottimizzato.

Gli 8 segnali principali che stai ottimizzando eccessivamente il tuo blog

Di seguito sono riportate alcune delle cose principali che Google cerca per determinare se un sito Web è eccessivamente ottimizzato per la SEO e quindi non per i lettori. Se stai eseguendo una delle seguenti operazioni, è importante tornare a pratiche più naturali il prima possibile.

1. Parole chiave non pertinenti

Non dovresti mai provare a classificare le parole chiave che non sono pertinenti al tuo articolo. Sebbene un argomento possa essere altamente cercato, questo non aiuterà il tuo tasso di conversione (perché una volta che le persone visualizzano il tuo sito, noteranno immediatamente che il tuo contenuto non è quello che stanno cercando).

Google prende in considerazione tutte le parole chiave che utilizzi nell’intero dominio quando indicizza il tuo sito. Pertanto, troppi contenuti o parole chiave non correlati diminuiranno la forza complessiva del sito nelle SERP. Devi assolutamente concentrarti sulla tua nicchia in questo modo ti stai classificando per l’argomento corretto.

2. Tipo di collegamento

Se non hai mai costruito un sito web da zero, potresti non renderti conto che ci sono centinaia di diversi tipi di link che possono essere costruiti. Sfortunatamente, molte volte le persone si concentrano troppo su un particolare tipo di collegamento rispetto a un altro e questo in genere porta a un profilo di collegamento dall’aspetto innaturale.

Vuoi che il tuo sito web appaia il più naturale possibile, cosa che può accadere se attiri una vasta gamma di tipi di link da molti diversi tipi di siti. Alcuni di questi tipi di collegamento includono collegamenti ai social network, collegamenti nel contenuto di altri siti Web nel proprio settore e collegamenti ottenuti da altri siti Web sul Web. Esistono anche diversi tipi di collegamenti interni, sui quali puoi saperne di più Qui.

3. URL senza marchio, densi di parole chiave

Alcuni webmaster scelgono di iperottimizzare gli URL invece di creare un marchio sano ed equilibrato. Mentre la scelta di un dominio con un sacco di parole chiave sembra intelligente, in realtà ti sta mettendo in allerta per un’eccessiva ottimizzazione.

Non creare un URL semplicemente per il valore della parola chiave perché il nome del tuo marchio è troppo importante per essere compromesso trasformandolo in una parola chiave. La cosa migliore da fare è avere il nome del tuo marchio nel tuo URL.

4. Ancoraggi ricchi di parole chiave per collegamenti interni

Il collegamento interno è buono; tuttavia, il collegamento interno utilizzando un testo di ancoraggio ricco di parole chiave è dannoso. Gli ancoraggi che utilizzano l’URL esatto della destinazione o gli ancoraggi che utilizzano parole chiave sono una bandiera rossa agli occhi di Google. L’ancora occasionale che corrisponde esattamente all’URL può contribuire a un SEO positivo, ma se inizi a farlo troppo, ti stai preparando per la penalizzazione.

Alla fine, l’uso di ancoraggi ricchi di parole chiave inizia a rovinare il tuo profilo di collegamento perché, come tutti gli altri elementi in questo elenco, non sono naturali. Il tuo profilo di collegamento è la componente più importante del tuo SEO, quindi non commettere il facile errore di un anchor text ricco di parole chiave.

Questa pratica era accettabile, ma Google ha represso il testo di ancoraggio alcuni anni fa e ha chiarito che il testo di ancoraggio ricco di parole chiave non è naturale. Puoi leggere Questo articolo per saperne di più sulla posizione di Google sulla questione.

5. Puntare tutti i collegamenti interni o esterni alle pagine di navigazione di primo livello

Un forte profilo di collegamento ha collegamenti che puntano a pagine interne profonde e alla home page. Un rapporto sano è 1: 1, ovvero il 50% dei link che puntano a link interni profondi. L’eccessiva ottimizzazione si verifica quando i webmaster stessi creano un sacco di link alla loro home page o alle pagine di navigazione principali come “Contattaci”, “Chi siamo” o “I nostri servizi”.

Si desidera creare collegamenti interni, ma non è necessario puntare i collegamenti a queste pagine. In realtà dovresti mirare a rafforzare il tuo profilo di collegamento puntando a collegamenti interni profondi.

6. Velocità di backlink

Creare troppi backlink troppo velocemente sembra sospetto per i motori di ricerca, quindi, rallenta! È molto più importante creare link di qualità a un ritmo più lento finché il tuo sito non supera la barriera di fiducia di Google. La maggior parte degli esperti pone il numero massimo di link che dovrebbe essere costruito in un giorno a non più di 30-100, a seconda del settore, del pubblico e dei livelli di traffico del tuo sito (e io consiglierei anche meno).

La cosa migliore da fare è rallentare e concentrarsi nuovamente sulla creazione di collegamenti di qualità rispetto alla quantità.

7. Piè di pagina pieno di parole chiave

I piè di pagina del sito web sono un altro luogo in cui si verifica l’eccessiva ottimizzazione. Google svaluta i link a piè di pagina e, a causa della loro posizione, ricevono un riconoscimento minimo da parte del crawler. Quando progetti il ​​tuo piè di pagina, fallo tenendo a mente l’utente. Il tuo piè di pagina non è una mappa del sito o un luogo in cui inserire parole chiave. Piuttosto, può essere semplicemente usato come una bella chiusura di una pagina, un punto semplice ma navigabile alla fine di una pagina web che segnala la fine.

Questo è un problema particolarmente grave con le aziende B2B, di cui puoi saperne di più Qui.

8. Creazione di contenuti

Ho salvato l’errore migliore e più comunemente commesso per ultimo. Quando crei articoli per il tuo blog, devi stare molto attento all’eccessiva ottimizzazione. Non “scrivere su parole chiave o bot”. Dovresti fare del tuo meglio per mantenere una voce naturale e l’unico modo per posizionarti bene nelle SERP è costruire contenuti attorno a parole chiave rigorose. Quindi, scrivi su argomenti che coinvolgono la tua nicchia, ma non fare di tutto per scrivere specificamente per la parola chiave.

È vero che a volte questo tipo di contenuto vince e si classifica molto per le parole chiave a cui si rivolge. Tuttavia, prima di esaurire e provare a creare il tuo contenuto pieno di parole chiave troppo ottimizzato, ricorda che il compito di Google è fornire i migliori risultati di ricerca possibili ai suoi utenti e che i contenuti di buona qualità vinceranno sempre in quella considerazione nel lunga corsa. Quindi, assicurati di scrivere i tuoi contenuti per attirare i tuoi visitatori e non solo i motori di ricerca.

Alla fine i bot di Google non stanno guadagnando nulla dai tuoi contenuti, i tuoi visitatori lo sono. Se vuoi che le persone tornino sul tuo sito e che abbiano un alto tasso di conversione, devi accontentare il tuo pubblico con i tuoi contenuti.

Il Takeaway

Come puoi vedere in questo articolo, ci sono molti modi per “ottimizzare” il tuo SEO. L’eccessiva ottimizzazione alla fine si verifica quando ti concentri troppo sulla SEO tecnica. Anche se vuoi fare del tuo meglio per essere consapevole di cose come le parole chiave, a volte puoi esagerare. Se ti stai concentrando troppo sui dettagli tecnici della SEO, puoi facilmente perdere di vista il quadro più ampio. Il tuo obiettivo principale dovrebbe essere quello di generare i migliori contenuti possibili ed essere attraente per i tuoi visitatori e per il posizionamento nei motori di ricerca di Google. Se tieni presente questo obiettivo, in futuro avrai pagine dall’aspetto più naturale, con una SEO più duratura e più produttiva.

Hai esperienza nell’ottimizzazione eccessiva del tuo sito e hai imparato cose da evitare? Fateci sapere la vostra storia e i vostri pensieri nella sezione commenti qui sotto.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *