Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come assumere uno sviluppatore esperto di SEO

Come assumere uno sviluppatore esperto di SEO

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Ne hai appena atterrato uno grosso. Dopo settimane di e-mail e telefonate (o incontri di persona) avanti e indietro, il potenziale cliente si è trasformato in un cliente. Adesso è il momento di mettersi al lavoro.

Se non l’hai già fatto, è tempo di tuffarti ed eseguire un audit tecnico. Senza problemi giganteschi che saltano fuori dal cancello, tutto sembra a posto. Ma poi i problemi sembrano continuare a salire. Si scopre che il sito è stato costruito in un linguaggio di programmazione arcaico e ha subito una riprogettazione tempestiva 6 anni fa.

Ben presto, sei sopraffatto e questo progetto si è trasformato in un mal di testa.

Dove vai da qui? Soffri perché sei costretto a trattare con l’attuale sviluppatore che forse risponderà alle tue frenetiche e-mail in una settimana e accetterà che alcune cose non possono essere cambiate? O fai il salto e consigli vivamente al tuo cliente di ottenere un sito nuovo di zecca?

Sei uno sviluppatore, giusto?

I professionisti nel mondo SEO sono spesso misurati dalla loro competenza in una miriade di abilità. Tra rimanere al passo con i cambiamenti negli algoritmi di ricerca, scrivere contenuti killer ed essere guru dei social media, non si può negare che una carriera nel SEO richiede molta flessibilità per avere successo.

Il fatto è che una grande percentuale del lavoro in SEO è orientato all’ottimizzazione tecnica. Quindi, per aggiungere al crescente set di competenze di cui hai bisogno, avere una conoscenza di base della programmazione è essenziale. Ma nei casi in cui le capacità tecniche non sono all’altezza, sfruttare le capacità di uno sviluppatore di talento è l’unico modo per ottenere risultati.

A seconda dell’ambiente e delle risorse disponibili, ciò può includere l’outsourcing o l’assunzione diretta di uno sviluppatore interno. Questo ovviamente presenta le sue sfide da una prospettiva organizzativa. Sebbene i normali processi di assunzione dovrebbero essere mantenuti intatti, assumere lo sviluppatore sbagliato può causare problemi più grandi lungo la strada.

Gli sviluppatori sono più richiesti che mai e sceglierne uno può essere difficile. E con un pool di letteralmente migliaia di sviluppatori qualificati tra cui scegliere, il processo decisionale diventa solo più complesso.

Proprio come lo chef Gordon Ramsay può probabilmente preparare un gustoso taglio di bistecca di quanto tu possa mai provare, gli sviluppatori di siti Web sono i più attrezzati per creare siti Web. Se potessi costruire un sito web nel miglior modo possibile, probabilmente non avresti bisogno dei loro servizi in primo luogo.

È fantastico che l’esperienza dell’utente stia diventando sempre più importante tra gli sviluppatori poiché in definitiva i motori di ricerca come Google vogliono offrire agli utenti contenuti pertinenti e forniranno una UX positiva. Non c’è esempio migliore di ciò che la spinta di Google per i siti ottimizzati per i dispositivi mobili nell’aprile 2015.

Ma ammettiamolo: gli sviluppatori non sono esperti di SEO. Non devono esserlo. La domanda qui è se i professionisti SEO siano o meno in grado di identificare ciò di cui hanno bisogno quando considerano di assumere uno sviluppatore.

Giudica un libro in base al suo CMS

Per le grandi cose, molto probabilmente dovrai fare affidamento sul tuo sviluppatore. Soprattutto se non sei particolarmente esperto di codice, cose come le correzioni delle funzionalità dovranno essere gestite da loro.

A parte questo, probabilmente vorrai sporcarti le mani e fare un po ‘del lavoro da solo. Dall’applicazione di snippet di tracciamento analitico, all’aggiornamento dei meta, alla creazione di pagine nuove di zecca, dovrai accedere al back-end del CMS del sito.

Con così tante diverse piattaforme CMS tra cui scegliere, ti consigliamo di restare con una con cui hai familiarità e con ottime funzionalità. Come standard del settore, WordPress è sicuramente una buona strada da percorrere poiché l’utilizzo di plug-in di solito può semplificare e accelerare le modifiche al tuo sito.

Ogni sviluppatore ha le proprie preferenze, ma alla fine sarai quello su cui molto probabilmente influirà. Se sei innamorato di un particolare CMS, chiedi se ha esperienza nella creazione di siti su quella piattaforma. Se non lo fanno, renditi conto che stai correndo un rischio e potresti affrontare potenziali mal di testa lungo la strada.

È elementare, caro Watson

Idealmente ti consigliamo di trovare uno sviluppatore che abbia una seria esperienza alle spalle. Un potenziale sviluppatore fornirà ovviamente il proprio portfolio in modo che tu possa vedere il suo lavoro. Quindi indossa il tuo cappello da Sherlock Holmes; è tempo di ficcare il naso.

Chiedi di ottenere un elenco dei clienti o dei siti Web correnti che lo sviluppatore gestisce attivamente. Sebbene l’aspetto di questi siti sia sicuramente qualcosa da considerare, ti consigliamo di scavare più a fondo. Questo processo può comportare la lettura del codice sorgente, quindi preparati.

Ecco un paio di cose da considerare durante la tua indagine:

1. Tempo di caricamento della pagina

Con tantissimi strumenti a tua disposizione, guarda il tempo di caricamento generale delle pagine. Poiché questo è generalmente uno dei fattori di posizionamento utilizzati in modo coerente dai motori di ricerca, un tempo di caricamento della pagina ottimizzato è fondamentale.

In genere, il tempo di caricamento della pagina dovrebbe essere al massimo di 10 secondi per caricarsi; più veloce è, meglio è. Dal punto di vista dell’esperienza utente, i tempi di caricamento avranno un effetto sulle metriche dell’utente come la frequenza di rimbalzo. Gli utenti mobili che accedono a siti con connessioni più lente sperimenteranno tempi di caricamento diversi rispetto a se fossero su un desktop.

Se durante la tua indagine, scopri che gli attuali siti dello sviluppatore hanno tempi di caricamento insolitamente lunghi, questo potrebbe essere motivo di preoccupazione. Alcuni degli elementi più grandi che influenzano la velocità del sito sono cose come codice gonfio, immagini non ottimizzate o troppi plugin. Guardando il codice sorgente di queste pagine è possibile identificare se lo sviluppatore sta attivamente ottimizzando questi elementi per una maggiore velocità del sito.

2. Scansionerà?

Con il rilascio di ogni nuova versione dell’iPhone, la serie di video di Blendtec su YouTube ha spesso posto la domanda: “Si fonderà?” E se sei un fan di questi video virali, saprai che la risposta è sempre sì.

Gli sforzi SEO volti a migliorare un sito dovrebbero sempre chiedere in modo simile: “Scansionerà?” E sfortunatamente, non è sempre così.

I crawler e gli spider dei motori di ricerca sono diventati sempre più avanzati sin dai primi giorni del loro inizio. In passato era possibile eseguire la scansione solo del testo affinché i motori di ricerca capissero di cosa tratta un sito. Questi crawler sono migliorati molto nell’analisi di altri elementi, ma spesso ci sono ancora elementi che non possono essere sottoposti a scansione.

Durante la tua indagine, dovresti ispezionare i singoli elementi della pagina per vedere se possono essere sottoposti a scansione. Se lo sviluppatore ha un’apparente relazione amorosa con flash o le CTA chiave sono rappresentate come immagini senza testo alternativo appropriato, sarà come se non esistessero.

È sempre una buona idea controllare e vedere se lo sviluppatore dispone regolarmente di un file robots.txt e delle mappe dei siti. Per un professionista SEO questo è un gioco da ragazzi, ma potrebbe non essere così ovvio per uno sviluppatore.

Già che ci sei, per i siti con un file robots.txt, prova a determinare quali directory vengono bloccate. Potrebbe essere un po ‘più difficile da vedere, ma prova a vedere se questo file impedisce ai robot di eseguire la scansione delle directory contenenti tutto JavaScript e CSS sul sito.

In sostanza, Google vuole vedere il tuo sito proprio come farebbe l’utente. Più di recente i proprietari di siti web hanno persino ricevuto avvisi da Google Search Console per le loro proprietà se i loro file robots.txt bloccano queste directory.

3. Prendersi cura della UX

Google è diventato abbastanza bravo a rilevare il livello di UX positivo che un sito può avere. Il tuo sito potrebbe avere i migliori contenuti in assoluto al mondo, ma se il design provoca solo la frustrazione degli utenti, i tuoi sforzi saranno sprecati.

Si spera che l’esame del lavoro del tuo potenziale sviluppatore avrà un’ampia selezione di siti adatti ai diversi segmenti di pubblico di nicchia dei loro utenti ideali. Il semplice esame di più pagine può dimostrare quanto UX è stato considerato nella progettazione del sito in esame. Facilità di navigazione e funzionalità sono le chiavi da tenere d’occhio qui.

Gli utenti mobili saranno le maggiori fonti di preoccupazione nell’assumere il tuo sviluppatore. Utilizza il tuo smartphone o ridimensiona il browser alla risoluzione dello schermo del dispositivo mobile di tua scelta.

Lo sviluppatore preferisce creare siti per dispositivi mobili o i siti sono reattivi?

Sebbene le risorse determinino quale verrà utilizzata per un sito, entrambe le soluzioni devono essere disponibili per gli utenti mobili. Se il lavoro degli sviluppatori mostra una mancanza di considerazione per l’ottimizzazione per i dispositivi mobili, questo è un enorme segnale di avvertimento.

Compratore stai attento

Aspettarsi di assumere uno sviluppatore con un livello esperto di comprensione della SEO potrebbe rivelarsi quasi impossibile da raggiungere. Ma armati di cosa cercare nel loro lavoro più recente, assumere lo sviluppatore giusto sarà essenzialmente migliore per i tuoi sforzi SEO a lungo termine.

Poiché la migliore strategia SEO è quella che cerca di migliorare a lungo termine, lo sviluppatore sbagliato causerà solo incredibili battute d’arresto, ritardi e frustrazione costante.

Ma davvero il modo più semplice per selezionare i candidati sviluppatori? Chiedi se pensano che la SEO sia ancora importante. Se dicono di no, potrebbe essere una buona idea continuare a cercare.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *