Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come creare un calendario dei contenuti utilizzando Google Docs

Come creare un calendario dei contenuti utilizzando Google Docs

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Il contenuto è re! Il contenuto è re! Il contenuto è re!

Quell’acclamazione è sorta da ogni parte della comunità di Internet come un esercito in un episodio di Game of Thrones che saluta il loro Khaleesi.

Il content marketing ha dimostrato di essere uno dei metodi più efficaci per raggiungere i consumatori e connettere i marchi con i potenziali clienti. Tutti noi amiamo il content marketing e il contenuto è la cosa migliore dopo il pane a fette e la torta di mele.

Fino a quando non dovrai gestire e programmare quel contenuto. Se non disponi di un processo per gestire i tuoi contenuti, ti ritroverai ad entrare in un mondo di dolore. Il contenuto si perde, il contenuto non viene pubblicato al momento giusto, il contenuto non è scritto per l’argomento corretto o per il pubblico giusto … L’elenco delle cascate è quasi infinito se non si pianifica in anticipo e si dispone di un pianificatore di contenuti online.

Gli esperti di marketing possono eliminare la maggior parte del dolore dal processo di marketing dei contenuti creando il proprio calendario dei contenuti. Ciò consentirà a te e al tuo team di contenuti di eliminare le congetture dal processo di creazione dei contenuti.

È gratuito ed è abbastanza facile.

Avrai bisogno:

  • Un account Gmail
  • documenti Google
  • Un elenco del tipo di contenuto generato entro un mese
  • Parole chiave e dati sul pubblico
  • Nomi ed e-mail di contatto degli attuali autori di contenuti

A seconda dell’ambito dei requisiti di contenuto, l’intero processo richiederà dalle quattro alle otto ore.

Passaggio 1: crea un foglio in Google Docs

Inizia con un foglio bianco.

Il passaggio successivo dipende in gran parte dalla tua strategia di contenuto. Per questo esempio ti mostrerò un esempio di come creare un calendario dei contenuti del blog per un periodo di 90 giorni.

Crea tre schede; etichettateli con il mese e l’anno.

Mi piace anche aggiungere un titolo all’inizio di ogni foglio. Il modo in cui personalizzi ogni mese dipende in gran parte dal tipo e dalla frequenza dei contenuti. In questo esempio, ho diviso ciascuno per settimana.

Nella parte superiore di ogni foglio aggiungo un codice colore. In questo esempio, userò il bianco per “To Be Written”, il verde per “Written” e il rosso per “On Hold”.

Puoi personalizzare il tuo codice colore a tuo piacimento, ma ti consiglio di mantenerlo semplice e di facile comprensione. Più il codice colore è elaborato, più sei incline agli errori.

Passaggio 2: personalizza

Quando si utilizza il software del calendario di marketing dei contenuti, è naturalmente necessario personalizzarlo in base alle esigenze del marketer o del gestore dei contenuti che lo utilizza. Per questo esempio ho impostato i seguenti parametri.

  • Questo calendario è per un’agenzia multi-cliente
  • Il contenuto è scritto da tre autori di contenuti freelance
  • La forma principale di contenuto sono i post del blog che vengono pubblicati e promossi su base settimanale

Puoi usare questo processo ed espanderlo secondo necessità. Ad esempio, potresti voler aggiungere più dati sul pubblico. Puoi anche specificare dove verrà pubblicato ogni contenuto (ad esempio, questo pezzo di contenuto è destinato a un guest post, questo pezzo deve essere utilizzato sul sito).

Se lavori con più clienti, generalmente mi piace tenerli organizzati nella prima riga a destra.

Successivamente, includo il titolo, il conteggio delle parole e le parole chiave di destinazione per quel blog nel pianificatore dei contenuti del blog. Includo anche la fase del viaggio del consumatore a cui si rivolge questo contenuto.

Il motivo principale per cui includo parole chiave e fasi del contenuto quando si utilizzano gli strumenti del calendario dei contenuti è che l’intero team di creazione dei contenuti conosce lo scopo che questo contenuto intende raggiungere.

Inoltre è un altro ottimo modo per tenere traccia del tipo di contenuto che viene creato e correlarlo al ROI nei mesi successivi. Queste informazioni mi aiutano anche ad adattare la strategia dei contenuti nei prossimi mesi.

Passaggio 3: aggiungi i tuoi autori di contenuti

Questo passaggio è facoltativo. Potresti avere il tuo sistema separato per la gestione del flusso di lavoro del tuo scrittore di contenuti. Ho trovato questo sistema utile quando si lavora con un ampio pool di autori di contenuti freelance con un budget limitato.

Crea una colonna chiamata “Scrittore assegnato”.

Mi piace aggiungere il nome completo e collegarlo al suo indirizzo email. In questo modo posso contattare rapidamente uno scrittore se un compito cambia o viene annullato.

Nella colonna successiva aggiungo una data assegnata e una scadenza.

Come regola generale, mi piace dare a uno scrittore freelance una scadenza di dieci giorni prima che un pezzo sia impostato per essere pubblicato. È possibile modificare le scadenze in base alle proprie esigenze e alle richieste del proprio sistema CMS.

Soluzione economica

La creazione di un calendario dei contenuti in Google Docs è un modo conveniente per gestire e monitorare i tuoi contenuti. È anche personalizzabile all’infinito. Puoi ridimensionare efficacemente questo tipo di pianificatore di contenuti per blog per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza.

Qualche pensiero o domanda? Lasciateli nella sezione commenti!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *