Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come generare segnali di una pagina Web di qualità

Come generare segnali di una pagina Web di qualità

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Da quando Google ha rilasciato pubblicamente il loro file Linee guida per il valutatore della qualità della ricerca, i webmaster e i SEO hanno acquisito una migliore comprensione di ciò che rende i contenuti “eccezionali”. Prima che le linee guida venissero rilasciate, molti SEO credevano che fosse sufficiente inserire semplicemente 500 parole su una pagina, attaccare poche parole chiave e indicare alcuni link.

In verticali con bassa concorrenza o con pochi investimenti, questo sarà probabilmente sufficiente per classificarsi ragionevolmente bene, ma in un verticale competitivo è necessaria una comprensione più approfondita.

Queste versioni hanno coinciso anche con l’aggiornamento in tempo reale dell’algoritmo Panda. Per molto tempo Panda è stata fraintesa, e in una certa misura lo è ancora. I motori di ricerca, il comportamento degli utenti e la SEO si sono evoluti negli ultimi 20 anni e quella che era una best practice non è necessariamente la stessa ora.

MANGIARE

Una parte importante delle linee guida del valutatore è l’acronimo EAT (Expertise, Authoritativeness and Trustworthiness).

Quando un valutatore guarda una pagina e il contenuto su di essa, deve chiedersi se l’autore del contenuto può essere considerato un esperto nel campo, se la pagina / dominio stesso può essere classificato come un’autorità e se può essere una fonte attendibile.

Competenza

La competenza e la paternità stessa sono uno dei criteri per avere un sito web accettato in Google News, quindi avere un riquadro dell’autore chiaro sui post, una biografia e una pagina di autore con informazioni e altre citazioni può fare molto per mostrare un alto livello di EAT .

Queste sono tutte qualità molto difficili da falsificare, ed è importante ricordare che queste linee guida non sono per gli algoritmi, ma per gli occhi umani che possono verificare le informazioni nel modo in cui fanno tutti gli esseri umani: ricerca. La competenza può essere acquisita attraverso vari mezzi, come scrivere articoli per giornali e blog affidabili, contribuire a forum e siti web di domande e risposte. Puoi anche chiedere a esperti di scrivere articoli sul tuo sito web, sfruttando la loro autorità, influenza e fiducia per i tuoi mezzi.

Poiché le notizie false e i contenuti falsi sono ora più rilevanti che mai, falsificare le tue credenziali o citare luoghi in cui sei stato presentato quando non l’hai fatto può danneggiare seriamente il tuo EAT.

Autorità

L’autorità viene dalla reputazione, e anche in questo caso è molto difficile fingere. Quello che devi fare per essere un’autorità varia tra i verticali e l’autorità non deriva necessariamente dalle credenziali o dai risultati scolastici, ma può derivare da citazioni su siti Web esterni o da ritagli di stampa.

Fiducia

La fiducia deriva da una serie di fattori, tra cui:

  • Avere una pagina prominente e dettagliata
  • Avere importanti informazioni di contatto, particolarmente importanti per i siti di e-commerce
  • Avere politiche ben scritte che non sono modelli di copia e incolla
  • Politiche di restituzione e rimborso, particolarmente importanti per i siti di e-commerce

La fiducia può derivare anche dalle citazioni, quindi se sei stato pubblicato su altri siti Web o su riviste di settore, blog o riviste, assicurati che siano incluse.

Tipi di contenuto

Le linee guida specificano anche tre tipi di contenuto sulla pagina che consigliano ai valutatori di cercare e rivedere. Questi sono principali, supplementari e sponsorizzati.

Contenuto principale

Il contenuto principale è definito dalle linee guida come ciò che è immediatamente visibile al caricamento della pagina, il corpo principale della pagina. Il design della pagina dovrebbe rendere immediatamente chiaro qual è il corpo principale.

Se il contenuto principale di una pagina è nascosto dietro un muro a pagamento, un muro di sottoscrizione o non è immediatamente accessibile a un utente, potrebbe essere svalutato, soprattutto se lo stesso tipo di contenuto può essere trovato altrove gratuitamente.

Quanto devo scrivere?

Uno dei più grandi malintesi dell’algoritmo Panda secondo me è il concetto di “500 parole”. Qualcuno da qualche parte una volta ha scritto che una pagina potrebbe essere considerata sottile e di basso valore se contenesse meno di 500 parole. Di conseguenza, alcuni SEO e autori di contenuti si sono precipitati a scrivere almeno 500 parole su tutto, come se fosse una sorta di pietra miliare magica.

La verità è che è necessario scrivere tutto il contenuto necessario per rispondere in modo sufficiente a una domanda dell’utente, sia che si tratti di 100 parole, 5000 parole o due parole.

Il contenuto è più che semplici parole / parole chiave

È anche importante ricordare che il contenuto è più che semplici parole su una pagina.

Se un utente stesse cercando informazioni sulla destinazione delle vacanze, sarebbe utile includere tabelle che mostrano le temperature medie e le precipitazioni, nonché altre informazioni locali utili che un utente potrebbe trovare utili.

SUGGERIMENTO: un ottimo indicatore di ciò che è necessario per classificare determinate query è esaminare ciò che è già considerato da Google come qualità e utilizzarlo come benchmark.

Anche il contenuto si è evoluto dal semplice targeting di parole chiave specifiche e targeting di quelle con il volume di ricerca più elevato, piuttosto che parole chiave pertinenti.

Contenuti sponsorizzati / affiliati

I contenuti sponsorizzati e affiliati sono stati probabilmente al centro dei recenti aggiornamenti di Google (penalità di interstitial di gennaio 2017 e aggiornamento “Fred” di marzo 2017). I siti web con pubblicità eccessive o ingannevoli e link di affiliazione hanno visto un calo nelle classifiche dopo Fred, ma questo non dovrebbe essere stato uno shock.

I link di affiliazione e gli annunci pubblicitari su una pagina, secondo le linee guida, dovrebbero essere identificabili dagli utenti tramite etichettatura esplicita o tramite l’organizzazione e il design delle pagine.

Contenuto supplementare

Un ottimo contenuto supplementare dovrebbe essere visibile, ma può essere facilmente ignorato. Post di blog correlati alla fine di una pagina, in una barra laterale o inseriti in modo non intrusivo a metà della pagina stessa.

Le SERP possono cambiare

Google è alla continua ricerca di offrire contenuti che “soddisfino ampiamente” le esigenze degli utenti e questo può cambiare letteralmente dall’oggi al domani, un esempio di questo è il Dyn DDoS Attack.

Il 21 ottobre 2016, il provider DNS Dyn Inc. è stato soggetto al più grande attacco DDoS mai registrato (l’incredibile cifra di 1,2 terabit al secondo) e, di conseguenza, molti grandi siti Web tradizionali come Amazon, AirBnB e HBO erano fuori uso del servizio.

Termini di ricerca notturna come DNS, DDoS e CDN hanno riscontrato enormi picchi di interesse da un’ampia varietà di ricercatori. Il tipo di contenuto classificato il 20 ottobre non era più pertinente per il tipo di ricerca dell’utente e dall’oggi al domani le prime 75 posizioni sono cambiate e, in una certa misura, ciò rimane.

Altre modifiche possono avvenire per un periodo di tempo più lungo mentre Google valuta e modifica i suoi risultati di ricerca per soddisfare meglio le esigenze degli utenti.

Cosa non è un segnale EAT

Ci sono alcune idee sbagliate su cosa costituisce e cosa non costituisce un segnale quando si tratta di stabilire il valore EAT di una pagina.

Tipo di pagina / dominio

Il tipo di pagina non è importante, è lo scopo che conta. La pagina può essere un PDF, una pagina commerciale, un prodotto o una categoria di prodotti, un post di un blog o solo una pagina ecc., Non importa.

Google può discriminare per alcune query il tipo di risultato, in particolare per le query commerciali e non commerciali. Inoltre, il tipo di dominio non viene considerato, quindi un dominio .edu o .ac.uk non ha un EAT maggiore di un .com o .co.uk rispetto a.

Annunci sulla pagina

Con la penalità degli interstitial e l’aggiornamento di Fred già quest’anno molti webmaster hanno mostrato reazioni istintive al desiderio di liberare i siti Web da tutte le pubblicità. La presenza o l’assenza di pubblicità non è un fattore;

I webmaster possono scegliere di visualizzare gli annunci sulla loro pagina (ad esempio aderendo a una rete pubblicitaria), ma non sempre possono controllare direttamente il contenuto degli annunci. Tuttavia, considereremo un sito Web responsabile della qualità complessiva degli annunci visualizzati.

Nuovi contenuti

A Google piacciono le pagine web e i siti web che vengono aggiornati frequentemente e regolarmente, la freschezza dei contenuti tuttavia non è indicativa di competenza, fiducia o autorità.

In conclusione

Gli aggiornamenti all’algoritmo negli ultimi anni vedono un’enfasi sempre maggiore sulla qualità degli utenti, soprattutto nell’era delle fake news. Ciò significa che ora è molto difficile falsificare il valore, la reputazione o l’autorità dell’utente.

Per generare questi segnali EAT è necessario fare di più che creare contenuti e indirizzare collegamenti verso di essi. Per mostrare segni di qualità è necessario impegnarsi in attività di marketing, pubblicità e PR fuori sede per costruire il proprio marchio, cosa che non avviene dall’oggi al domani.

Nelle ultime settimane sono stato testimone di siti web che utilizzavano tecniche di “keyword stuffing” all’interno di contenuti on-page e strutturali vedere cali nelle classifiche, soprattutto a livello locale. Il contenuto deve fornire valore agli utenti e non essere orientato verso parole chiave e classifiche.

Google continuerà a rafforzare positivamente i contenuti incentrati sulla fornitura di valore per l’utente e c’è una forte possibilità che continuerà a regolare i suoi algoritmi di base (e Panda) per perfezionare i suoi risultati.

Il mio consiglio è di assicurarti che il tuo contenuto principale fornisca valore per l’utente, risponda alle domande degli utenti e fornisca un buon livello di contenuti supplementari e di supporto attraverso pagine aggiuntive o blog in loco, senza concentrarsi troppo sulle parole chiave e sui volumi di ricerca.

Buoni articoli da leggere:

– Sfide di ricerca per parole chiave e come padroneggiarle nel 2017

Una guida per principianti al copywriting

– Come scrivere contenuti per farli leggere (non scansionare)

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *