Come riutilizzare i contenuti per liberare la tua cattiva abitudine SEO

Come riutilizzare i contenuti per liberare la tua cattiva abitudine SEO

In qualità di marketer, alcuni di noi spesso pensano che pubblicare lunghi post o articoli sul blog farebbe miracoli per il posizionamento del nostro sito. Un’idea più comune è che più lungo è il post, migliore sarà il suo ranking di ricerca, secondo serpIQ.

Le prime due posizioni in Google hanno una media combinata di oltre 2.450 parole su una pagina!

Il presupposto dietro le cifre è questo più parole in una pagina, più informazioni preziose condivide. Facendo contare ogni parola nel tuo post, fornisci un valore immenso ai tuoi contenuti. Non solo i visitatori correranno nel tuo sito per leggere i tuoi contenuti, ma i motori di ricerca saranno più propensi a posizionarti in cima ai risultati di ricerca per la tua parola chiave.

Tale è il potere esercitato da un contenuto.

“Che tu ci creda o no, il contenuto è re”, dice Mike Wallagher nel suo posto. “Potresti portare migliaia di persone al tuo blog, ma se non c’è niente da leggere, se ne andranno e molto probabilmente non torneranno mai più”.

Sebbene questo possa essere vero in senso SEO, non garantisce il successo del marketing.

In altre parole, non puoi aspettarti di posizionarti in cima ai risultati di ricerca dall’oggi al domani solo perché hai scritto un lungo post.

La dichiarazione di cui sopra è il problema con la maggior parte delle campagne focalizzate sulla SEO.

Non sto dicendo che non ci sia alcuna possibilità per te di classificarti, ma le tue possibilità di classificare la tua parola chiave target con i tuoi contenuti sono molto scarse.

Ci sono molti fattori da considerare quando classifichi una parola chiave con i tuoi contenuti: qualità della pagina, concorrenza, età del post, profilo di backlink e altri.

Pertanto, la qualità dei contenuti è solo uno dei tanti fattori che devi soddisfare per poter sfruttare appieno i vantaggi dei tuoi sforzi SEO.

Quello che la maggior parte dei marketer non riesce a capire è che la SEO non è l’unico gioco in città!

Poiché gli utenti condividono contenuti su piattaforme diverse, possono anche essere trasformati in qualcosa di migliore e più interessante per il tuo pubblico.

Pensalo come un pezzo di una bottiglia di plastica vuota. Una volta che ha servito allo scopo di contenere un drink, sarebbe stato gettato nel cestino. Tuttavia, come quello che la maggior parte di noi sa, le bottiglie di plastica possono essere riciclate in vasi improvvisati, vasi, contenitori per piccoli gingilli e persino mobili per la casa.

Quello che prima era qualcosa che non è più utile può essere trasformato di nuovo in qualcosa di prezioso!

Inserisci il riproposizione del contenuto.

Nozioni di base sulla riutilizzazione dei contenuti

Riutilizzare i contenuti significa trovare nuovi modi per “riciclare” quelli esistenti, per così dire. Molti marketer di contenuti utilizzano questa strategia per aumentare il traffico del sito distribuendo contenuti in diversi formati a vari siti. È utile per generare più visualizzazioni di pagina e migliorare la tua visibilità online.

Per darti una panoramica del contenuto riproposto di seguito è un file infografica realizzata da Cent Muruganandam.

Adattando lo stesso contenuto in un formato diverso, hai il potere di farlo raggiungere un pubblico più ampio e fargli apprezzare di più i tuoi contenuti. Avrai anche la possibilità di imbatterti in un nuovo pubblico e presentare loro il tipo di contenuto che fai. Puoi raggiungere questo obiettivo senza dover entrare nel mondo ultra competitivo del SEO!

Un altro vantaggio del riutilizzo dei contenuti è che puoi in un certo senso ravviva i contenuti che hai fatto prima ma che non sei stato in grado di massimizzare. Potresti migliorare ciò che hai scritto o composto, o persino incorporarvi delle immagini. Fai questa tecnica se non vuoi che i tuoi contenuti vengano dimenticati e conservati per sempre nei regni più profondi di Internet.

Nota: riattivare o riutilizzare i vecchi post è diverso da “Filatura“Loro. Il processo di riproposizione implica la ristrutturazione del contenuto in modo creativo allo scopo di attirare il tuo pubblico.

In una prospettiva SEO, i contenuti riproposti risalgono al vecchio post. Consente ai motori di ricerca di sapere che il contenuto non è “originale” in senso stretto collegandosi al post originale. Pertanto, non stai violando le linee guida stabilite dai motori di ricerca.

Infine, riproposizione dei contenuti ti consente di valutare il rendimento dei tuoi contenuti. Se non sta andando bene, sapresti cosa fare e quali aggiustamenti apportare.

Le tue azioni aprono la strada a una migliore promozione dei contenuti e danno ad altre persone l’opportunità di visualizzare il tuo contenuto nel caso lo avessero perso la prima volta che l’hai pubblicato.

Strumenti per riutilizzare i contenuti

L’infografica è stata in grado di fornire un elenco completo di strumenti da utilizzare per riutilizzare i contenuti. Tuttavia, di seguito elencherò i miei preferiti personali.

  • Visme – Considero questo strumento il coltellino svizzero della riproposizione dei contenuti. Puoi trasformare articoli in presentazioni di diapositive, infografiche, immagini autonome e altri contenuti visivi utilizzando questo strumento.
  • Audacia – Puoi leggere e registrare i tuoi articoli utilizzando questo strumento. È quindi possibile caricare i file audio su siti di hosting di podcast per guidare
  • Powtoon – Trasforma i tuoi contenuti in video avvincenti utilizzando questo strumento. Scegli tra diverse grafiche e animazioni per dare vita ai tuoi contenuti.

Quali sono i modi per riutilizzare i contenuti?

Il contenuto visivo ha fatto molto per i content marketer quando si tratta di vendita e pubblicità online. A causa dei progressi tecnologici, le persone stanno diventando più ricettive ai contenuti visivi, quindi è sicuro dire che attualmente è la bomba nel mondo del content marketing. Ecco alcuni modi su come puoi far girare i tuoi contenuti in modo efficiente:

Webinar

Se hai già ospitato un webinar in precedenza, puoi utilizzare questo contenuto e migliorare il modo in cui lo pubblicheresti al tuo potenziale pubblico. Puoi trasformarlo in un video di YouTube o in un tutorial di blog alla moda. I tuoi video pubblicati ti assicurano di rimanere in contatto con i tuoi lettori e spettatori.

Esempio: Internet Marketing Ninjas ha una funzione chiamata Jim and Ann Show ospitato da CEP Jim Boykin e Ann Smarty (di MyBlogGuest e MyBlogU fama).

Oltre ad apparire come post del blog sul sito, lo spettacolo ha anche canali YouTube e SoundCloud in cui il contenuto del post originale viene ricreato in formati video e audio.

Presentazioni in PowerPoint

Chi avrebbe mai pensato che fosse possibile ricreare anche le presentazioni di diapositive? Le diapositive che hai realizzato per le tue precedenti presentazioni aziendali non devono essere sprecate. Tutto quello che devi fare è aggiornare le informazioni incluse se ce n’è bisogno e caricarle in SlideShare. In pochi secondi e pochi clic, hai dato nuova vita alle tue vecchie presentazioni di diapositive!

Esempio: Anche se questo difficilmente ripropone i contenuti in senso stretto, gli slide deck del fondatore ed ex CEO di Moz Rand Fishkin presso Slideshare sono tra i più impressionanti del settore.

Incorpora se possibile: http://www.slideshare.net/randfish/why-content-marketing-fails?qid=2be5aa0a-28ab-4125-bb03-24a6e7e981ea&v=qf1&b=&from_search=1

La maggior parte dei concetti che condivide nelle sue diapositive può essere trovata nella sua Whiteboard Friday pubblicata sul blog di Moz. Prendendo queste idee e trasformandole in diapositive (prendendo spunto da Seth Godin su come creare correttamente le presentazioni), Rand può creare contenuti avvincenti sotto forma di presentazioni autonome.

Post di blog ricchi di immagini

I post del blog sembrano obsoleti senza immagini. Se le foto stock gratuite non lo tagliano e le immagini royalty-free sono troppo limitate per te, allora devi imparare come creare contenuti visivi da solo.

Un modo eccellente per farlo è prendere snippet e citazioni dal tuo post sul blog e trasformarli in immagini. In questo modo, ci saranno maggiori possibilità per i lettori di condividere le immagini sui social media se la citazione ispira.

Esempio: Se hai creato molte citazioni di immagini dai post del tuo blog, crea una bacheca Pinterest sulle parole di saggezza e carica tutte le immagini al suo interno. In questo modo puoi creare un collegamento ai social media tra te e il tuo pubblico.

Da asporto finale

Nel riutilizzo dei contenuti, tutto ciò che serve è un po ‘di creatività e talento. Basti dire che i suggerimenti e le strategie di cui sopra sono solo le punte dell’iceberg. Con abbastanza ricerca e ingegnosità, puoi escogitare nuove strategie che ti consentano di ricreare i tuoi vecchi post in un formato diverso per aumentare la tua portata online e non dipendere troppo dal SEO.

Ancora più importante, non solo rotazione il contenuto che hai generato in precedenza. Aggiungi un po ‘più di valore a ogni versione riproposta in modo che gli spettatori abbiano sempre qualcosa da guardare al futuro. Una volta che hai preso la mano, non devi preoccuparti di essere dimenticato nel mondo online!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Write a Comment