Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come scrivere contenuti che convertono

Come scrivere contenuti che convertono

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Google ha annunciato all’inizio di questo mese che gli inserzionisti sono ora in grado di inserire annunci nativi negli account Gmail. Gli annunci nativi di Gmail vengono visualizzati nella parte superiore della scheda Promozioni di Gmail e quando una persona fa clic sull’annuncio, si espande in una tela di dimensioni standard di posta elettronica che consente alle persone di interagire con le immagini e il testo dell’annuncio.

Fonte: annuncio nativo Taboola in Gmail

Fonte: http://adwords.blogspot.com

Questo annuncio di Google è una grande novità nel mondo del marketing digitale perché mostra la continua crescita e l’adozione della pubblicità nativa.

Cos’è la pubblicità nativa?

Allora, cos’è esattamente la pubblicità nativa? Secondo la società di annunci nativi Sharethrough, “La pubblicità nativa è una forma di media a pagamento in cui l’esperienza pubblicitaria segue la forma e la funzione naturali dell’esperienza utente in cui si trova”.

Fonte: Sharethrough.com

Se ci pensi, Google è stato in realtà uno dei primi “inserzionisti nativi” quando ha introdotto annunci a pagamento nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca organici, mescolando sottilmente annunci con elenchi non a pagamento. Con la pubblicità nativa è importante che l’annuncio non lo faccia Guarda come un annuncio, dovrebbe integrarsi e apparire come un altro contenuto della pagina. (Pensa alle pubblicità native come a una versione digitale degli inserzionisti che vedi spesso nelle riviste cartacee.)

Le più grandi piattaforme social del mondo guadagnano con annunci nativi in-feed, inclusi Facebook, Twitter, Instagram e Tumblr. L’industria editoriale tradizionale sta rapidamente seguendo l’esempio, con aziende come “Time”, “Wall Street Journal”, “Forbes” e “USA Today” che offrono integrazioni pubblicitarie che corrispondono alla forma e alla funzione del loro contenuto editoriale. Spesso definiti “annunci sponsorizzati”, questo contenuto all’interno delle loro pagine a volte rende difficile distinguere il contenuto editoriale dalle pubblicità.

Secondo Sharethrough, i consumatori guardano gli annunci nativi il 52% in più rispetto ai tradizionali banner pubblicitari. Il fatto che gli annunci nativi sfocino il confine tra pubblicità e contenuto può essere percepito come una cosa positiva o negativa (a seconda di chi chiedi). Per un marketer digitale questa linea sfocata è un sogno che diventa realtà, ma solo se fatto in un modo che converte.

I consumatori guardano gli annunci nativi il 52% in più rispetto agli annunci banner tradizionali (per Sharethrough). Clicca per twittare

Scrivere contenuti che convertono

Ricorda, gli annunci nativi devono seguire la funzione e la forma del contenuto editoriale che lo circonda. Se stai utilizzando una piattaforma a pagamento come LinkedIn o gli annunci di Facebook o stai attraversando società pubblicitarie native come Outbrain o Taboola, non devi preoccuparti della funzione, perché le piattaforme se ne occupano per te. Quindi è il modulo a cui devi prestare attenzione per convincere gli utenti a convertire.

Se guardi online vedrai esempi positivi e negativi di pubblicità nativa. Un esempio di un cattivo annuncio nativo è questo di Proxe. Questo annuncio mi ha colpito mentre leggevo su Facebook come è andato l’intervento di sostituzione dell’anca di mia zia Marina. Nota come usano la parola “GRATIS” in maiuscolo, il titolo sembra come un titolo con maiuscole iniziali e la frase è piena di parole chiave? Questo è male. Questo annuncio interrompe il modulo perché non è quello che sono abituato a vedere nel mio feed di notizie di Facebook.

Fonte: annuncio nativo di Facebook di Proxe

D’altra parte, ecco un esempio di un annuncio nativo che ho trovato nel mio feed di notizie di LinkedIn. Questo è molto meglio perché segue la forma di ciò che sono abituato a vedere nel mio feed di notizie di LinkedIn: informazioni professionali, suggerimenti, tecniche, discussioni di lavoro, ecc.

Quindi la prossima domanda che dovresti chiederti è: cosa si aspetta di vedere una persona quando fa clic su un annuncio come questo? La maggior parte delle volte le persone si aspettano di trovare contenuti. Tuttavia, quando ho fatto clic sul collegamento Pardot, sono stato indirizzato a una pagina di compressione in cui dovevo inserire le mie informazioni di contatto per scaricare un white paper. Ora, in generale, non c’è niente di veramente sbagliato nel chiedere informazioni alle persone prima che si convertano, ma quando ho cliccato sul collegamento speravo davvero di farlo leggere alcune informazioni sull’automazione del marketing.

Fonte: pagina di destinazione di Pardot

Se hai intenzione di eseguire una campagna pubblicitaria nativa di successo, dovresti sforzarti di seguire la forma in cui è stato inserito l’annuncio e quindi fornire al lettore il contenuto che si aspetta di ricevere quando fa clic sul tuo annuncio. In questo caso, sarebbe stato meglio per Pardot fornirmi un articolo teaser sull’automazione del marketing e poi chiedimi di fornire le mie informazioni di contatto per ricevere la guida dell’acquirente.

Invia le persone alle pagine che si aspettano

Dopo che una persona ha fatto clic sul tuo annuncio nativo, è meglio inviarla a una pagina in cui può ottenere le informazioni che si aspetta direttamente. Dopo aver fornito loro il contenuto che avevano previsto, puoi seguirli facendoli iscrivere per ricevere ulteriori informazioni sull’argomento. Uno dei modi in cui puoi farlo è inviare il visitatore a un post del blog sull’argomento e includere un invito all’azione (CTA) su quella pagina in cui le persone possono registrarsi per ricevere maggiori informazioni sull’argomento.

Nella pubblicità nativa, devi indirizzare le persone alle pagine che si aspettano. Clicca per twittare

Ecco alcuni passaggi su come scrivere contenuto degno di un nativo che converta:

  1. Inizia scrivendo al contrario
  2. Sii utile ma incompleto
  3. Scrivi il titolo
  4. Scrivi la copia
  5. Distribuisci il contenuto

Innanzitutto, inizia con la fine in mente. Quando inizi a scrivere un annuncio nativo, vuoi iniziare pensando alla fine. Qual è il prossimo passo che vuoi che le persone facciano per avvicinarsi alla tua offerta? Desideri che effettuino un acquisto, aderiscano alla tua newsletter, scarichino un white paper, ecc.? Puoi aiutare te stesso iniziando con l’invito all’azione (CTA). A questo punto non pensare a titoli o contenuti, inizia semplicemente con una lavagna vuota e l’invito all’azione. Tutto il resto scorrerà all’indietro da qui.

Sii utile ma incompleto. Quando le persone fanno clic su un annuncio nativo, si aspettano di vedere i contenuti. Quindi non rovinare la loro esperienza inviandoli a una pagina di compressione senza contenuto. Quello che dovresti fare è fornire loro contenuti utili che sono incompleti, qualcosa che li faccia desiderare di più. (ad esempio, il titolo del tuo annuncio potrebbe essere Qual è il primo passo per ottenere più contatti di vendita? e fornisci loro le informazioni su quel primo passaggio, ma per ottenere gli altri nove passaggi, devono fornire il loro indirizzo email.)

Scrivi un titolo che assomigli a un articolo di notizie o che corrisponda al contesto della piattaforma su cui stai facendo pubblicità. La pubblicità nativa è una strategia di distribuzione dei contenuti. Devi creare fiducia. Se dai alle persone quello che vogliono, ti daranno tu ciò che vuoi. Scrivi un titolo che abbia l’aspetto di una notizia, non un articolo di marketing o una pubblicità.

Scrivi contenuti che offrano valore. Se una persona si prende il tempo per fare clic sul tuo annuncio, il minimo che puoi fare è fornire loro contenuti sufficienti che stuzzicheranno il loro appetito per ulteriori informazioni su ciò che hai da offrire. Assicurati che il contenuto che fornisci sia in linea con il titolo che hai creato e fornisca all’utente informazioni preziose che si aspetterebbe facendo clic sul tuo annuncio. È meglio consegnare troppo: non lesinare qui o perderai la fiducia del lettore.

Pubblica il tuo annuncio. Ci sono molte società di distribuzione di annunci nativi. Taboola è ampiamente riconosciuta come la piattaforma leader mondiale per la scoperta di contenuti pubblicitari nativi, raggiungendo 550 milioni di visitatori unici e fornendo oltre 200 miliardi di consigli ogni mese.

Taboola raggiunge più utenti desktop statunitensi di Facebook. #advertising Fai clic per twittare

Taboola raggiunge più utenti desktop statunitensi di Facebook. Esistono altri distributori di contenuti come Outbrain, Gravity, Sharethrough, Content.ad, Disqus, Nrelate e buzzfeed.

Fonte: Taboola.com

Suggerimenti per la distribuzione di annunci nativi per attività commerciali locali

Se stai commercializzando un’attività locale, vai direttamente al giornale locale e dì loro che sei interessato a essere pubblicato sul loro giornale (e la loro edizione online) fornendo contenuti sponsorizzati. Scopri le tariffe pubblicitarie per il loro giornale e ottieni un preventivo per pubblicare un annuncio nativo sul loro sito. In genere dovresti pagare metà della tariffa pubblicitaria standard. (Tieni presente che gli editori possono risparmiare fino al 30% sulle commissioni aggirando Taboola o altre società di pubblicità native. Assicurati che ti trasferiscano parte di questi risparmi come sconto!) Conferma che accettano di consentirti di includere un collegamento ipertestuale nel tuo annuncio, che non mettano alcun bordo intorno al tuo annuncio e vedi se riesci a far elencare il tuo annuncio nel sommario delle pubblicazioni cartacee. Ricorda che è MOLTO importante che il tuo annuncio nativo guarda e leggi come un articolo, non un annuncio.

Ricorda che è MOLTO importante che il tuo annuncio nativo guarda e leggi come un articolo, non un annuncio. Clicca per twittare

Linea di fondo

Gli annunci nativi vengono visualizzati, proprio come i contenuti tradizionali. In effetti, Sharethough ha scoperto che i consumatori guardano gli annunci nativi più che contenuti editoriali originali: 26% contro 24%. Con numeri del genere, è fondamentale creare contenuti che ispirino, si integrino e sembrino contenuti tradizionali. Se crei contenuti che convincono, sei certo di ottenere i risultati che stai cercando!

Hai avuto successo con la pubblicità nativa? Fatecelo sapere nei commenti.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *