Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come scrivere contenuti SEO per placare Google RankBrain

Come scrivere contenuti SEO per placare Google RankBrain

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Tenere il passo con Google è uno degli aspetti più difficili della SEO, poiché gli algoritmi cambiano costantemente e diventano sempre più sofisticati. Google RankBrain è uno dei giocatori più recenti e più importanti nella suite di aggiornamenti dell’algoritmo di Google e capire come funziona può aiutarti a creare contenuti su misura per fare appello all’intelligenza artificiale di RankBrain.

Dalla sua introduzione nell’ottobre 2015, le agenzie SEO specializzate in content marketing hanno imparato molto su come RankBrain vede i contenuti e la SEO.

Come funziona Google RankBrain?

Google non condivide sempre le specifiche del loro approccio e degli algoritmi per il posizionamento nei motori di ricerca, poiché in passato ha portato ad abusi del sistema. I problemi storici che hanno portato a contenuti di bassa qualità che hanno preso il sopravvento su Internet includono:

L’attenzione di Google è ora sugli algoritmi che identificano e premiano contenuti utili e ponderati privi di questi trucchi di ranking imperfetti che possono confondere le query e portare gli utenti a risultati di bassa qualità.

Poiché l’attenzione è ora sulla qualità e sulla corrispondenza dell’intento di ricerca umano, condividendo le specifiche del tipo di contenuto che RankBrain cerca, Google sta rendendo più facile per gli utenti trovare informazioni desiderabili su Internet. Aumentando il livello di classificazione dei contenuti, questi nuovi sistemi di classificazione avvantaggiano il bene maggiore con un marcato spostamento verso risultati organici di qualità superiore.

In quanto algoritmo della macchina artificialmente intelligente con la capacità di apprendere, RankBrain ha la capacità di adattarsi e acquisire conoscenze sulle intenzioni degli utenti dei motori di ricerca e sul tipo di informazioni che cercano. La creazione di contenuti unici, utili e interessanti coinvolgerà il tuo pubblico e attirerà anche l’attenzione di RankBrain.

Come funziona e quali passaggi specifici puoi intraprendere per creare il tipo di contenuto che soddisferà queste sfide?

Passaggio 1: scegli frasi, non parole chiave semplici

Sebbene l’inclusione di una singola parola chiave per il contenuto del sito Web sia una tradizione consolidata, sono le frasi chiave che RankBrain cerca, in particolare quelle naturali a coda lunga che imitano le ricerche vocali degli smartphone. Creando una connessione tra i termini di ricerca e le frasi di parole chiave, RankBrain guida gli utenti ai siti web che corrispondono più chiaramente alla richiesta di ricerca. Molte richieste di ricerca sono anche frasi, note come query a coda lunga. Quando RankBrain collega le tue frasi di parole chiave a query a coda lunga, gli utenti che cercano il tuo contenuto informativo saranno più facilmente in grado di individuarlo.

Creando una frase chiave principale accompagnata da ulteriori frasi correlate, puoi trasmettere chiaramente l’argomento del contenuto in un modo facilmente interpretabile da RankBrain. Quando RankBrain comprende i tuoi contenuti e li collega alle query di ricerca, il tuo sito web riceverà un posizionamento elevato nei risultati di ricerca.

I modelli che risultano dalle frasi di parole chiave e dai termini di ricerca correlati sono collegamenti che RankBrain apprende per riferimento futuro. Quando i tuoi contenuti producono costantemente risultati di valore, il tuo sito web trarrà vantaggio da un posizionamento e un traffico elevati quando in futuro verranno utilizzate query di ricerca simili.

Passaggio 2: utilizza gli strumenti di pianificazione di Google per le frasi di parole chiave

Il Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google AdWords è uno strumento utile per identificare le frasi chiave appropriate attorno alle quali costruire i tuoi contenuti. La revisione dell’elenco che genera può aiutarti a identificare gli argomenti di base che possono essere sviluppati in contenuti complessi e approfonditi.

La ricerca di queste frasi di parole chiave su Google può anche aiutarti a identificare frasi correlate per sviluppare i tuoi argomenti e puoi ottenere una comprensione più approfondita del modo in cui Google collega gli argomenti. L’utilizzo di frasi di parole chiave specifiche in tutto il contenuto e per i sottotitoli restringerà il focus del contenuto al tipo di informazioni che RankBrain ricompensa con un alto posizionamento nella ricerca.

Passaggio 3: scrivi in ​​modo naturale ma strategico

La creazione di contenuti che si concentrano sull’utilizzo di parole chiave un numero particolare di volte può dare come risultato un brano che suona strano e innaturale, con un risultato di bassa qualità. Il collegamento a informazioni pertinenti che migliorano i tuoi contenuti aiuta a creare un articolo che sarà apprezzato per la sua attenzione alle informazioni di alta qualità piuttosto che a un risultato manipolato.

L’obiettivo di posizionarsi in alto nei risultati dei motori di ricerca è davvero semplice come creare informazioni di alta qualità da condividere:

  • Il contenuto che produci viene visualizzato e condiviso?
  • I post del tuo blog generano commenti e altri tipi di coinvolgimento?

Se le informazioni che fornisci sono utili, uniche e rispondono al tipo di domande che gli utenti di Internet vogliono sapere, troverai successo nei risultati di ricerca organici di Google.

In termini di strategia, il tuo contenuto dovrebbe colpire una corda con le emozioni umane, ma anche fornire ai robot informazioni vitali che li aiuteranno a determinare di cosa tratta il tuo contenuto. Dovrebbe trasmettere:

Traducendo chiaramente lo scopo e l’argomento, l’algoritmo AI di Google RankBrain avrà un tempo più facile per dare un senso al tuo materiale in modo che le persone che cercano “magliette Fox” troveranno l’abbigliamento da motocross Fox che cercano, gli amanti della natura troveranno magliette con il peloso animaletto disegnato sul davanti, e nessuno si infastidirà cliccando accidentalmente sull’omonima società di media.

Passaggio 4: scegli l’ottimizzazione per dispositivi mobili

Garantire che il tuo sito web sia ottimizzato per l’uso mobile è anche un aspetto importante del riconoscimento positivo da parte di RankBrain.

Non solo ai siti mobili viene data la preferenza per scopi di classificazione, le query organiche a coda lunga che RankBrain riconosce sono spesso generate da comandi vocali provenienti da utenti di smartphone. Mentre una ricerca da un laptop o da un desktop può consistere in una o due parole digitate, le query più lunghe sono più comuni quando si tratta di tendenza crescente delle ricerche verbali sui dispositivi mobili per accedere a Internet.

Passaggio 5: scrivi contenuto informativo e intuitivo

Al di là dei dettagli tecnici per la creazione di ottimi contenuti, mantenere l’attenzione su contenuti ben studiati ed educativi è la chiave per ottenere SEO e riconoscimento del ranking.

Contenuto quello innesca le emozioni o risponde alle domande gli utenti potrebbero essere visti come preziosi e degni di un alto rango nei risultati di ricerca.

Inoltre, la scrittura dovrebbe essere elaborata con cura e priva di errori, inclusa l’ortografia e la grammatica impeccabili.

Quali strumenti utilizzi per cercare frasi di parole chiave? Hai qualche consiglio su come gestire Google Rankbrain?

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *