Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come utilizzare Analytics per determinare il valore in dollari del contenuto

Come utilizzare Analytics per determinare il valore in dollari del contenuto

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Sono un ragazzo dei dati. Creativo, anche, ma molto guidato dai dati e dal ROI.

Se hai difficoltà a trovare contenuti per il tuo sito / blog (o se desideri semplicemente capire meglio il tipo di contenuto che ti mette i soldi in tasca), continua a leggere!

Nonostante sia libero, Google Analytics è uno strumento estremamente potente. È anche facile da configurare. Registrati semplicemente per un account Google e installa il tuo codice di monitoraggio e sei pronto per iniziare a raccogliere dati.

È attraverso un po ‘di pianificazione e configurazione aggiuntive, tuttavia, che inizia davvero a trarre vantaggio dalla tua attività.

Definendo gli obiettivi

Ogni volta che assumiamo un nuovo cliente, una delle prime cose che guardo è se hanno o meno obiettivi impostati in Google Analytics. Mi lascia perplesso quante volte non viene monitorato assolutamente nulla, specialmente quando è la seconda o la terza volta che lavorano con un’agenzia.

Un altro problema frequente è trovare obiettivi che sono stati impostati senza alcun tipo di valore monetario assegnato. Anche io ho commesso questo errore quando ho iniziato – è estremamente comune.

Se sei nuovo in questo processo (o semplicemente desideri un aggiornamento), Google dispone di alcune ottime risorse fondamentali per aiutarti a far partire la palla:

I siti di e-commerce semplificano la valutazione delle entrate e del ROI perché Google Analytics raccoglie tutti i dati sulle vendite (con un po ‘di aggiustamenti). Se non gestisci un sito di e-commerce, è fondamentale assegnare valori monetari appropriati al completamento degli obiettivi sul tuo sito web. In questo modo ti aprirai a un mondo completamente nuovo di capacità di tracciamento: non importa se sei una grande azienda o una sola (donna) operazione che gestisce un sito sul tuo gatto.

Determinazione del valore obiettivo

Non tutti gli obiettivi sono uguali.

Un abbonato al blog ≠ un’iscrizione alla newsletter ≠ una richiesta di assistenza.

Ad esempio, se la vendita una tantum media del tuo servizio principale è di $ 10.000 e il 15% dei tuoi lead effettua l’acquisto, ogni lead vale $ 1.500. Se vuoi tenere conto del margine di profitto e tale margine è, diciamo, del 40%, ogni lead vale effettivamente $ 600.

Formule
$ 10.000 x 15% = $ 1.500 / lead $ 10.000 x 40% x 15% = $ 600 / lead

Stabilire queste cifre ti consente anche di sapere quanti soldi puoi spendere per l’acquisizione di lead ed essere comunque redditizio.

Per le micro conversioni che portano le persone lungo il tuo funnel, il loro valore è in genere molto inferiore. Qualcuno che si iscrive alla tua newsletter potrebbe valere $ 5, mentre qualcuno che si iscrive al tuo blog potrebbe valere solo $ 2.

Una volta determinate queste cifre e fissati gli obiettivi, puoi iniziare a guardare il valore individuale che ogni pagina e articolo porta al tuo sito web.

Capire il valore della pagina

“Valore pagina” è una metrica a livello di hit, il che significa che si applica solo a una pagina specifica e non alla sessione complessiva della visita di un utente. In confronto, “Completamenti obiettivo” e “Valore obiettivo” sono metriche a livello di sessione e non direttamente attribuibili a una pagina. In altre parole, non sarebbe accurato esaminare il numero di completamenti obiettivo fornito per una pagina specifica. Le singole pagine non forniscono obiettivi e conversioni; semplicemente spostano le persone attraverso la tua canalizzazione e verso una conversione.

Uno dei migliori articoli che potresti mai leggere su questo argomento e la sua importanza è l’articolo di Avinash Kaushik sulle metriche a livello di sessione e hit. In quanto tale, ciò su cui vuoi concentrarti quando esamini l’impatto di contenuti specifici sul tuo sito è la metrica “Valore pagina”.

Per una spiegazione approfondita di come viene calcolato il valore della pagina, vedere Questo articolo di Google.

Valutazione del valore della pagina

Inizia andando su Comportamento> Contenuto del sito> Tutte le pagine. Questo è quello che vedrai:

Applicazione di filtri

A seconda di dove risiede il contenuto e di cosa si desidera analizzare, è possibile aggiungere un filtro che includa il traffico solo da una directory specifica. Se, ad esempio, vuoi valutare solo i post del tuo bloge il tuo blog risiede in / blog /, fai clic sul link “avanzato” accanto alla casella di ricerca e utilizza il seguente filtro:

Una volta applicato, solo le pagine all’interno del file / blog / verrà visualizzata la directory.

Esaminando i risultati, tuttavia, potresti vedere alcune categorie o tipi di URL che non desideri includere:

  • /pagina 2/
  • / pagina / 3 /
  • / categoria / senza categoria /
  • /etichetta/
  • eccetera.

Senza l’ottimizzazione delle impostazioni / plug-in del tuo blog, potrebbero essercene una manciata di altri.

Invece di escludere ciascuno di questi un filtro alla volta, puoi utilizzare una semplice riga di regex per catturare tutto in una volta:

/ page / | / senza categoria / | / tag /

L’ultima cosa da considerare prima di valutare il valore della pagina è la dimensione del campione. Una pagina può sembrare avere un valore significativo, ma se il numero di visualizzazioni di pagina uniche è troppo basso, tale valore può essere fuorviante. Invia più traffico verso di lui e guarda cosa succede prima di trarre conclusioni.

Tieni inoltre presente che “troppo basso” dipenderà, ovviamente, dalla quantità di traffico che il tuo sito riceve nel suo insieme.

Come minimo, consiglio di impostare un filtro per escludere le pagine con meno di 10 visualizzazioni di pagina uniche. Questo aiuta a eliminare le anomalie:

Con tutti i filtri applicati, ora hai un insieme di dati leggermente più ristretto con cui lavorare.

Interpretazione del valore della pagina

Ordina per valore pagina e inizia a guardare le tendenze, i modelli e i migliori risultati:

Analizzando questi dati, puoi vedere esattamente quale tipo di contenuto, articoli e categorie forniscono il maggior valore.

Sebbene il traffico in questo esempio sia limitato, questi stessi passaggi funzionano per qualsiasi sito, indipendentemente dalla popolarità corrente.

Conclusione

Con un po ‘di preparazione e utilizzo del filtro, puoi saperlo Esattamente quale contenuto è più prezioso per il tuo sito web e continua a creare pezzi simili. Che sia per te o per un cliente, dedicare un po ‘di tempo in più per raccogliere e valutare queste informazioni è un gioco da ragazzi.

Biografia dell’autore

Jed Kent fa tutto ciò che riguarda SEO / SEM Attitudine digitale, un’agenzia di marketing digitale a servizio completo e basata sui dati a Portland, Oregon. Seguitelo Twitter E Google+ per contenuti freschi e articoli di qualità selezionati con cura.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *