Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come utilizzare l’analisi del divario tra parole chiave per ottenere i post degli ospiti

Come utilizzare l’analisi del divario tra parole chiave per ottenere i post degli ospiti

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

I giorni del guest blogging esclusivamente per scopi SEO potrebbero essere finiti – Google molto tempo fa gridò la tattica– ma è comunque un ottimo modo per costruire un rapporto con il tuo settore. La pubblicazione degli ospiti è anche un modo ideale per fornire valore al tuo pubblico senza avere tu stesso una grande piattaforma, come spesso accade con nuovi marchi o siti web.

Una delle parti più impegnative di questo processo è trovare l’argomento giusto da presentare ai siti di destinazione. Ciò può essere particolarmente difficile quando ci si avvicina a siti di grandi dimensioni con centinaia o migliaia di articoli pubblicati nell’arco di molti anni. La possibilità che il tuo argomento sia già stato trattato potrebbe essere alta.

Recentemente, ho scoperto un modo semplice per trovare potenziali argomenti per i tuoi post degli ospiti che può quasi garantire che presenterai qualcosa che non hanno trattato prima. Ci vuole un po ‘di ricerca, ma può migliorare notevolmente la tua percentuale di successo quando si tratta di editor che accettano le tue idee.

Ecco come funziona:

1. Trova un sito web per cui vorresti scrivere e identifica la loro principale concorrenza organica.

2. Usa lo strumento SEMrush Keyword Gap Tool per trovare le parole chiave per le quali la concorrenza si classifica, ma il tuo sito di destinazione no.

Con questi dati, avrai molti argomenti che il tuo sito di destinazione non ha sufficientemente coperto e, con il giusto approccio, puoi creare una presentazione su misura per l’attenzione e il pubblico di quel sito. Ciò non significa che la tua idea verrà pubblicata automaticamente, ma ti aiuterà a evitare di presentare argomenti di cui hanno già discusso.

Nella tua presentazione, puoi anche alludere al fatto che i loro concorrenti più vicini hanno trattato l’argomento, il che può aiutare il tuo caso oltre ad aiutarti a rubare parte del traffico dei tuoi concorrenti.

Recentemente ho usato questa strategia per scrivere un post di contributore per Foundr.com; un sito incentrato sull’imprenditorialità in fase iniziale. Ecco uno sguardo al processo che ho usato e come puoi applicarlo alle tue campagne di guest blogging.

Trova il tuo sito web di destinazione

Molti siti Web accettano ancora post degli ospiti o contributi editoriali, quindi creare il tuo potenziale elenco di potenziali clienti dovrebbe essere semplice. Ho iniziato cercando siti di imprenditorialità, affari e marketing che sembravano accessibili e ho creato un elenco di 5-10 siti Web che volevo presentare.

Da lì, ho iniziato con Foundr.com perché il sito ha soddisfatto i miei criteri e include una pagina di contributore con informazioni su come inviare idee per i contenuti. Quando un sito offre queste informazioni, è molto più facile adattare la tua presentazione esattamente a ciò che stanno cercando.

Oltre ad essere un fan del podcast di Foundr, ho anche passato un po ‘di tempo a sfogliare i loro articoli del blog più recenti e più popolari per avere un’idea del tono, della voce e dello stile del sito. Una volta che mi sono sentito a mio agio sapendo che avrei potuto proporre un argomento che sarebbe stato prezioso per il loro pubblico, ho iniziato a cercare la concorrenza organica del sito.

Identifica la concorrenza biologica

Il rapporto SEMrush sui concorrenti organici ha identificato più di 7.500 domini che avevano parole chiave in comune con Foundr.com, inclusi siti di grandi dimensioni come Forbes.com, Entrepreneur.com e Medium.com.

Quando si scelgono i domini per eseguire l’analisi del divario di parole chiave, tuttavia, mi piace utilizzare siti che non sono troppo grandi, altrimenti otterrai molte parole chiave e argomenti che non sono necessariamente correlati al tuo sito di destinazione.

Se dovessi eseguire YouTube e Foundr attraverso l’analisi, ad esempio, otterrei migliaia di parole chiave per i ranking di YouTube che non sono correlate a Foundr.

Aiuta a identificare i siti della stessa dimensione relativa e ambito del tuo sito di destinazione e questo renderà più facile il passaggio successivo nella scelta delle parole chiave e dei potenziali argomenti di contenuto. Nella mia ricerca, ho trovato un sito che sembrava avere una grande quantità di dati con cui lavorare, ma era abbastanza concentrato da fornire risultati mirati, ed era Harvard Business Review.

Harvard Business Review copre tutto, dall’imprenditorialità alla leadership, gestione e marketing. Il sito sembrava adatto perché Foundr adotta un approccio decisamente giovane all’imprenditorialità, dove HBR è un’organizzazione senza scopo di lucro di decenni il cui obiettivo è “migliorare la pratica del management in un mondo che cambia”. Possono trattare argomenti simili, ma le loro filosofie sono diverse e ho creduto di poterlo utilizzare a mio vantaggio quando si creano idee per articoli.

Il passo successivo è stato trovare le parole chiave e gli argomenti che HBR ha classificato per quello che Foundr non aveva.

Utilizza l’analisi del divario tra parole chiave per trovare parole chiave pertinenti

Utilizzando lo strumento Keyword Gap, ho inserito HBR.org come primo dominio e Foundr.com come secondo. In mezzo, ho scelto l’opzione “Unico per le parole chiave del primo dominio”. Questo mi ha dato più di un milione di parole chiave.

Per ripulire le cose, ho ristretto i risultati in base al volume (parole chiave tra 80 e 500 ricerche) e alla difficoltà delle parole chiave (meno di 85). Questo mi ha dato un punto di partenza più gestibile di circa 150.000 parole chiave.

Successivamente, ho iniziato a esaminare le parole chiave per vedere se c’era qualcosa che potevo usare come seme di un articolo per Foundr. È qui che entra in gioco il pensiero critico e, sebbene non sia sempre divertente lavorare su centinaia di parole chiave, il tempo che dedichi a questa fase può creare o distruggere i tuoi discorsi lungo la strada.

Molte parole chiave erano correlate a carriere e gestione, tra cui:

  • Come dire a qualcuno che è stato licenziato
  • Ufficio politica hbr
  • Come scrivere una breve lettera di presentazione

Alcuni di questi possono essere buoni argomenti a coda lunga, ma Foundr riguarda imprenditori e fondatori all’inizio della carriera, non i tradizionali consigli di carriera. Dopo alcune ricerche, una delle principali parole chiave si è distinta:

  • come costruire la resilienza sul lavoro

Era qualcosa che si applicava all’imprenditorialità a causa degli enormi ostacoli e delle sfide che devono affrontare coloro che cercano di costruire imprese. La resilienza non è utile solo per i fondatori, è praticamente un requisito.

Dopo aver effettuato ulteriori ricerche sui contenuti di Foundr, inclusa una ricerca “site:” di Google, non ho trovato nessun altro articolo che sembrava riguardare lo stesso argomento. Ho avuto un vincitore.

Personalizza la tua parola chiave con un’angolazione accattivante

Una volta che hai in mente le tue parole chiave, non è sufficiente semplicemente presentare quella query di ricerca come argomento. Ti consigliamo di creare un angolo specifico per il pubblico e gli obiettivi del tuo sito di destinazione. Per Foundr, non era una forzatura mettere in relazione resilienza e imprenditorialità, ma avevo bisogno di riorientare la parola chiave per essere più concentrato sul loro marchio e sugli obiettivi di business.

Nella mia relazione, ho descritto “come gli imprenditori possono costruire una resilienza di livello mondiale ripensando al modo in cui affrontano le loro lotte e sfide”. Ho spiegato che per gli imprenditori la resilienza è spesso più importante di competenze più concrete e più facili da quantificare.

La ricerca “come costruire la resilienza sul lavoro” è poi diventata l’argomento su come costruire la resilienza mentre si costruisce un’impresa.

Ho inviato la presentazione e il giorno successivo ho ricevuto un’e-mail dall’editore che diceva che erano interessati all’articolo. Diverse bozze, revisioni e mesi dopo, l’articolo è stato pubblicato e condiviso più di 70 volte.

Conclusione

Per molti scrittori e professionisti del marketing, trovare un buon angolo per i contenuti è spesso più difficile della scrittura stessa. Utilizzando lo strumento SEMrush Gap Analysis, sono stato in grado di ridurre ore di tempo dal mio lavoro di preparazione concentrandomi su argomenti che sapevo che i siti web sarebbero stati più propensi a pubblicare. Non è un metodo infallibile per l’atterraggio dei post degli ospiti, ma può rendere il processo di sensibilizzazione molto più efficiente.

Alla fine, il successo delle tue campagne di guest post dipende dalla tua capacità di fornire un valore reale e pratico al tuo pubblico e la ricerca di parole chiave giuste può aiutarti a dimostrare quel valore in primo piano e al centro a partire dalla presentazione del tuo blog.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *