Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Come utilizzare SEMrush per dominare i motori di ricerca: prima parte

Come utilizzare SEMrush per dominare i motori di ricerca: prima parte

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Per molti, il compito di dominare il proprio settore online tramite l’ottimizzazione dei motori di ricerca senza una società di SEO rimane misterioso. Può ancora essere fatto Post-Penguin? Post-colibrì? Se è così, come fanno gli esperti SEO a realizzarlo in questo nuovo giorno ed età?

Proprio come un uomo pratico, sei bravo solo quanto gli strumenti che usi. Un esperto di marketing SEO ha una manciata di strumenti a sua disposizione a seconda della missione. Per la tua base di strategia, la ricerca di parole chiave e la conoscenza generale di chi si classifica e perché, SEMrush è un software fondamentale da avere nel tuo arsenale per pianificare e agire in base ai dati appena scoperti.

In questo post, evidenzierò come puoi utilizzare SEMrush per ottenere un ROI serio dominando i motori di ricerca.

Risultati duraturi è il nome del gioco e questo è il progetto. La nostra organizzazione ha utilizzato queste stesse metodologie su oltre 100 siti Web in vari settori con risultati estremamente favorevoli trovato qui.

Useremo un esempio di un broker di noleggio yacht e lo faremo passo dopo passo.

Nota: per raccogliere dati in abbondanza, dovresti avere almeno un account PRO su SEMrush.com.

Passaggio 1: identifica il campione SEO nel tuo settore

Google una delle tante parole chiave pertinenti al tuo campo per scoprire chi è attualmente il miglior cane nella ricerca organica. In questo caso, ho utilizzato Google e la mia query era “noleggio yacht di lusso”.

Copia e incolla l’URL scelto in SEMrush.com. Fai clic su “cerca”, quindi verrà generato il rapporto Panoramica dominio SEMrush. Scorri un po ‘verso il basso e scegli “Rapporto completo” in basso a sinistra nella casella sotto “Parole chiave organiche”. Vedrai questa pagina:

Ecco come filtrare queste informazioni:

Attiva e scegli l’opzione che desideri:

Successivamente, fai clic su “Applica”:

Troverai un pulsante “Esporta” in alto e in basso a destra. Esporta i dati appena trovati per una facile manipolazione in Excel.

Il nostro team ordina quindi i dati delle parole chiave dalla A alla Z in Excel. Dovresti iniziare a vedere uno schema. Ad esempio, scorri verso il basso fino a “L” e vedrai numerosi raggruppamenti di parole chiave che si collocano nella nicchia di lusso degli yacht. Chiamerei l’URL con qualcosa che racchiuda la maggior parte di questo raggruppamento. Ad esempio: www.mydomainhere.com/luxury-yacht-charter-rentals.

Passaggio 2: scrivi oltre 1.000 parole di contenuti accattivanti: presta attenzione ai dettagli

Abbiamo l’URL, ora sul contenuto. “Content is king” – quante volte hai sentito questa affermazione? Ora hai più di 400 idee per le parole chiave in totale e numerosi raggruppamenti con cui lavorare (con i duplicati rimossi) e di cui scrivere.

Sii un paroliere e non riempire parole chiave. È condiscendente per il tuo lettore e Google è abbastanza intelligente da valutare più della semplice densità di parole chiave.

Ora, questa potrebbe essere solo una speculazione, ma secondo me Google prende in considerazione cose come il tempo medio sul sito, la frequenza di rimbalzo, le pagine / visita, per garantire che i tuoi contenuti forniscano un’esperienza utente avvincente e favorevole. Dopotutto, Google ha un lavoro da svolgere ed è fornire ai propri utenti la migliore esperienza possibile. Perché non classificano anche un sito Web che ne fornisce uno?

Alcuni punti da seguire mentre scrivi i tuoi contenuti:

1) Raccontare una storia. Essere interessante. Lascia che la tua personalità si insinui nel contenuto in modo che le persone siano inclini a condividerlo una volta che lo trovano.

2)Utilizza le “ricerche correlate” di Google nelle SERP. Trova parole chiave a coda lunga che puoi incorporare nei tuoi contenuti. Se Google pensa che sia correlato, dovresti farlo anche tu. Queste sono ottime idee da utilizzare nelle intestazioni. Ricorda di mantenere il paragrafo seguente pertinente al sottotitolo (H1-H6) che hai scelto.

3) Usa la tua parola chiave root. Includere una variazione più lunga alla parola chiave principale da utilizzare nel tag H1.

4)Non dimenticare le parole chiave a coda lunga. Assicurati di includere alcune delle parole chiave a coda lunga nei tag H2 e H3. Scrivi con le varianti di queste parole chiave in mente, ancora una volta, in modo metodico.

5)Assicurati di includere la tua parola chiave nella prima frase e una variazione nell’ultima frase. (Guarda tutte le oltre 45 parole chiave in questo esempio di lusso. Qual è la parola radice più lunga che puoi usare che si trova nella maggior parte dei tuoi nuovi dati? In questo caso, di solito dovrebbe essere lo stesso del tuo URL).

6) Usa le immagini! Formatta la tua pagina in modo che sia bella. Niente infastidisce i lettori più di una pagina senza immagini / formattazione scadente. Utilizza i tag alt dell’immagine per descrivere le foto in modo che Google possa leggerle; queste foto dovrebbero essere correlate al tuo contenuto / strategia.

7) Spaziatura. Hai mai letto articoli di 1.000 parole con tre paragrafi? Ciò equivale a una scarsa esperienza utente. Lascia respirare gli occhi dei tuoi lettori.

Torna domani per la seconda parte per imparare come rendere quel contenuto SEO-friendly e aumentare il tuo raggio d’azione.

Biografia dell’autore:

Jason Hawkins è il presidente e co-fondatore di NoRiskSEO.com e TheMiamiSEOCompany.com. Ha oltre otto anni di esperienza nell’ottimizzazione dei motori di ricerca, nell’ottimizzazione del tasso di conversione e nella generazione di lead. Le sue responsabilità principali includono l’identificazione di modi per aumentare il valore dei servizi resi, la garanzia di tempi di risposta leader del settore da parte del personale, la formazione del personale su argomenti SEO avanzati e i processi interni di test A / B per migliorare costantemente il ritorno sull’investimento del cliente. Segui Jason su Twitter Qui.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *