Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Cosa dovresti sapere sui KPI SEO per le aziende B2B

Cosa dovresti sapere sui KPI SEO per le aziende B2B

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

La SEO consiste nel prendere decisioni e adattare la strategia in base ai dati e quei dati sono, idealmente, a indicatore chiave di prestazione (KPI). In poche parole, agire è molto più facile quando la sua efficacia può essere misurata con i dati corretti.

Un KPI dovrebbe essere utilizzato come misura del successo. Nella maggior parte dei casi, l’obiettivo di un sito Web è portare traffico, in particolare tramite query mirate. Questo è ancora il caso delle aziende business to business (B2B), ma a differenza di un sito basato sui contenuti o anche di un sito eCommerce B2C, i siti web B2B sono progettati pensando a lunghi tempi di consegna. Gli utenti non sono lì per fare acquisti, sono lì per istruire se stessi o gli altri prima di prendere una decisione. Spesso è necessario consultare più responsabili delle decisioni prima che avvenga qualsiasi transazione monetaria.

In questo caso, quali tipi di metriche dovrebbero essere considerati KPI ed essere analizzati per aiutare a definire il successo?

KPI SEO B2B meno importanti di quanto penseresti

Sessioni / Visite

Le visite sono buone. Sono necessari affinché una pagina effettui una conversione, ma mentre le visite sono importanti, è illogico pensare che anche solo portare traffico porterà conversioni. Se le visite fossero l’aspetto più importante di un sito di successo, l’attenzione sui contenuti potrebbe riguardare qualsiasi tendenza della cultura pop dell’epoca. Un annuncio di “aumento delle visite” può portare a conseguenze negative come risultato del lavoro con un obiettivo specifico a scapito della qualità effettiva.

È importante ricordare che una strategia di contenuto può essere valida solo quanto i tuoi prodotti e le soluzioni che forniscono. C’è un limite alla quantità di punti deboli che possono essere risolti. Se le visite iniziano ad aumentare a un ritmo più lento o, peggio, diventano stagnanti, l’espansione a parole chiave a volume elevato, meno pertinenti (e di qualità inferiore) non si qualifica come successo.

Classifiche SERP

Sappiamo tutti che un posizionamento più alto significa più impressioni, ma ci sono molti modi per generare traffico senza essere ben classificati. Quando un cliente chiede un rapporto sulla classifica, al contrario di un rapporto sui lead, è difficile spiegare perché i due non si escludono a vicenda. Guardare le classifiche isolate rispetto ai rapporti sul volume delle parole chiave e sulla qualità del traffico che sta portando significa che potresti avere dieci parole chiave classificate nelle prime cinque posizioni, ma il volume di ricerca totale è solo di 100 al mese.

Inoltre, un posizionamento più alto non genera più lead.Un modo per spiegarlo è con esempi specifici, come l’importanza attraverso la saturazione dei motori di ricerca e i social media. occupando più spazio o più risultati nella pagina del motore di ricerca.

I 6 KPI SEO B2B più importanti

1) ROI

La parola “gratis” viene scartata quando si parla di traffico organico, ma il monitoraggio delle risorse nello sviluppo di contenuti e risorse dovrebbe sempre essere confrontato con le entrate che generano. Un enorme progetto incentrato su contenuti specifici costa denaro per creare. Se quel contenuto non genera entrate, direttamente o indirettamente, non dovrebbe essere considerato di successo.

Ad esempio, assicurandosi che esista un modo per acquisire un lead dal contenuto o dalla risorsa fornita, di solito attraverso il riempimento di un modulo, può esserci un valore associato a quella particolare pagina o white paper e può essere stabilito un ritorno sull’investimento.

2) Conversioni totali in entrate

Per la maggior parte dei siti Web, l’obiettivo è fare soldi. Il monitoraggio della quantità di lead organici che si convertono in vendite, o dei visitatori direttamente in vendita, ti consente di assegnare un valore a questi tipi di conversioni, che a sua volta ti aiuta a concentrarti su contenuti specifici per aiutare a costruire quei lead. obiettivi bene e porta molto traffico organico, ma NON converte le vendite, non ha successo.

3) Conversioni totali / Completamenti obiettivo in vendite

Le conversioni totali sono uno dei KPI più importanti. Poniti questa domanda: una pagina che acquisisce 2.000 visite e ne ha convertite 250 in lead “superiore” a una pagina che riceve 8.000 visite e ne converte 95 in lead? Beh, dipende. La maggior parte dei lead della pagina meno visitata si è convertita in vendite? Se sì, la pagina con meno visite è di qualità superiore.

La pagina che ha più conversioni è semplicemente più preziosa in questo senso.

4) Valore obiettivo

Il valore obiettivo è un valore monetario assegnato a ciascuna specifica interazione. Questo valore è solitamente la media delle entrate prodotte, divisa per il numero totale di lead per l’obiettivo specifico. Maggiore è questo importo, migliore è la qualità della risorsa o della pagina. Ad esempio, 41 vendite di white paper organici / 1054 lead organici = 0,039. Moltiplicalo per $ 5456 delle entrate generate e avrai un valore di $ 212,78 per lead.

5) Tasso di conversione all’obiettivo

Il tasso di conversione all’obiettivo è la percentuale di visitatori che vengono trasformati in lead o vendite (a seconda del modello). Questo KPI fornisce ai SEO informazioni su quali pagine necessitano di quali tipi di ottimizzazioni sulla pagina. Nessuna pagina convertirà il 100% dei visitatori, ma c’è sempre l’opportunità di migliorare il tasso di conversione (attraverso l’ottimizzazione del tasso di conversione, il test a / b, ecc.) Quando un posizionamento nei motori di ricerca più elevato è irraggiungibile o supera il costo della creazione di contenuti.

6) Link in entrata

La misurazione dei link in entrata è molto meno implicita quando si assegna un valore, ma possiamo misurare alcuni indicatori come la quantità totale di link e il PageRank / Page Authority / Domain Authority di quei link. Sappiamo che esiste una correlazione diretta tra la qualità del profilo dei link in entrata di un sito e il suo posizionamento nei motori di ricerca, ma purtroppo un effetto diretto è difficile da quantificare. Queste metriche danno una buona idea della qualità dei collegamenti e dei domini da cui provengono questi collegamenti e queste informazioni aiutano a indirizzare i futuri sforzi di sensibilizzazione dei collegamenti, il che contribuisce in definitiva al posizionamento nei motori di ricerca della tua pagina.

Conclusione

I KPI sono significativi solo se usati correttamente. Prendi i dati e prendi una decisione basata su quei dati per migliorare le metriche KPI, che aumenteranno le entrate. La gestione dei KPI può rivelarsi difficile o costosa se il KPI non è impostato correttamente o non viene assegnato un valore appropriato, ma se applicato correttamente, possono migliorare il tuo sito Web e aumentare notevolmente i tuoi profitti.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *