Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Cosa hanno in comune?

Cosa hanno in comune?

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

SEO e chitarra elettrica: entrambi hanno rivoluzionato il mondo della musica, dato vita a diversi generi di rock and roll e ispirato innumerevoli adolescenti a fantasticare di diventare musicisti famosi.

Ok, forse è solo la chitarra elettrica. Tuttavia, queste due discipline apparentemente non correlate hanno più in comune di quanto si possa pensare. In onore del mese dell’hobby nazionale, confrontiamo uno dei miei hobby preferiti con uno degli aspetti più importanti del marketing digitale oggi.

Entrambi possono renderti famoso

Cerca famoso, almeno. La classifica nella prima pagina per “dentisti a Orlando” potrebbe non essere così impressionante come l’eredità musicale duratura lasciata da chitarristi leggendari come Jimi Hendrix e BB King, ma ti farà vedere da molte più persone, proprio come diventare un grande chitarrista .

Considera le statistiche di traffico sui siti web classificati nella prima pagina di Google. Moz ha riferito che la percentuale di clic collettiva per i risultati di ricerca organici sulla prima pagina era superiore al 71%. Passa alla seconda pagina e puoi aspettarti il ​​tuo Il CTR precipiterà al di sotto del 4%, una diminuzione di oltre due terzi.

In termini di visibilità, i siti elencati nella prima pagina dei risultati sono come i chitarristi rockstar di Google – senza droghe, alcolici eccessivi e stanze d’albergo distrutte.

Entrambi coinvolgono molti piccoli elementi

Anche se suonano lo stesso brano, non esistono due chitarristi esattamente uguali. Ci sono tanti fattori minori che possono cambiare il suono di un musicista: oltre alla chitarra stessa ci sono l’amplificatore, i pedali degli effetti, lo spessore del plettro, il calibro delle corde e così via.

La SEO è allo stesso modo. Sebbene ci siano alcuni fattori più importanti di altri, devi comunque preoccuparti di meta titoli, tag di intestazione, meta descrizioni, URL di slug, categorie di siti, densità di parole chiave, backlink, testo di ancoraggio e una dozzina di altri fattori.

I migliori chitarristi sono maestri di ogni singola sfumatura dell’attrezzatura che usano, noti collettivamente come “rig”. È lo stesso con la SEO: i siti ottimizzati al meglio accettano qualunque cosa in considerazione, anche le piccole cose. Tutti questi fattori si combinano per aiutare a spingere il tuo sito più in alto nelle pagine dei risultati di ricerca.

Entrambi cambiano frequentemente

La SEO potrebbe avere un piccolo vantaggio in questa categoria: Google cambia il suo algoritmo centinaia di volte l’anno e le persone con una conoscenza di base della SEO sanno che ciò che conta per l’ottimizzazione della pagina può cambiare su base annuale o addirittura mensile.

Ma anche la chitarra è cambiata in molti modi. L’avvento di Internet e delle lezioni video ha portato ai chitarristi del futuro un metodo completamente nuovo per imparare il loro mestiere. La tecnologia utilizzata nei pedali per effetti, pickup e amplificatori continua ad avanzare. In entrambi i campi, i migliori professionisti stanno attivamente prestando attenzione ai nuovi sviluppi e li utilizzano per migliorare le proprie capacità.

Entrambi dipendono da un ottimo supporto

In ogni stile di musica tranne che per il jazz e la classica, è quasi impossibile per un chitarrista farlo da solo. Immagina i riff blues di Jimmy Page senza il ritmo costante fornito da John Bonham e John Paul Jones, o le frasette maniacali e distorte di Eddie Van Halen senza la voce roca di David Lee Roth.

Anche i cantautori che suonano da soli di solito si affidano al canto per completare il loro modo di suonare la chitarra. Hai mai visto un virtuoso chitarrista fare a pezzi un milione di note al secondo mentre il resto della band sta dietro di loro, facendo i movimenti per raccogliere uno stipendio?

La SEO ha un ruolo simile nell’insieme del marketing digitale. Certo, ottimizzare la tua pagina per i motori di ricerca è importante, ma hai anche bisogno di contenuti di valore, una presenza sui social media, un sito web facile da usare e un buon design visivo. Una strategia di marketing che si concentra sulla SEO e ignora tutto il resto non sarà efficace, proprio come una band che mette in mostra il proprio chitarrista a scapito degli altri membri non sarà uno spettacolo interessante.

Entrambi richiedono un po ‘di tempo per imparare

Esistono migliaia di post di blog, corsi online, video, podcast e altre forme di contenuto progettati per aiutarti a imparare la SEO. Per chi non lo sapesse, possono volerci mesi per divorare quante più informazioni possibili per acquisire conoscenze sufficienti per pareggiare inizio avere un impatto sul posizionamento del tuo sito.

Quindi devi implementarlo.

Imparare a suonare la chitarra è allo stesso modo. Steve Vai, che ha frequentato il Berklee College of Music e ha suonato nella band di Frank Zappa nei primi anni ’80, ha detto Chitarrista a cui era solito pratica 12 ore al giorno. Il famoso virtuoso del metal Yngwie Malmsteen ha smesso di frequentare la scuola all’età di 15 anni, dedicando il resto della sua adolescenza a suonare la chitarra.

Dovresti dedicare 12 ore al giorno all’apprendimento della SEO? Probabilmente no, proprio come la maggior parte degli aspiranti musicisti non dovrebbe abbandonare la scuola per inseguire il sogno di diventare un famoso chitarrista. Ma se vuoi diventare davvero bravo in una di queste abilità, guardale più come una maratona che come una gara: dedica costantemente tempo per imparare, pratica ciò che sai il più spesso possibile e, soprattutto, goditi il ​​viaggio.

Raj Chander è uno scrittore e marketer freelance con sede a Washington, DC e direttore di produzione presso Operazioni del pubblico, un’agenzia di content marketing. Gli piace imparare e scrivere sul marketing dei contenuti per aiutare i suoi clienti a raggiungere e sostenere la crescita.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *