Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Fornito. Tre modi per ottenere l’accesso ai dati delle parole chiave

Fornito. Tre modi per ottenere l’accesso ai dati delle parole chiave

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Recentemente, Google ha annunciato che cambierà tutte le ricerche in ricerca crittografata entro i prossimi mesi. Presto non ci saranno più dati sulle parole chiave nei pacchetti di Analytics. Questo cambiamento ha lasciato il settore del marketing online sbalordito e devastato, mentre cercano di capire come riprendersi da una così massiccia perdita di dati e, di conseguenza, informazioni sui consumatori e sul pubblico di destinazione.

Indipendentemente dall’intenzione di Google, questa modifica è irrevocabile. La mia convinzione è che il meglio che puoi fare come marketer online è ADATTARCI ed EVOLVERE. Se Google ha apportato questa modifica per aumentare i profitti, proteggere la privacy o rendere più difficile il nostro lavoro, la domanda chiave è: cosa farai TU al riguardo?

Tre modi per ottenere l’accesso ai dati delle parole chiave

Crittografando la ricerca, nessun Analytics avrà accesso ai dati delle parole chiave. Di conseguenza, non puoi aggirare questo problema passando a un’altra piattaforma di analisi. Innanzitutto, inizia con l’accettazione della realtà: non avremo più accesso GRATUITAMENTE al tipo di dati che tutti eravamo abituati ad avere. Questo è il primo passo nel viaggio verso i dati delle parole chiave in un mondo post “Non fornito”.

Utilizza Google AdWords per pagare i dati delle parole chiave

Google ha annunciato che i dati delle parole chiave continueranno a essere disponibili per i clienti AdWords. Molti lo citano come un tentativo machiavellico di aumentare le vendite di AdWords. È vero che i dati che una volta erano gratuiti ora avranno un costo. Tuttavia, puoi utilizzare AdWords come meccanismo di test per fornirti informazioni sulle parole chiave, che puoi quindi utilizzare nella tua campagna organica.

Ad esempio, puoi eseguire una campagna di “corrispondenza generica” ​​per un periodo predeterminato per individuare le principali parole chiave ricercate. Se imposti il ​​monitoraggio delle conversioni e degli obiettivi, puoi anche ottenere informazioni dettagliate sul valore di ciascuna parola chiave. Utilizzando questi dati, puoi quindi assegnare la priorità alle parole chiave da utilizzare per le tue campagne di content marketing.

Usa SEMrush per trovare le parole chiave per le quali stai classificando

Utilizzando SEMrush, puoi ottenere informazioni sulle parole chiave che Google potrebbe associare al tuo sito. Basandosi su un database di milioni di parole chiave, SEMrush è in grado di associare il tuo sito a termini pertinenti e fornirti informazioni dettagliate sul rendimento del tuo sito per quelle parole chiave. Puoi vedere dove si posiziona il tuo sito, volume di traffico stimato per quel termine, costo per clic stimato e altro ancora.

Quindi, correlando questi dati con i numeri di traffico per quelle pagine, puoi avere un’idea di quanto traffico stanno inviando quelle parole chiave.

Avrai bisogno di una manipolazione pratica, come il raggruppamento delle parole chiave per pagina di destinazione, per ottenere dati accurati, ma almeno può dare un’idea delle parole chiave che inviano traffico al tuo sito. Quindi, come quelle pagine si convertono e interagiscono.

Utilizza Strumenti per i Webmaster per i dati (alquanto imprecisi)

Se colleghi il tuo sito web a Strumenti per i Webmaster, puoi accedere al rapporto “Query di ricerca” per visualizzare le principali parole chiave che inviano traffico al tuo sito, nonché clic, impressioni, CTR e posizione media medi. Dr. Pete di Moz ha scritto un articolo sulla relativa accuratezza di questi dati, quindi può essere utilizzato come guida, ma non come informazione definitiva.

Data la volatilità di Google, ti consiglio vivamente di scaricare tutti i tuoi dati di Analytics per tutto il tempo in cui hai installato Analytics. Fai lo stesso con i dati delle parole chiave degli Strumenti per i Webmaster! Salva i dati per riferimento futuro.

Nel frattempo, puoi controllare regolarmente le parole chiave che appaiono nel tuo account WMT per trovare parole chiave su cui concentrare i tuoi sforzi SEO.

Vivere nel mondo “Parola chiave non fornita”

So cosa stai pensando: questo non è certo un sostituto adeguato per quello che una volta avevamo a portata di mano gratuitamente. È una dura realtà, ma per la quale non possiamo fare nulla. Invece, è meglio concentrarsi sui metodi per utilizzare i dati che HAI a portata di mano. Utilizza i dati delle tre fonti sopra per ottenere informazioni sui tuoi clienti in modo da poterti concentrare sul marketing dei contenuti sociali. Espandersi oltre Google e creare una community di utenti coinvolti tramite i social media non è più un optional. Chissà cosa faranno dopo? Inizia a prepararti per ciò che potrebbe accadere e ad evolversi ora!

Biografia dell’autore:

Marcela De Vivo è una SEO dal 1999. Puoi trovare il suo ultimo articolo per SEMrush qui: “Cinque passaggi per uscire dalla Penalty Box di Google”.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *