Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Hack SEMrush, Lengow e AdWords per aumentare le vendite

Hack SEMrush, Lengow e AdWords per aumentare le vendite

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Vuoi arrivare in cima ai risultati di ricerca di Google Shopping in modo che gli acquirenti trovino effettivamente i tuoi prodotti invece di quelli venduti dai tuoi concorrenti? Quindi prova questo trucco con SEMrush, Lengow e AdWords.

In quattro semplici passaggi, puoi assicurarti di massimizzare le tue schede di prodotto su Google Shopping

1) Concentrati su (ed escludi) parole chiave specifiche

Se vuoi aprire la porta a più vendite, devi digitare le parole giuste … gioco di parole.

Quindi, ad esempio, se vuoi distinguiti dalla folla dei mercanti vendendo varie versioni di Surface di Microsoft, devi essere specifico (scrivi Surface Pro 3 per evitare le persone che cercano Surface RT; raggiungere il tuo pubblico di destinazione è fondamentale).

Non vuoi che il tuo prodotto sia un ago in un pagliaio? Uso SEMrush per scoprirlo quali parole chiave contano.

Consulta il rapporto sulla corrispondenza a frase e il rapporto sulle parole chiave correlate di seguito per vedere un esempio di rapporto di SEMrush sul volume di ricerche per parole chiave. Puoi notare che più persone cercano “Surface Pro 3” rispetto a “Microsoft Surface”, quindi dovresti considerare di evitare inutili citazioni di nomi di marchi in casi come questo.

Puoi anche vedere quali parole chiave a corrispondenza inversa utilizzare grazie all’analisi di alto livello di SEMrush (scopri di più su questo argomento più avanti nella sezione 4 di questo post).

2) Usa SEMrush per vedere quali parole chiave usano i tuoi concorrenti

L’utilizzo delle eccellenti funzionalità di SEMrush rivelerà come gli altri commercianti descrivono i loro prodotti.

Assicurati di tenere regolarmente traccia delle parole chiave che utilizzano nei titoli e nelle descrizioni dei prodotti.

Suggerimento: usa i filtri di SEMrush per digitare sul parole giuste… di nuovo, gioco di parole decisamente inteso.

Dopo aver eseguito l’audit SEO con SEMrush, puoi utilizzare Lengow per ottimizzare i tuoi titoli.

3) Usa Lengow per ottimizzare il tuo annuncio

Un aspetto importante del marketing del tuo prodotto sarà la messa a punto dei titoli che utilizzi per descriverli in modo che siano il più accurato possibile.

Supponiamo che tu voglia vendere il suddetto Surface.

È necessario riscrivere un titolo mediocre come “Surface Pro 3, con Intel e Stylus” utilizzando Lengow in modo che gli acquirenti lo trovino più velocemente.

Per renderlo più accattivante e ricercabile, includi dettagli utilizzando i dati disponibili in altri campi dal tuo feed di prodotto (come il colore di Surface, la dimensione della memoria [i.e. 64 GB] e le dimensioni dello schermo). Essere molto preciso.

Ricorda i consigli di Google su come hanno progettato le loro piattaforme per gli utenti. Mettiti nei panni di chi cerca prodotti: utilizza parole chiave che la persona media digita.

Esempio: anche se il nome ufficiale di Microsoft per uno dei colori della sua superficie è “Titanio scuro”, è necessario utilizzare la parola chiave “nero” perché la maggior parte degli acquirenti la cerca.

Per riassumere, puoi apportare una modifica come quella qui sotto per aumentare le tue possibilità di vendita.

Prima: “Microsoft Surface Pro 3 Intel con penna”

Dopo: “Surface Pro 3, nero, 64 GB, 12” di Microsoft “

4) Utilizza AdWords per scrivere parole chiave a corrispondenza inversa

Per completare il lavoro, devi utilizzare parole chiave a corrispondenza inversa in AdWords per avere una precisione ancora maggiore con la tua scheda. Le parole chiave a corrispondenza inversa sono definite su il blog di SEMrush come “qualsiasi termine di ricerca che ti consente di filtrare il tuo pubblico di destinazione sui motori di ricerca”.

Ad esempio: set RT, Surface 2 e Surface Pro 2 come parole chiave a corrispondenza inversa in modo che le persone che cercano Surface Pro 3 ti trovino.

Vuoi scoprire le best practice per ottenere il massimo da Google Shopping?

Scarica White paper di Lengow su Google Shopping adesso!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *