Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Hai configurato il tuo sito per Googlebot internazionale?

Hai configurato il tuo sito per Googlebot internazionale?

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Una volta ogni tanto, il mondo SEO è soggetto a un grande cambiamento che scuote le sue placche tettoniche virtuali fino al midollo. Nel gennaio di quest’anno, il tremito di questo imminente terremoto è passato inosservato. Ciò è stato caratterizzato da un cambiamento nelle basi fondamentali delle migliori pratiche SEO a livello internazionale.

A gennaio, Google ha migliorato la capacità di Googlebot di valutare il modo in cui i contenuti cambiano in base alla posizione di un utente – indicata dall’indirizzo IP – e dalle impostazioni della lingua preferita – tramite l’intestazione Accept-LanguageHTTP. Oggi, sempre più aziende hanno ristrutturato i loro siti Web per essere in grado di offrire contenuti dinamicamente in base alla lingua o al paese dell’utente.

In che modo Google esegue la scansione e l’indicizzazione dei contenuti internazionali

La stessa Google ha ammesso di avere alcuni problemi nell’identificazione e nell’indicizzazione di contenuti / contenuti internazionali in diverse lingue in questo modo. Secondo la sezione della guida di Google Search Console, in alcuni casi Google potrebbe non riuscire a eseguire la scansione, classificare o indicizzare i contenuti internazionali perché gli indirizzi IP predefiniti dei suoi crawler provengono dagli Stati Uniti.

Inoltre, il crawler di Googlebot attualmente invia richieste HTTP senza configurare l’impostazione Accept-Language nell’intestazione. Google ha descritto in dettaglio come ignorare alcune pagine adattive alle impostazioni locali.

Affinché Google faciliti la scansione e l’indicizzazione di queste pagine adattive alle impostazioni locali, utilizza un modello di scansione basato sulle impostazioni locali, che offre contenuti migliori per gli utenti a livello globale. La scansione in base alle impostazioni locali si verifica quando Googlebot esegue la scansione in una o entrambe le seguenti configurazioni:

  1. Scansione geografica distribuita

Sembra che il bot stia utilizzando indirizzi IP provenienti al di fuori degli Stati Uniti e indirizzi IP consolidati negli Stati Uniti. Google consiglia di trattare Googlebot che sembra provenire da un determinato paese come un utente proveniente da quel paese.

Quindi, ad esempio, se gli utenti della Papua Nuova Guinea possono visualizzare determinati contenuti nel tuo sito ma gli utenti dalla Germania no, Googlebot che sembra provenire dal primo dovrebbe essere consentito mentre dal secondo non dovrebbe essere consentito. Nel tempo, l’elenco degli indirizzi IP dei paesi da cui sembra provenire Googlebot cambierà.

  1. Scansione dipendente dalla lingua

Il bot eseguirà la scansione con il campo Accept-Language configurato nell’intestazione HTTP. Per tali contenuti, Googlebot applica una serie di segnali per tentare di eseguire la scansione dei contenuti di tali siti applicando varie intestazioni HTTP Accept-Language. In quanto tale, Google ha maggiori possibilità di scoprire, indicizzare e classificare i contenuti di quella pagina nelle diverse lingue supportate.

I siti adattivi alle impostazioni locali devono quindi confermare che i loro siti hanno una configurazione per supportare entrambi i modelli di scansione. Al momento, il bot è in grado di riconoscere determinati segnali per valutare se un sito Web ha contenuti adattivi alle impostazioni locali, che includono:

  • Siti che offrono contenuti diversi su URL non modificati in base alle impostazioni di geolocalizzazione dell’utente
  • Siti che offrono contenuti diversi su URL non modificati in base all’impostazione del campo Accept-Language sul browser dell’utente
  • Siti che bloccano completamente l’accesso a seconda del Paese da cui provengono le richieste

Pertanto, i SEO che hanno clienti che generano contenuti per un pubblico internazionale / non anglofono devono comprendere l’impatto delle imminenti modifiche alla scansione di Googlebot e sapere come verificare se i loro siti hanno una configurazione per facilitare la scansione internazionale di Google.

Pattern di scansione per indirizzi IP non statunitensi

Da gennaio, Googlebot è stato in grado di eseguire la scansione da indirizzi IP di paesi diversi dagli Stati Uniti. A seconda della posizione dell’indirizzo IP, Google è in grado di capire se il contenuto fornito da una determinata pagina / sito è diverso per gli utenti a livello internazionale. Può anche valutare se la versione appena trovata di quella pagina / sito potrebbe essere più pertinente per un utente in un determinato paese.

Immaginabilmente, questo fornisce un notevole miglioramento nell’esperienza di ricerca degli utenti che non parlano inglese, assicurandosi che la versione di un sito / pagina creata per il loro paese sia visibile nei risultati di ricerca.

Verifica della configurazione del tuo sito

Se tu o il sito web del tuo cliente offrite contenuti dinamici adattivi alle impostazioni locali in base all’indirizzo IP dell’utente, potete utilizzare i servizi proxy internazionali per verificarlo. La maggior parte dei crawler come Screaming Frog consente la configurazione del proxy, che consentirà l’identificazione automatica delle non ottimizzazioni SEO dal punto di vista degli utenti internazionali.

Accept-LanguageHeader

Più siti utilizzano automaticamente l’impostazione dell’intestazione Accept-Language per modificare la lingua del proprio contenuto web. Lo schema di scansione adattivo alle impostazioni locali di Google può ora inviare richieste dinamiche ai siti. Il bot invierà una richiesta per una pagina specifica del sito, con una lingua preferita specificata.

L’effetto è simile a come configureresti il ​​tuo browser in base alle tue preferenze di lingua da Chrome >> Preferenze >> Lingue se utilizzi Google Chrome. (Potrebbe essere necessario fare clic su “impostazioni avanzate” nel menu Preferenze per trovarlo.)

Come modificare le impostazioni di configurazione

È possibile utilizzare lo strumento di test delle pagine adattivo alle impostazioni locali di Merkle e specificare le lingue specifiche che si desidera verificare. Puoi specificare fino a 10 URL e selezionare da Google, Bing o normali agenti utente, quindi eseguire lo strumento.

Dai risultati, puoi dire quali siti hanno una configurazione corretta, anche se tutti i tuoi contenuti cambiano dinamicamente in base all’impostazione dell’intestazione Accept-Language. Per le pagine correttamente configurate, l’impostazione Accept-Language (prima colonna) deve corrispondere all’impostazione Content-Language (quarta colonna).

Conclusione

Il cambiamento nello schema di scansione internazionale di Googlebot potrebbe non aver avuto un impatto così grande sulla SEO oggi, ma promette di avere un impatto drammatico in futuro.

Oltre ad affrontare il problema dei contenuti offerti dinamicamente tramite la scansione in grado di riconoscere le impostazioni locali, è importante notare che Google preferisce ancora l’uso di URL separati che sono stati adeguatamente annotati per i diversi contenuti utilizzando l’annotazione hreflang rel = alternate.

Devi capire la contraddizione che questo presenta. Perché Google preferisce l’uso di URL separati? Potrebbe essere dovuto al fatto che con più siti che si uniscono al carrozzone dei contenuti offerti dinamicamente, Google troverà più difficile identificare quale contenuto esiste attualmente? È una possibilità che porta più di un semplice merito.

Poiché sempre più siti web si ristrutturano per soddisfare le esigenze degli utenti internazionali offrendo contenuti adattivi alle impostazioni locali, Google deve sviluppare più configurazioni di scansione per tenersi informati sui contenuti e quindi essere in grado di comprendere il quadro completo. Sebbene gestibile su piccola scala, considerando le implicazioni dell’applicazione su larga scala dell’adattabilità locale lascia senza dubbio il gigante dei motori di ricerca in una posizione precaria.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *