I più grandi titoli del 2018

I più grandi titoli del 2018

Nell’ultimo anno, abbiamo curato le notizie da Google per fornirti le informazioni più recenti sugli sviluppi nella ricerca, negli annunci e negli strumenti e progetti correlati. Ora è il momento di fare un bilancio, non solo perché è la fine dell’anno, ma perché Google ha compiuto 20 anni. Il gigante della ricerca è andato pubblico nel suo quinto anno con la sua IPO nel 2004.

Potresti chiederti come sia possibile distinguere i contenuti più importanti dal volume scoraggiante di notizie, aggiornamenti e modifiche di Google (e all’inizio, anche noi). Ma dopo un’analisi approfondita, siamo riusciti a ridurlo a tre categorie generali e argomenti rilevanti da condividere con voi nelle nostre sintesi bimestrali.

Quindi ora, esaminiamo le notizie di Google che hanno catturato i nostri titoli e più influenzato il nostro mondo digitale collettivo nel 2018!

NOTIZIE DI RICERCA GOOGLE

1. L’indice Mobile-First è arrivato

Dopo numerosi test ed esperimenti, Google ha iniziato a lanciare la sua indicizzazione mobile first per più siti a marzo. Ora, la maggior parte dei siti viene indicizzata e classificata in base a iniziativa mobile first.

Spunti di riflessione nel 2019: Non dovrebbe sorprendere che il mobile domini la ricerca. Per coloro che sono rimasti scettici o procrastinati, è tempo di diventare reali e diventare amichevoli con i dispositivi mobili.

2. Page Speed ​​Update

Se non eri convinto che la velocità della pagina sia importante, quest’anno deve aver fugato ogni dubbio persistente. Google ha finalmente annunciato che la velocità della pagina è un fattore di ranking per la ricerca mobile nel gennaio 2018. E per semplificare il tuo lavoro, Google ha aggiornato il suo strumento PageSpeed ​​Insights. Coloro che non possono investire nel tempo o nelle risorse per accelerare la velocità della pagina del proprio sito non dovrebbero abbandonare la speranza: secondo Google, avrai sempre la possibilità di classificarti nelle sue SERP purché fornisci contenuti pertinenti e di prim’ordine.

Spunti di riflessione 2019: Dovresti comunque lavorare su quella velocità della tua pagina!

3. Un nuovo anno di vita con una nuova SERP

Lo adori o lo odi, ma il nuovo design SERP per desktop è attivo e funzionante. Presenta una barra di ricerca Google più arrotondata e un’intestazione appiccicosa, ma ovviamente non è tutto in serbo per il 2019. Da migliaia di modifiche al design, alle funzionalità e ai formati della SERP, abbiamo scelto di ricordarti questi più importanti:

Quest’anno Google ha completamente rinnovato i risultati della ricerca di hotel (e tariffe aeree). Non si tratta solo di un nuovo look. L’interfaccia può essere riorganizzata e ordinata in base a filtri di ricerca come fascia di prezzo, servizi richiesti, intervallo di date, recensioni e altro. Lo strumento mostra anche come i prezzi per le destinazioni di vacanza di tendenza cambiano nel tempo, rendendo più facile trovare offerte di voli e hotel nella mappa di esplorazione.

A febbraio, Google ha introdotto snippet in primo piano sfaccettati. Affiorano nelle sue SERP ogni volta che una query di ricerca può richiedere una varietà di risposte a seconda dell’intento dell’utente. Quando una query di ricerca viene interpretata come vaga, l’utente vedrà diverse interpretazioni e la SERP mostrerà due o più snippet in primo piano.

Breadcrumb è un nome non ufficiale per il nuovo formato dei risultati di ricerca per desktop. Cosa implica? Essenzialmente, è un insieme di risultati nella parte superiore delle SERP che si presentano come un carosello di risultati. Prova a digitare “Chi sono i presidenti degli Stati Uniti?” e goditi il ​​panorama.

Se stai digitando una query particolare che ha a che fare con conversioni, ora / data o domande di matematica sul tuo dispositivo mobile, aspettati di non vedere assolutamente frammenti di risultati di ricerca. Ma se sei sempre alla ricerca di qualcosa di più, c’è un pulsante su cui puoi fare clic per ottenere i risultati di ricerca completi.

Google sta ancora sperimentando una nuova funzionalità che individua contenuti specifici da una pagina come domande frequenti, domande e risposte e istruzioni per portarli direttamente ai risultati di ricerca per una migliore esperienza utente.

Spunti di riflessione 2019: Bene, puoi sicuramente aspettarti più test ed esperimenti che porteranno a più funzionalità SERP e nuovi formati aggiunti mentre alcuni verranno rimossi. Viva l’esperienza dell’utente!

NOTIZIE DI GOOGLE ADS

4. Benvenuto a Google Ads, un AdWords rinnovato con una nuova interfaccia e altro ancora

Come vedrai in seguito, Google ha lavorato duramente quest’anno per il rebranding di molte delle sue piattaforme principali, da AdWords a DoubleClick a Google Analytics.

L’estate è stata contrassegnata dalle discussioni sul nuovo nome e sul nuovo aspetto della piattaforma Google Ads. Ma i cambiamenti più importanti includono nuovi tipi di campagne e obiettivi della campagna, nuove strategie e modelli di offerta, insieme a nuovi formati di annunci e funzionalità di targeting. Tutte le funzionalità sono dotate di tecnologia di apprendimento automatico incorporata, creata appositamente per le piccole imprese. Il nuovo Google Ads viene fornito con un pacchetto: il nuovo aspetto dello Strumento di pianificazione delle parole chiave che contiene anche una ricerca per parole chiave estesa, statistiche e previsioni sull’efficienza della campagna. E poiché quest’anno l’enfasi è stata principalmente sugli annunci video, assicurati di utilizzare lo Strumento di pianificazione della copertura, uno strumento (ancora in versione beta) rivolto specificamente agli inserzionisti che scommettono sui contenuti video, insieme ad alcuni nuovi formati di annunci video, come OutStream, annunci audio in DoubleClick o sequenze di annunci video.

Spunti di riflessione 2019: Come apprendiamo continuamente dai rapporti annuali sull’anno fiscale di Alphabet (la società madre di Google), la pubblicità gioca un ruolo enorme nei profitti di Google, quindi rendere la pubblicità più attraente per gli utenti e allo stesso tempo facilitare il lavoro degli inserzionisti rimarrà sempre una priorità chiave per Google. Quindi, aspettati più formati di annunci e strumenti di gestione avanzati. E in mezzo alla pressione sempre crescente del blocco degli annunci, sarebbe interessante vedere cosa faranno le grandi aziende come Google per mantenere a galla la pubblicità.

5. Un altro rebranding di Google: Google Marketing Platform

In generale, Google Marketing Platform è una piattaforma di analisi e pubblicità unificata che contiene alcuni buoni vecchi servizi come Google Analytics 360 Suite, DoubleClick, Data Studio, Surveys, Optimize e altri. Perché ora rientrano in un unico marchio? Google ritiene che questo passaggio aiuterà gli operatori di marketing e gli inserzionisti a comprendere meglio i propri clienti e a migliorare le prestazioni di marketing. E come accennato in precedenza, l’apprendimento automatico ha molto a che fare con questo.

Spunti di riflessione 2019: Sebbene l’apprendimento automatico sia importante e otterrà sempre più trazione durante il prossimo anno, non credo che il 2019 sarà l’anno in cui il ML prenderà il sopravvento 🙂

NOTIZIE DI GOOGLE TOOLS

6. La nuova Google Search Console e Advanced Analytics in GA

Google ha apportato alcune modifiche ai suoi strumenti principali, come la Search Console. Quali sono i cambiamenti più importanti finora? La nuova Search Console offre più rapporti, filtri avanzati e un periodo di archiviazione dei dati esteso: 7 giorni, 28 giorni, 3 mesi, 6 mesi, 12 mesi o 16 mesi.

E quando si tratta di funzionalità di Advances Analytics all’interno di Google Analytics 360, i tuoi migliori tentativi dovrebbero essere la funzione di analisi della canalizzazione (ti aiuta a comprendere meglio il percorso dell’utente che porta al completamento delle azioni sul tuo sito) e la tecnica di sovrapposizione dei segmenti che ti consente per monitorare il modo in cui i segmenti si intersecano tra loro.

Spunti di riflessione 2019: In questo caso, posso solo fare affidamento su ciò che dice Google: hanno promesso una panoramica più dettagliata e basata sui dati del percorso del cliente e della loro interazione con il tuo sito grazie all’arrivo di nuovi strumenti e funzionalità.

7. Un’impressionante introduzione del duplex

Una nuova funzione dell’Assistente Google fornita da Google Duplex ha lo scopo di facilitare il lavoro degli utenti quando cercano qualcosa sul Web e devono fare le cose. Tutti gli introversi del mondo possono ora stare tranquilli, Duplex effettuerà chiamate e prenotazioni per tuo conto e, a quanto pare, nessuno sarà in grado di notare la differenza.

Spunti di riflessione 2019: Mentre la tua vita da appuntamenti potrebbe diventare molto più semplice, le segretarie aziendali potrebbero essere sul punto di perdere il lavoro.

8. HTTP – Non più sicuro

Il 2018 può essere giustamente definito l’anno in cui i problemi di sicurezza hanno dominato il settore tecnologico. E il buon vecchio Google Chrome ha rilasciato la versione 68. Ora considera e contrassegna tutti i siti HTTP come “non sicuri”.

Spunti di riflessione 2019: Passa a HTTPS, poiché non vuoi che i tuoi utenti vedano quel segno “non sicuro” assegnato al tuo sito web.

9. Rendi omaggio a Google +, Inbox, Google Hangouts “Classic” e Allo

Quest’anno non si è trattato solo di nuovi strumenti, servizi e funzionalità su varie piattaforme, alcuni strumenti di Google non hanno resistito alla prova del tempo. Quindi puoi ora (o, nel prossimo futuro) dire addio a Google+, Inbox, Google Hangouts “Classic” e Allo. Mentre alcuni degli strumenti semplicemente non ce l’hanno fatta a causa dell’elevata concorrenza o di problemi normativi, altri come Inbox sono stati incorporati in Gmail. Ma, come sostiene Google, non si trattava solo di esperimenti fatti invano, ma di approfondimenti di servizi come Allo o Google Hangouts “Classic” per migliorare le esperienze e aggiungere molte funzionalità su varie piattaforme Google.

Spunti di riflessione nel 2019: Niente è costante, né dovrebbe esserlo nessuno degli strumenti o dei servizi di Google. E con maggiore enfasi sull’automazione, l’apprendimento automatico, l’intelligenza artificiale e così via, possiamo aspettarci che vengano scartati ancora più servizi. Ma va bene, dato che Google ha sempre avuto a che fare con test ed esperimenti: alcuni ce l’hanno fatta e altri no, è così che va.

SU UNA NOTA COMMERCIALE

10. Il progetto Cina: il drago volerà?

Solo poche settimane prima, vi direi che Dragonfly, un progetto di Google su misura per la Cina, dove il motore di ricerca è in fase di adattamento per operare secondo le realtà legislative e politiche locali, è a buon punto. Ma dopo un ampio sfogo pubblico e molte discussioni interne, il suo futuro è ancora da definire. Immagino che il 2019 ci darà alcuni chiarimenti sulla questione.

Spunti di riflessione nel 2019: Non sono sicuro che lo stesso Sundar Pichai farebbe una previsione su questo argomento, quindi eviterò di darti informazioni fuorvianti.

In poche parole, queste sono tutte le più grandi notizie di Google che devi ricordare del 2018. Ma non è tutto. SEMrush ha anche recuperato un ottimo post che riassume i risultati più importanti di SEMrush quest’anno, quindi, continua a leggere i principali aggiornamenti di SEMrush nel 2018 se vuoi tenere traccia di tutti gli aggiornamenti, notizie e funzionalità che ti faranno sentire orgoglioso di te fai parte della comunità SEMrush.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di seo.

Write a Comment