Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » SEO » Il caso dell’equilibrio nel SEO

Il caso dell’equilibrio nel SEO

    Sappiamo tutti che il contenuto è al centro di qualsiasi SEO di successo e strategia di marketing online complessiva, ma con così tanti tipi diversi di contenuti, è difficile sapere esattamente cosa funziona meglio. L’evidenza empirica potrebbe suggerire alcuni formati di contenuto, come pezzi scritti di lunga durata o infografiche, e alcuni argomenti come articoli e tutorial – ma ci sono così tante dimensioni di contenuto, le variabili sono schiaccianti.

    Una delle più importanti distinzioni generali nel contenuto è la differenza tra contenuto “sempreverde” e “stagionale”. Sebbene ognuno abbia i suoi vantaggi e svantaggi, sempreverde generalmente vince il favore nella comunità SEO – ma diventare sempreverdi l’approccio migliore?

    Sempreverde contro stagionale

    Per prima cosa, esaminiamo le differenze definitive tra contenuti sempreverdi e stagionali.

    Contenuti sempreverdi è un contenuto che dura, in teoria, per sempre. Non è influenzato dai cambiamenti stagionali e non si basa su notizie o eventi che scadono per rilevanza. Ad esempio, un articolo su come annodare una cravatta non è soggetto a cambiamenti stagionali, cambiamenti annuali di moda e non si basa su sviluppi nuovi o recenti. Presumibilmente, rimarrà rilevante finché le cravatte rimarranno un’istituzione culturale.

    Il contenuto stagionale, al contrario, è contenuto che non è rilevante il 100 percento delle volte, o comunque contenuto che non è rilevante per il prossimo futuro. Questi possono essere caratterizzati con due grandi categorie; contenuto a decadimento rapido, che ha un punto finale finito e definitivo, a quel punto non è più rilevante, come un articolo che prevede Sviluppi SEO per il 2011.

    L’altro è contenuto stagionale “vero”, che rimane teoricamente pratico per alcune festività, stagioni o eventi ricorrenti, come un articolo su come preparare un camper per il rimessaggio invernale.

    Quale di questi è intrinsecamente più prezioso?

    Il caso di Evergreen

    Content marketing sempreverde ha molto da offrire:

    • In termini di valore per pezzo, il contenuto sempreverde è ipoteticamente superiore. Immagina che un contenuto scritto guadagni un valore di $ 1 a settimana. Il contenuto sempreverde guadagnerà $ 1 ogni settimana, ogni anno per il prossimo futuro o $ 52 all’anno senza limite alla sua crescita. Un contenuto a decadimento rapido sarebbe lo stesso, ma con un limite rigido e un pezzo stagionale a rotazione potrebbe guadagnare solo $ 13 all’anno.
    • Il contenuto evergreen non scade mai. Immagina di aver scritto un articolo stagionale prevedendo importanti cambiamenti di tendenza nel 2010 che si sono rivelati sbagliati. Nella remota possibilità che qualcuno ci si imbatta, potrebbe finire con un’impressione negativa del tuo marchio (perché l’informazione è sia obsoleta che sbagliata).
    • Il contenuto sempreverde è meno impegnativo da produrre. Poiché le informazioni sono sempre disponibili, non devi affrettarti a essere il primo marchio a pubblicare e non dovrai mai affrontare il problema di trovare troppe poche risorse secondarie.

    Il caso per stagionale

    D’altra parte, marketing di contenuti stagionali ha anche vantaggi chiave:

    • C’è molta meno concorrenza. Il modello di cui sopra presupponeva che un numero uguale di aziende avrebbe partecipato al marketing dei contenuti sempreverde e stagionale, e in modo uguale ed equilibrato. Tuttavia, poiché i contenuti evergreen sono più facili e ipoteticamente più preziosi, molte aziende optano per una strategia evergreen. Ciò rende i contenuti stagionali una nicchia più specifica e molto meno competitiva, offrendoti maggiori opportunità per argomenti unici e angoli originali.
    • Le notizie e le mode ottengono più attenzione. Non c’è modo di dimostrare empiricamente che le notizie e le tendenze ottengano più attenzione delle loro controparti di attualità sempreverdi poiché non può mai esserci un confronto tra mele e mele; tuttavia, pubblicare una notizia generalmente attirerà un pubblico più che pubblicare un argomento già visto centinaia di volte. Le notizie e i pezzi stagionali hanno una tendenza naturale a risaltare, dandoti più valore al momento della pubblicazione iniziale.
    • Il contenuto stagionale mostra l’attuale rilevanza. La pubblicazione di contenuti stagionali dimostra anche che la tua azienda vive “il momento” e presta attenzione a ciò che accade intorno ad essa. Pubblicare un articolo sulla preparazione invernale in inverno, ad esempio, mostra che stai cercando di rispondere attivamente alle attuali esigenze dei clienti. Pubblicare notizie del settore, con un segno simile, mostra che sei aggiornato sulle ultime tendenze del settore, il che è un grande vantaggio per la reputazione del tuo marchio.

    Un approccio ibrido

    Poiché entrambe le parti hanno vantaggi intrinseci rispetto all’altra, è restrittivo optare per un solo tipo di contenuto – e chi dice che devi farlo in primo luogo? Perché non optare per un modello ibrido: uno che sfrutta entrambi i tipi di contenuto per un obiettivo reciprocamente vantaggioso. Ad esempio, potresti dedicare il 75% della tua strategia a contenuti sempreverdi, riservando gli altri 25 per contenuti a rotazione stagionale e materiale che attinge a notizie e tendenze.

    Questa ripartizione è solo un esempio; il modo in cui dividi i tuoi contenuti dipende dalle preferenze del tuo pubblico, dal tuo mercato competitivo e, naturalmente, dal tuo marchio. Misura le prestazioni dei pezzi sempreverdi e stagionali che hai scritto in passato, esamina il tuo pubblico e crea un calendario editoriale che incorpori entrambi i tipi di contenuto per supportare la tua strategia.

    Come si bilanciano i tuoi contenuti? Fateci sapere nei commenti!

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *