Le 10 principali tendenze di viaggio nel 2017

Le 10 principali tendenze di viaggio nel 2017

Come tutti sappiamo, sono ormai lontani i tempi in cui le persone facevano affidamento sulle tradizionali agenzie di viaggio tradizionali per pianificare il loro viaggio su strada o una fuga ad alta quota. Ora ci sono molte opportunità per organizzare un viaggio da sogno online, sia che si tratti di backpacking con notti trascorse in ostelli o di voli in prima classe per rilassarsi in hotel d’élite.

Con la stagione dei viaggi in pieno svolgimento, SEMrush ha deciso di raccogliere e analizzare le query dei motori di ricerca e i dati sul traffico web per capire quali destinazioni stanno cercando i viaggiatori e quali siti web stanno attirando il maggior numero di utenti.

Abbiamo ulteriormente elaborato i dati per mostrare il significato relativo dei media organici, a pagamento, di riferimento e dei social media nell’indirizzare il traffico verso i siti Web di viaggio e per evidenziare la differenza tra le richieste di ricerca statunitensi e globali per le destinazioni di viaggio.

Infine, abbiamo analizzato l’uso degli annunci display e il modo in cui i siti web di viaggi pubblicizzano destinazioni negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Di seguito analizziamo ciò che abbiamo trovato.

Dichiarazione di non responsabilità: SEMrush non è in alcun modo correlato a nessuno dei siti Web menzionati nell’articolo, poiché il nostro kit di strumenti di marketing consente un’analisi imparziale dei dati online.

Punti chiave

  • Tripadvisor.com è il sito di viaggi più visitato negli Stati Uniti, con Airbnb.com al secondo posto e Expedia al terzo.
  • Nelle destinazioni più interrogate dai viaggiatori, questo studio ha rilevato che New York è la destinazione preferita negli Stati Uniti, escludendo la California per i soggiorni in hotel e un secondo vicino alle Hawaii per le prenotazioni dei voli. La Florida è anche fortemente favorita come la terza più popolare sia per le prenotazioni di hotel che di voli.
  • Il Messico è fortemente favorito come destinazione mondiale pubblicizzata dai siti di viaggio, in particolare la sua città turistica alla moda di Cancun. Per le destinazioni statunitensi, Las Vegas e la Florida sono promosse durante tutto l’anno.
  • Il traffico diretto rappresenta il 52,4% del traffico del sito di viaggi, seguito da ricerca (32,2%), referral (9,19%), a pagamento (5,39%) e infine social, allo 0,82%.
  • Facebook domina in modo schiacciante nei canali dei social media, guidando l’82,03% del traffico. Il secondo più vicino è YouTube, che rappresenta il 6,22% del traffico.
  • Gli annunci leaderboard (728 x 90) sono preferiti dai siti di viaggi, rappresentando il 25,3% di tutti gli annunci display.

Siti web più visitati negli Stati Uniti

Quindi, dei primi 10 siti web di viaggi negli Stati Uniti, qual è il primo nel traffico? TripAdvisor.com è in testa alla lista dei primi 10, con Airbnb.com al secondo posto e Expedia al terzo.

La nostra analisi ha suddiviso il traffico dei primi 10 siti Web, come segue:

Nota: Booking.com e Priceline.com sono entrambe sussidiarie di The Priceline Group.

Airbnb è l’unico sito web di affitti di case che è entrato nella top 10. Vanta un impressionante 17,8% del traffico totale dei primi 10 siti, secondo solo a TripAdvisor. Apparentemente, il servizio non ha (ancora) contendenti seri nel suo verticale.

La maggior parte dei primi 10 siti segue un approccio diversificato offrendo più servizi, come prenotazioni di voli, autonoleggi, hotel e / o ristoranti.

Quattro dei siti principali sono rivendicati da siti a soluzione singola (meta ricerca) che consentono agli utenti di cercare contemporaneamente tutte le loro esigenze relative ai viaggi. Di questi, Expedia si colloca al primo posto, arrivando al terzo posto 11,6% del traffico web totale dei primi 10.

Tra i primi 10 siti presi dalle principali reti alberghiere Marriott e Hilton, Marriott rivendica per poco il maggior numero di traffico web6,7% da Hilton 6.5 per cento.

Fonti di traffico web per i principali siti web di viaggi negli Stati Uniti:

Tutto sommato, oltre la metà dei viaggiatori sa esattamente quale sito e quali servizi desidera. Account di traffico diretto per 52,4% del traffico del sito di viaggi, seguito dalla ricerca (32,2%), rinvio (9,19%), pagato (5,39%) e infine social, a 0,82%.

Come abbiamo notato nel nostro recente studio su come le principali società di e-commerce indirizzano il traffico ai loro siti web, il predominio relativo del traffico diretto nello spazio dell’industria dei viaggi può essere attribuito alla familiarità del marchio a lungo termine, al business ripetuto (fedeltà al marchio) e al buon marchio consapevolezza.

Successivamente, esamineremo ciò che abbiamo scoperto sul traffico di ricerca, referral, a pagamento e sui social media.

Traffico di ricerca: query dei viaggiatori e preferenze di destinazione

Contabilità per 32,2% del traffico web del sito di viaggi, la ricerca è la seconda fonte più grande. La nostra analisi ha elaborato i dati per rivelare le destinazioni statunitensi e mondiali più interrogate dai viaggiatori, come determinato dal volume di richieste di ricerca di hotel (con parola chiave hotel + nome del paese / città) e voli (con parola chiave volo + nome del paese /città).

New York è la destinazione più favorita negli Stati Uniti, spingendo fuori la California per i soggiorni in hotel e un secondo vicino alle Hawaii per le prenotazioni dei voli. La Florida è anche fortemente favorita come la terza più popolare sia per le prenotazioni di hotel che di voli.

Ecco cosa abbiamo trovato per le destinazioni in tutto il mondo:

Senza dubbio, Londra è il centro dei viaggi internazionali. Il volume di ricerca per gli hotel in città è quasi il doppio di quello per quelli a Parigi, mentre le query per i voli per Londra superano di gran lunga le ricerche per le altre principali destinazioni.

Principali destinazioni pubblicizzate da siti web di viaggi

Quindi quali destinazioni promuovono i siti di viaggio? Risulta che ci sono alcune variazioni stagionali, ma c’è anche una certa coerenza durante tutto l’anno per i luoghi di vacanza statunitensi e internazionali molto popolari.

Il Messico è fortemente favorito come destinazione mondiale pubblicizzata dai siti di viaggio, in particolare la sua città turistica alla moda di Cancun. Per le destinazioni statunitensi, Las Vegas e la Florida sono promosse durante tutto l’anno.

Traffico di referral: uno sguardo ai profili di backlink del sito web di viaggio

Una terza lontana ma significativa fonte di traffico del sito web di viaggio, i riferimenti da altri domini del sito guidano 9,19% del traffico totale. Ciascuno dei primi 10 traffico di referral del sito è stato derivato dall’analisi dei rispettivi profili di backlink, come mostrato:

Abbiamo scoperto che Booking.com ha cinque volte più backlink di TripAdvisor.com .Booking.com è anche un campione nell’uso degli annunci di Google, che rappresentano un rispettabile 40% del traffico del sito di viaggi.

Quando si tratta di backlink di alta qualità, TripAdvisor è il leader indiscusso. Abbiamo riscontrato che la maggior parte del suo traffico di riferimento proviene da siti Web relativi ai viaggi con punteggi di affidabilità elevati, come holidaylettings.com e housetrip.it.

Traffico a pagamento: come i siti web di viaggi investono nella ricerca a pagamento

Non molto indietro rispetto al traffico di referral, conti di traffico a pagamento 5,39% delle visite al sito web di viaggio.

La nostra analisi ha ulteriormente suddiviso i dati per gli annunci display per determinare la dimensione e il tipo utilizzati dal settore, nonché i dispositivi target.

Analogamente ai risultati del nostro recente rapporto sulla pubblicità display, annunci leaderboard (728 x 90) sono preferiti dai siti di viaggi, che rappresentano 25,3% di tutti gli annunci display. Inoltre, come gli inserzionisti della Rete Display di Google (GDN) che abbiamo studiato, i siti di viaggi prediligono le dimensioni degli annunci 160 x 600 (14,3%).

Quando si tratta delle dimensioni degli annunci con il rendimento migliore identificato da Google, l’industria dei viaggi investe solo 7,89% in 300 x 250 annunci, e anche meno (5,05%) negli annunci 336 x 280

Quindi, quali dispositivi scelgono i siti di viaggio per la ricerca a pagamento? Abbiamo trovato i tablet il dispositivo preferito (i tablet Apple e Android sono presi di mira per quasi la metà di tutti gli annunci del settore, con un file 49,5%). I dispositivi mobili sono la seconda scelta del settore, rivendicando un totale combinato 40,3% di annunci.

Come nel nostro studio sui principali inserzionisti della Rete Display di Google, abbiamo riscontrato che i desktop arrivano per ultimi, essendo scelti come target solo per 10,2% degli annunci del settore dei viaggi.

Con il targeting relativamente pesante del settore dei viaggi per i dispositivi mobili, non sorprende che utilizzi HTML reattivo per un’impressionante 85,9% dei suoi annunci, rispetto a 14,1% per immagini statiche o animate multimediali standard.

Sembra che il settore dei viaggi abbia superato di gran lunga gli altri settori con l’adozione dell’HTML. Come abbiamo riportato nel nostro recente articolo sulle statistiche della pubblicità display del 2017, i settori che rappresentano i principali inserzionisti della Rete Display di Google mostrano una suddivisione approssimativa del 50/50 nell’uso di HTML rispetto ai tipi di annunci standard, anche se, come il settore dei viaggi, preferiscono fortemente i dispositivi mobili rispetto desktop.

Social media: Facebook domina completamente

Infine, abbiamo scoperto che i canali dei social media guidano 0,82% di traffico verso i siti web di viaggio. Di quella piccola fonte (calcolata in media su tutti i primi 10 domini), Facebook domina in modo schiacciante, guidando 82,03% di traffico. Il secondo più vicino è YouTube, che rappresenta 6,22% di traffico.

È interessante notare il sapore internazionale del traffico dei social media verso i siti di viaggio statunitensi, come spiega Vkontakte con sede in Russia 2,77% del totale.

Conclusioni

Sebbene possa garantire alle prime 10 compagnie di viaggio che il traffico diretto derivante dal riconoscimento e dalla lealtà del marchio sia la principale fonte del loro business online, ciò non si traduce in una strategia di crescita a lungo termine. Come indicato nel nostro rapporto sul traffico web leader nell’e-commerce, il traffico diretto è difficile da scalare.

Investimenti continui in solide pratiche SEO, ricerca organica e traffico di referral generato con un’ottimizzazione intelligente ed etica e lo sviluppo di profili di backlink di qualità valgono l’investimento per mantenere il tuo marchio in primo piano e al centro della ricerca. Aiuta anche notevolmente a migliorare il posizionamento del tuo sito nelle pagine dei risultati di ricerca.

Infine, sebbene la ricerca a pagamento sia complessivamente meno significativa come fonte di traffico, aumenta il traffico diretto aumentando la consapevolezza del marchio e attirando visitatori unici (nuovi) del sito. Serve anche a integrare gli sforzi di ricerca organica per un approccio integrato ed equilibrato alla crescita della tua attività di viaggio.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Write a Comment