Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » SEO » L’importanza dei contenuti interattivi per il marketing B2B

L’importanza dei contenuti interattivi per il marketing B2B

    I marchi B2B sono stati riluttanti in passato a utilizzare i canali digitali per il marketing. Tuttavia, in seguito si sono resi conto di quanto siano importanti i canali. E ora il settore sta assistendo a una nuova tendenza: i contenuti interattivi stanno guadagnando terreno.

    Quali fattori lo hanno spiegato? In che modo i contenuti interattivi possono avvantaggiare il segmento B2B? Scopriamolo.

    Chiamate calde e fredde

    La chiamata calda può avere una percentuale di successo migliore rispetto alla chiamata fredda (quest’ultima ha una percentuale di successo dello 0,3%), ma i clienti aziendali ora sono consapevoli di capire che c’è solo una differenza tra i due: uno non è invitato mentre un altro no.

    A parte questo, non c’è quasi nessuna differenza. Entrambi impiegano 10-15 minuti del loro tempo (se il chiamante è fortunato) e tentano di influenzare la loro decisione di acquisto.

    Tuttavia, i clienti vogliono una migliore comprensione del prodotto / servizio, insistono per l’acquisto, è USP, l’idea alla base e la visione dell’azienda che glielo vende. Una chiamata di 10 minuti non può soddisfare la loro curiosità.

    Ma un’interazione significativa può.

    Contenuto e interazione

    Un’interazione è un processo bipartito. Richiede sempre due persone a meno che una di loro non sia schizofrenica (gioco di parole). In caso di un’interazione B2B a tutti gli effetti, il potenziale lead ottiene ampie informazioni sul prodotto o servizio.

    Le interazioni F2F non sono sempre possibili (o consigliate). Un’interazione, basata sul content marketing, può compensarla. Il contenuto è il carattere jolly che può avere il colore che i singoli professionisti del marketing vogliono che abbia. Nel 2016, i formati di contenuto più popolari che influenzano il funnel di vendita B2B sono:

    Contenuto personalizzato

    L’industria B2B può apparire come un dominio noioso, scoraggiato e dal cuore pesante, in cui i numeri e la probabilità statistica sono marginali nella comunicazione interpersonale.

    Ma in realtà, l’industria è più vivace di quanto si possa immaginare. UN rivelata una ricerca condotta da Accenture Digital e SAP Hybris simile agli acquirenti B2C, anche gli acquirenti B2B hanno grandi aspettative di coinvolgimento. Lo studio ha evidenziato che gli acquirenti B2B valutano le raccomandazioni personalizzate in un’interazione seconda solo al prezzo e alla trasparenza del prodotto.

    Il contenuto personalizzato può essere determinante per favorire un’interazione individualizzata e personalizzata. VentureBeat ha fatto uno studio sulla personalizzazione, che ha rivelato che e-mail, messaggi sui social media e pagine di destinazione sono i principali canali che attivano la personalizzazione.

    Come può uno scrittore trarre aiuto da questi risultati quando redige una copia?

    Non dovrebbe menzionare il nome del marchio nella sua copia di email marketing più di una volta. O forse due volte ma non di più. Dovrebbe piuttosto concentrarsi sulla creazione di un messaggio personalizzato.

    Lo stesso marketer dovrebbe evidenziare il marchio nel suo aggiornamento di Twitter o nel messaggio di stato di Facebook. Su Twitter può usare il nome del marchio come un file hashtag del marchio nel messaggio per una migliore visibilità.

    Narrazione del marchio

    Mentre prendi l’interazione con il potenziale lead B2B a un livello personalizzato, può essere curioso del marchio insieme al prodotto.

    Come puoi soddisfare la sua curiosità?

    Raccontandogli una storia sul tuo marchio.

    Ascolterebbe, purché la storia sia interessante.

    I marchi hanno applicato questa tecnica. La maggior parte di loro sono aziende B2C. Anche se i marchi B2B sono in ritardo, non c’è motivo per loro di restare indietro, perché i suggerimenti che rendono un marchio un narratore migliore può essere seguito da marchi B2B.

    Lo storytelling può essere animato o non animato a seconda del prodotto e del pubblico. Lo storytelling animato è una leva migliore per i marchi B2B. Grafica in movimento e animazione sono tra i formati di contenuto che possono renderlo. I video esplicativi che fondono umorismo e intrattenimento con informazioni si qualificano come un formato potente. Quindi fai le infografiche perché possono creare storie visive. Alcuni grandi marchi hanno ha già utilizzato lo storytelling animato a proprio vantaggio. La maggior parte di loro sono società tecnologiche con sede nella Silicon Valley.

    Webinar marketing

    Non è passato molto tempo da quando gli esperti di marketing hanno imparato a considerare i webinar come materiali di marketing. La pagina di partecipazione al webinar cattura i lead. William Johnson ha spiegato nel suo articolo come farlo aumentare il numero di registrazioni tramite la pagina di partecipazione. Ha consigliato di elencare tutti i vantaggi in grassetto, aggiungere un pulsante CTA e farlo notare, ecc.

    Un webinar è una discussione dal vivo con l’aiuto di documenti, diapositive, grafica e applicazioni software. Per il successo di un webinar, devi comunicare con il tuo pubblico. Non sarà una comunicazione unidirezionale perché il tuo pubblico avrà la possibilità di reagire.

    Non lanciare il prodotto in una riunione. È un’idea terribile. Tieni sempre presente che la sessione è per il tuo pubblico, non per te. Assicurati che il pubblico ottenga qualcosa di valore dalla discussione. Elimina i loro dubbi, dai loro consigli e sii pronto a rispondere a domande improvvisate.

    In breve, fai in modo che l’interazione abbia successo e vedi più lead che si trasformano in vendite. Non aspettarti che accada dall’oggi al domani. I clienti vogliono la convinzione che tu possa offrire loro il miglior servizio. Dai loro un suggerimento che ne sei capace. Ad esempio, se prevedi che il potenziale lead esternalizzi i lavori IT, evidenzia il vantaggi del lavoro a distanza e sostenere la tua richiesta con dati pertinenti. Tali interazioni mirate sono molto efficaci nella chiusura delle vendite.

    Conclusione

    I contenuti interattivi continueranno ad essere rilevanti per il segmento B2B. Nel prossimo futuro, emergeranno più mezzi che consentiranno agli esperti di marketing di utilizzare meglio i canali digitali ed esplorare nuovi formati per accogliere materiali di marketing B2B.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Search Engine Optimization.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *