Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Collegamenti esterni (best practice SEO)

Collegamenti esterni (best practice SEO)

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Internet si basa sui collegamenti. Senza di loro, avremmo un pasticcio non organizzato di pagine disconnesse che sarebbe difficile da trovare e navigare.

Il concetto originale di BackRub di organizzare la gerarchia delle pagine attraverso un sistema di citazione è stato brillante. Ma imperfetto. Da allora, è stato un processo continuo cercare di perfezionare quel sistema in modo che alcuni link abbiano un valore da contare e quelli contenenti spam no.

Cosa sono i collegamenti esterni?

Un collegamento (noto anche come backlink) è un collegamento ipertestuale che indirizzerà un utente da una pagina a un’altra pagina di destinazione quando viene cliccato. Applicato a una pagina aggiungendo codice come questo:

Il tuo testo (anchor text) va qui

Un collegamento esterno è un collegamento ipertestuale o un collegamento a ritroso che punta a una pagina di destinazione su un altro dominio dal dominio in cui è pubblicato. È esterno al dominio host.

In termini SEO, il termine “collegamento esterno” di solito si riferisce a collegamenti creati su altri siti e che rimandano al tuo dominio. Questi “link esterni” o backlink vengono misurati per volume, qualità e pertinenza in considerazione di come supportano il posizionamento della tua pagina.

Un link in uscita è anche un link esterno in quanto punta verso l’esterno dal tuo dominio verso un altro dominio.

Ulteriori informazioni: collegamenti interni ed esterni

I collegamenti interni sono collegamenti ipertestuali tra pagine dello stesso dominio. Aiutano un utente a navigare nel sito e a trovare le informazioni pertinenti che potrebbero voler leggere.

Per la SEO, i link interni sono importanti in quanto:

  • Aiuta l’equità dei link a scorrere in un sito in modo che il valore dei link non venga perso in una pagina.

  • Aiuta i crawler a trovare una pagina per incoraggiare la scansione e l’indicizzazione.

  • Aiuta gli utenti a navigare nel sito durante il viaggio dell’utente.

Il “valore” o “equità” del collegamento di un collegamento interno non è misurato come un collegamento esterno. Google ritiene che i link esterni abbiano più valore quando applicati al ranking.

In caso contrario, un sito Web potrebbe semplicemente creare centinaia di collegamenti interni per migliorare il posizionamento. E questo andrebbe contro il concetto originale che i link sono “voti” di terze parti imparziali per supportare la qualità del tuo sito / pagina.

Per saperne di più: non seguire o seguire collegamenti esterni?

Nel 2005, Google ha introdotto il tag nofollow come reazione allo spam nei commenti.

“Questi link non riceveranno alcun credito quando classifichiamo i siti web nei nostri risultati di ricerca”.

– Google

Il tag nofollow indica ai crawler dei motori di ricerca che la pagina collegata non deve essere associata alla tua pagina e che non deve essere sottoposta a scansione.

“Utilizza questo attributo per i casi in cui desideri creare un link a una pagina ma non vuoi implicare alcun tipo di approvazione, incluso il trasferimento del credito di posizionamento a un’altra pagina.”

– Google

Puoi verificare se un link è nofollow cercando questo tag nel codice sorgente:

Anchor text

Quindi, nel 2019, Google ha aggiornato nofollow per includere un nuovo tag rel = UGC e rel = Sponsored per evidenziare i contributi e “pagato” per i posizionamenti.

Il cambiamento più grande è stato l’aggiornamento di nofollow per essere un suggerimento piuttosto che una direttiva che sosterrebbe la convinzione che alcuni link nofollow su pagine importanti passino ancora un po ‘di link equity.

Suggerimento. Era una direttiva fino all’annuncio. Adesso è un suggerimento.

– Gary 鯨 理 / 경리 Illyes (@methode) 11 settembre 2019

Indipendentemente dal nofollow o follow, i backlink hanno ancora valore quando vengono posizionati dove possono fornire traffico rilevante di qualità. E questo dovrebbe essere considerato quando si creano collegamenti esterni.

Per saperne di più: i link esterni sono buoni per il SEO?

La risposta breve è che i link esterni SONO buoni per la SEO ed è ampiamente accettato che i link esterni siano una delle metriche più importanti per il posizionamento di alto livello.

Nel 2016, Andrey Lipattsev di Google ha detto a verbale che, insieme ai contenuti, i link sono uno dei tre principali fattori di ranking. Vai a 30:15 nel video qui sotto.

Ammon Johns: Abbiamo sentito che questo [links] è il terzo segnale più importante che contribuisce ai risultati ora. Sarebbe utile per noi sapere quali sono i primi due? I webmaster potrebbero creare siti migliori se sapessero quali sono i primi due?

Andrey: Sì; Posso dirti cosa sono. È contenuto e link che puntano al tuo sito.

I principali sviluppi nel grafo della conoscenza, nelle entità e nella ricerca semantica hanno fatto sì che la pertinenza dei collegamenti sia ora forse più importante del volume dei collegamenti. Ma la maggior parte dei SEO lo concorda i link rimarranno sempre una metrica fondamentale e importante per il posizionamento.

Ulteriori informazioni: Collegamenti esterni: best practice SEO

  • Pertinenza – quando si creano collegamenti esterni, considerare la rilevanza del sito da cui proviene il collegamento. Pensa se è naturale (su base semantica ed entità) che quella pagina si colleghi alla tua pagina. Un sito sui gatti non si collega naturalmente a un sito sull’assistenza sanitaria. Tuttavia, una pagina sulla salute del gatto potrebbe collegarsi a un veterinario o una pagina sugli integratori per la salute dei gatti.
  • Autorità della pagina di collegamento – poiché i collegamenti sono considerati “voti” a un altro sito sulla base di un concetto di citazioni accademiche, maggiore è l’autorità di un sito, maggiore sarà il valore che un collegamento avrà da quel sito. Tuttavia, il PageRank viene passato a livello di pagina e non a livello di sito, quindi una pagina su un sito potrebbe avere pochissima autorità rispetto alla home page.
  • Collegamenti innaturali (o tossici) – Come una sbornia dai tempi delle link farm, PBN e volume di link building di spam, molti siti costruiti prima del 2012 hanno backlink dannosi storici. Post Penguin, ciò ha comportato una serie di sanzioni manuali da parte di Google. Un sito dovrebbe esaminare e controllare il proprio profilo di collegamento e presentare un rapporto di rinnegamento per eventuali collegamenti non naturali che potrebbero essere dannosi.
  • Volume dei domini principali – pertinenza, autorità e qualità dei collegamenti sono le metriche più importanti per i collegamenti esterni, ma anche il volume è importante. Se hai due siti che hanno entrambi collegamenti di qualità pertinenti, è più probabile che il sito con il volume più alto sia classificato in alto. Quando crei un profilo di backlink, scegli la qualità e la pertinenza rispetto al volume.
  • Testo di ancoraggio – post-2012 Penguin, il uscita di JC Penney ha iniziato il cambiamento di link building e come viene utilizzato il test di ancoraggio. Google afferma che il testo di ancoraggio dovrebbe essere descrittivo e fornire un’idea di cosa tratta la pagina, ma dovresti evitare di utilizzare la stessa parola chiave anchor text in tutti i backlink. Il testo di ancoraggio sui collegamenti esterni dovrebbe essere una gamma di variazioni di parole chiave naturali e un linguaggio naturale che punta alla pagina di destinazione.

Leggi di più:

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di link building o se vuoi vedere altro di seo visita ora la sezione di guide seo

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *