Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » I backlink NoFollow stanno passando il Link Juice ed ecco la prova

I backlink NoFollow stanno passando il Link Juice ed ecco la prova

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Si prega di notare che questo post è pubblicato nella categoria “Opinione” e riflette le opinioni personali dell’autore. Se non sei d’accordo o hai un’opinione che vorresti offrire, sentiti libero di discutere nei commenti!

Questo articolo è nella nostra categoria “Opinione”. Ti consigliamo di condividere i tuoi pensieri con l’autore.

È probabile che quando senti i termini “nofollow” e “SEO” usati nella stessa frase ti vergogni un po ‘.

Questi collegamenti sono detestati dai SEO tanto quanto lo è un dipendente dell’IRS al momento delle tasse.

È semplicemente ingiusto. Ma c’è speranza per la rinascita del collegamento no-follow. Continua a leggere, guarda cosa abbiamo scoperto nel nostro studio sulle classifiche e su come i backlink le stanno influenzando, e ti prometto che guarderai i link nofollow in una luce completamente diversa.

La cattiva reputazione ingiusta di Nofollow

Nel 2005 i motori di ricerca si sono riuniti e hanno creato l’attributo nofollow per aiutare a combattere lo spam nei link ai commenti.

Poco dopo Google ha consigliato a tutti i proprietari di siti web di utilizzarlo ogni volta che avevano un annuncio con link a pagamento (sponsorizzato). In altre parole, questo era il tuo modo di dire a Google che tu stavano pagando per i link.

Ciò ha permesso a Google di distinguere tra link a pagamento e link naturali. Ha protetto molti proprietari di siti Web quando in seguito sono stati pubblicati aggiornamenti di Google perché così tante persone stavano creando profili di testo di ancoraggio innaturali con i loro backlink.

Se sei stato onesto con Google e hai contrassegnato i tuoi link a pagamento con un attributo nofollow, quei link non contavano contro di te. Ciò che è seguito dopo è stato quasi tutti i SEO saltati alla conclusione che qualsiasi collegamento con un attributo no-follow era inutile in SEO.

L’acquisto e la vendita di collegamenti ha avuto un grande successo e la maggior parte delle persone che si occupano di SEO ha evitato i collegamenti con l’attributo, il che impedisce a GoogleBot di seguirlo, come la peste.

E da allora è praticamente rimasto così.

Il caso dei link nofollow

Uno dei principali fattori di ranking per Google è la fiducia nel marchio.

In altre parole, devono fidarsi del tuo marchio prima che ti consentano di posizionarti in cima ai risultati di ricerca. Questo è per lo più realizzato dalla SEO della tua home page, o in altre parole il profilo di backlink della tua home page.

Ma una delle metriche chiave che Google utilizza per stabilire se il tuo sito web è un marchio affidabile è se hai o meno link NoFollow, Sponsorizzati o UGC.

Pensaci per un secondo.

Un link sponsorizzato invia un messaggio a Google che stai pagando per il link perché è un annuncio.

La pubblicità è la linfa vitale del business.

Se sei un vero marchio, Google non si aspetterebbe che tu faccia pubblicità?

In effetti, ciò che stai realmente facendo quando ricevi un link sponsorizzato è che stai dicendo a Google: “Ehi, stiamo facendo affari, e questo è il nostro testo pubblicitario”.

Ora Google può guardare il testo di ancoraggio e vedere quanto è rilevante per il tuo sito web effettivo e darti credito per il testo di ancoraggio, senza il rischio di essere taggato con un profilo di backlink innaturale.

Il punto che sto cercando di sottolineare è che sembra che Google si aspetti di vedere link nofollow nel tuo profilo di backlink e, se non ce ne sono, ciò solleva potenzialmente una bandiera rossa per un profilo innaturale.

Prova che i link non seguiti sono buoni

Poiché abbiamo creato il software per SEOJet, abbiamo svolto un sacco di ricerche sui backlink. Abbiamo esaminato i siti al primo posto in ogni nicchia, categoria e settore e tutti hanno mostrato qualcosa di molto interessante sui link nofollow.

Sapevi che le pagine web al primo posto in classifica su Google hanno una media di circa il 20% -40% di link che non seguono che puntano a quella pagina?

A volte è anche più alto. 3 link su 10 sono contrassegnati con questo attributo link.

Pensaci.

L’attributo link che avrebbe dovuto uccidere totalmente tutti gli effetti SEO, compare un terzo delle volte nei siti al primo posto.

Diamo un’occhiata ad alcuni esempi di pagine che si classificano al primo posto e quale percentuale di link nofollow ciascuna ha che punta a quella pagina. Nota: Sto guardando solo la pagina che si classifica in modo specifico e non il sito nel suo insieme.

Parola chiave: “backlink”

  • # 1 sito classificato: https://www.gotchseo.com/backlinks/
  • Percentuale di link nofollow: 28%
  • Percentuale di link nofollow per l’intero sito: 30%

Parola chiave: “calcolatore di rata del mutuo”

  • # 1 sito classificato: http://www.bankrate.com/calculators/mortgages/mortgage-payment-calculator.aspx
  • Percentuale di link nofollow: 31%
  • Percentuale di link nofollow per l’intero sito: 12%

Parola chiave: “pillole dietetiche”

  • # 1 sito classificato: http://www.webmd.com/diet/obesity/weight-loss-prescription-weight-loss-medicine
  • Percentuale di link nofollow: 21%
  • Percentuale di link nofollow per l’intero sito: 14%

Parola chiave: “gradi online”

  • # 1 sito classificato: http://www.guidetoonlineschools.com/degrees
  • Percentuale di link nofollow: 25%
  • Percentuale di link nofollow per l’intero sito: 16%

Parola chiave: “i migliori filatori di fidget”

  • # 1 sito classificato: http://thewirecutter.com/reviews/best-fidget-spinners/
  • Percentuale di link nofollow: 23%
  • Percentuale di link nofollow per intero sito: 21%

Parola chiave: “attività Internet”

  • # 1 sito classificato: https://www.thebalance.com/top-internet-business-ideas-you-can-start-today-1794709
  • Percentuale di link nofollow sulla prima pagina classificata: 31%
  • Percentuale di link nofollow per l’intero sito: 17%

Ora tieni presente che non tutti i siti classificati al primo posto sono così alti. Ce ne sono molti al di sotto del 20%, ma mentre guardiamo sempre più siti classificati al primo posto, questo è un tema comune che continuiamo a vedere.

Ovviamente, questo test o questi dati non sono la fine del SEO. Stiamo solo esaminando chi Google ha ritenuto degno di classificarsi al primo posto e quindi esaminiamo il loro profilo di backlink.

Quindi la domanda diventa: questi siti sono classificati al primo posto perché hanno link nofollow e Google se lo aspetta come parte di un profilo di backlink naturale? O è che questo attributo porta effettivamente valore SEO?

In ogni caso, sembra essere nel tuo interesse avere link nofollow che puntano a pagine che ti interessano.

Caso di studio No-Follow

Dal momento che non scelgo frasi chiave sulla mia home page, ho deciso di testare l’effetto che un collegamento nofollow a livello di sito con corrispondenza esatta avrebbe sulle mie classifiche.

Volevo classificarmi per la frase “software di backlink”. Non è un termine enorme ma descrive esattamente cos’è SEOJet e sono rimasto bloccato negli alti 20 per la frase.

Quindi sono andato a un blog SEO che si è classificato molto bene per molti termini relativi alla SEO. Ho un collegamento nella barra laterale nofollow con l’ancora “software di backlink”.

Entro una settimana mi sono classificato al primo posto per la frase “software di backlink”. Sarei rimasto scioccato da questo risultato, ma la verità è che avevo già fatto la stessa identica cosa prima.

Tutto quello che ho fatto è stato acquistare un collegamento nofollow a livello di sito su siti pertinenti utilizzando l’ancora di corrispondenza esatta e mi sono classificato al primo posto.

Cronologia del ranking SEOJet per “software di backlink”

Non avevo altri link che puntassero alla mia homepage con quella frase chiave.

Penso che la rilevanza del sito su cui stavo facendo pubblicità abbia avuto un impatto su come ha influenzato il mio posizionamento. Ma i risultati non mentono. Un collegamento a livello di sito Nofollow in quel caso sembrava avere un valore SEO reale.

Ora penso che ci siano altri fattori in gioco, ad esempio, ho costruito un sacco di fiducia nel marchio con Google con ancore di marca che puntano alla mia home page. Non sono sicuro di come funzionerebbe bene con un sito nuovo di zecca, anche se non l’ho testato su un nuovo sito.

Azione da asporto

Non salterei a nessuna conclusione basata su un caso di studio, ma ci sono prove sufficienti per renderlo un punto di test futuri. Se c’è un valore SEO effettivo da un link nofollow, come puoi utilizzare questa conoscenza a tuo vantaggio?

Ricordo ai vecchi tempi della SEO quando i link a livello di sito erano di gran moda. Hanno tenuto un po ‘di succo SEO serio. Negli ultimi anni la maggior parte dei SEO non se ne preoccupa.

Armato di questi nuovi dati, come parte della mia strategia SEO, cercherò attivamente siti Web estremamente rilevanti in cui è possibile acquistare un collegamento a livello di sito e taggarlo con l’attributo nofollow.

Inoltre, mi assicurerei che il testo di ancoraggio di quel link fosse una parola chiave a corrispondenza esatta per cui stavo cercando di classificarmi. Aggiungendo l’attributo nofollow, non devi preoccuparti delle sanzioni del motore di ricerca, quindi puoi essere aggressivo quanto vuoi con il testo di ancoraggio.

Dai una possibilità e vedi se il tuo posizionamento salta per le parole chiave che stai prendendo di mira nei link nofollow a livello di sito.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di LINK BUILDING o se vuoi vedere altro di seo visita ora la sezione di categoria seo

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *