Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Migliori pratiche per Baidu SEO

Migliori pratiche per Baidu SEO

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Nel 2018 ci sono ora più di 800 milioni di persone in Cina con accesso ad Internet. La buona notizia per i marketer occidentali è che la classe media in espansione in quel paese ama fare acquisti online e non ha paura di tirare fuori la plastica quando un prodotto o un servizio colpisce la loro fantasia. La cattiva notizia è che non li raggiungerai (in gran numero comunque) con Google.

La SEO correlata a Google non ti farà molto bene in Cina perché il nome del motore di ricerca più popolare non inizia con una “G” In Cina, il portale di ricerca di riferimento con estensione Quota di mercato dell’80% è Baidu.

Fare SEO per un pubblico cinese è un tipo di marketing completamente diverso, in gran parte a causa del Great Firewall of China (GFW). Per coloro che non conoscono, “[the] Great Firewall of China (GFW) è la combinazione di azioni legislative e tecnologie applicate dalla Repubblica popolare cinese per regolamentare Internet a livello nazionale “.

Ecco cosa devi sapere per entrare nel mercato cinese.

Ottieni un .CN o non preoccuparti

Baidu predilige fortemente il suffisso di dominio .CN (prefisso internazionale della Cina) rispetto a .com nel classificare i risultati di ricerca. In realtà, suggerirei di non provare nemmeno a classificarsi con un .com in Cina. La tua migliore strategia è utilizzare lo stesso prefisso di dominio che stai già utilizzando e acquistarlo semplicemente come versione .CN. Ad esempio, supponiamo che il tuo sito Web principale per fare soldi sia HowToPeelAnOrange.com. Mentre normalmente ti suggerirei di andare su Namecheap per effettuare l’acquisto, scoprirai che non li offre. Prova GoDaddy, che ti fornirà un nuovo e brillante dominio .CN per circa sette dollari.

Altri suggerimenti specifici di Baidu sono di non diffondere il tuo sito web su più domini o di creare un sottodominio per i blog (o altro); sarai penalizzato. A Baidu piace tutto ciò che viene fatto tramite un dominio di primo livello (TLD).

Dai un’occhiata di seguito alla ripartizione dei TLD per i primi 1.000 domini più visibili in Cina. Sebbene i domini .com costituiscano la maggioranza, se sei un’azienda occidentale, non lasciarti influenzare da questa statistica. Baidu non sarà impressionato. Ciò che conta è come classificano i siti web.

Fonte: searchmetrics.com

Web hosting, stile Baidu

Se presti attenzione alla scena mondiale, probabilmente ti rendi conto che la Cina preferisce utilizzare le proprie risorse quando possibile. Quindi ciò che è stato discusso sui domini vale anche per web hosting.

Ecco il punto. Potresti assolutamente amare il tuo host web. Forse mandi fiori freschi all’ufficio di casa a West Plains, Missouri, ogni primavera. Il problema è che si trova al di fuori della Cina e questo conterà contro di te nei risultati di ricerca tabulati da Baidu. La linea di fondo è che hai bisogno di un host web cinese per classificarti bene. Se ti stai chiedendo come trovarne uno credibile, questo è un buon punto di partenza.

Mentre sei in tema di host web, per favore non seguire il percorso di hosting condiviso. L’aggiornamento a un server privato dedicato o virtuale è una buona idea, non importa dove ti trovi, ma diventa fondamentale quando cerchi di attirare l’attenzione di Baidu. Il problema con l’hosting condiviso è che condividi lo spazio del server e le risorse di elaborazione con dozzine o addirittura centinaia di altri siti Web. Se uno dei tuoi vicini è fuori linea, ci sono buone probabilità che l’intero server venga disattivato in risposta, lasciandoti ricominciare da capo da qualche altra parte. È meglio avere il tuo server dall’inizio.

Se ti senti debole alla prospettiva di tutta questa spesa per fare soldi, tieni presente che ce ne sono più di tre quarti di miliardo consumatori online in Cina. tu fare desidera parte di quella quota di mercato.

Fonte: Screenshot della home page di Baidu

Acquisizione di una licenza ICP

Oltre a un dominio .CN e a un host web con sede in Cina, avrai bisogno anche di una licenza per la pubblicazione di contenuti Internet (ICP); questo è il meccanismo con cui il governo ti permette di operare un sito web in Cina. Tuttavia, hai poche possibilità di qualificarti senza una presenza fisica nel paese. La soluzione migliore è collaborare con una società Internet locale che può ottenere la licenza per te. Avrai bisogno della versione aziendale dell’ICP, poiché una licenza individuale non ti consentirà di perseguire il profitto.

Come trovare il volume delle parole chiave cinesi

Finora, ho discusso una manciata di fattori del quadro generale che possono impedirti di pubblicare contenuti o classificare il tuo sito web in Baidu. Ce ne sono di più, ovviamente, ma i requisiti di dominio, hosting e ICP sono tra i più importanti.

Ora devi capire come trovare metriche come il volume di ricerca delle parole chiave. A questo punto, dovrebbe essere evidente che il tuo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads sarà un po ‘inutile, così come la maggior parte degli altri strumenti SEO nella tua cassetta degli attrezzi di Google.

Inizia con il motore di ricerca stesso. Come con Google, puoi iniziare a digitare una parola chiave nella casella di ricerca e ricevere un elenco a discesa di frasi associate pertinenti e popolari che le persone stanno cercando. Gli altri principali motori di ricerca cinesi includono Qihoo 360 e Sogou. Ripeti questa tattica con tutti e tre per trovare le parole chiave principali.

Armato di un elenco di probabili parole chiave, è ora il momento di andare a – hai indovinato – Baidu Keyword Planner. Come Google, hai tutti i tipi di opportunità per spendere soldi in promozioni e pubblicità sui motori di ricerca. Puoi anche scegliere di utilizzare il pianificatore di parole chiave per la ricerca del volume. Richiede un account Baidu, ma non devi spendere nulla.

All’interno dello Strumento di pianificazione delle parole chiave, puoi filtrare metriche come:

  • Volume di ricerca giornaliero medio

  • Volume di ricerca medio giornaliero da dispositivo mobile

  • Livello di concorrenza per una parola chiave

  • Costo stimato dell’offerta per la parte superiore della pagina

Se questa parte del processo sembra familiare, va bene; dovrebbe. Probabilmente non è un caso che lo Strumento di pianificazione delle parole chiave Baidu abbia più di una somiglianza passeggera con lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads. Sì, dovresti prenderti la briga di usare lo strumento di Baidu invece e, no, provare a farlo con Google non funzionerà. Quando sei in Cina, fai come fanno i cinesi.

Esistono altri strumenti per le parole chiave come Zhanzhang, Aizhan e Ciku. Probabilmente vale la pena dare almeno un’occhiata a loro, poiché potresti preferirne uno a Baidu. Ciascuno ha i suoi vantaggi e svantaggi particolari. Provali e vedi quale strumento fa per te.

Ottimizzazione sulla pagina

L’obiettivo dell’ottimizzazione in loco è lo stesso sia che si parli di Baidu, Google o qualsiasi altro motore di ricerca sul pianeta. Il punto è rendere facile per gli spider la scansione e l’indicizzazione accurata del tuo sito web, sperando che si traduca in un posizionamento più elevato nelle SERP. Imprenditori online e professionisti SEO ottengono questo risultato con una struttura ordinata del sito web, contenuti freschi e un uso appropriato delle parole chiave.

Se il SEO del tuo sito web è già sintonizzato su Google come un violino a corde strette, non preoccuparti, non dovrai rottamare tutto. Consideralo un buon inizio.

Le seguenti aree da considerare sono specifiche di Baidu.

JavaScript: Baidu non si preoccupa di nascondere il fatto che i suoi ragni praticamente si grattano la testa collettiva quando si imbattono in JavaScript. In altre parole, se si dispone di JavaScript, contenuto AJAX o qualsiasi contenuto o collegamento all’interno di JavaScript, è meglio sbarazzarsene, altrimenti il ​​rendering del sito Web in Cina sarà scadente.

Widget di condivisione sociale: Facebook, Twitter, YouTube e simili hanno una cosa in comune in Cina: sono stati bloccati dal governo cinese. Se provi a usarli, il tuo sito web funzionerà lentamente e il pubblico locale si chiederà perché non stai utilizzando la piattaforma di condivisione sociale approvata dal governo WeChat.

Struttura del sito web piatta o profonda: È una realtà ben nota che i ragni di Baidu iniziano a cadere a pezzi cercando di indicizzare un sito che è troppo profondo, ma piatto non sembra così caldo con quei collegamenti ovunque su ogni pagina. Cerca di trovare un equilibrio che massimizzi l’esperienza dell’utente ma non sia più profondo del necessario.

Collegamento interno: Di seguito sono riportate alcune best practice di Baidu per i collegamenti interni:

  • La homepage dovrebbe collegarsi solo alle pagine delle categorie principali. Le sottocategorie e le altre pagine devono essere collegate dalla pagina della categoria principale.

  • Ogni pagina dovrebbe rimandare alla home page.

  • Includi una buona descrizione del link nel testo di ancoraggio.

  • NESSUN link all’interno di JavaScript o Flash.

  • Più collegamenti interni a una data pagina indicano la sua importanza per Baidu.

  • Più una pagina è vicina alla home page, misurata dal numero di clic necessari per arrivarci, più è considerata importante.

  • Le pagine orfane (quelle non collegate a) non verranno indicizzate.

Collegamento interno corretto è un grosso problema con Baidu. Puoi migliorare in modo significativo il posizionamento nei motori di ricerca pulendo i collegamenti interrotti o reindirizzati e, ancora una volta, essere molto chiaro con il testo di ancoraggio.

Posizionamento delle parole chiave: Per quanto riguarda l’inserimento di parole chiave nei contenuti, Baidu è indietro di alcuni anni rispetto a Google quando si tratta di sofisticatezza degli algoritmi. Le tue tecniche della vecchia scuola ti aiuteranno in una certa misura, ma non prenderla come una licenza per usare parole chiave come se fosse il 1995. Dovrebbero comunque apparire naturalmente nel contenuto.

Targeting geografico dei consumatori cinesi

Per anni, i professionisti del marketing hanno preso di mira una fascia demografica ampiamente descritta come classe media, istruita, sposata, equamente divisa tra i sessi e abitazione urbana. Fino a poco tempo, l’urbano è stato rapidamente classificato come vivere nelle o vicino alle tre città di Pechino, Shanghai o Tianjin. Ora gli esperti di marketing hanno la sensazione che queste aree potrebbero aver raggiunto un punto di saturazione.

In altre parole, il più grande potenziale per i nuovi clienti e una quota di mercato più ampia si trova probabilmente nelle cosiddette città di secondo e terzo livello che hanno una popolazione simile, ad esempio, a Chicago a 3 milioni invece che a Shanghai.

Gli esperti di marketing, guardando da cinque a dieci anni lungo la strada, vedono esplodere la crescita della classe media nelle città di secondo, terzo e persino quarto livello. Per gli sforzi online, il compito è di attingere a queste aree in gran parte inesplorate (comunque dai marchi occidentali) prima di tutti gli altri. Sebbene la televisione abbia a lungo dominato il panorama cinese come principale mezzo di marketing, le cose stanno cambiando rapidamente.

Considera le seguenti tattiche per far riconoscere il tuo marchio nelle regioni periferiche della Cina.

Nient’altro che Mobile: Sebbene sia opinione diffusa che l’America e altri paesi occidentali rappresentino la maggior parte dell’utilizzo di dispositivi mobili per accedere a Internet, ricerca recente indica che il 61% di tutto il traffico Internet cinese è di tipo mobile. Quindi non stai vendendo solo a un pubblico online, ma a un pubblico di dispositivi mobili. Ciò significa che ogni pagina del tuo sito web, ogni email che invii e ogni post o annuncio sui social media che crei dovrebbe riflettere quella realtà.

Fonte: The Kenyan Wall Street

Branding: Se hai già un marchio di successo, ovviamente stai facendo qualcosa di giusto. Tuttavia, attirare un cliente cinese potrebbe richiedere qualsiasi cosa, da una piccola modifica a una revisione completa del marchio. La linea di fondo è mostrare la consapevolezza di comprendere le culture e le preferenze locali. Ad esempio: sei un produttore di scotch occidentale? In Cina, a loro piace berlo con ghiaccio e tè verde. Sarebbe una buona idea riflettere quella preferenza locale nel tuo marketing.

Pensieri finali

C’è un aspetto di questa discussione non ancora toccato. In effetti, l’ho tenuto fino alla fine, quindi ci sarebbero state migliori possibilità che ti ricordassi. Sebbene i cinesi siano voraci studenti della lingua inglese, pianifica che il tuo sito web e tutto il marketing siano scritti in cinese e, per amore di tutto ciò che è sacro, non fare affidamento sul software di traduzione automatica. Non hai idea del tipo di contraccolpo negativo delle vendite che potrebbe derivare dal rendering della parola o della frase sbagliata.

Se non hai una solida conoscenza della lingua locale, fai un favore a te stesso e alla tua attività e assumi un madrelingua per scrivere, copiare e correggere ogni elemento di ogni sforzo di vendita. Se non puoi ancora permetterti quella spesa, aspetta. Sarebbe meglio mettere in pausa i tuoi piani di marketing cinese piuttosto che farlo male. Come dice il proverbio, non c’è una seconda possibilità per fare una prima impressione.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *