Nuovo aggiornamento algoritmo, annunci display adattabili, lancio di ricerca set di dati e altro ancora

Nuovo aggiornamento algoritmo, annunci display adattabili, lancio di ricerca set di dati e altro ancora

Nelle ultime due settimane, siamo stati impegnati a esaminare una serie di incredibili aggiornamenti da Google, tra cui il lancio di Dataset Search, che è una di una catena di iniziative intraprese dal gigante dei motori di ricerca per portare i set di dati in modo più visibile nei loro prodotti.

Man mano che esegui il riepilogo, noterai presto una serie di altri aggiornamenti non di routine che potrebbero avere un grande significato per gli inserzionisti, nonché per gli utenti regolari di Google. Facciamo subito un salto, ma per una discussione più approfondita sintonizzati sul nostro Podcast Search Marketing Scoop, in cui Jennifer Slegg e Christi Olson stanno discutendo di tutti gli ultimi titoli.

Ascolta il nostro podcast su iOS e Android:

NOTIZIE DI RICERCA GOOGLE

Aggiornamento dell’algoritmo di Google l’11 settembre

C’è una quantità crescente di chiacchiere tra la comunità online su un possibile aggiornamento dell’algoritmo da parte di Google la scorsa settimana. La maggior parte degli strumenti utilizzati per monitorare gli aggiornamenti di Google, le classifiche dei siti e le tendenze SEO hanno anche mostrato fluttuazioni significative nelle classifiche. Sebbene la reazione della comunità web al momento non sia molto forte, c’è un’elevata possibilità che Google provi un nuovo aggiornamento dell’algoritmo.

Fonte: Aggiornamento dell’algoritmo di Google l’11 settembre

Testing New Video Search Results Box

Sembra che Google stia testando una nuova interfaccia utente per i contenuti video nei risultati di ricerca per cellulari. Invece del solito video carousel, c’è una casella video espansa nella parte superiore con altri due video mostrati proprio sotto di essa e l’opzione (una freccia a discesa) per espandere la sezione per vedere una serie di altri video. Un utente Twitter di Monaco, di nome Valentin Pletzer, sembra averlo notato per la prima volta e pubblicato su di esso: “Google sta testando un nuovo video onebox mobile. Cambiando il carousel in un one box espandibile.”

Fonte: Google testa la nuova casella dei risultati di ricerca video

Test della sezione “Cronologia pertinente” sulle SERP mobili

Sembra che Google stia testando una nuova funzione per gli utenti di ricerca chiamata Cronologia pertinente. Quando cerchi qualcosa che corrisponda alle tue ricerche precedenti su Google, viene visualizzata una nuova sezione che sembra mostrare le tue ricerche passate pertinenti alla ricerca / parole chiave che hai attivato in questo momento. Tuttavia, non siamo sicuri che questa sia una funzionalità che Google potrebbe considerare di implementare presto.

Fonte: Google verifica la “cronologia pertinente” nei risultati di ricerca

NOTIZIE DI GOOGLE ADS

Cambia in [Exact Match] in Google Ads

In un annuncio fatto il 6 settembre, Google ha spiegato una nuova funzionalità che corrisponde all’intento dei ricercatori con varianti simili delle parole chiave esatte. La funzione “varianti simili a corrispondenza esatta” di Google inizierà presto a includere varianti simili che condividono lo stesso significato delle parole chiave degli inserzionisti. Secondo Google, “Ciò significa che le tue parole chiave a corrispondenza esatta possono mostrare annunci per ricerche che includono parole implicite, parafrasi e altri termini con lo stesso significato. “

Fonte: Abbina l’intento di una ricerca con varianti simili

Annunci display adattabili in Google Ads

Google ha recentemente annunciato il lancio di annunci display reattivi (RDA) per gli inserzionisti online. Ciò che essenzialmente fa è aiutare gli inserzionisti a fornire gli annunci più pertinenti, coinvolgenti e di valore sul Web su larga scala. La creazione di annunci personalizzati che rispondono bene su milioni di siti e app sul Web non è pratica o addirittura possibile per gli inserzionisti; RDA combina la potenza dell’apprendimento automatico con la creatività umana per offrire prestazioni migliori.

Gli inserzionisti non devono fare molto nel processo; devono solo fornire alcuni semplici input sulle loro attività e prodotti, come immagini, titoli, descrizioni e loghi (in più dimensioni e formati) e Google utilizza la loro potenza di machine learning per testare diverse combinazioni e mostrare gli annunci che funzionano meglio . Gli inserzionisti possono quindi utilizzare il rapporto sulle risorse per vedere il rendimento di ciascuna risorsa (ad es. Titolo, immagine, logo e così via). La colonna del rendimento del rapporto sulle risorse mostra una valutazione “Apprendimento”, “Basso”, “Buono” o “Migliore” in base al rendimento di una risorsa.

Fonte: Trasmetti il ​​miglior messaggio sul Web con annunci display reattivi

Nuovi tipi di annunci su Youtube

Google conferma il lancio dell’aggiornamento degli annunci video verticali per le campagne TrueView e universali per app su YouTube. Secondo il motore di ricerca, gli annunci video verticali forniscono una tela più grande e più bella per fornire messaggi agli inserzionisti sui dispositivi mobili e consentire ai clienti di interagire con il contenuto poiché soddisfa le loro preferenze di visualizzazione. Il chief product officer di YouTube, Neal Mohan, ha dichiarato in una conversazione con The Drum: “In realtà è qualcosa che sentivamo da tempo dagli inserzionisti e dalle loro agenzie creative, e ora siamo felici di consegnarlo, e la mia aspettativa è che ciò che faranno con esso supererà le nostre aspettative dal punto di vista della creatività.

Fonti: Gli annunci video verticali sono ora disponibili per le campagne TrueView e universali per app su YouTube; Gli annunci video verticali stanno arrivando su YouTube

Aggiornamento di AdWords Editor

La Guida di Google AdWords Editor (presto chiamata “Guida di Ads Editor”) ha recentemente pubblicato un post sul blog che parla di alcune nuove funzioni che sono ora disponibili nella versione 12.5 di AdWords Editor. Queste caratteristiche includono:

  • Più testo negli annunci di testo espansi

  • Nuova riga descrittiva per gli annunci dinamici della rete di ricerca

  • Descrizioni più lunghe per annunci di sola chiamata

  • Nuova regola personalizzata: sitelink senza descrizioni

Fonte: AdWords Editor: versione 12.5

Annunci dinamici della rete di ricerca basati sulle pagine di destinazione delle campagne standard

Google ha invitato gli inserzionisti a iniziare a pubblicare annunci dinamici della rete di ricerca sulle pagine di destinazione dei loro gruppi di annunci standard (con una semplice configurazione). Il motore di ricerca ritiene che indirizzando gli annunci in base al contenuto dei loro siti web, gli inserzionisti possano ora ottenere prestazioni migliori dalle loro campagne pubblicitarie. “Seleziona semplicemente “pagine di destinazione dei tuoi gruppi di annunci standard” dall’elenco delle categorie disponibili.“Una volta selezionata, l’opzione verrà indirizzata a tutte le pagine di destinazione del tuo account che vengono utilizzate con annunci di testo e su cui stai attualmente pubblicando gli annunci della rete di ricerca. Puoi anche utilizzare il rapporto sui termini di ricerca per trovare le statistiche a livello di URL per il tuo Annunci dinamici della rete di ricerca che ti aiuteranno a trovare le pagine con il rendimento migliore e ad indirizzarle in modo specifico.

Fonti: Indirizza più traffico alle pagine di destinazione delle tue campagne standard; Utilizza le statistiche a livello di URL per i tuoi annunci dinamici della rete di ricerca

Limitazione degli annunci nei servizi di supporto tecnico di terze parti

David Graff, Director of Global Product Policy di Google, ha pubblicato un post nella pagina ufficiale di Google Ad, annunciando la decisione del motore di ricerca di limitare gli annunci che provengono da fornitori di supporto tecnico di terze parti. La restrizione si applica a questa categoria a livello globale a causa delle esperienze pubblicitarie fuorvianti e delle regolari violazioni delle norme osservate. Tuttavia, nei prossimi mesi, il motore di ricerca ha in programma di implementare un programma di verifica che consentirà ai fornitori legittimi di supporto tecnico di terze parti di continuare a utilizzare la piattaforma pubblicitaria di Google per raggiungere i consumatori.

Fonte: Limitazione degli annunci nei servizi di supporto tecnico di terze parti

NOTIZIE DI GOOGLE TOOLS

La nuova Search Console di Google non è più beta

Uno dei principali aggiornamenti che Google ha annunciato la scorsa settimana è il completamento della nuova Search Console. Sebbene la nuova Search Console sia stata lanciata all’inizio dell’anno, il processo di migrazione, test e messa a punto ha richiesto circa otto mesi in più prima che Google ne uscisse dalla versione beta.

La nuova Search Console è ora completamente su di giri e pronta per l’uso! Sono state inoltre aggiunte due funzionalità aggiuntive al nuovo strumento di ispezione degli URL sotto forma di rapporto “Azioni manuali” e una funzionalità “Test Live”. Con queste e altre funzionalità, la nuova Search Console avrà ora più dati, migliori flussi di avviso e “risolto”, sitemap più semplificate e gestione delle impostazioni dell’account e migliori avvisi per le azioni manuali e i problemi di sicurezza.

È stata pubblicata anche una guida completa alla migrazione per il passaggio alla nuova Search Console per gli utenti esistenti. La guida alla migrazione di Google mostra le principali differenze tra la vecchia e la nuova Search Console, comprese le modifiche generali, il confronto di strumenti e rapporti, nuovi modi per eseguire vecchie attività, nonché un elenco di vecchie funzionalità che non sono attualmente supportate nella nuova Google Search Console.

Fonti: Migrazione dalla vecchia Search Console alla nuova Search Console; La nuova Search Console sta uscendo dalla beta?

Intervista con i webmaster di Google su Google Search Console

Il team di ricerca di Google sta cercando di intervistare i proprietari di siti Web in remoto tramite Hangout in cui Google cercherà di conoscere le esperienze dei proprietari di siti Web con la console di ricerca. Le persone interessate possono compilare il modulo fornito dal gruppo di ricerca e scegliere una fascia oraria nel modulo. Google potrebbe o meno essere in grado di contattarti, a seconda della disponibilità dello slot.

Fonti: Google Webmasters Twitter; Modulo di disponibilità del proprietario del sito

Ricerca set di dati lanciata in beta

Uno degli aggiornamenti significativi che il gigante dei motori di ricerca ha annunciato la scorsa settimana è il lancio di Dataset Search. Con il lancio di questo nuovo strumento, Google ha reso molto più facile per giornalisti di dati, scienziati, esperti di dati e altri utenti del motore di ricerca trovare i dati di cui hanno bisogno, indipendentemente dal sito dell’editore, dalla biblioteca digitale o dal personale dell’autore pagina web su cui è ospitato. È stato inoltre sviluppato un documento di linee guida per descrivere i dati secondo il metodo consigliato da Google per i fornitori di set di dati. Google afferma che il loro “approccio (alla ricerca del set di dati) si basa su uno standard aperto per la descrizione di queste informazioni (schema.org) e chiunque pubblichi dati può descrivere il proprio set di dati in questo modo. “

Con la nuova versione, gli utenti di Google possono ora trovare set di dati provenienti da scienze ambientali e sociali, dati governativi e dati forniti da testate giornalistiche, con più set di dati che dovrebbero essere accessibili non appena gli editori di dati (repository) passeranno allo standard schema.org. Il nuovo lancio fa parte di una serie di iniziative che Google ha intrapreso per portare i set di dati nei propri prodotti e, in ultima analisi, alla portata dei propri utenti di ricerca.

Fonti: Rendere più facile scoprire i set di dati; Google Dataset Search; Guida alla ricerca di Google: set di dati

Lancio del codelab dei dati strutturati

Google ha recentemente implementato il proprio codelab per dati strutturati per aiutare i proprietari di siti a gestire le pagine web con dati strutturati. I proprietari dei siti possono ora classificare meglio i propri contenuti web e creare i propri dati strutturati seguendo la procedura passo passo fornita dal codelab. Il lab include una procedura dettagliata su come aggiungere diversi tipi di dati strutturati a un sito HTML, dove posizionare i dati strutturati, come evitare le insidie ​​comuni e come testare e convalidare i dati strutturati per un sito.

Fonti: Google lancia il codelab per dati strutturati ; Codelab di Google: strutturato

Google dice addio a Inbox

Quattro anni dopo il lancio di Inbox by Gmail, Google sta ora pianificando di dire addio a Inbox alla fine di marzo 2019. Molte delle stesse funzionalità di Inbox sono già state incorporate nel nuovo Gmail. Inoltre, sono state aggiunte nuove funzionalità come Composizione intelligente e Risposta intelligente che rendono Gmail ancora più utile ed efficiente. È stata inoltre implementata una guida alla transizione per aiutare gli utenti a passare facilmente da Inbox al nuovo Gmail.

Fonte: Inbox si sta disconnettendo: trova le tue funzioni preferite nel nuovo Gmail

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Write a Comment