Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Parole chiave, imbuti di vendita e SEMrush

Parole chiave, imbuti di vendita e SEMrush

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Stanco di vedere il traffico del tuo sito web rimbalzare prima di darti una possibilità? Quando sai cosa vogliono i tuoi visitatori e glielo dai, è molto più facile convincerli a restare.

E, come vedrai tra un secondo, se segui questo modello in sette fasi, non solo capirai cosa vogliono i tuoi visitatori, ma anche il modo migliore per darlo a loro.

Solo una cosa prima di iniziare. Se hai intenzione di provare ad adattare questo processo allo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google, non farlo.

Sì, è possibile, ma non voglio che tu faccia offerte su un Delorian solo per riavere la tua giovinezza. Ciascuno di questi passaggi è stato notevolmente semplificato utilizzando SEMrush, motivo per cui ho scelto di mostrare questo metodo qui.

Se sei preoccupato perché non hai un account, puoi completare tutti questi passaggi con il “livello gratuito” di SEMrush che consente 10 ricerche al giorno, con 10 risultati per ricerca.

Senza ulteriori indugi, iniziamo osservando come stanno le cose ora.

Quali parole chiave utilizzano i visitatori per trovare il tuo sito oggi?

Questo processo è stato semplificato con il rapporto sulla panoramica del dominio.

Passaggio 1: apri semplicemente la dashboard di SEMrush e inserisci il nome di dominio del tuo sito web.

In pochi istanti vedrai la pagina piena di una visualizzazione colorata di dati. Dati che ti danno una visione immediata di cosa funziona e cosa no quando si commercializza il tuo sito web.

Per il mio esempio, sto usando un sito di chiropratica poiché sto comunque facendo il lavoro per un cliente. Questo entrerà in gioco più tardi, quando approfondiremo l’identificazione dell’intento dei visitatori del tuo sito web.

Passaggio 2: scorri la pagina verso il basso e trova la sezione “Principali parole chiave”.

Fare clic su “25” in Ricerca organica o semplicemente trovare e fare clic sul pulsante “Rapporto completo”; si presenta in verde nell’immagine sottostante.

Aprendo il rapporto completo vedrai tutte le principali parole chiave utilizzate dai visitatori per trovare il tuo sito. Ora hai una visione diretta delle parole chiave esatte che i tuoi visitatori stanno utilizzando per trovarti.

Questa è roba estremamente potente!

Il rapporto sulle posizioni di ricerca organica ti consente anche di vedere quali parole chiave si stanno posizionando bene e quali stanno portando traffico in un grafico di facile lettura.

Passaggio 3 – Esporta l’intero report in Excel (.xls), Comma Separate Value (.csv) o Portible Document Format (.pdf) utilizzando il pulsante Esporta “.

Adesso è il momento di mettersi al lavoro. Tutti questi passaggi sono semplici, ma non sempre facili.

Come vedrai nella prossima sezione, sembra che sia stato un colpo di fortuna, ma la verità è che … è successo esattamente il contrario. Ti mostrerò.

Tutte queste parole chiave sarebbero classificate in “Test della soluzione” o parole chiave di impegno. È fantastico se stai solo cercando di convertire i visitatori pronti per l’acquisto in clienti, ma la maggior parte del tuo pubblico si troverà nelle altre categorie di intenzioni dell’acquirente (trattate nella sezione successiva).

Passaggio 4: ordina le parole chiave in quattro diverse categorie di intenzione dell’acquirente.

  • Consapevolezza del problema
  • Consapevolezza e indagine sulla soluzione
  • Test della soluzione
  • Impegno per un percorso di soluzione

In un certo senso, questa è la fase più difficile del processo, e meglio conosci il tuo mercato, più è facile.

Parole chiave per la consapevolezza del problema: Queste parole chiave di solito esaminano un problema generale, come “mal di schiena”, “lombalgia” o “cause del mal di schiena”.

La principale distinzione tra consapevolezza del problema e consapevolezza della soluzione è al centro della loro ricerca per parole chiave. Se stanno cercando ulteriori informazioni su un problema che hanno, piuttosto che una soluzione a quel problema, la parola chiave generalmente si adatta a questa fase.

Parole chiave per l’indagine e la consapevolezza della soluzione: Una volta che il tuo visitatore ha studiato il problema, inizierà a cercare una soluzione. Per continuare con l’esempio del chiropratico, potresti vedere parole chiave come “come riparare il mal di schiena”, “trattamento della lombalgia” o “esercizi per il mal di schiena” e “come alleviare il mal di schiena”.

Parole chiave come queste mostrano che il tuo visitatore riconosce di avere un problema legittimo e sta cercando opzioni di soluzione.

Tuttavia, se ti prendi un momento per esaminare le parole chiave, vedrai che non è stata trovata alcuna soluzione specifica. Stanno ancora esaminando le loro opzioni per vedere cosa è giusto per loro.

Parole chiave per il test della soluzione: In questa fase il tuo visitatore ha deciso di essere pronto a cercare aiuto, sia direttamente tramite la tua azienda che tramite un percorso di auto-aiuto. Ad ogni modo, se è la prima volta che provano questa soluzione, molto probabilmente stanno testando le acque.

Nel caso del sito di un chiropratico potresti trovare parole chiave come “allungamenti del dolore alla schiena” da qualcuno che vuole provare un aiuto non medico.

Oppure potresti trovare i tuoi visitatori che cercano “chiropratico locale” o “trattamenti per il mal di schiena a New York” per vedere quali sono le loro opzioni locali per i trattamenti medici.

In ogni caso, tutte e tre queste parole chiave indicano che il tuo visitatore desidera intraprendere un’azione per risolvere il suo problema, ma prima di impegnarsi in qualcosa a lungo termine, molto probabilmente lo vorrà fare per un giro di prova.

Passaggio 5 – Ora che sai che tipo di visitatori stanno arrivando sul tuo sito, è il momento di creare offerte basate sull’intento dell’acquirente.

I visitatori che utilizzano parole chiave per indagare sui loro problemi cercano maggiori informazioni sul motivo per cui hanno il problema, per quanto tempo li influenzerà e cosa farà per le loro vite.

Questo tipo di visitatore vuole informazioni e tu sei solo l’esperto per fornirgliele. Inoltre, fornendo approfondimenti di esperti sul loro problema a questo punto del loro ciclo di acquisto, rendi più facile per loro tornare da te quando sono pronti a indagare sulle soluzioni al loro problema.

Una volta che ciò accade, sono passati alla fase successiva del ciclo dell’acquirente; iniziano a indagare se esistono soluzioni a loro disposizione e, in tal caso, si chiedono quali siano queste soluzioni.

A prima vista sembra una semplice raccolta di dati, ma quando scruti nella mente del tuo visitatore vedrai che sta separando il grano dalla pula.

Il loro obiettivo principale a questo punto è determinare se esiste una soluzione e quanto sia giusta per loro.

Questo è il tuo momento per brillare.

Offrendo al tuo visitatore una risorsa che risponde a tutte le loro domande, forse confronta le possibili soluzioni e mostra perché le tue soluzioni sono le migliori … hai un’enorme opportunità per rafforzare il tuo rapporto con quel visitatore.

Prendiamo ad esempio il chiropratico. Supponiamo che il sito Web del chiropratico fornisca un post sul blog che spiega i cinque principali metodi di trattamento comuni per la lombalgia e spiega oggettivamente i pro ei contro di ciascuno.

Il chiropratico ha fornito approfondimenti di esperti estremamente preziosi per aiutare i loro visitatori a cercare l’aiuto giusto per loro. Questo posiziona immediatamente il chiropratico come esperto di fiducia e dà al visitatore un motivo per fidarsi del chiropratico e passare alla fase di test della soluzione del ciclo dell’acquirente.

Ora, il test della soluzione può essere facile … ma può anche rovinare tutto il tuo duro lavoro.

“Test della soluzione” è solo un modo elegante per dire che il tuo visitatore vuole provare la merce senza impegnarsi a “finché morte non ci separi”.

Quindi lasciateli.

Molte società di software, come SEMrush, lo fanno offrendo una prova gratuita. Può essere abbastanza facile.

Tuttavia, se sei un’azienda basata sui servizi, che è ciò in cui sono specializzato, puoi cadere nell’incubo del “ciclo di svalutazione” e rovinare la tua attività.

Il ciclo di svalutazione si verifica quando offri il tuo prodotto principale a una tariffa scontata (o gratuita) ai tuoi visitatori. La tariffa scontata li fa chiedere “se puoi darmela a metà prezzo adesso, perché non continui a offrirmela a quel prezzo?”

Finisci per creare cacciatori di sconti invece di clienti fedeli; esattamente lo stesso buco in cui si sono trovati per anni i siti di affari quotidiani.

Se ottieni la giusta fase di test della soluzione e la tua soluzione è tutto ciò che hai detto che sarebbe stato (funziona effettivamente), è probabile che il tuo visitatore provvisorio diventi un cliente fedele (e passi alla fase finale del ciclo dell’acquirente) in pochissimo tempo !

Questo è il momento in cui li “aggiorni” in Committing to the Solution; il tuo prodotto o servizio principale che li farà tornare ancora e ancora.

Vedi come funziona? Una volta che sai quali parole chiave stanno utilizzando i tuoi visitatori per trovare il tuo sito, puoi creare un’offerta adatta esattamente a ciò che stanno cercando e aiutarli a passare attraverso il ciclo dell’acquirente, diventando direttamente un nuovo cliente.

Passaggio 6: l’ultimo passaggio di questo processo è creare una canalizzazione di marketing per ogni offerta che fai ai tuoi visitatori.

Ciò significa che avrai un imbuto di marketing per i blog per i visitatori consapevoli del problema e consapevoli della soluzione; un funnel di marketing di lead generation per i visitatori di Solution Aware e Solution Testing e un funnel di vendita per coloro che sono pronti a trasformarsi in clienti.

Ognuna di queste canalizzazioni è almeno un post di blog a sé stante, quindi non ne parlerò qui, ma spero davvero che questo ti abbia aiutato a implementare un modo per utilizzare le informazioni fornite da SEMrush per ottenere più nuovi clienti, più velocemente .

Se hai domande, non esitare a lasciare un commento: sarò in giro per rispondere.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *