Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Perché “Content Is King” è il più grande mito del SEO

Perché “Content Is King” è il più grande mito del SEO

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Negli ultimi dieci anni, probabilmente hai incontrato qualcuno nel mondo SEO che ha rigurgitato la frase “il contenuto è re”.

Ho un vero problema con questa frase per due motivi. Uno, se sai come fare link building nel modo giusto, link building è il re.

La maggior parte delle persone non sa come creare collegamenti nel modo giusto, quindi ti dicono che il contenuto è re perché produrre contenuti è molto più semplice che ottenere buoni link che puntino al tuo sito web. Se una società di SEO è buona di quello che ti direbbero è un ottimo contenuto e la creazione di link vanno di pari passo.

La seconda ragione per cui ho un problema con il cliché secondo cui il contenuto è il re è a causa della pigrizia della maggior parte di noi, quella piccola frase di tre parole è tutte le informazioni che la maggior parte delle persone sta effettivamente ascoltando e assorbendo.

Se il proprietario di un sito web si limitasse a eseguire con le informazioni che “il contenuto è re”, potrebbe seguire questo percorso:

OK, il contenuto è re. Andiamo a produrre 10 milioni di parole di contenuto e domineremo i motori di ricerca. Prendiamo un articolo e pubblichiamo sul nostro blog. Quindi prenderemo quell’articolo, lo gireremo (lo riscriveremo con parole diverse) e lo pubblicheremo di nuovo. Allora facciamolo ancora e ancora. Sicuramente non stiamo aggiungendo alcun valore a Internet o ai nostri utenti, ma il contenuto è il re. Google ci adorerà. Già che ci siamo, assumiamo uno scrittore per creare 100 pagine di contenuti che dicono tutte più o meno la stessa cosa della nostra home page appena riformulata per ingannare i motori di ricerca.

Molti spammer hanno provato questo approccio. Questo non è ciò che si intende con “il contenuto è re”.

La frase in realtà deve essere riformulata per raccontare la vera storia. Ecco cosa dovrebbero dire le persone:

Ottima strategia di contenuti + SEO è il re

Ci sono fondamentalmente tre pilastri per produrre contenuti di successo che guidino il traffico e aumentino le vendite.

1. Crea un’ottima strategia per i contenuti 2. Crea contenuti sorprendenti che risolvono un problema3. Crea contenuti compatibili con i motori di ricerca

Parliamo un po ‘più in dettaglio dei tre pilastri del contenuto SEO.

Pilastro 1: creare un’ottima strategia per i contenuti

Con qualsiasi sito web che gestisci, devi sapere esattamente come scrivere contenuti ricchi di SEO che si adattino allo scopo del pubblico per cui scrivi.

Altro su questa La guida definitiva alla strategia di marketing dei contenuti nel 2020 Post Alina Petrova

Il prossimo passo è metterti nei loro panni. Cosa vogliono? Quali sono i loro punti dolenti negli affari e nella vita. Come puoi aiutare a risolvere questi problemi per loro?

Ad esempio, quando creo contenuti per Guest Post Tracker scrivo a società e consulenti SEO che hanno difficoltà a trovare blog autorevoli in cui possono pubblicare post.

La mia strategia è creare contenuti sorprendenti che soddisfino le esigenze di questo gruppo in modo che possa affermarmi come un’autorità nello spazio SEO. In questo modo coloro che gestiscono aziende SEO sapranno e avranno fiducia che il mio software può aiutarli a creare link fantastici per i loro clienti.

Con questo in mente, devi iniziare a creare un elenco di idee per post sul blog che rispondano alle esigenze del tuo pubblico. L’aggiunta di contenuti solo per classificare una determinata frase chiave non è sufficiente. L’aggiunta di ottimi contenuti di cui il tuo pubblico di destinazione trarrà davvero vantaggio è la strategia che guiderà il traffico, i link e le condivisioni.

Questo post di Gnarly Nutrition, una società di integratori sportivi, è un ottimo esempio di una strategia di contenuto che migliora la vita dei loro clienti target. Lo fanno dando loro modi creativi in ​​cui possono consumare proteine ​​del siero di latte, quindi non è sempre in una scossa.

Ecco come devi implementare la tua strategia.

Pilastro 2: creare contenuti sorprendenti che risolvano un problema

Nel secondo pilastro, ora devi creare il contenuto straordinario che risolverà un problema che potrebbe avere il tuo cliente.

Ma ecco il punto:

Devi passare il tuo tempo a fare ricerche. Devi prenderti il ​​tempo per generare un contenuto diverso da tutto ciò che esiste su Internet.

Vuoi che il tuo cliente target legga questo contenuto e non solo pensi che sei fantastico, ma anche disposto a condividerlo con i suoi colleghi perché colpisce nel segno. Rende la sua vita migliore in qualche modo.

Non lo otterrai se non passi il tempo e ti sforzi di renderlo fantastico.

E deve essere lungo.

Nel uno studio di Brian Dean a Backlinko, dice “il numero medio di parole di un risultato della prima pagina di Google è di 1890 parole”.

Devi ricordare che uno dei modi principali in cui Google guarda una pagina web e decide di cosa tratta quella pagina è guardare quel contenuto di quella pagina.

Più contenuti hai sulla pagina, più puoi convincere Google a classificarti più in alto.

Ancora una volta, questo ti aiuterà a differenziarti dagli altri siti Web che cercano di classificarti per le stesse frasi chiave. Quando aggiungo contenuti a un sito Web ora di solito faccio un minimo di 1500 parole ma ho persino scritto un post sul blog di oltre 10.000 parole lungo.

Ci vogliono più tempo e denaro per creare questo tipo di contenuto, ma il tempo è un investimento. Scrivi un articolo di 5.000 parole e crea link per esso, e osserva come indirizza il traffico che ti fa guadagnare soldi 24 ore al giorno 7 giorni alla settimana per gli anni a venire. Per me questo è un investimento nella mia attività che è tempo ben speso.

Pilastro 3: creare contenuti compatibili con i motori di ricerca

Ogni volta che aggiungi contenuti a un sito web devi avere uno scopo. In altre parole, devi scegliere come target alcune frasi chiave per le quali desideri classificarti su Google. Non penso di aver bisogno di spiegarlo per la maggior parte dei proprietari di piccole imprese, ma lo farò comunque, le frasi chiave che cerchi di indirizzare nei tuoi contenuti devono essere frasi che porteranno visitatori mirati al tuo sito web.

È inutile scrivere un articolo di 3000 parole su un concerto a cui sei andato e quindi portare 5 milioni di fan di Justin Bieber sul tuo sito web che vende chiavi industriali. (Perché eri a un concerto di Justin Bieber in primo luogo?)

Maggiori informazioni su Come creare contenuti ottimizzati per la SEO Post Alina Petrova

Quello che vuoi è traffico mirato. La tua strategia per i contenuti dovrebbe essere quella di utilizzare il contenuto del tuo sito web per convincere gli acquirenti a visitare il tuo sito web e, ovviamente … Quindi, con ogni post del blog o nuova pagina che aggiungi al tuo sito web, devi indirizzare le frasi nel tuo settore che sai che i tuoi potenziali clienti stanno cercando.

Quindi diciamo che stavo scrivendo contenuti per un sito web immobiliare in Arizona. Potrei aggiungere un giorno un contenuto che ha come target la frase “case in vendita a Phoenix” e forse la prossima volta scrivere un articolo che avrà come target “valori di case in Arizona”. Puoi indirizzare più di una frase chiave quando scrivi un articolo, ma dovresti concentrarti su una frase principale.

Il modo in cui scegli come target la frase nel tuo contenuto è che includi letteralmente quella frase in determinati punti. Ad esempio, la frase esatta dovrebbe far parte del titolo del post del blog. Dovresti quindi includere un tag H1 nella parte superiore del post che include anche la frase (se usi WordPress per blog sul tuo sito, aggiungerà automaticamente il tag H1 dal titolo del post del blog).

Quindi nel contenuto del post del blog è necessario includere la frase solo 1-2 volte e forse una variazione della frase 1-2 volte per 500 parole. È importante non esagerare con questa parte. Aggiungere le tue frasi più di questo sembra spam ai motori di ricerca.

GOGO Charters, una compagnia di autobus charter fa un ottimo lavoro con questa strategia. Il loro pubblico di destinazione sono le persone che prenotano e viaggiano su autobus charter, quindi hanno scritto un articolo che lo descrive 10 giochi che i passeggeri possono giocare mentre viaggiano su un bus charter.

L’articolo colpisce entrambe le frasi chiave che il loro cliente cercherebbe e risolve un problema per il loro pubblico di destinazione.

È inutile aggiungere contenuti sorprendenti se non hai intenzione di ottenere traffico mirato da esso.

Miti sui contenuti per il SEO

Uno dei più grandi miti sull’aggiunta di contenuti al tuo sito web è che devi essere coerente con il contenuto. Di nuovo, gli “esperti” del settore direbbero che come regola generale dovresti aggiungere contenuti a un sito web almeno una volta alla settimana, ma 2-3 volte è molto meglio.

La verità è che non ci sono ricerche a sostegno di questa affermazione che l’aggiunta di contenuti tutto il tempo ti aiuterà con la SEO.

L’unica strategia che è stata testata e dimostrata è che se crei contenuti sorprendenti e ottieni collegamenti naturali che puntano a quel contenuto, ti classificherai su Google.

Questa deve essere la tua strategia per andare avanti e creerai un flusso a lungo termine di traffico mirato al tuo sito web.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *