Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Perché i blog aziendali non si nascondono

Perché i blog aziendali non si nascondono

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

In qualità di consulente di content marketing, mi trovo spesso un po ‘sconcertato dai proprietari di piccole imprese che dicono di voler gettare la spugna e abbandonare il loro blog: Semplicemente non sta ottenendo risultati, mi dicono. Semplicemente non lo è conversione.

Ovviamente ci credo. Non tutti i blog aziendali hanno successo. Quando un blog aziendale non lo è di successo, però – quando non riesce a convertire i lettori in clienti paganti – c’è sempre una ragione per questo.

E se hai già investito in un blog aziendale, non avrebbe più senso risolverlo che eliminarlo?

Questo mi porta a …

Possibili motivi per cui un blog aziendale non si converte

  1. L’imprenditore non è effettivamente investito in esso. Molti imprenditori con cui parlo giurano di essersi impegnati a scrivere sui blog, ma cosa significa esattamente? Un blog richiede aggiornamenti regolari; devi mantenere nutrito il mostro dei contenuti. Richiede anche tempo: nessun blog avvia la conversione il giorno del suo lancio. Essere investito in un blog significa lasciar perdere per settimane e per mesi e anni, dedicarsi al blogging come relazione a lungo termine.
  2. Non c’è invito all’azione. Non puoi semplicemente fidarti che i lettori sappiano cosa vuoi che facciano e come farlo. Non puoi presumere che sia totalmente logico. Se vuoi che qualcuno prenda il telefono e ti chiami, o si iscriva alla lista di posta elettronica, o qualsiasi altra cosa, devi offrire un invito diretto all’azione in ogni singolo post!
  3. Il blog è incentrato sul business. Sì, incontro ancora molti imprenditori che si limitano a scrivere su se stessi e il cui contenuto è strettamente promozionale. Ma i lettori non si preoccupano del business tanto quanto gli interessano loro stessie i blog di conversione menzionano sempre cosa c’è dentro per loro.
  4. Il blog non è attendibile. Quando si parla di e-commerce, il concetto di fiducia è imperativo. Se le persone non si fidano di te, non compreranno da te o qualunque cosa tu stia chiedendo nel tuo invito all’azione. Allora come si costruisce la fiducia? Assicurati che il tuo sito abbia un aspetto professionale e che i post siano di qualità; gli errori di battitura minano la fiducia. Fornisci testimonianze o recensioni positive, se puoi. Esegui il backup dei post con fatti e cifre. Sii un leader di pensiero attivo sui social media, dimostrando di sapere di cosa stai parlando.
  5. I tuoi blog non sono leggibili. Di cosa ha bisogno un blog per essere leggibile? Ha bisogno di un’introduzione che esponga chiaramente l’argomento e il vantaggio per il lettore. Necessita inoltre di un formato che si presti alla scansione e allo scorrimento: elenchi numerati, sottotitoli, paragrafi brevi e così via.

A volte, i blog aziendali non si convertono ed è sempre un peccato. Ma non è mai casuale e non è mai senza motivo. Conoscere il motivo, ovviamente, è l’unico modo per apportare alcune correzioni di rotta.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *