Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » SEO » Perché The Inbounder merita sicuramente una visita

Perché The Inbounder merita sicuramente una visita

    Ospitata per il secondo anno in Spagna, la conferenza Inbounder ha avuto un notevole aumento di partecipanti in un breve periodo di tempo: da 200 a 1.000 persone in un solo anno. Nel 2016, il pubblico era composto da membri provenienti da 22 paesi diversi che si sono riuniti alla Città delle Arti e delle Scienze di Valencia in uno straordinario edificio progettato da Santiago Calatrava e Félix Candela.

    Di seguito è riportato un riepilogo di alcune delle lezioni presentate durante l’evento.

    Apprendimento automatico e intelligenza artificiale

    Marcus Tandler, CEO di OnPage.org, ha tenuto la presentazione iniziale. Con la sua impressionante quantità di diapositive (301 in totale), ha presentato una buona panoramica del futuro di Google.

    Secondo Tandler, l’azienda “non si occupa di ricerca”, ma di intelligenza artificiale (intelligenza artificiale). “Piuttosto che migliorare la propria ricerca basata sull’intelligenza artificiale, Google utilizza la ricerca per migliorare la propria intelligenza artificiale”, ha affermato Tandler. Questo, ha spiegato, potrebbe aiutare la “società di machine learning” a smettere di dipendere dai collegamenti in futuro.

    Se i tuoi contenuti scomparissero dal web, importerebbe più? Rispondere a questa domanda è un buon esercizio per stimare la qualità dei tuoi contenuti. “Vale la pena fare il miglio supplementare”, ha concluso Marcus. Ci sono tre importanti fattori di ranking oggi, secondo Marcus: alta velocità, nessun link interrotto e ottimizzazione per i dispositivi mobili. Ha anche fornito esempi in cui miglioramenti come rich snippet e contenuti ripubblicati erano sufficienti per aiutare un sito a passare dalla terza pagina alle prime posizioni nel giro di sole due settimane.

    Dopo aver menzionato le metriche che contano, ha riassunto di cosa tratta la SEO:

    • Soddisfare

    • Velocità

    • UX

    • Pagine per visita

    • Nessun collegamento interrotto

    • Nessuna distrazione

    Progettazione dei contenuti

    “Ci sono tanti brutti ragazzi là fuori”, ha dichiarato Valentina Falcinelli, fondatrice di Pennamontata, all’inizio della sua presentazione. Questo era il suo modo per spiegare come le pagine web spesso non soddisfano le esigenze degli utenti.

    Ha nominato quattro tipi di pagine e le ha testate con gli utenti per scoprire come rendere più attraenti contenuti simili. Alcuni dei suoi takeaway sono:

    • Mantienilo pulito e semplice

    • Crea un viaggio incoraggiante

    • Includi punti elenco e immagini che effettivamente aiutano gli utenti a comprendere i tuoi contenuti

    • Ordina, etichetta, integra e dai la priorità ai tuoi contenuti per mantenere i lettori coinvolti

    I quattro suggerimenti di Valentina per rendere i contenuti più piacevoli da leggere:

    ● Linee più corte significano una migliore leggibilità

    ● Utilizza “blocchi”, grassetto e punti elenco

    ● Vai alla grande con i caratteri

    ● Utilizzare immagini utili e di alta qualità

    Suggerimenti per una lettura piacevole: ???? linee più corte ???? usa blocchi, grassetti, punti billet ???? ingrandisci con i caratteri ???? immagini utili@valefalci #TheInbounder

    – Kate Makulova (@kate_makulova) 19 maggio 2016

    Come ci si potrebbe aspettare, considerando che la sua presentazione riguardava come rendere la lettura più piacevole, le sue diapositive erano una delizia. Puoi vedere la presentazione di Valentina Qui. Ricorda che il design dei contenuti è la chiave, poiché non leggiamo ciò che non ci piace.

    Ritorno alle basi

    I SEO sono sempre alla ricerca di nuove tecniche e trucchi per ottenere risultati migliori. Ma a volte, questo ci fa anche cadere in trappole. Wil Reynolds ha presentato una lezione di ritorno alle basi, inclusi alcuni semplici suggerimenti che vengono spesso ignorati o dimenticati:

    ● Guarda attentamente i risultati del PPC e aggiorna le meta descrizioni della tua pagina

    ● Usa SEMRush insieme a Quora e Medium per trovare nuove idee per i contenuti

    ● Utilizza i modificatori di ricerca per ottenere i CTR più elevati possibili per i sitelink

    ● Guarda le SERP al di fuori del tuo strumento per la classifica

    “Le macchine stanno imparando quello che vogliamo”, ha detto Wil, spiegando che Google ha la capacità di comprendere le esigenze degli utenti in poche ore. Con il suo esempio, ha mostrato come la query “Condivisione diapositive di Wil Reynolds” è apparsa nei risultati del completamento automatico un’ora dopo aver tenuto una conferenza a Boston.

    A volte puoi vincere nella ricerca … ma perdere le persone.

    – Wil Reynolds

    Ciò è particolarmente cruciale per la parte a pagamento della ricerca in cui il PPC è chiaramente privo di intento. Gli utenti vogliono imparare mentre le aziende cercano di vendere. E Will ha mostrato molti siti web che pubblicizzano le loro parole chiave principali ma hanno pagine di vendita che in realtà non portano troppo valore al potenziale cliente.

    Controlla la presentazione completa di Wil Qui.

    L’attenzione è valuta

    Se dovessi lasciarti con una sola idea dalla presentazione di Bas van den Beld, smetterei di pensare solo alla parte di vendita del viaggio del cliente. I professionisti del marketing e le aziende sono così desiderosi di vendere che a volte dimenticano che la vendita inizia effettivamente dalla creazione di fiducia e dall’aiutare gli utenti a trovare le risposte alle loro domande.

    Alcuni esempi che non implicano la vendita, ma attirano comunque molta attenzione su un marchio:

    ● Ananas: rivista di Airbnb sui viaggi

    ● Sito Web delle fonti degli ingredienti canadesi di McDonald’s

    ● Whiteboard Friday (Moz)

    “Ogni contenuto deve essere creato con un obiettivo in mente”, spiega Bas. “Non fare domande dal tuo punto di vista, fai domande dal loro punto di vista.”

    In questa diapositiva puoi vedere una tabella che mostra l’intero percorso del cliente, incluso il tipo di pubblico, gli obiettivi dell’utente e dell’azienda, il prossimo clic probabile e il tipo di contenuto da creare per attirare l’attenzione degli utenti in ogni fase.

    Il contenuto giusto al momento giusto per il pubblico giusto è la chiave.

    Dai un’occhiata alla presentazione di Bas Qui.

    Costruisci un marchio, non solo un’azienda

    La definizione di un grande marchio è “una risorsa intangibile che risiede nei cuori e nelle menti delle persone”. Partendo da questa saggezza, Joanna Lord, CMO di ClassPass, ha fornito l’intero spettro che coinvolge un marchio di successo per raggiungere il massimo. Delinea sette passaggi che, secondo lei, la maggior parte delle aziende non fa bene, ma dovrebbe:

    È difficile individuare un passaggio particolare o dare suggerimenti rapidi poiché l’intera presentazione di Joanna fornisce una grande risposta. Questa diapositiva ti darà un’idea di dove le sue idee possono guidarti:

    Oltre a condividere un processo graduale di costruzione di un marchio, Joanna ha anche condiviso gli elementi per misurare il tuo successo. Il marchio può essere misurato.

    Se vuoi essere in giro tra 10 anni, devi costruire un marchio. Siamo in una comunità basata sul marchio.

    – Joanna Lord

    Vai alla grande con il content marketing

    “Mi concentro sulle idee creative e lascio che il giornalista rifletta sulla storia”, spiega Lisa Myers, CEO di Verve Search, parlando di content marketing. I casi di studio che ha presentato potrebbero persino passare inosservati come pezzo di marketing, se non fossero ospitati su un sito web commerciale.

    Un esempio è il “Mappa di accento delle isole britanniche“Pubblicato da Expedia, che è un quiz, in cui un giocatore deve identificare la regione del Regno Unito da cui ha origine un determinato accento. Questo esempio è stato coperto da diverse angolazioni da BBC, The Telegraph, Mail Online, Mashable e molti altri media. Altre due campagne chiamate “Historic London” e “Billionaires League” hanno ottenuto backlink di alta qualità grazie ai loro contenuti avvincenti e complessi.

    Guarda la presentazione di Lisa Qui.

    Omofilia e parole chiave

    Cosa spinge le persone a fare clic su un collegamento e leggere o guardare? Creare un senso di omofilia e usare le parole giuste può rendere i tuoi contenuti più attraenti sui social media e sui siti web. La psicologa del web Nathalie Nahai ha fornito idee utilizzabili per perfezionare i tuoi contenuti al fine di attirare più utenti.

    “Questo è solo clickbait? No, se mantieni la tua promessa “, garantisce Nahai dopo aver fornito alcuni dati su frasi di tre parole con la maggior parte delle condivisioni di Facebook nei titoli BuzzFeed.

    Alla fine della sua presentazione, ha condiviso una semplice formula che chiunque cerchi un nuovo pubblico tramite articoli può applicare alla propria strategia di contenuto:

    I punti salienti di Nathalie:

    ● Stabilire fiducia attraverso valori condivisi e omofilia

    ● Adatta i tuoi contenuti alle personalità dei tuoi clienti

    ● Ottimizza psicologicamente i tuoi titoli

    Combatti contro la schiena

    Chiudendo l’evento, Rand Fishkin, fondatore di Moz, ha offerto una nuova prospettiva sul presente e sul futuro della ricerca e dei social media.

    A suo avviso, parole chiave, contenuti e link erano sufficienti per Google nel 2012, così come i Mi piace e le condivisioni erano i principali fattori di ranking per Facebook. Proprio come Marcus Tandler ha aperto la conferenza, Fishkin ha menzionato l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale e come le tecnologie cambiano il modo in cui gli utenti percepiscono non solo la ricerca, ma anche la pertinenza sui social media. Ciò include l’uso di algoritmi da parte di Twitter e Instagram per decidere cosa mostrare invece di utilizzare feed basati sul tempo.

    Il coinvolgimento diventerà la metrica di qualità universale del web

    – Rand Fishkin

    Per stare al passo con le nuove tendenze del Web, i professionisti del marketing dovrebbero seguire i principali suggerimenti:

    ● Comprendi e soddisfa tutte le intenzioni dei tuoi visitatori

    ● Supera il CTR medio del tuo ranking

    ● Ottimizzazione del rapporto segnale: rumore su ogni canale

    ● Metti l’esperienza utente al primo posto nelle tue strategie di marketing

    ● Crea inviti all’azione avvincenti all’inizio dell’imbuto

    Puoi trovare la presentazione completa di Rand here.

    Dopo due giorni e 24 conferenze, i partecipanti di The Inbounder sono stati bombardati da un gran numero di casi, studi e idee per ispirare i propri progetti. È stato un interessante mix di relatori locali e internazionali e il successo garantisce che la Spagna sarà nel calendario delle conferenze nel 2017.

    E nel caso in cui ti sei perso quest’anno e ti piacerebbe scoprire altri suggerimenti dagli oratori, Scott Vann ha fatto un ottimo lavoro nel raccogliere tutte le presentazioni sul Kangadillo’s blog.

    Un enorme ringraziamento all’unico e unico Gianluca che ha fatto un lavoro fantastico insieme al suo team nel far sì che tutto questo accadesse e che aveva tutto il diritto di sentirsi soddisfatto di se stesso alla fine della giornata.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *