Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Risolvi i problemi delle tue campagne di marketing video

Risolvi i problemi delle tue campagne di marketing video

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

A questo punto della mia serie di video marketing, conosci tutte le statistiche e sei pienamente consapevole che le aziende possono farlo ottenere una buona trazione e aumentare le conversioni con video.

Il problema è che non sembri ottenere quel tipo di risultati, il che ti lascia semplicemente a pensare che il tuo budget e il tuo tempo siano sprecati.

Prima di staccare la spina dai tuoi grandi piani di marketing video, esaminiamo una serie di domande che possono aiutarti a risolvere i problemi perché le tue campagne non stanno funzionando.

È probabile che ti accorgerai di esserti perso qualcosa di semplice lungo la strada. E se capovolgi quell’unica cosa, dovresti iniziare a vedere le tue statistiche e metriche che si muovono nella direzione opposta.

Hai tracciato obiettivi e obiettivi chiari?

I contenuti video possono avere un numero qualsiasi di scopi.

Ma se non sei sicuro che i tuoi obiettivi e traguardi vengano raggiunti chiaramente, pensaci al contrario e inizia con la fine in mente.

Dean Jackson, da Amo il marketing, parla spesso di “ingegneria inversa dei risultati”.

Qual è lo scopo finale del video? Quale azione vuoi che gli spettatori intraprendano dopo aver visto il tuo video?

Ad esempio, vuoi utilizzare il contenuto video per aumentare il coinvolgimento?

Dal momento che l’80% dei tuoi visitatori online lo farà Guarda un video, mentre solo il 20% leggerà effettivamente il contenuto nella sua interezza, è un buon obiettivo a cui puntare con i contenuti video.

In tal caso, potresti iniziare a includere video settimanali nei post del blog sul tuo sito Web e misurare il tasso di iscritti, condivisioni sui social o commenti sul post.

Vale anche la pena ricordare che i post del blog che incorporano video attraggono tre volte più link in entrata rispetto ai post del blog senza video, quindi aiuterà anche il tuo SEO (un altro potenziale obiettivo che potresti misurare).

Solo stai attento.

Le aziende tendono a pensare agli obiettivi video completamente sbagliati.

Per esempio, “Diventare virali” non è un obiettivo aziendale, né un milione di visualizzazioni di video. “

In definitiva, i tuoi obiettivi dovrebbero essere strategici, misurabili e portano a guadagni finanziari.

Se stai ottenendo un ROI negativo, forse non ti sei seduto e non hai tracciato chiaramente quali sono i tuoi obiettivi e obiettivi e come li raggiungerai.

Se li conosci fin dall’inizio, sarà molto più facile definire cosa devi monitorare per misurare il ROI.

Hai tracciato e misurato?

Il web lo è pieno di software programmi che possono aiutarti ad approfondire i dati dietro i tuoi video.

Tuttavia, sebbene questo software sia disponibile, “l’uso di metriche avanzate che forniscono veri indicatori di coinvolgimento è basso. “

In un sondaggio condotto da Demand Metric, il team ha scoperto che quasi un quarto delle aziende intervistate lo ha fatto no misurazioni video in atto e metà utilizza solo dati di base.

In poche parole, ciò significa che la maggior parte delle persone non ha idea di quale sia il ROI dei propri sforzi di marketing veramente è comunque.

Cosa considera la metrica della domanda come metriche “avanzate”?

Nello specifico:

  • Incorpora posizioni
  • Tassi di abbandono degli spettatori
  • Visualizzazione delle mappe di calore
  • Attribuzione alla pipeline di vendita

Le singole piattaforme come YouTube, Vimeo e Wistia hanno tutte le proprie tracciamento integrato pacchi. Combina le loro metriche con le statistiche che ottieni da Google Analytics e sei destinato a ottenere alcune informazioni chiave.

Detto questo, per ottenere i migliori risultati, ti consigliamo di utilizzare gli obiettivi e gli obiettivi che hai creato e impostare obiettivi di conversione in Google Analytics (GA).

In GA, puoi monitorare gli obiettivi in ​​quattro modi:

  1. URL
  2. Tempo
  3. Pagine / visita
  4. Eventi

Definisci gli obiettivi che ti forniranno una misura effettiva del ROI del tuo marketing video e imposteranno alcuni obiettivi di monitoraggio GA per monitorare i tuoi risultati.

Oltre alle metriche avanzate misurate sopra, ti consigliamo anche di monitorare anche le statistiche di base e intermedie, come visualizzazioni e condivisioni e durata media della visione.

Se non puoi configurare un sistema di tracciamento da solo, potrebbe essere più facile eliminare i costi e investire in un software di analisi video in tempo reale come Ooyala.

Con un software dedicato puoi monitorare le metriche di prestazioni, coinvolgimento e comportamento per i tuoi video da un unico posto.

Hai video integrato?

“Video è un precursore delle entrate e il rendimento elevato dei video lo implica dovrebbero avere un ROI elevato corrispondente “, dice Metrica della domanda.

Come si ottiene il ROI corrispondente che stai cercando?

Integra i contenuti video nel tuo complesso piano di content marketing.

Come puoi vedere da questa immagine di MediaCrush, ci sono molte parti diverse di un marketing mix – e tu dovrebbero lavora e intreccia i tuoi video in diverse sfaccettature di quel mix.

Quando incorpori le tue campagne di marketing video entro il tuo mix di automazione del marketing – all’interno dei tuoi sistemi di gestione dei clienti, delle tue campagne email, delle tue canalizzazioni di vendita, delle tue strategie sui social media – finisci con maggiore impatto e ROI su tutta la linea.

Vale la pena fare lo sforzo per farlo bene perché “l’utente medio di Internet trascorre l’88% di tempo in più su un sito web con contenuti video “.

E questo è solo sul tuo sito web.

Diamo un’occhiata all’integrazione su altre piattaforme, insieme ad alcuni esempi.

Integrazione video e-mail

Piattaforme di posta elettronica consentire a circa il 58% degli utenti di visualizzare i video direttamente nella propria posta elettronica:

Con iPhone e Gmail che prendono la maggior parte del quota di mercato:

Inoltre, è probabile che l’uso del video direttamente nell’email aumenti. Entra prima della festa e inizia a usarlo adesso.

Se sei preoccupato per l’incorporamento di video direttamente nell’email, usa la strategia utilizzata dalla maggior parte degli operatori di email marketing e incorpora un’immagine attraente. Quando l’utente fa clic sull’immagine, chiedi ad esso di aprire il video direttamente nel browser web.

Integrazione della testimonianza del cliente

Per un’altra idea, prendi Salesforce, che usa testimonianze dei clienti in formato video per rafforzare il valore del marchio, integrato sia sul loro sito web che all’interno del loro funnel di vendita.

Integrazione del blog

Oppure potresti prendere in considerazione il vlogging, ovvero creare un blog sul tuo blog aziendale.

Gary Vaynerchuk, mega imprenditore di Internet, ha costruito un impero facendo vlogging per Wine Library TV.

Se sei un esperto di un argomento, il vlogging è un ottimo modo per condividere la tua esperienza e passione con il tuo pubblico e rappresenta un’aggiunta eccellente al tuo piano di content marketing.

Per ulteriori idee, valuta la possibilità di sviluppare una delle seguenti creazioni video da supportare il tuo marketing mix:

  • Evidenzia offerte ed eventi speciali: integrali nell’email e sui social media.
  • Mostra le clip del tuo lavoro migliore: inseriscile nell’imbuto di vendita, nelle e-mail, nel sito web.
  • Esegui concorsi video eseguiti tramite e-mail e social media.
  • Fai una rapida dimostrazione del prodotto: incorporalo ovunque nel tuo sito e condividi sui social media.

Se ti stai grattando la testa pensando: “Non ho fatto nessuna di queste cose”, allora questo potrebbe essere uno dei motivi principali per cui stai producendo un ROI negativo.

I contenuti video riguardano davvero l’essere creativi e mettere in mostra ciò che hai fuori.

Il tuo contenuto risolve problemi e fornisce soluzioni?

Ultimo, ma non per importanza, la grande domanda è, hai tenuto presente il tuo pubblico durante la creazione del tuo video?

Se vuoi avere successo con il video marketing, devi creare informazioni nuove e utili veramente aiuta le persone.

Ricorda, le persone sono sempre alla ricerca di modi più intelligenti, migliori e più facili per fare le cose.

Attira la loro attenzione dando loro ciò di cui hanno veramente bisogno e parlagli nella loro lingua.

Tu guadagna la fiducia dei tuoi clienti quando parli con loro nella lingua che usano per parlare tra loro.

E, come tutti sappiamo, le persone acquistano da persone che conoscono, apprezzano e di cui si fidano.

Se non sai chi sono i tuoi clienti e quali problemi devi risolvere, il miglior punto di partenza è creare la tua persona ideale per il cliente.

Una volta che sai chi è il tuo cliente, usa questo semplice sistema in 5 fasi per implementare un approccio alla risoluzione dei problemi nella tua campagna di marketing video:

  1. Identifica il problema
  2. Analizza il problema
  3. Identificare i criteri di decisione
  4. Sviluppa più soluzioni
  5. Scegli la soluzione ottimale

Mappalo e utilizza questo approccio per realizzare video che colpiscano il cuore di il tuo clienti ideali.

Non sei ancora sicuro di poter generare risultati positivi con i tuoi video? Tieni traccia di ciò che hai fatto finora e vedi quali elementi ti mancano. È probabile che ci siano almeno una o due cose che puoi facilmente risolvere che cambieranno il tuo ROI.

Hai capito cosa funziona e cosa no? Hai trovato un buon ROI usando una certa tattica? Condividi i tuoi risultati nei commenti qui sotto.

Aaron Agius è un esperto di ricerca, contenuti e social marketer. Ha lavorato con alcuni dei marchi più grandi e riconosciuti al mondo per costruire la loro presenza online. Vedi di più da Aaron su Più forte in linea, loro blog, Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *