Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Sei un truffatore? 4 domande da considerare

Sei un truffatore? 4 domande da considerare

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Hustling è una buona parola. Sto parlando del duro lavoro, alzarsi presto, non mollare mai e fare in modo che ogni minuto conti la definizione della parola. Questa è la parola che Gary Vaynerchuk dice è la parola più importante.

La fretta è stata nel mio DNA da quando posso ricordare. Dalla ricerca di bottiglie di coca cola vuote da ragazzino per tornare al negozio di alimentari di quartiere per pochi centesimi, all’avvio di un’attività di giardinaggio al liceo, all’avvio, al fallimento, al ricominciare e alla fine alla vendita di un’attività … poi iniziando un altro. La fretta è sempre stata un segreto del mio successo. Quando non sei l’utensile più affilato nel capanno, devi essere pronto a lavorare il doppio rispetto al prossimo.

Lungo la strada ho raccolto alcuni consigli che mi hanno aiutato ad affinare la mia passione per la spinta verso una strategia vincente per il successo.

  • Il primo è venuto da Stephen Covey nel suo libro, Sette abitudini per persone di grande successo. L’abitudine 2, iniziare con la fine in mente, ha cambiato la mia vita. Questo mi ha insegnato a incanalare la mia energia verso la fine del gioco e a guardare onestamente al mio tempo e ai progressi lungo la strada.
  • Poi è stato un capo che mi ha detto che se avessi fatto il mio obiettivo principale per risolvere i problemi degli altri e aiutarli ad avere successo, non avrei mai dovuto preoccuparmi di guadagnarmi da vivere. Quella parte si sarebbe presa cura di se stessa.
  • Alla fine ho scoperto Peter Drucker e ho appreso una profonda verità. Le imprese non esistono per se stesse, ma per soddisfare un’esigenza del mercato. Non si tratta di diventare ricchi, ma di servire gli altri.

L’applicazione di questi tre concetti mi ha aiutato in molti modi come venditore, imprenditore e stratega di social media marketing. Quando SEMrush mi ha chiesto di scrivere un articolo sull’imprenditorialità e il social marketing, ho deciso di condividere 4 domande chiave che devi chiederti se vuoi affinare il tuo mestiere e avere successo nel business e nel social marketing:

  1. Cosa ti distingue? Anche se non te ne rendi conto, sei la soluzione perfetta per il cliente perfetto. Questo è l’unico motivo per cui stai facendo vendite in questo momento. Se vuoi far crescere la tua attività o il tuo social network, devi identificare chi compone il tuo pubblico perfetto e i messaggi chiave che si connetteranno con loro in modo emotivo. Parla con loro nella loro lingua, anche se questo significa disattivare gli altri nel processo. Gli imbroglioni passano molto tempo a perfezionare il loro messaggio e a capire il loro pubblico. Prestano attenzione alle loro metriche e ascoltano i reclami e le lodi dei loro clienti.
  2. Dove sono i tuoi punti deboli? Se vuoi diventare stantio e croccante velocemente, non farti mai questa domanda. Ricordi Blockbuster? Dieci anni fa, fermarmi in una delle loro sedi mentre tornavo a casa dal lavoro ogni venerdì sera era un requisito assoluto. Non credo che mia moglie e i figli mi avrebbero fatto entrare se non avessero visto 2-3 video nella mia mano. Ora Netflix ottiene i nostri affari. I truffatori fanno questa domanda tutto il tempo. “Ottengono” l’innovazione e capiscono che non si ferma mai. L’innovazione mette in luce la debolezza di prodotti, processi e procedure. Cercali e non dare per scontato che i punti di forza di ieri prevarranno sulla tua debolezza. Molto probabilmente sono la fonte. Ad esempio, hai ritardato il potenziamento dei post su Facebook perché odi spendere i soldi, ma ti stai chiedendo perché il tuo coinvolgimento sta diminuendo? Potresti pensare a te stesso “Non ho dovuto aumentare l’anno scorso per ottenere il coinvolgimento, perché dovrei ora?” Fare più post non risolverà il tuo problema. Il mondo è cambiato.
  3. Cosa c’è all’orizzonte? Mi piace programmare il tempo ogni settimana per scavare, guardarmi intorno, giocare online ed essere semplicemente curioso. Prova nuovi strumenti, tattiche e guarda cosa sta facendo la concorrenza. I truffatori hanno una passione per l’apprendimento. Poiché fanno le domande 1 e 2, sono in una posizione ideale per studiare ed esplorare modi nuovi e migliori per servire i clienti online e offline.
  4. Stai incoraggiando quelli nella tua sfera di influenza? Nessuno riesce in un silo. I tuoi clienti, follower e membri del team devono sapere quanto li apprezzi. Dire “grazie” sembra essere un’arte perduta. Pertanto, dire “grazie” ti dà la possibilità non solo di riconoscere e incoraggiare coloro che ti stanno aiutando a raggiungere i tuoi obiettivi, ma ti aiuta anche a distinguerti dal gruppo.

Devi anche riconoscere che il lavoro e la fretta non sono la stessa cosa. Gli imbroglioni sono di mentalità aperta e capiscono che ci sono solo così tante ore al giorno. Ogni momento una risorsa non reintegrabile che è scomparsa per sempre. Usano il loro tempo con saggezza, investono nelle relazioni e mettono in discussione lo status quo. Fanno le cose.

Le persone impegnate riempiono le loro giornate con compiti che sembrano urgenti ma in realtà non lo sono. Di conseguenza, non hanno tempo per costruire relazioni reali. Preferiresti inviare un’e-mail piuttosto che prendere il telefono e chiamare un cliente? Se hai detto di sì, potresti soffrire di frenesia. L’attività dice “Non ho tempo per te”; spacciare dice “sei la persona più importante del mondo in questo momento”.

Gli imbroglioni vincono perché ci tengono. Le persone comprano dalle persone; non marchi, non pagine Facebook, non simpatici meme o immagini di cuccioli. Il tuo pubblico si prenderà cura di te quando saprà che ti interessa prima di loro. Certo, sembrano occupati perché lo sono. Stanno facendo vendite, crescendo attività e facendo giri intorno alla concorrenza. Vuoi iniziare a vincere nei social … poi diventa un truffatore!

Ti muovi? Quali sono i tuoi suggerimenti per il successo aziendale? Fateci sapere nei commenti!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *