Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Successo SEO dopo Keyword Planner

Successo SEO dopo Keyword Planner

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Se non hai sentito o notato, Google è ora limitazione del volume di ricerca nel pianificatore di parole chiave per gli utenti che hanno una ricerca a pagamento “con una spesa mensile inferiore”. Ciò significa che se non spendi abbastanza per la ricerca a pagamento, lo strumento “gratuito” è effettivamente inutile per determinare quante persone cercano una determinata parola chiave.

È un duro colpo per molte piccole imprese che utilizzano lo strumento per la ricerca ma non hanno i soldi per sostenere costose campagne di ricerca a pagamento. C’è un’opportunità in questa situazione, tuttavia: l’opportunità di cambiare la tua mentalità su quali metriche usi per determinare la tua strategia SEO e misurare il tuo successo.

Share of Voice è importante, non il volume

Cercare di indirizzare alcune parole chiave che ottengono il maggior traffico non è più una strategia praticabile. Piuttosto, dovresti concentrarti sul posizionamento nella prima pagina o tra i primi tre per grandi quantità di parole chiave. Piuttosto che poche dozzine di parole chiave mirate, concentrati sulla generazione di quello che chiamo un universo di parole chiave: centinaia o migliaia di parole chiave non di marca che si riferiscono ai tuoi prodotti e servizi.

Un esempio che ho usato di recente con un cliente è nell’immagine qui sotto. Se operi nel settore dei pennelli, dovresti essere meno preoccupato di classificarti al primo posto per i “pennelli” e più preoccupato del fatto che Gordon Brush stia dominando lo share of voice.

Si classificano per tonnellate di parole chiave, alcune delle quali si sovrappongono a parole chiave per le quali si stanno classificando gli altri principali attori. Tuttavia, si classificano anche per molte parole chiave che mancano ai concorrenti.

Come questi tre concorrenti, l’obiettivo di Gordon Brush dovrebbe essere quello di creare contenuti per aiutare il tuo sito a classificarsi per termini più competitivi e ottenere una maggiore share of voice nell’universo delle parole chiave.

Scrivi per argomenti, non per parole chiave

Si spera che non stia ancora prendendo di mira una parola chiave specifica con i tuoi contenuti. Le parole chiave non sono morte in alcun modo, ma è sempre un’idea migliore scrivere pezzi che prendono di mira argomenti utilizzando una varietà di parole chiave collegate semanticamente.

I motori di ricerca sono abbastanza avanzati a questo punto da costruire un quadro più ampio della tua pagina web senza che tu spinga una parola chiave specifica in gola più e più volte.

Invece dovresti concentrarti sulla scrittura in termini specifici, piuttosto che generici e sull’utilizzo di un’ampia varietà di parole chiave correlate. Invece di “soluzioni all’avanguardia” dovresti usare una frase come “servizi di scansione di documenti all’avanguardia”. Invece di un termine generico come “servizi di marketing”, utilizza termini più descrittivi come “servizi di marketing digitale per piccole imprese”.

La creazione di un forte articolo semanticamente ottimizzato attorno a un argomento aiuta potenzialmente l’articolo a posizionarsi in alto nelle SERP per più query diverse. Ciò aumenta notevolmente le tue probabilità di atterrare in SERP non presentano risultati di ricerca a pagamento in cima alla pagina. Inoltre, aumenterai le tue possibilità di atterrare nella casella delle risposte.

Non vuoi il traffico più organico, vuoi il traffico organico giusto

Evita una strategia che si concentri sull’indirizzare quante più persone possibile al tuo sito. Ciò porta a concentrarsi sulle parole chiave che possono o meno essere rilevanti per il tuo pubblico principale. Ad esempio, avevo una banca come cliente che affermava che il suo obiettivo SEO era quello di classificarsi al primo posto per “finanza”.

Certo, la “finanza” riceve un sacco di ricerche. Tuttavia, questa è una strategia senza senso per due ragioni.

Prima di tutto, questa è una parola chiave molto difficile da classificare perché è così generale. Basta guardare la SERP per “finanza”. Questi sembrano concorrenti della banca? Quando i termini di ricerca diventano troppo generici, inizi a competere per le classifiche con Wikipedias e New York Times del mondo, una competizione che non puoi vincere.

In secondo luogo, il primo posto in classifica per “finanza” non porterà traffico qualificato al tuo sito web. Semmai, attirerà persone che non sono interessate a ciò che il tuo sito ha da offrire e che se ne vanno subito, aumentando così la tua frequenza di rimbalzo e danneggiando l’autorità del tuo sito.

Faresti molto meglio a concentrarti su servizi come “finanziamento di auto nuove” o “controllo gratuito” e su ricerche locali come “migliori banche a Charlotte, Carolina del Nord”.

Queste sono frasi che forniranno traffico che ha il potenziale di conversione. Concentrati sulla qualità delle visite piuttosto che sulla quantità.

In secondo luogo, quando ti concentri sul posizionamento di alcune parole chiave, ti stai preparando per il fallimento. Causerà agitazione nel C-Suite quando si passa dal numero 4 al numero 6 per “casa di riposo”, anche se quel termine non comporta visite qualificate. In secondo luogo, concentrarsi su parole chiave specifiche ad alto volume porta a concentrarsi sulla quantità di visualizzazioni di pagina, ovvero una metrica senza valore.

Concentrati sulle conversioni, non solo sulle vendite

Come le visite, le vendite sono una metrica che prende troppo peso. Una visita al tuo sito web che non si conclude con una vendita non è una perdita, ma devi espandere la tua definizione di conversione.

Posiziona valori in contanti sulle conversioni come iscrizioni alla newsletter e invii di moduli di contatto. Assegnando questi valori, puoi monitorare le tue pagine di alto valore in Google Analytics; pagine che potrebbero non portare direttamente a una vendita, ma stanno portando i clienti nella tua orbita attraverso il contatto diretto o leadership di pensiero.

Tempo per una nuova strategia

Mentre l’era del Keyword Planner volge al termine, è giunto il momento di dare uno sguardo approfondito ad alcuni dei precedenti pilastri della strategia SEO, comprese le parole chiave.

Prendi le modifiche con calma, segui questi suggerimenti e sarai in una posizione migliore rispetto ai concorrenti per navigare nel mondo post-parole chiave.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *