Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Suggerimenti e trucchi per Excel: ottimizza la tua analisi

Suggerimenti e trucchi per Excel: ottimizza la tua analisi

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Come molti SEO, passo molto tempo ad analizzare i dati sul traffico in Google Analytics. Mi affido molto anche a Excel, che va di pari passo con Analytics.

Excel è uno strumento inestimabile per i SEO e personalmente non potrei passare un giorno senza usarlo. Negli anni ho escogitato molti modi per utilizzare funzioni o formule per aumentare l’efficienza della mia ricerca di parole chiave; Ho anche fatto molto affidamento su altri SEO che condividono le loro intuizioni e suggerimenti sui forum di Excel e sui forum SEO.

Come qualcuno specializzato in SEO per e-commerce e il marketing PPC, spesso devo ordinare molti dati di prodotto. Proprio di recente, ho dovuto identificare le pagine dei prodotti e delle categorie con le migliori prestazioni per un negozio di e-commerce che aveva oltre 18.000 prodotti e diverse centinaia di pagine di categoria. Dopo aver trovato le pagine migliori, ho dovuto fare molto affidamento sui miei dati storici e sui dati di altre fonti, come SEMrush, per trovare la migliore strategia per le parole chiave. Ci sono alcuni processi semplificati che seguo che mi consentono di fare le cose in modo efficace ed efficiente. Eccoli.

Analisi dei dati di e-commerce da Google Analytics

Supponendo che il tuo cliente abbia il monitoraggio delle entrate e-commerce abilitato in Google Analytics, la prima cosa che dovrei fare è visualizzare in dettaglio il rapporto sulle pagine di destinazione in “Comportamento” (sottocategoria “contenuto del sito”) per visualizzare le pagine entrate e traffico di alta qualità. Per fare ciò, dovremo esportare i dati dal rapporto sulle pagine di destinazione, che contiene molti dati importanti come tempo sul sito, pagine per visita, frequenza di rimbalzo, visite nuove / di ritorno, entrate e-commerce e tassi di conversione associati con ogni pagina di destinazione (e la parola chiave utilizzata per trovare quella pagina se applichi “parola chiave” come dimensione secondaria). Un esempio di questo rapporto è mostrato qui:

Se desideri segmentare solo il traffico degli Stati Uniti utilizzando i tuoi segmenti avanzati, sapevi che Google fornisce un elenco di ottimi segmenti avanzati integrati? Invito tutti a utilizzare segmenti avanzati (personalizzati e incorporati) per aiutarti ad avere maggiore flessibilità con i tuoi rapporti.

Il mio segmento avanzato personalizzato più comunemente utilizzato elimina tutti i visitatori che hanno utilizzato una query di ricerca contenente il nome del marchio del cliente o query di ricerca basate su URL. Questo perché quelle visite di solito non ti forniranno dati di qualità, né sono dati relativi alle prestazioni di marketing del tuo motore di ricerca (a meno che tu non stia conducendo una campagna di marca).

Potresti anche voler utilizzare il filtro rapido sotto il grafico lineare per filtrare i dati delle parole chiave indesiderate, come le parole chiave temute (non impostate) e (non fornite). Questo può essere fatto facilmente aggiungendo un filtro di esclusione Regex per abbinare ((non impostato) | (non fornito)) come mostrato nello screenshot qui sotto. Secondo me, in questo modo è abbastanza efficiente.

Combinazione di dati da più report

La prossima cosa che farei è esportare questi dati in Excel in modo da poter iniziare a combinare questi dati con i dati di altri strumenti che forniscono volume di ricerca o ranking come SEMrush e Google Webmaster Tools. Lo faccio in modo da poter combinare le metriche non fornite in Analytics come il volume di ricerca, la percentuale di clic e il ranking da quelli dei concorrenti.

In genere, esporterò il rapporto sulle query di ricerca da Strumenti per i Webmaster di Google e inseriscilo in un foglio separato per ottenere i dati di posizione CTR o AVG. Prenderò anche i dati delle parole chiave SEMrush dal sito del cliente (o da quello della concorrenza) per trovare il volume di ricerca e il ranking. Con alcune funzioni di Vlookup puoi combinare le colonne che desideri utilizzare da ogni rapporto in un foglio come quello qui sotto. Per saperne di più sulle funzioni di Vlookup e su come aiutano nella ricerca di parole chiave, potresti leggere il mio post sul blog precedente, “Come utilizzare SEMrush per i servizi di marketing sui motori di ricerca”.

Organizzare i tuoi dati con una tabella pivot

Una volta che hai tutte le metriche che desideri, puoi creare un rapporto di facile lettura utilizzando le tabelle pivot, che ho spiegato in un post precedente. Il concetto è semplice. Seleziona semplicemente tutte le celle che desideri aggiungere alla tabella pivot, quindi seleziona le etichette di riga e i valori. Ricorda, quando crei le etichette di riga, crei una gerarchia quando impili le metriche l’una sull’altra. Selezionerò l’URL della pagina di destinazione seguito dalla parola chiave nel campo dell’etichetta della riga in modo che i dati siano organizzati per gruppi di parole chiave sotto gli URL pertinenti. La selezione dei valori che si desidera visualizzare può essere eseguita trascinando le icone verso il basso nel quadrante Campo valore, come mostrato nella schermata seguente.

Puoi segmentare i dati in base alle tue metriche più importanti. Ad esempio, se non stai monitorando le conversioni e-commerce, potresti monitorare gli invii di moduli o gli eventi che potrebbero essere applicati a questo rapporto, così come con il corretto utilizzo delle funzioni di Vlookup e Google Analytics. In questo caso particolare, il tasso di conversione dell’e-commerce, il volume di ricerca, il ranking e il CTR erano i più importanti per me, quindi mi sono assicurato di mantenere solo le parole chiave con le statistiche più alte aggiungendo filtri su ogni colonna.

Il prodotto finale è una strategia per le parole chiave molto facile da seguire e può persino aiutarti a organizzare i gruppi di annunci molto facilmente. Spesso creerò una tabella pivot come quella qui sotto e la condividerò con il mio team come riferimento. Gli autori di contenuti possono sapere su quali parole chiave scrivere e su quale pagina collegarsi molto facilmente facendo riferimento a questa tabella pivot. D’altra parte, i nostri creatori di testi pubblicitari possono anche sapere quali parole chiave principali utilizzare nel testo pubblicitario e quale URL di destinazione utilizzare.

Ci sono molte altre fantastiche formule e trucchi che uso per diversi scenari. Bloggerò una volta al mese su SEMrush nella speranza di poter aiutare tutti a diventare un po ‘più efficienti nelle loro attività SEO quotidiane.

Alla prossima, incoraggio commenti e domande da parte di tutti! Per ulteriori informazioni su come utilizzare Excel per SEO, sentiti libero di farlo controlla il mio blog o semplicemente ricontrolla una volta al mese qui sul blog SEMrush!

Biografia dell’autore:

Sergio Aicardi è il titolare di La Miami SEO Company e funziona con Nessun rischio SEO Team. Le sue responsabilità includono lo sviluppo delle relazioni commerciali e l’ottimizzazione dei processi interni per garantire che l’attività sia in costante crescita, migliorando costantemente la qualità dei servizi resi. È nel settore da oltre sei anni e la sua competenza principale consiste nell’analisi dei dati sul traffico per migliorare le prestazioni delle campagne. L’ultimo articolo di Sergio per SEMrush era “Suggerimenti per la ricerca di parole chiave SEO per Excel”.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di S.E.O.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *