Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » SEO » Tre errori nel content marketing e come evitarli

Tre errori nel content marketing e come evitarli

    Quando si pianificano contenuti editoriali, può essere facile cadere nella trappola di fidarsi del proprio istinto o indovinare cosa vuole il proprio pubblico di destinazione. Tuttavia, ciò può portare a contenuti blandi o commerciali che semplicemente non verranno trovati e sicuramente non saranno condivisi.

    Quindi come evitare le insidie ​​di contenuti inutili?

    Evitando tre errori comuni e pianificando meglio.

    Errore n. 1: usare un istinto o indovinare cosa vuole il tuo pubblico di destinazione

    Risposta: dai loro quello che vogliono veramente

    Questo potrebbe sembrare ovvio, tuttavia scoprire cosa vuole veramente il pubblico online di massa può essere difficile. È qui che la ricerca su Google diventa davvero una cosa meravigliosa. Le persone digiteranno domande su Google che non farebbero mai ai loro amici di Facebook o diranno a un sondaggio di ricerca sui clienti. Ciò significa che può essere una straordinaria fonte di informazioni su ciò che le persone vogliono davvero sapere.

    La sezione dei suggerimenti sotto la casella di ricerca di Google è alimentata dall’aggregazione di tutti i dati degli utenti, persone proprio come il tuo pubblico di destinazione. Mostra le principali ricerche relative all’argomento che hai inserito, tutte fornite in tempo reale.

    È uno strumento come descritto da un nuovo collega per cercare informazioni simili alla lettura delle menti dei tuoi potenziali clienti!

    La lettura della mente è un’abilità abbastanza buona da avere quando pensi a quale contenuto creare o quale gancio potrebbe attrarre. Tuttavia, scavare in tutti i modi in cui le persone cercano per trovare l’argomento del contenuto perfetto potrebbe richiedere molto tempo, ma esiste uno strumento gratuito che lo fa per te; Rispondi al pubblico – Ti consente di utilizzare la tua conoscenza del settore per rispondere alle domande più diffuse che il pubblico sta cercando.

    Esploriamo un esempio.

    Ho un sito che vende scarpe e sto pianificando contenuti editoriali per l’autunno. Gli stivali saranno al centro dell’attenzione del prodotto, quindi voglio pianificare alcuni post utili sul blog per lo stesso tempo.

    Lo strumento “Rispondi al pubblico” mostra tutti i modi in cui le persone hanno cercato “Stivali”.

    Già, ha acceso alcune idee, ma voglio esplorare ulteriormente. Lo strumento sta dimostrando che ci sono molte persone che chiedono “Stivali come Uggs ma più economici”, questo è un post carino e facile. Saremo in grado di collegarci perfettamente a una selezione di stivali sul sito principale e abbiamo alcuni editoriali interessanti che possono catturare la ricerca di alcuni stivali simili a Ugg.

    Ora ho alcuni post sul blog programmati per la fine dell’estate. Ma troppi e probabilmente diventerà troppo concentrato sul prodotto e commerciale. Quindi cosa facciamo? Torna a answerthepublic.com.

    Lo strumento ti aiuta anche a trovare domande a cui rispondere per mettere un timbro sul tuo marchio. ‘Stivali con gonne’ è una domanda comune, perché non mettere insieme un pezzo di tendenza cercando modi per indossare stivali con gonne?

    Le persone cercano lo stesso con leggings / vestiti / jeans. Questa intuizione mi fornisce post più regolari per il blog. Sappiamo che le persone stanno cercando questo argomento, quindi i miei post dovrebbero essere facilmente imbattuti.

    Continuando sull’esempio degli stivali, il fitting continua a venire. “Come dovrebbero calzare gli stivali?” “Gli stivali sono un po ‘troppo grandi”, “Gli stivali sono un po’ troppo piccoli” – Potrei coinvolgere un esperto nel commentare il post sul motivo per cui la misura giusta è importante.

    Creando la risposta definitiva ad alcune di queste domande e aggiungendo la giusta promozione, i post del mio blog verranno trovati e potranno essere consultati negli anni a venire. È questo tipo di contenuto e riconoscimento che Google apprezza davvero e aiuterà a spingere sia il blog che il sito web nelle classifiche di ricerca, aumentando il pubblico del blog che, se tutto è allineato, avrà un impatto positivo sulle vendite.

    Errore n. 2: Credere che i tuoi contenuti siano così potenti da impostare l’agenda delle notizie

    Risposta: lascia che siano i tuoi lettori a giudicare

    Il tempismo d’attualità nel content marketing è sempre stato fondamentale. Tuttavia, un altro facile errore da commettere è credere che il nostro contenuto sia così potente da impostare l’agenda delle notizie. Lascia che te lo dica ora, è molto improbabile. Un modo molto più efficace per guadagnare trazione è fornire i tuoi contenuti al nostro pubblico quando lo richiedono.

    Torniamo ad esempio al mio sito di vendita di scarpe e alla prossima stagione in calendario; Natale.

    Una campagna di regali di Natale è una componente comune dei contenuti dei consumatori e dei piani di marketing. Spesso questa attività inizia a novembre e i contenuti vengono pubblicati a dicembre, ma per quanto riguarda le migliaia di persone in cerca di idee regalo prima di allora, le ignoriamo?

    www.google.co.uk/trends

    Google cerca “idee regalo di Natale”

    Il grafico sopra mostra il volume di persone alla ricerca di “idee regalo di Natale” da giugno 2014 a maggio 2015 nel Regno Unito. Non sorprende che ci sia un picco di ricerche vicino al 25 dicembre, tuttavia l’interesse ha iniziato a crescere a settembre!

    È interessante notare che la maggior parte dei post della guida ai regali di Natale non viene visualizzata fino a dicembre (punto A), quindi questo contenuto perderebbe la richiesta iniziale.

    In ottobre e novembre 2014 200.000 persone hanno cercato “idee regalo di Natale”. Vogliono ottimi contenuti e sono pronti per essere commercializzati e potenzialmente acquistare. Già nel settembre 2014 c’erano addirittura 10.000 persone che cercavano “idee regalo di Natale”.

    L’acquisizione di dati sulle tendenze e sui tempi di ricerca è facile tramite gli strumenti di Google e ci consentono di portare alla luce gemme di intuizione che alimenteranno una strategia potente. I dati sopra sono presi da Google Trends e i volumi di ricerca possono essere trovati tramite il ‘Strumento di pianificazione delle parole chiave’ di Google. Assicurati solo di dedicare tempo sufficiente per pianificare il tuo calendario editoriale. In questo modo puoi creare contenuti con i giusti agganci stagionali prima della competizione.

    Errore n. 3: non pianificare la promozione dei contenuti fino alla post produzione

    Risposta: integrare e pianificare la promozione in anticipo

    È importante considerare e pianificare la promozione prima di scrivere e creare i tuoi contenuti. Sebbene i tuoi argomenti debbano essere correlati al business e mirati al tuo pubblico, devi anche considerare come far partire una raccomandazione guadagnata o pagare per promuovere i tuoi post.

    Il terzo errore è spesso uno dei più grandi. Così tanti professionisti del marketing creano contenuti e non prendono in considerazione la promozione fino a quando non è stata completata. Questa è una pessima idea.

    La migliore promozione è spesso quando hai coinvolto un influencer, un marchio che la pensano allo stesso modo o un partner del settore nel pezzo. Questo coinvolgimento incoraggia gli influencer a condividere con il loro pubblico e con la giusta selezione questo può dare il via alla macchina dei media guadagnati. Tuttavia, senza un coinvolgimento iniziale e reale nel pezzo, è molto improbabile che vengano coinvolti e di certo non lo condivideranno gratuitamente con il loro pubblico.

    Pianifica in anticipo, ottieni il loro contributo creativo e il tuo pubblico potrebbe aumentare immediatamente.

    Allo stesso modo, anche la promozione a pagamento deve essere considerata in anticipo. Anche quando paghi per raggiungere un pubblico, il fornitore deve assicurarsi che sia pertinente. Se non è altamente mirato ai loro lettori o spettatori, il costo può essere più costoso, non otterrai la stessa trazione o il fornitore semplicemente rifiuterà il coinvolgimento.

    La chiave per evitare le insidie ​​di contenuti inutili si riduce alla pianificazione e ricorda sempre:

    1. Offri al pubblico ciò che desidera acquisendo una visione reale

    2. Avvia i contenuti quando le persone lo desiderano

    3. Integrare e pianificare la promozione in anticipo

    4. Dimostra che tutto ha funzionato con la misurazione!

    Partecipa al webinar

    Con 83.000 post di blog pubblicati ogni ora è facile che i contenuti passino in secondo piano e non vengano mai letti.

    Se vuoi scoprire come pianificare e creare contenuti che il tuo pubblico online troverà, leggerà e apprezzerà facilmente, unisciti a Stella Bayles, direttore marketing di AnswerThePublic.com e CoverageBook.com per un webinar dal vivo mercoledì 8 giugno alle 14:00 ET.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di ottimizzazione sui motori di ricerca.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *