Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Weekly Wisdom con Mikhail Alfon: Micro Influencers

Weekly Wisdom con Mikhail Alfon: Micro Influencers

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Che succede, SEMrush, e benvenuto a questo episodio di Weekly Wisdom. Il mio nome è Mikhail Alfon. Sono il presidente e co-fondatore di Blue Light Media, con sede a Costa Mesa, in California. Oggi parleremo di come utilizzare e trovare micro influencer.

Ora, prima di entrare in questo, parliamo di influencer marketing nel suo insieme. È uno dei modi più popolari per i marchi di raggiungere davvero un nuovo pubblico. In sostanza, ciò che stanno facendo è utilizzare utenti influenti di Instagram o YouTuber, o qualunque piattaforma possa essere, per promuovere il loro prodotto, servizio o marchio, qualunque esso sia, giusto. Quello che fanno è trovare persone che possono incoraggiare il loro pubblico a vendere i loro prodotti per loro.

Macro influencer vs micro influencer

Quando inizi la tua campagna di influencer marketing, è importante capire la differenza tra un macro influencer e un micro influencer. I macro influencer avranno in genere centinaia di migliaia di follower, se non milioni di follower, e tendono ad essere un po ‘più costosi e generalmente un po’ più difficili da consolidare con le campagne. Questo video è per le piccole e medie imprese e oggi parliamo di micro influencer. I micro influencer avranno in genere meno di 20.000 follower. Puoi aumentarlo un po ‘da 30.000 a 40.000, ma parliamo di meno di 20.000 follower.

Ci sono molti vantaggi nell’usare i micro influencer. Ad esempio, in genere ottengono tassi di coinvolgimento più elevati, il che è davvero importante.

I tassi di coinvolgimento sono uno degli indicatori chiave di prestazione quando si misura una campagna di marketing di influencer e il rendimento del contenuto per quell’influencer. È anche più probabile che interagiscano con il loro pubblico, il che genererà più conversazioni sul tuo marchio o prodotto e in genere otterrai anche tassi di conversione più elevati. Ovviamente, maggiori sono le conversioni, meglio è, ed è quello a cui miriamo tutti.

I vantaggi di lavorare con micro influencer

Una delle cose che amiamo dell’utilizzo di micro influencer è che in genere sono più flessibili con i risultati finali e il modo in cui formuleremo la campagna. Puoi lavorare con loro invece di essere davvero schiavo del prezzo o di ciò che potrebbe fare un macro influencer. Essere flessibili è davvero importante. Una delle cose principali che amiamo del lavorare con i micro influencer è che aiuta ad alimentare il processo di produzione dei contenuti. Ad esempio, qualsiasi contenuto che stanno producendo, possiamo utilizzarlo su più campagne.

Quando cerchi un micro influencer, ci sono cose che dovresti cercare prima di tentare di consolidare una partnership. Uno di questi è la qualità del loro contenuto. Non sto parlando solo di foto, ma anche delle loro didascalie. Diamo prima un’occhiata alle foto.

Le immagini che stanno producendo risuonano con il tuo marchio? Sembra qualcosa che condividerai sui tuoi profili? Questo è sicuramente qualcosa di molto importante da guardare. In aggiunta a ciò, parliamo delle loro didascalie.

Non vuoi un influencer che stia solo mettendo una riga che non ha alcuna sostanza. Quando lavoriamo con micro influencer, vogliamo davvero cercare didascalie che abbiano molta sostanza, molto cuore e molta carne. Il motivo è che in genere guidano più conversazioni e mostra che l’influencer è intenzionale sul contenuto che sta producendo. Cerca sicuramente quelle cose chiave quando si tratta di qualità dei contenuti.

Il coinvolgimento di un micro influencer

Relatore 1: L’altra cosa che vuoi considerare è il loro impegno. Quanto è buono il loro tasso di coinvolgimento? Quello che puoi fare è dividere il loro coinvolgimento per i loro follower e moltiplicarlo per 100 per scoprire qual è il loro tasso di coinvolgimento. Vuoi cercare un tasso di coinvolgimento di almeno il 20% per i micro influencer con un massimo di 10.000 follower. Ora, una volta superati 10.000 follower, succede qualcosa di strano in cui il tasso di coinvolgimento diminuisce in modo significativo, quindi dopo 10.000 follower, cerca almeno un tasso di coinvolgimento del 5%.

L’autenticità di un micro influencer

Un altro modo per misurare il loro impegno è se sia autentico o meno; questo richiederà un po ‘di ricerca, ma attingi ai loro commenti e guarda cosa dice il loro pubblico. Si riferisce effettivamente alla loro foto? Fanno domande sulle didascalie? Questi tipi di cose sono molto importanti da guardare, perché i pod dei commenti – e se non hai familiarità con i pod dei commenti, sono modi in cui gli influencer guidano effettivamente il coinvolgimento in modo inautentico – i pod dei commenti sono ancora qualcosa che accade su Instagram, quindi esaminando il tipo di coinvolgimento che stanno ottenendo, avrai una buona idea se la tua campagna avrà successo o meno.

Ora, una delle cose più importanti, se non la cosa più importante da guardare, è che l’influencer si impegna con il proprio pubblico? Quando lavori con un influencer, vuoi che sia un sostenitore del tuo marchio e qualcuno che ti aiuti a vendere il prodotto per te.

  • Vuoi vedere, stanno entrando?
  • Si preoccupano del loro pubblico?
  • Rispondono alle domande per loro?
  • Stanno continuando la conversazione al di fuori di quel post?

Micro influencer e contenuti brandizzati

Ora, un’altra cosa che vuoi guardare quando scegli un micro influencer è vedere quanti contenuti di marca hanno là fuori e come si comportano.

Il contenuto di marca è qualsiasi collaborazione passata che potrebbe aver avuto con un’azienda o un marchio o qualcosa del genere. Entra in quei post. In che modo il loro pubblico interagisce con esso? Fanno domande al riguardo? L’influencer si coinvolge e dice loro quanto è fantastico il prodotto e perché lo stanno supportando in primo luogo? Guarda anche il tipo di contenuto che stanno creando per il marchio. Stanno solo scattando una foto di se stessi mentre sostengono il marchio o è un video in cui stanno effettivamente utilizzando i prodotti che stanno aiutando a promuovere?

Questi fattori sono davvero importanti da prendere in considerazione perché, ancora una volta, questi influencer non sono solo un modo per raggiungere nuovi segmenti di pubblico, sono un modo per creare nuovi sostenitori del tuo prodotto o del tuo marchio.

Gestione di campagne di micro influencer

Successivamente, vogliamo parlare di come gestire gli influencer una volta trovati quelli con cui vuoi lavorare. Uno dei modi migliori per gestire i tuoi influencer e il contenuto che forniscono alla tua azienda è fornire un brief per influencer. Un brief di influencer può essere un breve mazzo o una mano che include le cose da fare e da non fare per creare contenuti per il tuo marchio.

Ad esempio, puoi dire che il tuo marchio non dovrebbe essere raffigurato accanto all’alcol o non dovrebbe essere raffigurato in determinati scenari. Potresti anche dire loro esattamente come funziona il tuo prodotto, in modo che quando lo usano o lo indossano, qualunque cosa sia, lo stiano effettivamente usando correttamente.

Esempi di contenuto

Oltre a ciò, puoi anche fornire esempi di contenuto; questo è un ottimo modo per assicurarti di ricevere i contenuti di alta qualità di cui hai bisogno e per i quali stai pagando. Invia loro esempi di contenuti che ti sono stati forniti in passato o di ciò che desideri creare in base a un’estetica diversa o a diversi influencer che stanno creando contenuti.

Hashtag

Assicurati di includere gli hashtag richiesti e di includere anche tutte le informazioni sul prodotto, in modo che l’influencer abbia molta familiarità con esattamente ciò che fa il tuo prodotto, come ne avvantaggia e come possono comunicarlo al loro pubblico.

Processo di approvazione

Quando gestisci il tuo micro influencer, assicurati di avere anche un processo di approvazione. Questo è il modo in cui condivideranno il contenuto con te prima che venga pubblicato, perché l’ultima cosa che desideri sono eventuali errori nel contenuto, qualsiasi reclamo, qualunque esso sia. Assicurati che l’influencer ottenga l’approvazione del contesto prima che venga effettivamente pubblicato.

Supporto

Infine, quando gestisci i tuoi micro influencer, assicurati di supportarli. Ricorda che questa è una partnership e non solo qualcuno che lavora per te. Condividi i loro sforzi su Instagram Stories, su Twitter o qualunque cosa possa essere, o persino fai annunci che hai nuovi micro influencer che lavorano con te e il tuo marchio.

Misurare la tua campagna di influencer

Parliamo di misurare la tua campagna di influencer; questo è ovviamente uno degli aspetti più critici della gestione delle tue iniziative di influencer, quindi assicurati di farlo bene. Una delle cose che puoi fare è utilizzare i link tracciati. Bit.ly lo rende davvero semplice e puoi utilizzare un link tracciato unico per ogni influencer con cui stai lavorando. Oltre a ciò, puoi anche usare un unico file Codice UTM per ognuno. Vuoi assicurarti di sapere esattamente da dove proviene il tuo traffico, quindi l’utilizzo di questi codici ti aiuterà sicuramente a farlo tramite Google Analytics o qualsiasi altro strumento di analisi che stai utilizzando.

Codici promozionali per il monitoraggio

Infine, puoi anche utilizzare un codice promozionale. Se stai chiedendo a un influencer di vendere il prodotto per te, ovviamente vuoi vedere che tipo di impatto sta avendo sulle vendite. Questi codici promozionali univoci possono essere utilizzati su Shopify, Squarespace e Amazon per assicurarti di sapere esattamente da dove provengono le vendite.

Cose qualitative da considerare

Ora, oltre a queste metriche rigide, vuoi anche esaminare alcune delle cose qualitative, come com’è il coinvolgimento con il contenuto che stai pubblicando? Non otterrai necessariamente una conversione dall’oggi al domani, ma a volte se puoi dire che il contenuto o l’influencer sta risuonando bene con il pubblico di quella persona, puoi effettivamente saltare lì come marchio e aiutare a portare avanti quella conversazione.

Guarda com’è il fidanzamento. Guarda com’è il contenuto. Stai ricevendo abbastanza contenuti per forse alimentare le campagne in futuro? Queste cose sono anche alcuni degli aspetti che vuoi prendere in considerazione con la tua campagna di influencer. Non si tratta solo di vendite. Ci sono così tante altre metriche che vuoi esaminare.

Suggerimenti e strategie finali

Va bene, quindi ora hai tutti gli strumenti di cui hai bisogno per iniziare la tua campagna di micro influencer, ma prima di lasciarti oggi, vogliamo parlare di alcuni suggerimenti e strategie finali. Ora, le campagne che si svolgono per un lungo periodo di tempo, come 60 o 90 giorni, in genere hanno un rendimento migliore. Il motivo è che per il pubblico di quell’influencer non sembra che stiano solo vendendo un prodotto; sembra che siano veri sostenitori del marchio o del prodotto che stanno contribuendo a promuovere. Assicurati che quando crei i tuoi brief per l’influencer, duri da 60 a 90 giorni, più post, storie di Instagram, ecc.Oltre alle altre piattaforme che stanno utilizzando per un ulteriore vantaggio.

Branded Swag

L’altra cosa che suggeriamo è di assicurarti di creare pacchetti unici anche per tutti questi influencer. Crea una scatola di marca, aggiungi un po ‘di swag lì dentro. Questo tipo di cose ecciterà l’influencer e, quando sarà entusiasta, creerà contenuti migliori per te e lo promuoverà ancora meglio.

Assicurati che ci sia qualcosa di unico per ogni influencer con cui stai lavorando perché, alla fine, stanno mettendo il loro marchio in gioco per il tuo.

Slip creativi stagionali ed evergreen

Infine, assicurati di utilizzare una combinazione di riassunti creativi stagionali e sempreverdi. Il motivo per cui diciamo questo è perché noi stessi produttori di contenuti, troviamo molto difficile continuare a creare nuovi contenuti settimana dopo settimana, giorno dopo giorno, ecc. Sono sicuro che come marchio, probabilmente stai affrontando anche questa sfida. Avere una pila di contenuti sempreverdi prodotti dai tuoi influencer aiuterà ad alimentare altre campagne in futuro come campagne a pagamento o e-mail, o persino stampare se hai le giuste autorizzazioni. Assicurati di utilizzare sia slip stagionali che evergreen in ogni campagna che fai in modo da avere più contenuti da utilizzare in futuro.

Grazie per aver guardato questo episodio di Weekly Wisdom, offerto da SEMrush. Il mio nome è Mikhail, e spero di rivederti presto.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di SEO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *