Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » 5 suggerimenti intelligenti per gestire la reputazione sui social media della tua azienda

5 suggerimenti intelligenti per gestire la reputazione sui social media della tua azienda

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

È fondamentale ora più che mai gestire la sicurezza e la reputazione dei dati online. Viviamo nell’era dell’informazione e ciò che dici o fai online può avere un enorme effetto sul modo in cui le persone percepiscono la tua attività. In un solo istante, è possibile per gli imprenditori raggiungere e connettersi con centinaia, o addirittura migliaia, di clienti e lead.

Ma il tuo pubblico è probabilmente composto da tipi molto diversi di persone, e le persone non sono mai state più supponenti di quanto non siano in questi giorni. Pertanto, ci sono alcune azioni che dovresti intraprendere sulle piattaforme di social media, così come alcune cose da evitare, per assicurarti di non offendere inutilmente il tuo pubblico o erodere la fiducia conquistata a fatica nella tua attività.

Se condividi una falsa bufala sulla pagina della tua attività o fai un commento sbagliato, puoi facilmente allontanare i lead dal tuo sito web o far infuriare il tuo pubblico. Quindi, prima di mettere mi piace, condividere, pubblicare, twittare o intraprendere altre azioni sulle piattaforme di social media, ricordati di tenere a mente quanto segue.

1. Verifica della validità delle notizie

In questo momento due pulsanti caldi nei media sono “notizie false” e “fatti alternativi”. Sebbene questi due termini abbiano radici politiche, Internet è stata a lungo una fonte di notizie false, video virali falsi e bufale. A meno che il video o la storia non sia chiaramente una bufala e si allinei in qualche modo al tuo pubblico e alla tua attività, è meglio stare alla larga e astenersi dall’interagire con questo tipo di storie e post.

A volte è facile essere ingannati e ingannati da narratori intelligenti, ma penso che la maggior parte delle persone abbia almeno un nocciolo di dubbio nelle loro menti quando vedono una bufala. Se hai quel sentore, assicurati di fare i compiti prima di condividere il post dal tuo account, mettere mi piace, ritwittarlo, ecc. In caso di dubbio, fai una ricerca su Google sul contenuto in questione. Verificare la validità prima della condivisione.

2. Non abbassarti al livello di troll e commenti moderati

Sia che utilizzi Facebook, Twitter o qualsiasi altra piattaforma di social media, è probabile che ti vengano presentati post incendiari ogni volta che accedi. Diamine, non devi nemmeno usare i social media. Quasi ogni forum online, ogni chat room e ogni casella in cui un idiota può postare del testo è stata abbellita dalla presenza di un troll.

I troll sono ormai da anni una parte intrinseca di Internet, ma l’aumento dell’uso dei social media ha reso il trolling più diffuso come mai prima d’ora. Non importa se ti fai gli affari tuoi e tratti gli altri con rispetto. Di tanto in tanto, se sei in vista del pubblico in un formato online, attirerai l’attenzione di un troll non per colpa tua (e non consiglierei di provocarlo).

Se ti trovi nel mirino di un troll, assicurati di non dargli altre munizioni.

Anche se potresti essere tentato di difendere il tuo punto di vista, discutere o mostrare a quel troll cosa è cosa, alla fine, finirai per sembrare sciocco. Allo stesso modo, se un troll inizia a scherzare sui sistemi di commento sul tuo sito web, è meglio stroncare il problema sul nascere moderando i contenuti offensivi (incitamento all’odio, imprecazioni, dichiarazioni intenzionalmente provocatorie fuori tema, spam, ecc. ). Altrimenti, potresti scoprire che le sezioni dei commenti sulle tue pagine di contenuto si trasformano nel parco giochi di un troll.

3. Separazione dei conti personali e professionali

Anche se dovrebbe essere buon senso, vorrai anche farlo assicurati che gli account dei social media della tua azienda non si incrocino con la tua vita personale. Ad esempio, non vuoi commettere l’errore di pubblicare le foto sbagliate (quelle della tua famiglia, compleanno, laurea, ecc.) Sulla pagina della tua attività. Inoltre, potrebbe non essere una buona idea taggare i membri della famiglia nei post aziendali o utilizzarli per distribuire contenuti.

Anche se i membri della famiglia possono essere felici di aiutarti a pubblicizzare la tua attività e condividere collegamenti, il confine tra la tua attività e la tua vita personale inizia a svanire. L’ultima cosa che vuoi è che gli estranei trovino collegamenti agli account dei membri della famiglia o ad altri contenuti personali. È meglio tenere le cose separate.

4. Una nota sugli hashtag

Gli hashtag sono stati utilizzati per organizzare proteste, avviare movimenti, pubblicizzare attività commerciali e rafforzare le comunità. Tuttavia, il vero significato di un hashtag di tendenza potrebbe non essere ovvio o immediatamente evidente. Vuoi essere assolutamente sicuro di non twittare un messaggio con l’hashtag sbagliato.

Anche la soluzione è piuttosto semplice. Basta fare i compiti in anticipo e cercare il significato di un hashtag. Ad esempio, dai un’occhiata al terribilmente insensibile hashtag del Cairo tra L’elenco dei migliori Twitter di Business Insider fallisce. Allo stesso modo, l’errore dell’hashtag “NotGuilty” doveva essere uno scherzo innocuo sul mangiare cibi gustosi, ma era invece correlato all’esito di un processo.

Questi tipi di errori possono devastare la reputazione di un’azienda, quindi dedica un po ‘di tempo alla ricerca degli hashtag esistenti e del loro significato prima di utilizzarli.

5. Religione e politica

Dicono che non dovresti parlare di religione e politica (così come di un altro argomento) a una cena per evitare di trasformare piacevoli conversazioni in discussioni feroci. Sebbene ci siano alcune eccezioni nel marketing digitale, in generale, non è una buona idea agitare il piatto incitando su argomenti controversi.

Suppongo che ovvie eccezioni a questa regola sarebbero i gruppi religiosi e le organizzazioni incentrate sulle notizie che hanno una presenza online. Tuttavia, se stai solo cercando di acquisire lead per una piccola attività locale o un negozio online, non c’è motivo di impegnarti in questi argomenti. Anche se sei molto supponente, ricorda che molti dei tuoi contatti potrebbero non condividere le tue stesse opinioni. E alla fine, l’obiettivo è attirare nuovi clienti, non allontanarli.

Pensieri finali

Fai molta attenzione prima di pubblicare qualcosa sulle piattaforme dei social media dal tuo account aziendale e assicurati che la tua vita personale non venga trascinata dai profili ausiliari. Vuoi assicurarti di entrare in contatto con il tuo pubblico esclusivamente tramite contenuti correlati al settore e umorismo appropriato.

Attenersi a una strategia ti aiuterà a farlo, monitorando le metriche dei social media che ti consentiranno di rivedere il modo in cui ogni post è coinvolto. Questo ti aiuterà a individuare dove ti connetti con il tuo pubblico.

Sii consapevole, però, che allontanarti dai confini del tuo settore (con poche eccezioni) potrebbe offendere accidentalmente grandi parti del tuo pubblico ed erodere la loro fiducia in te. Infine, se tutto questo sembra troppo faticoso, forse è il momento di contattare un professionista. Esistono modi per pianificare automaticamente i tuoi post tramite Twitter, Facebook e la consegna di contenuti sui social media, ma la gestione di una campagna di marketing digitale è davvero un lavoro a tempo pieno.

I social media sono parte integrante del marketing digitale nel 2019. È uno strumento utilizzato dalle aziende di tutto il mondo per ritrarre messaggi di marca chiari, coinvolgere gli utenti e, in definitiva, promuovere ciò che fai. Tuttavia, la lotta per l’ascolto del messaggio del tuo marchio sta diventando sempre più competitiva di giorno in giorno. La buona notizia è che puoi iniziare …

Ottieni PDF gratuito

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *