Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Cosa possono insegnarci i social media sull’interattività e il coinvolgimento

Cosa possono insegnarci i social media sull’interattività e il coinvolgimento

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Ammettilo: il tuo feed Twitter è aperto in un’altra scheda in questo momento. E probabilmente anche FaceBook. E se apri il telefono, Instagram è a portata di tocco. Nell’era dei social media, è difficile non essere coinvolti tutto il tempo, controllando costantemente quanti cuori ha ricevuto l’ultimo post o aggiornando i feed per vedere se c’è qualche aggiornamento su retweet e menzioni. È naturale per gli esseri umani cercare l’approvazione e per i professionisti del marketing è un requisito del lavoro.

Tuttavia, in un’epoca di saturazione dei contenuti in cui solo la maggior parte dei post ottenere circa due azioni (due condivisioni !?), molti di noi potrebbero trascurare alcune delle lezioni più preziose dei social media.

I dati in tempo reale sono più importanti che mai

Di recente, gli hotel Marriott hanno iniziato i test pulsanti “mi piace” nella vita reale installando pulsanti rossi e neri sui servizi dell’hotel che gli ospiti possono premere quando si sentono soddisfatti o delusi da stanze, pasti o altri servizi. L’idea alla base del cambiamento è garantire che le preferenze degli ospiti stiano effettivamente migliorando le loro esperienze.

I clienti si sono abituati a esprimere opinioni tramite Twitter e Yelp, ma gran parte di questo feedback cade nel vuoto. I “Mi piace” e anche i “Non mi piace” sono ottime fonti di dati, così come i clic e i commenti, ma quei dati vengono persi se non riescono a migliorare il modo in cui i marchi interagiscono con il loro pubblico.

Molti professionisti del marketing hanno ancora difficoltà a capire come trasformare il coinvolgimento del pubblico in strategie di marketing attuabili. In uno Settimana del marketing sondaggio, i professionisti del marketing hanno valutato la loro capacità di integrare le informazioni sui clienti provenienti da acquisti, social media e altri canali su just 3.4 su una scala da 1 a 7. I clienti forniscono costantemente feedback sui contenuti, ma tutti quei clic, condivisioni e commenti non significano molto se non li utilizziamo per migliorare la nostra messaggistica.

I clienti vogliono sentirsi ascoltati

Se il pubblico si impegna, si aspetta un riconoscimento. Marketing Land ha scoperto di recente che il 55% dei consumatori che lascia un feedback non ripeterà la loro attività se il feedback viene ignorato. Tuttavia, lo studio ha anche rilevato che il 66% dei feedback dei clienti effettivamente fa essere ignorato. Sono molti affari persi!

Gli esperti di marketing possono prendere una lezione da quei clienti persi. Ogni volta che un utente fa clic su un collegamento, completa un quiz o guarda un video, fornisce un feedback. Lascia che la preferenza del pubblico informi la strategia futura. Se gli utenti rispondono a un certo tipo di contenuto, dai loro più di quello che vogliono! Altrimenti, la prossima volta, i clienti potrebbero non essere così desiderosi di interagire.

Ad esempio, quando Cotton, Incorporated ha rilasciato un scegli il tuo stile di avventura campagna video interattiva, il marchio ha notato che il pubblico faceva clic sui contenuti relativi agli esercizi molto più frequentemente rispetto ad altre opzioni, il che ha stimolato una futura campagna composta da più contenuti relativi al fitness. Al di fuori dei social media, i consumatori “amano” i contenuti con il loro tempo e il loro impegno; il contenuto di successo continua una conversazione piuttosto che tentare di avviarne una nuova.

A proposito, se sei un marketer e non hai familiarità con la suddetta campagna video interattiva di Cotton, vale la pena dedicare il tuo tempo a leggere. È un marketing moderno, fatto bene, ed è il futuro di ciò che servirà per ottenere e mantenere l’attenzione del tuo pubblico.

Tutti i contenuti devono essere social

Un recente studio di Ascend2 ha mostrato che il obiettivo più importante della maggior parte delle strategie sociali dei marketer era quello di aumentare il coinvolgimento del pubblico, seguito da vicino dal desiderio di aumentare la consapevolezza del marchio. Tuttavia, poiché il pubblico scorre, tocca e sfoglia sempre più contenuti sui dispositivi mobili, l’obiettivo di creare un coinvolgimento che stimoli la consapevolezza del marchio tutti contenuti, non solo social media.

L’anno scorso, ion interactive e il Content Marketing Institute hanno rilevato che il 66% dei professionisti del marketing concorda sul fatto che i contenuti interattivi, come quiz, valutazioni e calcolatori, maggiore coinvolgimento del pubblico, mentre il 79% concorda sul fatto che i contenuti interattivi, insieme ai contenuti tradizionali, hanno aumentato la fidelizzazione del marchio.

Il pubblico risponde ai contenuti interattivi per gli stessi motivi per cui i social media li assorbono: interattivo e sociale richiedono entrambi la partecipazione del pubblico, il che rende l’esperienza personale.

Oggi i consumatori vogliono personale. Cosa fanno i miei figli quando si annoiano sul sedile posteriore della macchina? “Andiamo a fare qualche quiz Buzzfeed” è il solito ritornello, quindi i risultati di ogni quiz vengono condivisi, sezionati e discussi in profondità. È il narcisismo e il lavoro dei giorni nostri, e dobbiamo abbracciarli.

Il cerchio dei mi piace

È logico che quando gli spettatori apprezzano i contenuti e gli indicatori rispondono a tale divertimento adattando le offerte future alle preferenze del pubblico, emerge un modello di “mi piace e ripeti”. Il pubblico online vota costantemente per i contenuti: vota con Mi piace, visualizzazioni, clic e condivisioni. Invece di misurare semplicemente quei voti, è tempo di creare contenuti che diano la priorità alle preferenze dei consumatori.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *