Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Social Media » Da dove proviene realmente il traffico pubblicitario di Facebook a pagamento?

Da dove proviene realmente il traffico pubblicitario di Facebook a pagamento?

    Oggi esaminiamo il curioso caso dei rapporti di Facebook rispetto alle statistiche di Google Analytics.

    Questa storia inizia all’inizio di luglio, quando abbiamo notato che le nostre campagne Facebook stavano generando una grande quantità di traffico dagli Stati Uniti, anche se le campagne erano state impostate per indirizzare solo le città australiane.

    Abbiamo quindi segmentato il traffico degli Stati Uniti a livello di città e abbiamo notato qualcosa di ancora più strano. La maggior parte del traffico proveniva da Oshkosh, Wisconsin (66.778 abitanti). Il traffico da Oshkosh ha avuto un tempo sul sito inferiore a un secondo, quindi a noi sembrava traffico di bot. Abbiamo quindi esaminato il nostro sistema di segnalazione di Facebook e abbiamo scoperto che tutto il traffico sembrava provenire dall’Australia.

    Abbiamo controllato il nostro targeting per assicurarci che ciò non fosse stato causato da un errore di configurazione, assicurando che le campagne fossero impostate per indirizzare le persone che vivono in questa località.

    Indago poi si è avvicinato a Facebook tramite la loro funzione di chat per chiedere loro di indagare. Di seguito possiamo vedere la conversazione che si è verificata. Per quanto li riguardava, non c’era alcun problema e non erano disposti a esaminarlo per noi.

    Facebook crede che questo traffico provenga da persone che vivono in Australia, ma in realtà stanno solo viaggiando a Oshkosh, nel Wisconsin. Sono sicuro che Oshkosh (alias Sawdust City) sia adorabile, ma a meno che non abbiano un torneo che coinvolga i canguri boxe wombat, dubito che sia una destinazione da non perdere per i turisti australiani.

    Alcune citazioni scelte dalla nostra conversazione con Facebook:

    Facebook: “Hai scelto come target gli utenti a Melbourne, in Australia. Tuttavia, gli utenti potrebbero viaggiare in tutto il mondo o utilizzare una VPN “.

    Indago: “Sono estremamente dubbioso che il 60% degli utenti di Melbourne abbia viaggiato in una piccola città degli Stati Uniti.”

    Facebook: “Ben notato, condividerò il tuo feedback con il nostro team di prodotto. C’è qualcos’altro in cui possiamo aiutarti? “

    Insoddisfatti della risposta di Facebook, abbiamo pensato che fosse una buona idea controllare il resto delle campagne Facebook dei nostri clienti e – indovina un po ‘? – avevano tutti lo stesso problema. Successivamente abbiamo controllato gli account Google Analytics del cliente in cui non stavamo eseguendo le loro campagne Facebook per vedere se aveva qualcosa a che fare con la nostra configurazione o stack tecnologico.

    Ancora una volta, ogni singola campagna Facebook ha avuto una grande quantità di traffico da Oshkosh, indipendentemente dal fatto che stessimo conducendo la campagna o meno.

    Come verificare se hai lo stesso problema

    Per prima cosa accedi a Google Analytics e seleziona Tutto il traffico e Sorgente / Mezzo dalla barra laterale sinistra.

    Quindi fare clic sul pulsante del filtro avanzato. Aggiungi Facebook alla casella di testo Sorgente / Mezzo e fai clic su Applica.

    Infine, aggiungeremo la città come dimensione secondaria. Fa clic sul pulsante della dimensione secondaria e seleziona la città.

    Di seguito possiamo vedere i nostri risultati. Oshkosh, Wisconsin sta guidando una grande quantità di traffico ma ha 0 tempo sul posto.

    Non siamo andati oltre nel risolvere il mistero del traffico Facebook di Oshkosh. Siamo abbastanza sicuri che si tratti di traffico di bot, tuttavia Google Analytics impedisce a tutti i bot noti di apparire nei rapporti. Sta succedendo con le tue campagne? Ho la sensazione che potrebbe essere.

    Per favore, rispondi di seguito se vedi lo stesso traffico e forse insieme possiamo ottenere qualcosa di meglio di una risposta stock da Facebook.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *