Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Il nuovo database di backlink di SEMrush

Il nuovo database di backlink di SEMrush

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.
  • z[This post was updated with Community Responses]

Sebbene lo strumento Backlink Analytics sia una delle funzionalità più vecchie di SEMrush, tuttavia, dobbiamo ammettere che potrebbe essere stato l’anello più debole del nostro toolkit SEO. Sapevamo di dover migliorare il nostro gioco, quindi circa un anno e mezzo fa abbiamo deciso di cambiare lo status quo.

SEMrush, pur essendo un toolkit completo per i professionisti del marketing digitale, ha sempre avuto un debole per la SEO. Aiutare le persone a indirizzare il traffico organico dai motori di ricerca ai loro contenuti è stato uno dei nostri obiettivi più importanti sin dal suo inizio.

Questo obiettivo ci ha portato a diventare una SEO Suite di fama mondiale, permettendoci di vincere numerosi premi del settore nel corso degli anni.

La SEO è complicata, poiché coinvolge parti mobili complesse e intrecciate. Per ottenere le classifiche migliori, devi definire ogni singolo passaggio in loco e fuori sede. Durante l’intero processo, ci sforziamo di fornire ai nostri utenti le migliori soluzioni.

Per rimanere lodevoli, lavoriamo continuamente per migliorare il nostro toolkit. Oggi siamo orgogliosi di condividere con voi la nostra ultima scoperta:

Un database di backlink completamente rinnovato

Avevamo bisogno di un notevole miglioramento nella qualità dei nostri dati di backlink. Non c’è stata soluzione alternativa, ma una revisione completa del nostro processo di raccolta dei dati. Per concentrarci sul nostro obiettivo finale, abbiamo sospeso lo sviluppo di tutte le altre funzionalità di backlink e abbiamo creato un enorme elenco di cose che migliorerebbero la consegna dei dati di backlink ai clienti.

Il percorso era chiaro e tutto quello che dovevamo fare era lavorare per cancellare gli elementi della nostra lista.

Elaborare la revisione

Non ti annoieremo con i dettagli tecnici della revisione del nostro database di backlink, ma ecco una rapida carrellata di ciò che è stato fatto:

Crawler. Dopo aver esaminato attentamente gli svantaggi e i confini dell’architettura esistente, abbiamo deciso di riscrivere il nostro crawler da zero. E così abbiamo fatto, abbiamo progettato un approccio completamente nuovo alla nostra raccolta di dati.

Coda di scansione. I primi test del nostro nuovo crawler hanno rivelato che la sua coda di richieste non stava gestendo correttamente la quantità di dati che stava raccogliendo. Abbiamo provato a risolverlo semplicemente aumentando le capacità hardware, ma non era abbastanza buono, quindi abbiamo sviluppato una coda di scansione più efficiente.

Semina. Per fornire al nostro crawler un seeding iniziale di qualità, abbiamo messo in coda tutti gli URL dalla Top 100 di Google per 450 milioni di parole chiave dal nostro strumento di ricerca organica; questo ha assicurato che il nostro database fosse pertinente da zero.

Conservazione. Una maggiore raccolta di dati richiede ovviamente più spazio di archiviazione: abbiamo dovuto quadruplicare le dimensioni del nostro server.

Misurare la nostra crescita

Per scoprire esattamente dove siamo come provider di backlink, abbiamo deciso di misurarci con i migliori: Majestic, Ahrefs e Moz.

Spiegheremo la metodologia in un secondo. Innanzitutto, valutiamo i nostri progressi nello sviluppo negli ultimi sei mesi. Guardando la relazione tra i quattro principali strumenti SEO, puoi vedere che abbiamo fatto un enorme passo avanti.

Il rapporto tra il database di backlink di SEMrush e la concorrenza

Come abbiamo condotto il confronto

Non è stato facile trovare una metodologia chiara ed equa.

Puoi sempre trovare i domini che mostreranno il tuo strumento di backlink in una buona luce, ecco perché abbiamo deciso di utilizzare un set casuale di 100 domini (su 100.000) per ogni mese per mostrarci come si sono comportati i concorrenti negli ultimi sei mesi .

Stavamo esaminando il numero di domini di riferimento e il numero totale di backlink ogni concorrente aveva per i 100 domini.

Successivamente, per ogni dominio nel campione di test, abbiamo confrontato il rapporto dei risultati di SEMrush con i risultati dei nostri concorrenti. Quindi, se il rapporto è inferiore a 1, il database SEMrush ha meno informazioni per il dominio di prova. Un rapporto maggiore di 1 mostra di quante volte è stato superato il risultato SEMrush.

Per ottenere il punteggio finale, abbiamo calcolato la mediana di tutti i risultati.

[UPD] Risposte della comunità

Come previsto, abbiamo ricevuto molti feedback su questo post e vorremmo ringraziarvi tutti per le vostre risposte!

Per la maggior parte, la comunità è stata di grande sostegno e una delle prime persone a darci i complimenti è stata Alyeda Solis.

Questo è stato seguito da una raffica di messaggi positivi, con Gregg Lee che ha messo la ciliegina sulla torta – Brian Dean ha controllato e ha approvato la crescita del nostro database.

Naturalmente, abbiamo anche ricevuto una buona parte di critiche. Russ Jones ha affermato di dimostrare che ci sbagliavamo con le sue stesse ricerche.

Dopo un po ‘di avanti e indietro, lui rivisto la sua conclusione. Ma dobbiamo ancora essere in disaccordo con esso.

Per citare Russ: “Il confronto accurato degli indici di collegamento non è un’impresa facile.”

È completamente vero. Innanzitutto, ottenere un campione veramente casuale di domini è una parte importante e molto complessa di un confronto dell’indice di backlink di qualità. Apprezziamo molto il metodologia che Russ ha presentato nel suo articolo, è un pezzo piuttosto utile. Tuttavia non possiamo essere d’accordo con il modo in cui valuta e confronta gli indici stessi.

Il metodo che usa mostra solo il file probabilità di un indice con più dati dell’altro. Non si rivela quanto più dati ci sono, il che significa che il metodo non può essere utilizzato per il confronto reale (se il tuo obiettivo è scoprire quale indice ha più dati).

I seguenti sono esempi che illustrano il motivo.

Esempio 1:

Supponiamo di avere indici di backlink per Concorrente 1 (C1) e Concorrente 2 (C2).

Il confronto per un campione di 12 domini mostra che C2 vince ogni volta:

Secondo l’approccio di Russ, C2 è il campione assoluto. Ma in realtà, la differenza tra gli indici è dello 0,1%, il che significa che gli indici C2 e C1 sono sostanzialmente uguali.

Esempio 2:

Questa volta, diciamo, il confronto mostra che su un campione di 12 domini, C2 ha 9 vittorie e C1 ha 3 vittorie:

Ancora una volta, secondo l’approccio di Russ, C2 qui è 3 volte più grande di C1. Ma guardando le dimensioni effettive degli indici, puoi vedere che per il 75% dei domini campione gli indici sono quasi uguali (differenza dello 0,1%) e per il 25%, C1 ha una vittoria completa (C2 non ha dati). Nel complesso, C1 in questo esempio ha un indice di backlink migliore.

Questi esempi sono estremi, ma illustrano i difetti dell’approccio. Senza sapere quanti dati ci sono effettivamente, non puoi affermare che un indice di backlink sia più utile per il SEO di un altro.

Il nostro metodo di confronto lo riconosce, poiché stavamo calcolando la mediana utilizzando il numero effettivo di domini di riferimento e backlink.

Russ ha gentilmente condiviso il campione utilizzato nella sua ricerca in modo che potessimo verificarlo da soli. I risultati si sono rivelati molto simili a quelli presentati nella nostra ricerca.

In termini di numero di backlink, questo grafico mostra un’immagine drasticamente diversa da quella che Russ ha presentato nella sua ricerca.

Abbiamo anche preso il primo dominio (amotherthing.com) dal campione di Russ e lo ha eseguito attraverso le interfacce di SEMrush e Moz.

I numeri si sono rivelati diversi da quelli presentati da Russ.

La ricerca di Russ: SEMrush: 28469 a ritroso Moz: 404078 a ritroso

Interfacce degli strumenti:SEMrush: 37,7k a ritroso Moz: 26,8k a ritroso

Ad ogni modo, volevamo ringraziare Russ per il suo tempo e le sue idee, poiché crediamo che una sana concorrenza sia un buon incentivo per noi e per l’industria nel suo complesso.

Conclusione

Abbiamo fatto un enorme balzo in avanti con il nostro database di backlink, ed è fantastico guardare i numeri e darci una pacca sulla spalla, ma, ovviamente, non si tratta solo di numeri.

Maggiori informazioni su questo 9 modi per ottenere il meglio dal link building SEO con SEMrush Post Maria Raybould

La quantità di dati non si converte necessariamente in qualità e stiamo compiendo un grande sforzo per garantire che il nostro database rimanga aggiornato e utile.

Ora che abbiamo un nuovo processo di raccolta dei dati, lo svilupperemo progettando nuove funzionalità e capacità che renderanno i nostri strumenti ancora più forti. Restate sintonizzati per notizie più entusiasmanti!

Vai avanti e prova tu stesso la nostra analisi dei backlink e come al solito accogliamo con favore il tuo feedback!

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social media.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *