Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Link Building, Then & Now: 11 tecniche interrotte da Google

Link Building, Then & Now: 11 tecniche interrotte da Google

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Negli ultimi mesi, Google ha fatto del suo meglio per impedire ai webmaster di manipolare i propri risultati attraverso la creazione di link. Per anni, marketer, webmaster e quasi tutti coloro che hanno un sito Web che volevano posizionarsi in alto in Google hanno utilizzato una serie di tecniche e mode per arrivare in cima alle SERP.

Come misura di qualità, Google ha rilasciato un aggiornamento al proprio algoritmo noto come “Penguin” nell’aprile 2012. Penguin ha puntato il becco sugli spammer che tentavano di ingannare i risultati della ricerca e ha arruffato un sacco di penne distribuendo sanzioni.

Penguin ha cambiato la cronologia delle ricerche e continua a ripulire i risultati della ricerca: i siti vengono ancora penalizzati per l’utilizzo o il proseguimento con tattiche innaturali. Tuttavia, ora vediamo i professionisti del marketing che lavorano più duramente e in modo ancora più etico per ottenere collegamenti al loro sito web.

Ieri, la maggior parte dei professionisti del marketing creava collegamenti esclusivamente allo scopo di posizionarsi su Google, mentre oggi i collegamenti sono creati per aumentare l’esposizione del marchio, indirizzare il traffico e aumentare la presenza sui social, nonché per posizionarsi su Google.

Mentre le maree si spostano verso tattiche di link building più etiche, ecco 11 tecniche illecite che non molto tempo fa i professionisti del marketing impiegavano per classificare il loro sito web su Google e che ora dovrebbero essere evitate secondo Linee guida di Google.

1) Acquisto o vendita di link che superano il PageRank

Sono fiducioso che nel prossimo futuro Google interromperà il suo sistema PageRank. La sua unica vera influenza sulla costruzione di link è che i webmaster aumentino il prezzo dei link in base a un impressionante PageRank di Google.

Apprezzati in particolare dai siti web di gioco d’azzardo, i webmaster hanno giudicato i siti esterni sulla loro homepage PageRank prima di chiedere il prezzo di un collegamento. Molti siti web sfruttano questa opportunità per vendere collegamenti, poiché vedono come l’autorità del loro sito aiuterà qualsiasi cliente pagante a posizionarsi più in alto in Google.

La risposta di Google nel corso degli anni è stata quella di rimuovere il PageRank dei siti che crede stiano vendendo link e sostituendolo con una barra grigia, e persino eliminando o abbassando questi siti web nelle classifiche.

Nel 2013, l’acquisto di link per PageRank è un gioco rischioso, ma gli operatori di marketing sono ancora disposti a rischiare quando non sono stati in grado di generare abbastanza entusiasmo per la loro ultima impresa.

2) Scambi di link eccessivi (“Link a me e ti collegherò a te”) o pagine di partner esclusivamente a scopo di collegamento incrociato

“Collegamenti reciproci” era un termine che era prevalente nel marketing online, ma oggi non è molto discusso. I webmaster creerebbero pagine “link” esclusivamente per lo scambio di link con siti web simili per aumentare il loro PageRank e il posizionamento. Alcuni webmaster avrebbero persino scambiato con siti Web non correlati, il che avrebbe sicuramente attirato l’attenzione dell’onnisciente Google.

Si noti che Google ha affermato che “scambi di link eccessivi”. Credo che sia ancora OK scambiare link con siti Web pertinenti in cui entrambi i siti trarrebbero vantaggio, senza provare unicamente a manipolare i risultati di Google.

3) Campagne di marketing di articoli o di guest post su larga scala con link di testo di ancoraggio ricchi di parole chiave

Il guest blogging e il marketing degli articoli sono aumentati a dismisura nel 2012, quando tutto il resto stava diventando famoso, i marketer ricorrevano al guest posting.

Non c’è niente di sbagliato nel continuare questo metodo, a patto di non farlo su larga scala. Ad esempio, pubblicare un solo post su numerosi siti diversi con un “link di testo di ancoraggio ricco di parole chiave” in ciascuno.

I profili Google+ ti consentono di impostare la paternità in modo da poter far sapere a Google a quali siti stai contribuendo regolarmente. Questo tipo di rich snippet è anche un marchio di autorità, quindi vale la pena se vuoi distinguerti dagli spammer.

4) Utilizzo di programmi o servizi automatizzati per creare collegamenti al tuo sito

Questo è qualcosa in cui non ho molta esperienza perché è qualcosa con cui sono completamente in disaccordo. Google si riferisce a strumenti di invio automatico di directory, forum e spam di commenti ancora sul mercato, come “10.000 pacchetti di backlink istantanei” eccetera.

Il link sopra è a un test che ho eseguito su uno di quei programmi automatizzati che hanno avuto un effetto negativo sul mio sito Web. Trovo difficile credere che questi servizi abbiano mai funzionato davvero: migliaia di backlink di bassa qualità in un breve periodo di tempo sono stati qualcosa che non ho mai considerato (a parte testarlo per un caso di studio come sopra). Continuare a farlo nel 2013 è il suicidio del sito web.

5) Annunci di testo che superano il PageRank

Si tratta di acquistare un collegamento di testo su un sito Web esterno con un “buon” PageRank per classificare il tuo sito Web nelle SERP di Google. Questi si trovano generalmente nei menu dei siti Web in tutto il sito o talvolta solo sulla home page. Un tempo era anche popolare acquistare collegamenti nei piè di pagina dei siti Web, ma questo è stato rapidamente estromesso da Google.

6) Advertorial o pubblicità nativa in cui si riceve il pagamento per articoli che includono collegamenti che superano il PageRank

Ciò implica che stai acquistando spazio sul sito Web esclusivamente per promuovere il tuo prodotto. Gli inserzionisti sono costituiti da immagini e testi e cercano di apparire come notizie o articoli legittimi. Oltre ad acquistare un articolo per promuovere il loro prodotto, un inserzionista ha offerto a un operatore di marketing un modo sottile per inserire collegamenti di testo di ancoraggio ricchi di parole chiave.

Questo era un metodo popolare in quanto era vantaggioso per entrambe le parti: una riceve denaro mentre l’altra riceve un link di testo di ancoraggio a sua scelta su un sito web popolare. Ma non è sempre abbastanza sottile, poiché Google fa del suo meglio per porvi fine.

7) Collegamenti con anchor text ottimizzato in articoli o comunicati stampa distribuiti su altri siti.

Questa è la pratica di scrivere e pubblicare comunicati stampa esclusivamente per link di testo di ancoraggio ai tuoi siti Web. La popolarità dei siti Web di PR per molti operatori di marketing era il loro elevato PageRank.

Non è economico pubblicare un comunicato stampa; stiamo parlando di somme a tre cifre su tutti i siti Web di comunicati stampa affidabili, ma il traffico da essi è minimo, quindi a meno che tu non stia inviando un comunicato che sarebbe stato raccolto dai principali attori dei media, questo è stato un enorme spreco di denaro quando Google ha posto fine a qualsiasi link juice significativo trasmesso.

Le persone pubblicano contenuti non degni di nota sui siti di comunicati stampa nel 2013? check-out alcuni dei siti per te e vedrai che lo fanno!

8) Directory di bassa qualità o collegamenti a siti preferiti

Abbiamo accennato alle directory in precedenza in questo post. Simile all’utilizzo di strumenti automatizzati che inviano il tuo sito a directory di bassa qualità, inviarli tu stesso è altrettanto negativo (e richiede più tempo).

Ad ogni passaggio, trovo che valga la pena inviare sempre meno directory. In effetti, a nove mesi dall’inizio del nuovo anno, ho presentato solo una mezza dozzina di elenchi per i miei clienti e siti Web personali.

Le directory locali che elencano commercianti e aziende locali possono ancora avere valore nella costruzione di collegamenti. C’è il potenziale per indirizzare traffico pertinente al tuo sito web se la directory è popolare tra la gente del posto. Ma quanto di buono passano directory come DMOZ, ecc. In questi giorni? L’ultima volta ho avuto un sito accettato in DMOZ, 30+ altri di bassa qualità directory hanno aggiunto il mio sito al loro e ho dovuto passare il tempo ad aggiungerli a un file da rinnegare temendo il peggio.

9) Collegamenti incorporati in widget distribuiti su vari siti

Quando i widget hanno iniziato a fare il giro per la prima volta, sembravano piuttosto utili. I siti avevano uno strumento originale che mostrava notizie da altre risorse di notizie ben note, un piccolo gioco divertente o uno strumento di confronto per i prezzi delle vacanze, ecc. metodo di costruzione, è stato gonfiato a dismisura.I commercianti hanno iniziato a costruirli più per scopi di link building che per traffico. Il risultato è stato che abbiamo visto widget noiosi sui siti Web con un collegamento codificato al loro interno. Il traffico e i lead che questi avrebbero fornito sembravano giocare il secondo violino rispetto al collegamento in un certo numero di questi widget. Google ha ora reso noto che non devi inserire link di testo di ancoraggio ricchi di parole chiave. Forse è in arrivo il ritorno di widget utili e interessanti.

10) Collegamenti ampiamente distribuiti nei piè di pagina di vari siti

Quando i collegamenti ai menu di tutto il sito ei collegamenti agli articoli non erano sufficienti, prima che i collegamenti negli articoli venissero in primo piano, ottenere un collegamento nel piè di pagina di un sito Web era un grosso problema. Questo non era lo stesso dei link black hat nascosti nel codice HTML, o dei link nella parte inferiore della pagina nascosti all’utente con lo stesso carattere di colore dello sfondo.

I piè di pagina sono stati un’opportunità per ottenere un collegamento su un sito Web per scopi di creazione di collegamenti. Erano tra le parti meno popolari delle home page dei siti Web. I webmaster erano più inclini ad aggiungere collegamenti a siti Web qui sapendo che non sarebbero stati visti da gran parte del loro pubblico e il vantaggio per l’operatore di marketing che costruiva il collegamento era ottenere un collegamento alla home page .

11) Commenti del forum con collegamenti ottimizzati nel post o nella firma

Google può includere anche commenti in questa sezione, se lo desidera. Era comune per gli operatori di marketing iscriversi ai forum esclusivamente per inviarli spam con un link di testo di ancoraggio ricco di parole chiave al loro sito web.

Sicuramente deve essere stato un fastidio gestire un forum ad alto PageRank in passato, dover cancellare questi utenti ei loro post. Ricordati, probabilmente è peggio oggi perché ci sono strumenti là fuori che invieranno spam ai forum in massa, più o meno lo stesso modo in cui Akismet blocca migliaia di commenti spam ogni settimana sui miei siti web.

I link dai forum non hanno mai trasmesso una grande quantità di link juice e sono sicuro che Google ha scelto rapidamente questo metodo per svalutare i link da tali luoghi. Le linee guida di Google terminano dicendo che questi metodi di collegamento sono accettabili se si aggiunge l’attributo rel = “nofollow” ai collegamenti. Ciò elimina il succo di collegamento, ma se questi collegamenti guidano il traffico pertinente, non c’è nulla di male nel farlo.

Google suggerisce anche in queste linee guida che il modo migliore per ottenere link al tuo sito web è “creare contenuti unici e pertinenti che possono naturalmente guadagnare popolarità nella comunità di Internet. La creazione di buoni contenuti ripaga: i link sono generalmente voti editoriali dati per scelta e più contenuti utili hai, maggiori sono le possibilità che qualcun altro trovi quel contenuto prezioso per i propri lettori e vi linki. “

Biografia dell’autore:

Barrie Smith è un consulente SEO per Receptional Ltd.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *