Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » L’ultimo piano di Facebook per le notizie false

L’ultimo piano di Facebook per le notizie false

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Si prega di notare che questo post è pubblicato nella categoria “Opinione” e riflette le opinioni personali dell’autore. Se non sei d’accordo o hai un’opinione che vorresti offrire, sentiti libero di discutere nei commenti!

Questo articolo è nella nostra categoria “Opinione”. Ti consigliamo di condividere i tuoi pensieri con l’autore.

Notizie false … il termine stesso è sufficiente per suscitare forti emozioni da chi sta leggendo un articolo. C’è così tanta sfiducia e disinformazione su Internet in questi giorni che le persone non possono fare testa o croce sugli eventi attuali. Oggi daremo uno sguardo più da vicino a Facebook e al suo piano per reprimere i debacoli delle fake news, ma prima devo offrire un disclaimer: questa analisi non prende una posizione politica.

Piuttosto, voglio guardare l’aggiornamento delle notizie false dal punto di vista di una piccola e media impresa e adottare la prospettiva di un marketer digitale. Perché? Perché è importante per la tua strategia di social media marketing. Inoltre, non si può negare che le persone oggi siano più scettiche riguardo alle informazioni che mai. In qualità di professionisti del marketing digitale, dobbiamo lavorare molto di più per guadagnare la fiducia del nostro pubblico ed è infinitamente più facile perdere la loro fiducia che guadagnarla.

E, devo ammetterlo, non tutte le notizie sono necessariamente politiche. Ci sono molte notizie specifiche del settore e relative al business. È abbastanza comune per le aziende esprimere le proprie opinioni o informare il proprio pubblico sugli ultimi sviluppi del settore. Se hai mai pubblicato un articolo di tipo news sul tuo blog, devi essere a conoscenza delle ultime modifiche di Facebook.

Perché Facebook ha lanciato il nuovo aggiornamento?

Se non lo sapevi già, Facebook è stato oggetto di pesanti critiche da una varietà di fonti, tra cui il pubblico in generale, il governo, teste parlanti e molte altre organizzazioni. Molti hanno criticato Facebook in quanto fornisce solo una “camera d’eco” e, a causa di controversie politiche, ha preso molto calore a causa della recente disinformazione che potrebbe influenzare la comprensione delle persone sugli eventi attuali.

In effetti, ci sono state organizzazioni al di fuori degli Stati Uniti che iniettano intenzionalmente notizie false nei feed Facebook dei cittadini statunitensi per infangare le acque. Ci sono stati anche casi di cittadini statunitensi che pubblicano intenzionalmente notizie false come mezzo per i propri fini, che si tratti di un obiettivo motivato politicamente o di un modo per incitare la paura a convincere le persone ad acquistare prodotti. E infine, ci sono i buoni vecchi troll e burloni di Internet che pensano che sia divertente fuorviare le persone.

Anche se alcuni di loro sono così ridicoli che non puoi fare a meno di ridere (come il file La bufala del pollo mutante KFC), la disinformazione può essere dannosa per la società. Ma per quanto riguarda Facebook, può anche essere dannoso per il successo delle piattaforme di social media. Il nuovo aggiornamento mira a ridurre la disinformazione e gli imbrogli. Facebook pubblicato che sta facendo tre cose principali per contrastare la disinformazione, come segue:

  • Inibire gli incentivi finanziari che motivano i creatori di notizie false.
  • Crea una nuova tecnologia che aiuti a mitigare la prevalenza di notizie false.
  • Aiuta le persone a prendere decisioni più informate.

Sembra tutto molto bello, ma sono curioso di vedere quanto sarà efficace l’ultimo aggiornamento. Inoltre, sono curioso di vedere quali altri strumenti Facebook implementerà in futuro. Dubito che questo sarà l’ultimo aggiornamento che Facebook scatena per fermare bufale, troll, artisti della truffa e ciarlatani. Esistono fin dagli albori di Internet e probabilmente persisteranno per gli anni a venire.

Ci sono state alcune interessanti speculazioni sul fatto che speciali sistemi di intelligenza artificiale saranno in grado di tracciare e identificare troll e account progettati specificamente per fuorviare le persone. Ma la maggior parte delle persone ha dubbi paurosi sull’IA generale. Tuttavia, questo sembra essere un passo emozionante nella giusta direzione.

Condivisione di contenuti

Dato il recente giro di vite di Facebook contro le false informazioni, i web marketer devono essere molto attenti ai contenuti con cui interagiscono sui loro account di social media. Alcune piccole imprese lassiste possono, di tanto in tanto, condividere un altro pezzo di contenuto che ha popolato il loro feed di notizie. Ciò non è poi così raro perché consente a un operatore di marketing di informare il proprio pubblico delle ultime notizie del settore senza dover redigere istantaneamente contenuti in risposta agli eventi attuali.

Tuttavia, devi stare più attento ora che mai. Sappiamo che Facebook sta reprimendo le fake news nell’immediato futuro, ma potrebbero crollare ancora di più sugli imbonitori in futuro. Non solo la condivisione di un contenuto di notizie false erode la credibilità e la fiducia del pubblico, ma perpetua anche false affermazioni. Oh, e non farà neanche un favore alla tua campagna di marketing.

Se vieni segnalato troppe volte, potresti perdere la possibilità di acquistare annunci di Facebook. Facebook non sta solo cercando di scoraggiare coloro che pubblicano false informazioni; sta anche cercando di impedire che informazioni false si diffondano a macchia d’olio.

Pubblicazione di contenuti

In questo momento, non sembra che Facebook sia troppo pesante quando si tratta di giudicare se un sito web condivide o meno le fake news. A meno che tu non sia un diabolico produttore di contenuti con intenzioni dannose, penso che sia dubbio che finirai per essere segnalato da Facebook. Ma poiché non sappiamo esattamente come funziona tutto il codice proprietario di Facebook, è meglio sbagliare sul lato della cautela.

È più importante che mai, indipendentemente dall’aggiornamento, controllare i fatti, citare e creare collegamenti alle proprie fonti e pubblicare contenuti accurati. Inoltre, se qualcuno mette veramente in dubbio la validità dei tuoi contenuti, consiglierei di rispondere con link alle tue fonti. Se invece ti sembra di avere a che fare con un troll, dovrai solo usare il buon senso.

Pensieri finali

Prima di fare clic sul pulsante “condividi” su Facebook, assicurati di esaminare attentamente le informazioni che condividi. Se di tanto in tanto vieni indotto a condividere false notizie, non sembra che ne deriveranno conseguenze negative. Tuttavia, se vieni ripetutamente ingannato o condividi informazioni errate senza fare i compiti, il tuo account potrebbe essere bandito dalla pubblicità di Facebook.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social media.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *