Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Social Media » Usare Outreach per la tua strategia sui social media

Usare Outreach per la tua strategia sui social media

    Lo sviluppo di una strategia per i social media non è esattamente un compito per i deboli di cuore. Occorrono ricerca, tempo e impegno per creare un approccio efficace. E con il numero di variabili che devi affrontare nel processo, una campagna di successo non si traduce automaticamente in un successo futuro.

    Uno dei maggiori problemi in cui mi imbatto è la differenza tra una strategia sui social media e una strategia di sensibilizzazione sui social media, quindi ho deciso di chiarire la confusione. La divulgazione dovrebbe essere presa in considerazione nella tua strategia sociale complessiva – come in, devi farlo – ma deve avere una strategia separata dietro di essa – come lo farai, quando lo farai e cosa farai stai usando.

    Quindi, diamo un’occhiata più da vicino alla costruzione di una strategia di sensibilizzazione che puoi adattare a una strategia di social media esistente.

    Cos’è il Social Media Outreach?

    In poche parole, utilizzi piattaforme social come Twitter, Facebook, Snapchat, Pinterest e Instagram per aumentare la consapevolezza del marchio e costruire relazioni.

    L’obiettivo è promuovere relazioni genuine e reciprocamente vantaggiose con persone che diffonderanno la consapevolezza del tuo marchio (influencer) o avranno il potenziale per diventare un cliente pagante in futuro. Non è una possibilità per inviare spam agli utenti con i tuoi contenuti. Non è altro che una relazione transazionale, che è l’opposto di ciò che stai cercando.

    Non è quello che sto facendo comunque con la mia strategia sociale?

    Non esattamente. La tua strategia sui social media probabilmente ha un certo grado di sensibilizzazione, perché conosci il tipo di contenuto che pubblicherai su ciascuno dei tuoi canali social. Sai su quali reti vuoi concentrarti e sui tuoi obiettivi finali: attira più follower, aumenta il coinvolgimento.

    Ma, al suo interno, una strategia sociale si concentra su come utilizzerai i tuoi contenuti e su quali forme di contenuto dovrai creare per farlo, senza coinvolgere influencer esterni per aiutarti a portare a termine il lavoro.

    A meno che tu non abbia già preso in considerazione gli influencer nella tua strategia, ciò che hai documentato è probabilmente solo una strategia di contenuto dei social media.

    Che aspetto ha la strategia per i contenuti

    UN strategia di contenuto dei social media comprende:

    Traguardi e obbiettivi: Prima di lavorare su qualsiasi tipo di strategia sui social media, devi prima iniziare con i tuoi obiettivi e obiettivi. Solo quando avrai queste cose chiaramente definite sarai in grado di sviluppare un piano d’azione di cui hai bisogno per arrivarci.

    I tuoi obiettivi sui social media devono essere descrizioni ampie di intenzioni generali in linea con la missione e i valori della tua azienda.

    Gli obiettivi comuni della strategia sui contenuti dei social media includono:

    • Valorizzare il marchio aziendale
    • Migliora la business intelligence

    I tuoi obiettivi sui social media, d’altra parte, dovrebbero essere progettati per supportare ciascuno degli obiettivi in ​​un modo specifico. Per ottenere i migliori risultati, assicurati che gli obiettivi seguano l’approccio SMART.

    • S: Specifico: Dì in modo specifico quello che vuoi fare: trova l’area specifica che desideri migliorare.
    • M: misurabile: Includi alcuni indicatori di progresso: nei social, spesso è il numero di follower o il livello di coinvolgimento. Indica come lo misurerai, o almeno alcune opzioni per misurarlo.
    • A: raggiungibile: Sii ragionevole riguardo alla possibilità di farlo e determina chi ne sarà responsabile. (In alcuni modelli, la A sta per “assegnabile”.) Ad esempio, l’idea di ottenere un milione di follower in un giorno? Totalmente non raggiungibile – non importa chi sei o quanti soldi spendi … a meno che tu non sia Caitlyn Jenner, che ha raggiunto 1 milione di follower in quattro ore e tre minuti il ​​1 ° giugno 2015. È l’attuale detentore del record mondiale per tempo più veloce per raggiungere un milione di follower.
    • R: Rilevante: L’obiettivo è veramente rilevante per il tuo obiettivo? (In alcuni modelli, questo significa realistico – vedi i commenti sopra sulla raggiungibilità.)
    • T: Orientato al tempo: Ottieni informazioni specifiche su quando è possibile ottenere il risultato.

    L’utilizzo dell’approccio SMART renderà più facile sviluppare la strategia e trovare le tattiche per supportare l’esecuzione appropriata della strategia in modo da poter raggiungere i tuoi obiettivi e raggiungere i tuoi obiettivi.

    Strategia comune per i contenuti sui social media Gli obiettivi SMART per il primo obiettivo includono:

    • Costruisci la consapevolezza del marchio aumentando l’esposizione a nuove persone (ad es. Numero X di nuovi fan / follower)
    • Aumentare il numero di menzioni positive del marchio diminuendo anche il numero di menzioni negative del marchio (ovvero diminuire le menzioni negative del X% e aumentare le menzioni positive del X%).
    • Aumentare la portata del contenuto della leadership di pensiero: questo obiettivo potrebbe essere raggiunto, almeno in parte, con l’uso dell’outreach. (ovvero produrre X nuovi pezzi di contenuti di alta qualità)

    L’unica cosa che manca a questi obiettivi è l’elemento tempo: in quanto tempo puoi ragionevolmente raggiungerlo? Con questo in mente, aggiungi X data / ora a ciascun obiettivo. Alcune cose richiederanno più tempo di altre, quindi cerca di renderlo ragionevole: non affrettarti a scapito della qualità, ma non prenderlo così lentamente da non essere motivato a farlo.

    Comprensione del tuo pubblico: Se vuoi che i tuoi contenuti colpiscano il tuo pubblico, devi capire chi sono. Oltre a conoscere le informazioni di base come età, sesso e posizione, approfondisci i luoghi in cui è più probabile che si trovino online, come il tuo prodotto o servizio risolve un problema / si inserisce nella loro vita e che tipo di acquirente sono. Stabilisci chi è il pubblico e cosa vuole. Se non conosci le risposte a queste domande, non puoi creare da te i contenuti di qualità dei social media di cui hanno bisogno per ottenere i risultati desiderati.

    Conoscenza della ricerca per parole chiave sociali: La ricerca per parole chiave è utile per guidare i tuoi contenuti, ma la ricerca per parole chiave social offre uno sguardo più specifico su ciò che il tuo pubblico sta cercando. Puoi utilizzare le piattaforme social stesse per questo tipo di ricerca – vedere cosa tende e coinvolge i follower – ti aiuterà a vedere come catturare gli occhi del tuo pubblico o creare più follower organicamente. Se preferisci non passare attraverso la seccatura manuale di cercare in ciascuna rete ciascuno degli argomenti / frasi che ritieni siano un buon punto di partenza, puoi usare qualcosa come Hootsuite, Cyfe, o Serpstat per aiutarti.

    Le piattaforme social che intendi utilizzare: Quali piattaforme dovresti usare, in base a dove si trova il tuo pubblico e quali sono i tuoi obiettivi? Facebook è ovvio, poiché la maggior parte delle aziende sono presenti, ma ci sono reti come Snapchat che non hanno davvero senso per le aziende che non si rivolgono a un pubblico Millennial.

    Calendario dei contenuti: Cosa pubblicherai sui social media e quando lo pubblicherai? Chi è responsabile della creazione del contenuto? Quali tipi di contenuti verranno pubblicati? Cose a cui pensare:

    • Vacanze: Andando oltre le festività ovvie come Capodanno, San Valentino, San Patrizio … trova e utilizza festività stravaganti e oscure, temi mensili e altro ancora. Ad esempio, lo sapevi che il 19 settembre è Parla come un pirata? Collegali al tuo marchio quando hanno senso.
    • Eventi aziendali e di intrattenimento: Ci sono eventi nella tua azienda che ospita o di cui farà parte? Vale la pena parlarne alla gente!
    • Piani aziendali ed eventi: Che cosa fa la tua azienda? Quali sono i progetti per il futuro? Quanto lontano sei arrivato nell’ultimo anno? Da quando sei stata fondata?

    Che aspetto ha una strategia di sensibilizzazione

    Una strategia di sensibilizzazione sui social media include:

    Traguardi e obbiettivi: I tuoi obiettivi e obiettivi qui potrebbero essere in linea con quelli della tua strategia per i contenuti o potrebbero essere leggermente diversi. Indipendentemente da ciò, prenditi del tempo per pensarci separatamente dalle strategie e dagli obiettivi dei social media. Continua a seguire l’approccio SMART come descritto sopra, in modo da poter vedere quanto sei stato in grado di raggiungere i tuoi obiettivi e raggiungere i tuoi obiettivi.

    Elenco degli influencer: L’elenco delle persone a cui desideri connetterti e con cui potresti lavorare potrebbe essere breve o potrebbe essere lungo pagine, a seconda di una varietà di fattori. Quando scegli i tuoi influencer, considera la loro nicchia, la dimensione del loro pubblico, la frequenza con cui interagiscono sui social e ciò che hai da offrire che è reciprocamente vantaggioso.

    Come puoi trovare gli influencer che saranno più efficaci per te?

    • BuzzSumo: Scopri il tipo di contenuto che è stato popolare nella tua nicchia, sul sito Web di un concorrente o trova le persone che stanno producendo il contenuto popolare. Uccidi due piccioni con una fava: trova il contenuto che più probabilmente risuona con il tuo pubblico, quindi trova le persone di cui hai bisogno per amplificarlo.
    • Klout: Quando qualcuno si unisce a Klout e collega i propri account social, ottiene un’analisi con un punteggio Klout, che tiene conto del numero di follower, attività e coinvolgimento. Se ottieni un account Klout for Business, sarai in grado di ricercare influencer, segmentarli, creare e gestire elenchi e interagire con loro attraverso il programma Klout Perks. Inoltre, puoi utilizzare gli annunci nativi per amplificare il tuo messaggio.
    • Uccellino: Questo può aiutarti a suddividere gli elenchi di influencer per argomento. Mentre crei il tuo elenco di influencer su Twitter, puoi ottenere dati su quali influencer hanno maggiori probabilità di avere un impatto.
    • Citare: Uno strumento di monitoraggio del marchio che ti consente di vedere cosa dicono le persone della tua azienda (o della concorrenza) in tempo reale, c’è anche una funzione di punteggio degli influencer che ti consente di vedere chi sono gli influencer chiave in qualsiasi settore, così puoi assicurarti per entrare in contatto con persone che sosterranno davvero il tuo marchio … o vedere quali clienti stanno già sostenendo per te.

    Piani di rete: Prima di poter chiedere a chiunque, soprattutto a un influencer, di fare qualcosa per te come parte di una campagna di sensibilizzazione, è meglio avere una relazione con loro. Dovresti sempre concentrarti sulla costruzione di relazioni, ma dobbiamo iniziare tutti da qualche parte. Quindi, ha senso avere un piano per raggiungere le persone a cui sei maggiormente interessato – ed è qui che entra in gioco il tuo piano di networking. Come e dove puoi trovare le persone con cui vuoi costruire relazioni?

    Gruppi di social media: Indipendentemente dalla tua nicchia, è probabile che tu possa trovare un gruppo attivo su Facebook o LinkedIn in cui le persone con cui desideri connetterti sono già connesse Quando ti unisci al gruppo, non iniziare semplicemente a promuoverti. Presentati e cosa fai secondo le regole del gruppo, quindi interagisci attivamente con gli utenti presenti. Poni e rispondi a domande, condividi informazioni utili … conosci le persone presenti prima di iniziare a chiedere favori.

    Eventi e conferenze dal vivo: Lo chiami, c’è una conferenza per questo. se vuoi entrare in contatto con genitori e blogger che sono anche rock star dei social media, prova a partecipare a una conferenza come Genitore di tipo A. Se vuoi entrare in contatto con gli affiliati di marketing per farli parlare del tuo prodotto, o semplicemente per creare più connessioni nel mondo del marketing, prova Summit di affiliazione. Se hai un budget decente con cui lavorare, prova a sponsorizzare un evento, piuttosto che partecipare. Oppure, se vuoi davvero approfondire e generare buzz, ospita il tuo evento – che si tratti di un seminario di un giorno o di una conferenza di tre giorni.

    Piattaforme che intendi scegliere come target: Simile all’elenco delle piattaforme che intendi utilizzare, questo è un elenco dei social network su cui prevedi di concentrarti durante la divulgazione. Dal momento che non puoi essere ovunque, ed è meglio indirizzarne alcuni con alta qualità piuttosto che a metà culo tutti, scegli le piattaforme che più si allineano con i tuoi obiettivi.

    Soddisfare: Dovrai avere il contenuto per qualunque cosa desideri che i tuoi influencer promuovano, fatto e pronto per partire. Che tu stia promuovendo un white paper, un eBook o semplicemente cercando di indirizzare il traffico a una pagina di destinazione, se non ci sono contenuti allineati, non ha alcun senso eseguire una campagna di sensibilizzazione.

    Rendere la divulgazione una parte integrante della tua strategia sociale

    Dopo aver letto tutto quanto sopra, prenditi un secondo per chiederti: “La mia strategia di sensibilizzazione è già disponibile?” Se hai risposto di sì, allora congratulazioni: hai già preso in considerazione il coinvolgimento nel tuo piano. Se hai risposto no, hai ancora del lavoro da fare. Una strategia per i contenuti sociali è importante, ma puoi amplificare i risultati di tali campagne aggiungendo sensibilizzazione.

    Che ruolo gioca l’outreach nella tua strategia sociale? Quali altri suggerimenti e trucchi hai da offrire? Dimmi di seguito.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social network.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *