Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Weekly Wisdom con Itamar Blauer: YouTube Keyword Research

Weekly Wisdom con Itamar Blauer: YouTube Keyword Research

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Trascrizione modificata:

Ciao a tutti. Il mio nome è Itamar Blauer. Benvenuto in Weekly Wisdom di SEMrush. Oggi spiegherò come condurre efficacemente la ricerca di parole chiave su YouTube. In questa sessione, esaminerò alcune idee sbagliate sulla ricerca di parole chiave su YouTube in particolare e rivedrò anche alcuni strumenti e trucchi per consentirti di eseguire ricerche di parole chiave in modo molto, molto efficace ed efficiente. Ricorda che tutti questi strumenti e trucchi che ti insegnerò oggi sono gratuiti, quindi chiunque può farlo. Non hai bisogno di spendere soldi.

Some Truth

Prima di tutto, vogliamo iniziare guardando la verità dietro la ricerca di parole chiave su YouTube. La prima cosa da capire è che Google non fornisce dati mensili sul volume di ricerca per YouTube. Google in realtà non ti dice le cifre esatte su quante persone digitano una determinata frase nella ricerca di YouTube.

Esistono alcuni strumenti di terze parti che utilizzano i cosiddetti “dati clickstream”, ovvero l’analisi e l’elaborazione dell’attività degli utenti e dei clic sui loro sistemi. Di solito, i dati di clickstream dovrebbero essere più accurati, ma in base ai miei test, questo non è stato realmente dimostrato. Vale anche la pena notare che i dati di clickstream variano a seconda degli ISP, del comportamento degli utenti e di cose del genere. Quindi i dati di clickstream non sono un modo garantito per sapere esattamente come si comportano le persone, anche se sono leggermente più accurati.

La domanda è: se Google non ci fornisce questi dati, cosa ci forniscono che potrebbe essere in grado di aiutarci? Bene, ci sono due diversi strumenti. C’è la funzione di suggerimento automatico di YouTube nella casella di ricerca di YouTube e c’è anche Google Trends, che è una funzionalità molto, molto buona.

Utensili

Cominciamo con il suggerimento automatico di YouTube; questo può essere fatto andando su YouTube e digitando una parola chiave nella barra di ricerca. Ti mostrerà quindi i suggerimenti di tutte le altre parole chiave correlate a questa parola chiave che hai inserito in base a ciò che YouTube ritiene pertinente. La maggior parte delle volte, questo è un ottimo modo per farti avere idee sul tipo di parole chiave da scegliere come target. Ciò che appare nel suggerimento automatico di YouTube non apparirebbe se YouTube non pensasse che ci fosse alcuna richiesta per questa frase di parole chiave.

Andiamo avanti Google Trends, è uno strumento fantastico perché puoi filtrare in modo specifico per vedere le tendenze nelle ricerche su YouTube. Per questo esempio, PewDiePie si è sposato di recente. Buon per lui. Ho inserito PewDiePie su questo Google Trends e poi filtrandolo dalla ricerca di YouTube, puoi vedere che c’è una tendenza crescente delle ricerche di PewDiePie in base al periodo in cui si è sposato. Quindi Google Trends è un ottimo strumento gratuito che puoi utilizzare.

Oltre al suggerimento automatico di YouTube e a Google Trends, ci sono altri strumenti di terze parti che puoi utilizzare. Questi due sono estensioni di Chrome. Il primo è TubeBuddy e il secondo è vidIQ.

TubeBuddy ti dice quante ricerche ha una determinata parola chiave al mese. Ma tieni presente che, come accennato prima, questo potrebbe non essere accurato al 100%. TubeBuddy analizzerà la parola chiave che hai inserito e determinerà la competitività di quella parola chiave e se è o meno una buona parola chiave da indirizzare. TubeBuddy richiede l’accesso al tuo account YouTube, AKA il tuo account Google che il tuo account YouTube è basato su; tienilo a mente se vuoi registrarti.

vidIQ è l’altra estensione di Chrome di cui voglio parlare. È anche gratuito e richiede solo l’iscrizione. Non è necessario accedere al tuo account YouTube. La cosa interessante di vidIQ è che quando digiti una frase nella ricerca di YouTube, ti fornirà una serie di metriche relative a quella ricerca, come la quantità media di visualizzazioni per i video classificati per il termine che hai inserito .

Un’altra cosa davvero interessante, ti dirà il numero esatto di volte che la corrispondenza esatta della parola chiave è stata utilizzata nel titolo del video nell’esatto ordine delle parole chiave che hai inserito. Questo è molto importante perché vuoi essere in grado di vedere e testare quanti video con titoli che contengono queste parole chiave in questo ordine si posizionano effettivamente. È davvero interessante fare i propri esperimenti su questo genere di cose.

Ti fornirà anche alcune metriche interessanti, come il video con le migliori prestazioni, il video con il maggior numero di visualizzazioni: ti dirà quel numero. Ti indicherà anche il canale con le migliori prestazioni che sta caricando questi video. In questo caso, è Carwow. E in modo simile a TubeBuddy, ti dà un punteggio di parole chiave che ti informa sulla competitività della parola chiave che stai utilizzando. Tieni presente che vidIQ non ti dice il volume di ricerca mensile per la parola chiave che hai inserito.

Cosa dovresti sapere sulla ricerca per parole chiave di YouTube

Ora che ho esaminato gli strumenti, voglio solo toccare rapidamente il motivo per cui dovresti stare attento se stai conducendo ricerche di parole chiave su YouTube utilizzando i volumi di ricerca di Google. La prima cosa è che l’intento di ricerca sarà sempre diverso. Mettere una query su Google può essere diverso dal modo in cui quella persona inserirà lo stesso tipo di query su YouTube.

Molte volte, le query di YouTube contengono cose come “come fare” e “tutorial”, perché queste sono parole chiave che di solito indicano che qualcuno sta cercando un video, invece di leggere un post sul blog. Questo può anche essere un post sul blog, ma spesso vedrai, anche se digiti su Google per tutorial e ricerche pratiche, troverai caroselli video sulle SERP. Devi sempre tenere a mente, quando crei video di YouTube e quando esegui ricerche per parole chiave, cosa digiteranno gli utenti su YouTube se vogliono trovare questo video, non cosa digiteranno su Google.

È inoltre necessario tenere presente che i dati verranno distorti solo a causa del punto precedente; ci saranno persone diverse che digiteranno cose diverse su YouTube e Google. Prendiamo l’esempio che ho avuto prima della revisione di Audi TT, qualcuno che sta cercando di acquistare un’auto potrebbe voler guardare i video di persone che guidano effettivamente l’auto e li rivedono, quindi potrebbero esserci più ricerche per questo su YouTube rispetto a Google. Questo è abbastanza evidente perché possiamo vedere che ci sono meno di 1.000 ricerche di Audi TT review, mentre sono abbastanza sicuro che ce ne siano molte di più su YouTube.

Le parole chiave sbagliate

L’ultima cosa da notare è che, oltre agli altri punti che abbiamo menzionato, potrebbero essere utilizzate le parole chiave sbagliate. Tutto questo si basa sull’intento e si basa anche su come le persone strutturano la lingua sia su Google che su YouTube perché può differire. Quindi devi essere davvero molto attento se stai conducendo ricerche di parole chiave utilizzando le metriche di Google e stai cercando di utilizzare quelle parole chiave su YouTube.

Ricapitolando, la prima cosa è, non fare affidamento solo sulle metriche. Le metriche da sole non fanno il lavoro. Ne abbiamo parlato abbastanza chiaramente in questo video, dove puoi vedere che i dati delle metriche saranno sempre diversi perché Google non fornisce il numero effettivo di ricerche mensili per YouTube. Approfitta delle cose che Google ci fornisce perché il suggerimento automatico e Google Trends sono molto precisi.

Ed è anche bene sapere che altri strumenti possono aiutarti con la ricerca di parole chiave, ma questo non ti garantirà mai più visualizzazioni. Questo è il concetto alla base della creazione di contenuti video su YouTube, è che i video devono essere fantastici e devi assicurarti di creare contenuti fantastici che le persone vorranno guardare e su cui vorranno fare clic. Questo ovviamente varia in termini di altre cose che la ricerca per parole chiave non può davvero fare per te, come le canalizzazioni che utilizzi nei tuoi video e il modo in cui possono influenzare la percentuale di clic.

Spero che questo video ti sia piaciuto. Il mio nome è Itamar Blauer. Sentiti libero di seguirmi su piattaforme come Twitter e LinkedIn. Ci vediamo nel prossimo.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

Cosa pensi di me?
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *